Novell sfida Office con Open Workgroup

L'azienda mette insieme alcuni dei suoi prodotti chiave per la collaborazione e la gestione dei sistemi e li sposa con OpenOffice. Il risultato è una soluzione open che ambisce a rivaleggiare con Office System

Waltham (USA) – Novell fa ancora leva sul software open source per sferrare un nuovo attacco alla rivale di sempre, Microsoft . Questa volta il bersaglio è Office System, la suite di applicazioni client e server di Microsoft per la produttività e la collaborazione aziendale.

L’alternativa open source proposta da Novell porta il nome di Open Workgroup Suite , una soluzione basata su software e standard aperti che comprende componenti server e desktop, strumenti di gestione e collaborazione, e la famosa suite per l’ufficio free OpenOffice.

La mamma di Netware afferma che, se paragonata ai costi di una analoga soluzione di Microsoft, la propria suite è in grado di far risparmiare le aziende fino al 70%.

“I nostri clienti preferiscono poter scegliere tra diverse opzioni quando devono configurare la propria infrastruttura IT”, ha affermato Parker Pearson, director of marketing di Novell. “Necessitano di alcune funzionalità per le applicazioni desktop in modo da soddisfare le richieste dei loro utenti, ma non vogliono sentirsi legati o pagare per funzionalità che non gli servono”.

I clienti di Open Workgroup Suite possono scegliere tra due opzioni. Per le implementazioni con server Linux e su qualsiasi piattaforma desktop, la suite include Open Enterprise Server (con SUSE Linux Enterprise Server), GroupWise per la collaborazione, ZENworks Suite per la gestione dei sistemi cross-platform, Novell Linux Desktop e il popolare OpenOffice per Windows e Linux. La suite è disponibile anche in versione cross-platform, che permette l’implementazione degli stessi componenti della suite su qualsiasi delle piattaforme supportate.

Open Workgroup Suite sostituisce Novell Small Business Suite e Novell Linux Small Business Suite, con patch di aggiornamento per i clienti di entrambi i prodotti.

La versione solo Linux di Novell Open Workgroup Suite è accompagnata da una licenza su abbonamento, del costo di 80 dollari l’anno, e da una licenza per postazione/utente dal costo di 110 dollari. La versione cross-platform della suite è invece disponibile a 150 dollari per postazione/utente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non capite il vero problema!
    Mi spiace vedere tanti commenti che non sono veramente critici. Io apprezzo molto lo sforzo di utilizzare BitTorrent come strumento di diffusione dei film, ma il vero problema è il costo per film. L'idea di riuscire a vendere film ad un prezzo minore utilizzando parte della banda degli utenti è veramente un'idea rivoluzionaria, oltrettutto, dopo iTunes, finalmente si inizia a sensibilizzare VERAMENTE l'approccio degli utenti al file sharing. Ma il problema rimane sempre lo stesso: il costo! 10 euro per un film che posso vedere soltanto sul mio PC (e quanti hanno un PC posizionato in modo strategico per la visione del film comodamente seduto in poltrona?) e ancora meno masterizzarlo su DVD per la copia personale (ho acquistato o no il film???). Siamo sempre al punto di partenza: i prezzi sono eccessivi. Quanti di voi rivedono due o tre volte un film che non sia uno dei propri preferiti? A questo punto vado in una comune distributore e noleggo il film per una serata. Costo: 2-3 euro (forse anche meno). Al contrario sono ben disposto ad offrire la mia banda (che pago profumatamente) nel caso in cui il prezzo per singolo film si aggira attorno ai 2-3 euro. E la qualità qual'è?Il modello di business proposto da Warner è nuovo e rivoluzionario, ma ricordatevi che iTunes non ha inventato nulla, se non convinto le major che non possono continuare a pensare a ricavati esorbitanti.Se volete leggere l'approfondimento potete scaricarlo all'indirizzo: http://www.mattiaboldrin.it/papers.phpE' ancora un bozza, per il fine settimana pubblicherò la versione definitiva.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capite il vero problema!
      http://punto-informatico.it/f/m.aspx?m_id=1480157&m_rid=0e con questo si risolve il problema :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Non capite il vero problema!
        Il modello di business funziona, è spagliato il modo con cui è stato applicato. In questo caso i prezzi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Warner venderà film online grazie a BitTorrent
    Ecco una notizia veramente positiva!Se anche le major del cinema utilizzeranno il P2P per distribuire i loro contenuti multimediali, la pianteranno di criminalizzare il P2P stesso.Se poi riusciranno a vendere un film ad 1 euro ancora meglio, certo è indispensabile che la qualità sia almeno pari a quella dei DVD e che si possano usare anche lettori stand alone. L'utenza i film se li vuole vedere sul proprio televisore (magari un LCD da 40 POLLICI o meglio ancora un videoproiettore).Non ci trovo nulla di male nello sfruttamento della banda ADSL per ripartire il carico, se questo significa abbattere il prezzo del prodotto in modo tanto significativo.Ho letto commenti assurdi di chi ha ADSL a consumo, è evidente che come qualsiasi altra applicazione P2P non è rivolta a tali utenti!N.B. Mi pare poi evidente che usando il sistema di file condiviso, tutti gli utenti avranno lo stesso file, che quindi non potra contenere soluzioni DRM "personalizzate", che stiano già scavando la fossa al Trusted Computing ?
  • Anonimo scrive:
    Tu ci metti il computer, la Warner si...
    ...prende i soldi, chiaro no? A loro basta mettere il film per qualche giorno su un computer scalcinato e tutto poi viene da se. Bello questo business!
  • pierob scrive:
    Re: Warner venderà film online grazie a
    "I responsabili di Warner Bros. sostengono di voler convertire i pirati multimediali e dare un'alternativa legale a coloro che abusano quotidianamente delle potenzialità di BitTorrent. "Di fronte a noi abbiamo un'audience enorme", ha detto Kevin Tsujihara, presidente della divisione Home Entertainment di Warner Bros. "Se riuscissimo a convertire anche solo una piccola percentuale dei pirati", sostiene Tsujihara, "avremmo ottenuto un risultato eccellente""Citato dall'articolo. a/ LORO che NOSONOPIRATIb/ se usano p2p LORO DEVONO PAGARE!c/ e dato che la MIA adsl la pago IO pagano quello che voglio IO.Mi sembra giusto, no.Saluti Piero
  • Anonimo scrive:
    La soglia psicologica è l'attrezzatura
    Va bene che il progetto serve a 'trasformare' i pirati in acquirenti, cioè si parla di persone già attrezzate con banda larga, pc, ecc... ma secondo voi, col noleggio sotto casa a 1.50 (o meno con le promozioni) del DVD ISO chi me lo fa fare di usare il PC?E poi con molti film bufala io dopo mezz'ora ho bisogno del pc per giocare col mame, col film giusto per la compagnia...
  • Anonimo scrive:
    Offerta Bufala
    - Film con DRM che non hanno portabilità- Olte a pagare il film ci devo mettere pure la banda!Ma chi vogliono fregare??Prendessero esempio dall'industria porno che vende film portabili e senza Drm!
    • Anonimo scrive:
      Re: Offerta Bufala
      - Scritto da:
      Prendessero esempio dall'industria porno che
      vende film portabili e senza
      Drm!Modello di affari diverso.L'industria del porno fotte PER i clienti.La Warner e il resto della MPAA fotte I clienti.
  • Anonimo scrive:
    DVD 48 ore: è arrivato davvero!
    So di essere parzialmente OT, ma certe volte leggo le notizie su PI e le trovo talmente assurde che mi dico che in fondo non possono essere vere. Tipo questa del 2003:http://punto-informatico.it/p.asp?i=44124&r=PISì insomma, mi rimane il sospetto che sotto sotto PI mi vuole prendere un pò per il (_I_).Ebbene li ho visti!! Esistono e sono in vendita anche da noi! Meraviglia delle meraviglie, il DVD che si autodistrugge dopo 48 ore!http://www.dvd-d.org/(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Fantastico! Dai 6.50 a 9 euri per vedere un film che si cancella dopo 2 giorni! Ma fossero almeno film usciti in contemporanea col circuito cinematografico, invece si tratta di pellicole già pubblicate su dvd classico.Questi sono veramente pazzi, stanno delirando. Saremo abbastanza accorti da non seguirli nel loro delirio di onnipotenza? :|
    • Anonimo scrive:
      Re: DVD 48 ore: è arrivato davvero!
      Sono esperimenti di marketing. Sotto sotto lo sanno anche loro che è una minchiata.
    • Anonimo scrive:
      Re: DVD 48 ore: è arrivato davvero!
      Sono esperimenti di marketing. Sotto sotto lo sanno anche loro che è una minchiata.
    • Anonimo scrive:
      Re: DVD 48 ore: è arrivato davvero!
      - Scritto da:
      So di essere parzialmente OT, ma certe volte
      leggo le notizie su PI e le trovo talmente
      assurde che mi dico che in fondo non possono
      essere vere. Tipo questa del
      2003:
      http://punto-informatico.it/p.asp?i=44124&r=PI
      Sì insomma, mi rimane il sospetto che sotto sotto
      PI mi vuole prendere un pò per il
      (_I_).
      Ebbene li ho visti!! Esistono e sono in vendita
      anche da noi! Meraviglia delle meraviglie, il DVD
      che si autodistrugge dopo 48
      ore!
      http://www.dvd-d.org/
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      Fantastico! Dai 6.50 a 9 euri per vedere un film
      che si cancella dopo 2 giorni!

      Ma fossero almeno film usciti in contemporanea
      col circuito cinematografico, invece si tratta di
      pellicole già pubblicate su dvd
      classico.

      Questi sono veramente pazzi, stanno delirando.
      Saremo abbastanza accorti da non seguirli nel
      loro delirio di
      onnipotenza?
      :|48ore? due giorni? su quel sito c'è scritto 8 ore!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: DVD 48 ore: è arrivato davvero!

        48ore? due giorni? su quel sito c'è scritto 8
        ore!!!!!!!!Va beh, quelli sono la generazione successiva. I prossimi dureranno appena come il film e a visione ultimata ti faranno piazza pulita del DVD e pure del lettore.
  • Anonimo scrive:
    Facce da travertino
    1) prima vendevano i film a 95 euro.2)poi hanno ostacolato qualsiasi forma di tecnologia di distribuzione P2P dicharandola illegale3) ora se appropriano usando il mio pc, la mia connessione, e la mia banda.Facce da travertino.
  • castigo scrive:
    Pirati multimediali????
    BitTorrent non è solo uno strumento estremamente diffuso tra i pirati multimediali... pirati multimediali??da quando chi condivide è diventato un "pirata multimediale"???
    • ryoga scrive:
      Re: Pirati multimediali????
      - Scritto da: castigo
      BitTorrent non è solo uno strumento
      estremamente diffuso tra i pirati
      multimediali...

      pirati multimediali??
      da quando chi condivide è diventato un
      "pirata
      multimediale"???Da quando i politici hanno voluto differenziare coloro che "usano" materiale altrui senza autorizzazione da coloro che "rubano" soldi vendendo un pezzetto di plastica colorato.Purtroppo pero' per i politici, l'utilizzo di materiale altrui senza autorizzazione, è piu' grave del "rubar" soldi scambiandoli con un pezzetto di plastica colorato.Non si sa bene per qual motivo ( se a ragion veduta o a causa di un paio di assegni con tanti 0 )
      • castigo scrive:
        Re: Pirati multimediali????
        - Scritto da: ryoga
        - Scritto da: castigo

        BitTorrent non è solo uno strumento

        estremamente diffuso tra i pirati

        multimediali...



        pirati multimediali??

        da quando chi condivide è diventato un

        "pirata

        multimediale"???

        Da quando i politici hanno voluto differenziare
        coloro che "usano" materiale altrui senza
        autorizzazione da coloro che "rubano" soldi
        vendendo un pezzetto di plastica
        colorato.

        Purtroppo pero' per i politici, l'utilizzo di
        materiale altrui senza autorizzazione, è piu'
        grave del "rubar" soldi scambiandoli con un
        pezzetto di plastica
        colorato.

        Non si sa bene per qual motivo ( se a ragion
        veduta o a causa di un paio di assegni con tanti
        0
        ) :D certamente la seconda che hai detto (rotfl)
        • SardinianBoy scrive:
          Re: Pirati multimediali????


          Purtroppo pero' per i politici, l'utilizzo di

          materiale altrui senza autorizzazione, è piu'

          grave del "rubar" soldi scambiandoli con un

          pezzetto di plastica

          colorato.-
          Ripetiamo la lezione : Gli hacker non sono i pirati informatici, bensì la loro antitesi. Sono hacker coloro che hanno scritto il sistema operativo LINUX. Sono hacker coloro che hanno ampliato e sviluppato la vechcia DARPAnet in tutto ciò che oggi noi chiamiamo INTERNET . Sono hacker tutti gli amanti della cultura (informatica in particolare, ma non solo ), tutti coloro che amano imparare, studiare, sfamare la propria curiosità ogni giorno, scoprire, fare a pezzi per ricostruire. Senza gli hacker linformatica, oggi, non sarebbe sicuramente la stessa. Eppure tutti i giorni, qui o la, leggiamo di attacchi hacker , di hacker che scrivono virus, o hacker che entrano nel computer di un utente, di una banca. Entra nel computer di una banca, solo per correggere gli errori,tappare i buchi e le eventuali falle che ci sono nel sito,dare consigli per aumentare la protezione dei dati..E chi ama questa cultura, sente lo stomaco annodarsi, sente lo sconforto salire, prende ogni giorno coscienza di quanto possa essere ignorante certa gente. Eppure reagire non serve a nulla. E-mail su e-mail, ma mai nessuna risposta. Ma chi crede nelletica che appartiene alla cultura hacker, sa che non può darsi per vinto.Proprio per far fronte, quindi, agli abusi nelluso del termine hacker da parte dei mass media, è nata lorganizzazione che risponde la nome di HANC ( acronimo di Hackers are not crackers ) , e che cerca di unire gli sforzi di tutti quegli amanti della filosofia hacker, che ne hanno piene le scatole della malainformazione in materia di informatica. Chiunque ne abbia voglia può aiutare l HANC segnalando tramite lapposito form, eventuali abusi del termine hacker nei mass media. In seguito, uno dei 4 coordinatori, invierà alla redazione della testata in questione, una e-mail a nome dellorganizzazione, spiegandone lerrore che ha commesso. Tutte le e-mail inviate ( e le eventuali risposte ) saranno ad ogni modo pubblicate nellapposita sezione della HANC.Per Info : info@hancproject.org - www.hancproject.org
  • Anonimo scrive:
    Ma non era illegale
    il P2P? :p :p :p
  • Cobra Reale scrive:
    Il trusted computing
    Correggetemi se sbaglio:Con la tecnologia "trusted computing" (che non è basata solo sul microchip "Fritz") le cose potrebbero cambiare radicalmente: il server che fornisce il film potrebbe riconoscere ogni pc in modo univoco, prelevarne la "endorsement key" (il codice segreto del computer... Alla faccia della privacy!) e servirsene per criptarlo apposta per esso, in modo da avere la certezza assoluta che il file sarà inservibile su altre macchine. Ma in tal caso, nessuna casa cinematografica potrà più appoggiarsi al circuito di BitTorrent per la distribuzione e dovranno tutte servirsi di una banda più larga, in modo da soddisfare più richieste contemporaneamente.Ciò potrebbe aumentare i costi del servizio e conseguentemente spingere i distributori a "ritoccare" i loro listini: il "Trusted Computing Group" potrebbe infatti chiedere una percentuale per ogni film scaricato, oppure pretendere di essere pagato profumatamente per l'hardware "trusted" ed i programmi atti a gestirlo. Se poi consideriamo che anche la connettività più veloce ha i suoi costi, così come la frequente manutenzione (che in più dovrebbe essere "certificata") di un maggior numero di server costretti "a fare tutto da soli"...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 maggio 2006 11.10----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 maggio 2006 11.12-----------------------------------------------------------
    • Sparrow scrive:
      Re: Il trusted computing
      - Scritto da: Cobra Reale
      Correggetemi se sbaglio:
      Con la tecnologia "trusted computing" (che non è
      basata solo sul microchip "Fritz") le cose
      potrebbero cambiare radicalmente: il server che
      fornisce il film potrebbe riconoscere ogni pc in
      modo univoco, prelevarne la "endorsement key" (il
      codice segreto del computer... Alla faccia della
      privacy!) e servirsene per criptarlo apposta per
      esso, in modo da avere la certezza assoluta che
      il file sarà inservibile su altre macchine. Ma in
      tal caso, nessuna casa cinematografica potrà più
      appoggiarsi al circuito di BitTorrent per la
      distribuzione e dovranno tutte servirsi di una
      banda più larga, in modo da soddisfare più
      richieste
      contemporaneamente.
      Ciò potrebbe aumentare i costi del servizio e
      conseguentemente spingere i distributori a
      "ritoccare" i loro listini: il "Trusted Computing
      Group" potrebbe infatti chiedere una percentuale
      per ogni film scaricato, oppure pretendere di
      essere pagato profumatamente per l'hardware
      "trusted" ed i programmi atti a gestirlo. Se poi
      consideriamo che anche la connettività più veloce
      ha i suoi costi, così come la frequente
      manutenzione (che in più dovrebbe essere
      "certificata") di un maggior numero di server
      costretti "a fare tutto da
      soli"...Bene !Un ottimo motivo per l''industria dell'intrattenimento per NON spingere troppo sulla diffusione del TC.
  • Anonimo scrive:
    Ma la mia ADSL è a pagamento...
    Sono capace anch'io di fare il nuovo modello di business con la linea dati degli utenti! Solo che non possiedo i diritti d'autore dei film fatti dagli altri!Ma la linea ADSL me la pago io. Prendiamo una adsl a caso: Alice ADSL free. Costo 2/oraScarico 1 film da 1 GB (non molto per un film)A banda piena e costante di 80 KB/s (inverosimile) impiego 3,64 ore per scaricarlo.Costo del film 1 (ottimistico secondo l'articolo di PI)----------------------------Totale = 2 * 3.64 + 1 = 8.28 nella migliore delle ipotesi.Per un film che posso vedere solo sul PC?!Che offertona!!! corro subito ad iscrivermi.
  • Anonimo scrive:
    Mi spetta una fetta della torta
    se per distribuirlo usano il p2p, quindi la MIA adsl, voglio una parte della fetta della torta...perche' usano la linea che pago io...altrimenti, io lo lascio scaricabile ma lo voglio anche vedere...chi terra' il film sul suo hd non potendolo vedere ma solo ad uso e consumo di chi pagando lo scarichera' usando le mie risorse ?
    • Cobra Reale scrive:
      Re: Mi spetta una fetta della torta
      Contrariamente a quanto si è soliti fare con BitTorrent, potresti chiusere il tuo client SUBITO dopo aver finito il download, in modo da lasciare ai server centrali l'onere di continuare a servire gli altri che stanno scaricando... Dopotutto tu hai PAGATO, quindi la tua parte l'hai fatta ed in più hai beneficiato di una maggiore velocità di ricezione, senza per questo negarla agli altri.
      • castigo scrive:
        Re: Mi spetta una fetta della torta
        - Scritto da: Cobra Reale
        Contrariamente a quanto si è soliti fare con
        BitTorrent, potresti chiusere il tuo client
        SUBITO dopo aver finito il download, in modo da
        lasciare ai server centrali l'onere di continuare
        a servire gli altri che stanno scaricando...
        Dopotutto tu hai PAGATO, quindi la tua parte
        l'hai fatta ed in più hai beneficiato di una
        maggiore velocità di ricezione, senza per questo
        negarla agli
        altri.si, ma mentre scarichi già stai facendo la tua parte redistribuendo ciò che hai scaricato fino a quel momento.....in sostanza ti sfruttano a manetta comunque :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi spetta una fetta della torta
          Quoto tutto...e vi dico che questa offerta se la possono tirare su per il dere.... ;) ;) ;)Se io uso il canali Torrent o qualsiasi altro P2p...non lo faccio a scopo di lucro...(qua è lucro perchè usano la tua adsl e i soldi che dai al provider..per arricchirsi le loro tasche ...come se stessero morendo di fame...) ma per passione!!IL P2p fra utenti..non è lucro...è arte :D, l'arte di non farsi inculare...ogni santissimo giorno da questo mondo di merda e dai suoi sistemi marci!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi spetta una fetta della torta
      - Scritto da:
      se per distribuirlo usano il p2p, quindi la MIA
      adsl, voglio una parte della fetta della
      torta...perche' usano la linea che pago
      io...altrimenti, io lo lascio scaricabile ma lo
      voglio anche vedere...chi terra' il film sul suo
      hd non potendolo vedere ma solo ad uso e consumo
      di chi pagando lo scarichera' usando le mie
      risorse
      ?STRAQUOTO!
  • Anonimo scrive:
    Re: Warner venderà film online grazie a
    mmmh io uso Mac .. ci saranno molto probabilmente anche in quicktime... sono niente, ma comunque niente anche se ci saranno in quicktime... ma comunque niente anche se costeranno zero lire. Preferisco pagare piuttosto che avere qualcosa da warner.
  • SardinianBoy scrive:
    Che schifo è?
    Incollo una frase dell'articolo : Le pellicole acquistate avranno una compatibilità limitata: non potranno essere riprodotte sui lettori DVD tradizionali.Quanti di voi e di noi saremmo disposti ad acquistare (e/o farci inculare)un simile prodotto?Quanti di noi e di voi acquisteranno un nuovo riproduttore/lettore di dvd per questi film on line? Cordiali saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Che schifo è?
      - Scritto da: SardinianBoy
      Incollo una frase dell'articolo :
      Le pellicole acquistate avranno una
      compatibilità limitata: non potranno essere
      riprodotte sui lettori DVD
      tradizionali.

      Quanti di voi e di noi saremmo disposti ad
      acquistare (e/o farci inculare)un simile
      prodotto?Quanti di noi e di voi acquisteranno un
      nuovo riproduttore/lettore di dvd per questi film
      on line?


      Cordiali salutivi ci dovete abituareun domani questo sarà l'unico modo di acquistare un film e poi vedremo quanti di voi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Che schifo è?

        vi ci dovete abituare
        un domani questo sarà l'unico modo di acquistare
        un film e poi vedremo quanti di
        voi...Beh pero' a un euro ci faccio un pensierino eh
        • Anonimo scrive:
          Re: Che schifo è?

          Beh, per ora io mi scarico i miei 10-15 film a
          settimana.Al totale sono arrivato a 1234 divx e
          380 album musicali,tutti in perfetto ordine con
          le copertine (fronte/retro).Questi sono numeri da pirata multimediale. Dove trovo i mareka che sguinzagli in giro a vendere i dvd?
          • SardinianBoy scrive:
            Re: Che schifo è?
            - Scritto da:

            Beh, per ora io mi scarico i miei 10-15 film a

            settimana.Al totale sono arrivato a 1234 divx e

            380 album musicali,tutti in perfetto ordine con

            le copertine (fronte/retro).

            Questi sono numeri da pirata multimediale.
            Dove trovo i mareka che sguinzagli in giro a
            vendere i
            dvd?io..non trovo nessun mareka prima di tutto.Secondo: quello ke scarico lo faccio per me e solo per me.Scambio solamente,quando capita.Terzo:non ho mai venduto e non ho mai comprato dai marocchini,semplicemente per il fatto che on mi fido di quei prodotti,talvolta sono incompleti,brani musicali che mancano nel cd..e via dicendo.Quarto: io vado al cinema molto spesso,e spendo tanto,credimi.La cosa bella da fare: vedere un film al cinema e, al botteghino poter acquistare in dvd a non più di 10,00 il film appena visto.Quinto: non è vero che ho tutti quei cd/dvd..la mia era solo una provocazione,però se il film che ho scaricato mi piace, vado in internet e me lo compro in dvd. A buon prezzo naturalmente. Ecco, ti faccio un esempio, ho visto da poco il film "basic instinct 2 " (l'ho visto al cinema), è un film molto bello e intrigante come il primo, appena esce in dvd me lo comprerò.Ma intanto me lo scarico per rivederlo.Ciao ciao :D :D :D :D :D :D
          • Cobra Reale scrive:
            Re: Che schifo è?
            - Scritto da: SardinianBoy

            Ecco, ti faccio un
            esempio, ho visto da poco il film "basic instinct
            2 " (l'ho visto al cinema), è un film molto bello
            e intrigante come il primo, appena esce in dvd me
            lo comprerò.Ma intanto me lo scarico per
            rivederlo.Ciao ciao :D :D :D :D :D
            :DStavo riflettendo sul fatto che purtroppo, questa pratica non è passata inosservata alle major, che perlomeno in America hanno dalla loro parte una legge che comporta l'arresto per chi fa "screening" (riprendere un film al cinema). Proprio per sventare tali minacce ai diritti d'autore, hanno dotato le sale di telecamere ai raggi infrarossi ed altre misure di sicurezza tali da fare impallidire qualsiasi base militare!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 maggio 2006 18.40-----------------------------------------------------------
          • SardinianBoy scrive:
            Re: Che schifo è?

            legge che comporta l'arresto per chi fa
            "screening" (riprendere un film al cinema).
            Proprio per sventare tali minacce ai diritti
            d'autore, hanno dotato le sale di telecamere ai
            raggi infrarossi ed altre misure di sicurezza
            tali da fare impallidire qualsiasi base
            militare!....INFATTI non vi è luogo che una persona possa essere lasciata in pace,non vista, non spiata!Delle video camere che riprendono altre video camere " estranee" (rotfl)(rotfl)(rotfl)....cmq spero che un giorno non arrestino coloro che fanno la spia sul film, svelando il finale! Hhihihihihihihihii :-D
      • Anonimo scrive:
        Re: Che schifo è?
        - Scritto da:

        - Scritto da: SardinianBoy

        Incollo una frase dell'articolo :

        Le pellicole acquistate avranno una

        compatibilità limitata: non potranno essere

        riprodotte sui lettori DVD

        tradizionali.



        Quanti di voi e di noi saremmo disposti ad

        acquistare (e/o farci inculare)un simile

        prodotto?Quanti di noi e di voi acquisteranno un

        nuovo riproduttore/lettore di dvd per questi
        film

        on line?





        Cordiali saluti

        vi ci dovete abituare
        un domani questo sarà l'unico modo di acquistare
        un film e poi vedremo quanti di
        voi...Frasi dette e ridette da anni e anni e poi il sistema lo si trova sempre e comunque... :-o
      • Anonimo scrive:
        Re: Che schifo è?

        vi ci dovete abituare
        un domani questo sarà l'unico modo di acquistare
        un film e poi vedremo quanti di
        voi...Se la qualità dei film rimane quella attuale, meglio risparmiare anche quell'euro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che schifo è?
        Abituatici tu, se vuoi. Per quanto riguarda me... no grazie.Se volete che le major e i governi la smettano di montarci in testa, dovete ben rinunciare a qualcosa. Chi non rinuncia a nulla poi non si lamenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che schifo è?
        Stai tranquillo bello !Una discreta CPU + Skystar II + tanti dischi vuoti ... e di comprare film un domani non ce ne sarà neanche bisogno !
      • SardinianBoy scrive:
        Re: Che schifo è?

        vi ci dovete abituare
        un domani questo sarà l'unico modo di acquistare
        un film e poi vedremo quanti di
        voi...Mio caro sig. " Non Registrato " al sito di P.I. io la penso anche così.Non nascondiamo le verità:Buongiorno a tutti!Quello che chiedo e che tutti chiediamo e, che in Italia ci sia una legge apposita per garantire e non trattare come un " criminale " colui e coloro che scaricano per uso personale. Non capisco il tanto accanimento di queste majors della musica e del cinema a prendersela contro tutti? Ci ammazzano di pubblicità per comprare e ci trattano come criminali allo stesso tempo mentre compriamo un cd/dvd .ecc.. ! Questo non va bene. E non va bene, anzi mi fa schifo vedere tutti quegli spot presenti nelle sale cinematografiche contro la pirateria. A proposito, questi individui ( majors ) conoscono il vero significato della parola " pirata " o hacker ??



        Ve lo dico,per chi non lo sapesse: Ormai quando si parla di Hacker nei media, si parla sempre e comunque dei pirati informatici. Chiunque di voi abbia letto qualche libro serio sullargomento, sa benissimo che non è così!Gli hacker non sono i pirati informatici, bensì la loro antitesi. Sono hacker coloro che hanno scritto il sistema operativo LINUX. Sono hacker coloro che hanno ampliato e sviluppato la vechcia DARPAnet in tutto ciò che oggi noi chiamiamo INTERNET . Sono hacker tutti gli amanti della cultura (informatica in particolare, ma non solo ), tutti coloro che amano imparare, studiare, sfamare la propria curiosità ogni giorno, scoprire, fare a pezzi per ricostruire. Senza gli hacker linformatica, oggi, non sarebbe sicuramente la stessa. Eppure tutti i giorni, qui o la, leggiamo di attacchi hacker , di hacker che scrivono virus, o hacker che entrano nel computer di un utente, di una banca. Entra nel computer di una banca, solo per correggere gli errori,tappare i buchi e le eventuali falle che ci sono nel sito,dare consigli per aumentare la protezione dei dati..E chi ama questa cultura, sente lo stomaco annodarsi, sente lo sconforto salire, prende ogni giorno coscienza di quanto possa essere ignorante certa gente. Eppure reagire non serve a nulla. E-mail su e-mail, ma mai nessuna risposta. Ma chi crede nelletica che appartiene alla cultura hacker, sa che non può darsi per vinto.Proprio per far fronte, quindi, agli abusi nelluso del termine hacker da parte dei mass media, è nata lorganizzazione che risponde la nome di HANC ( acronimo di Hackers are not crackers ) , e che cerca di unire gli sforzi di tutti quegli amanti della filosofia hacker, che ne hanno piene le scatole della malainformazione in materia di informatica. Chiunque ne abbia voglia può aiutare l HANC segnalando tramite lapposito form, eventuali abusi del termine hacker nei mass media. In seguito, uno dei 4 coordinatori, invierà alla redazione della testata in questione, una e-mail a nome dellorganizzazione, spiegandone lerrore che ha commesso. Tutte le e-mail inviate ( e le eventuali risposte ) saranno ad ogni modo pubblicate nellapposita sezione della HANC.Per Info : info@hancproject.org - www.hancproject.org
  • Anonimo scrive:
    Re: Warner venderà film online grazie a BitTorrent
    warner aspetta e spera!a differenza di itunes, che comunque non condivido, ciò che paghi puoi vederlo solo sul pc che scarica il file, mentre le canzoni di itunes le passi anche su ipodpoi non ho capito se ci sta il drm, come possono tanti utenti scambiarsi lo stesso file? allora il file è unico e le chiavi che lo aprono tante?, pensavo che ogni file drm fosse protetto per essere aperto solo da una determinata chiavema soprattutto, ma perchè accidenti devo fare da seeder io? esistono i server ftp? si affidassero a dei gestori seri di batterie di server ftp per distribuire i loro file, cioè comprare un prodotto castrato e pure favorendoli nella distribuzione, ma che si sono bevuti il cervello? io continuerò a vedermi le serie tv, in tv! dato che già pago il canone, e a registrarmi su dvd riscrivibile da tavolo quelle poche che mi piacciono (che poi mi possono piacere sul momento ma dopo averle viste e riviste due tre volte già stufano) in barba ai pc, a internet, alle major, a sta gentaglia che non sa che inventarsi per fotterci soldi
    • Anonimo scrive:
      Re: Warner venderà film online grazie a
      - Scritto da:
      warner aspetta e spera!
      a differenza di itunes, che comunque non
      condivido, ciò che paghi puoi vederlo solo sul pc
      che scarica il file, mentre le canzoni di itunes
      le passi anche su
      ipod
      e non solo. iTunes ti invita anche esplicitamente a masterizzare la musica acquistata per evitare di perderla.Dite quel che volete, ma secondo me un DRM tipo quello di iTunes è l'unico accettabile per la distribuzione di multimedia.
    • Cobra Reale scrive:
      Re: Warner venderà film online grazie a BitTorrent

      poi non ho capito se ci sta il drm, come possono
      tanti utenti scambiarsi lo stesso file? allora il
      file è unico e le chiavi che lo aprono tante?,
      pensavo che ogni file drm fosse protetto per
      essere aperto solo da una determinata
      chiaveQuando si apre un .wmv protetto da drm il pc si connette sempre ad un sito per scaricare la chiave e tutte le limitazioni correlate (come la "scadenza" della chiave stessa, ad esempio nel caso di film "noleggiati"). La chiave viene poi memorizzata in modo che l'utente non possa trovarla e duplicarla, oppure in modo che riconosca in modo univoco il pc che l'aveva ricevuta in origine, rendendola inutilizzabile su altre macchine. Dunque, non vi sono ragioni per cui il file contenente il film debba cambiare da pc a pc.Presumo funzioni così.
  • Anonimo scrive:
    Ma sono o no in HDTV?
    Se non sono in alta definizione, col cavolo che gli do i soldi. In america hanno centinaia di canali in HDTV, mentre noi abbiamo sky che dorme e offre solo il mondiale. Se offrissero i film in HDTV, allora potrei anche pagare 2-3 euro a film. Per ora sul mio televisore HD ready in hd vedo solo i giochi xbox360.
  • Anonimo scrive:
    1€ Divx - 5€ DVD ISO - 10€ HD WMV o MOV!
    1 Divx rippato da DVD low quality 700MB ISO da mettere eventualmente su CD.5 DVD ISO da mettere eventualmente su DVD.7 DVD edizioni speciali doppio disco quindi 2 ISO.10 Per chi si vuole scaricare la versione in HD WMV o anche MOV per i Mac user.Sarebbe perfetto le case cinematografiche carantiscono un minimo di seed con un minimo di banda, poi a secondo dei gusti dei vari utenti il download sarà più o meno immediato.Per esempio "NATALE A MIAMI" lo si scarichera' in poco tempo.Chi invece desidera visionare "HOTEL RWANDA" ci metterà un po' di più!Buonanotte!
    • CoreDump scrive:
      Re: 1€ Divx - 5€ DVD ISO - 10€ HD WMV o
      - Scritto da:
      1 Divx rippato da DVD low quality 700MB ISO da
      mettere eventualmente su
      CD.

      5 DVD ISO da mettere eventualmente su DVD.

      7 DVD edizioni speciali doppio disco quindi 2
      ISO.

      10 Per chi si vuole scaricare la versione in HD
      WMV o anche MOV per i Mac
      user.

      Sarebbe perfetto le case cinematografiche
      carantiscono un minimo di seed con un minimo di
      banda, poi a secondo dei gusti dei vari utenti il
      download sarà più o meno
      immediato.

      Per esempio "NATALE A MIAMI" lo si scarichera' in
      poco tempo.Chi invece desidera visionare "HOTEL
      RWANDA" ci metterà un po' di
      più!
      Mah, secondo me i prezzi vanno tagliati ancoraun pò, tieni conto che devi usare la TUA bandain parte, usare i TUOI supporti e trovarti conmateriale senza l'impacchettatura originale,a questo punto preferisco cercarmi le occasioniin dvd che si trovano nei grossi centricommerciali, tieni conto che ultimamento hotrovato hero a 9,90 in versione con custodiadi alluminio, 3 dvd di cui il film, il bonusdisc e la versione in wm9 HD, oppure ilcofanetto di ritorno al futuro, 4 dvd a 19.90euro, secondo me quei prezzi possono andarbene per materiale da poco uscito al cinemae non ancora presente in DVD classico. :
      Buonanotte!Notte ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: 1€ Divx - 5€ DVD ISO - 10€ HD WMV o

        Mah, secondo me i prezzi vanno tagliati ancora
        un pò, tieni conto che devi usare la TUA banda
        in parte, usare i TUOI supporti e trovarti con
        materiale senza l'impacchettatura originale,
        a questo punto preferisco cercarmi le occasioni
        in dvd che si trovano nei grossi centri
        commerciali, tieni conto che ultimamento ho
        trovato hero a 9,90 in versione con custodia
        di alluminio, 3 dvd di cui il film, il bonus
        disc e la versione in wm9 HD, oppure il
        cofanetto di ritorno al futuro, 4 dvd a 19.90
        euro, secondo me quei prezzi possono andar
        bene per materiale da poco uscito al cinema
        e non ancora presente in DVD classico. :


        Buonanotte!

        Notte ;)Dimentichi che sui supporti che comprererai per masterizzare i film regolarmente acquistati dovrai comunque pagare la tassa sulla pirateria.Non crederai mica che la levino soloperché alcune grandi case cinematografiche inizieranno a vendere film su bitTorrent
        • The_GEZ scrive:
          Re: 1€ Divx - 5€ DVD ISO - 10€ HD WMV o
          Ciao Anonimo !
          Dimentichi che sui supporti che comprererai per
          masterizzare i film regolarmente acquistati
          dovrai comunque pagare la tassa sulla
          pirateria.Non crederai mica che la levino
          soloperché alcune grandi case cinematografiche
          inizieranno a vendere film su
          bitTorrentSempre che tu li POSSA masterizzare ... I film saranno protetti da sistemi DRM , presumibilmente basati sugli standard adottati dal Media Player di Microsoft . Le pellicole acquistate avranno una compatibilità limitata: non potranno essere riprodotte sui lettori DVD tradizionali. Come sempre una cosa FONDAMENTALE sarà il costo.Magari come diceva l' autore del thread una politica di diversificazione dei costi in base alla qualità del download o, magari, anche alla "ristrettezza" del DRM potrebbe essere interessante.Ma come sempre ... fino a che non vedo non credo, fino ad ora i costi restano alti e l' idea è sempre quella di mettere DRM "a palla" ... mah !
          • Anonimo scrive:
            Re: 1€ Divx - 5€ DVD ISO - 10€ HD WMV o
            - Scritto da: The_GEZ
            Ciao Anonimo !


            Dimentichi che sui supporti che comprererai per

            masterizzare i film regolarmente acquistati

            dovrai comunque pagare la tassa sulla

            pirateria.Non crederai mica che la levino

            soloperché alcune grandi case cinematografiche

            inizieranno a vendere film su

            bitTorrent

            Sempre che tu li POSSA masterizzare ...

            I film saranno protetti da sistemi DRM ,
            presumibilmente basati sugli standard adottati
            dal Media Player di Microsoft . Le pellicole
            acquistate avranno una compatibilità limitata:
            non potranno essere riprodotte sui lettori DVD
            tradizionali.


            Come sempre una cosa FONDAMENTALE sarà il costo.
            Magari come diceva l' autore del thread una
            politica di diversificazione dei costi in base
            alla qualità del download o, magari, anche alla
            "ristrettezza" del DRM potrebbe essere
            interessante.
            Ma come sempre ... fino a che non vedo non credo,
            fino ad ora i costi restano alti e l' idea è
            sempre quella di mettere DRM "a palla" ... mah
            !Sono l'anonimo,Sono pienamente d'accordo con te, ma a meno che non vogliano diffondere film che oltre a poter essere visti esclusivamente su PC possano essere visionati solo una volta, dopo averlo visto io lo archivierei su un DVD o simile, se questo non fosse possibile cosa dovrei fare? comprarmi un nuovo HHD ogni 10 film che scarico?
      • Anonimo scrive:
        Re: 1€ Divx - 5€ DVD ISO - 10€ HD WMV o
        Mah, secondo me i prezzi vanno tagliati ancora
        un pò, tieni conto che devi usare la TUA banda
        in parte, usare i TUOI supporti e trovarti con
        materiale senza l'impacchettatura originale,
        a questo punto preferisco cercarmi le occasioni
        in dvd che si trovano nei grossi centri
        commerciali, tieni conto che ultimamento ho
        trovato hero a 9,90 in versione con custodia
        di alluminio, 3 dvd di cui il film, il bonus
        disc e la versione in wm9 HD, oppure il
        cofanetto di ritorno al futuro, 4 dvd a 19.90
        euro, secondo me quei prezzi possono andar
        bene per materiale da poco uscito al cinema
        e non ancora presente in DVD classico. :quoto, se non si avessse tutta sta fregola di avere dei film "NUOVISSIMI" e si prendessero solo quelli "BELLI" in dvd ( in offerta o simili) ne usciremmo tutti piu ricchi e legali.
  • Cobra Reale scrive:
    Il problema sostanziale
    Secondo me, il problema sostanziale è: chi non ha un S.O. Microsoft non ha nemmeno WMP e conseguentemente è tagliato fuori.
    • burnit scrive:
      Re: Il problema sostanziale
      Esatto. Utilizzare uno standard? Gli standard Microsoft non sono utilizzabili da tutti.Utilizzare MPEG2 o MPEG4 fa schifo? Bah!La mia modesta opinione: utilizzeranno standards Microsoft per poter permettere un controllo totale sul multimedia, evitando di poterlo riprodurre su piattaforme tradizionali (per esempio il DVD, cioè in MPEG2).La mia opinione è mossa dal fatto che WMP è zeppo di protezioni DRM.Quindi il loro servizio sarà di seconda scelta: perchè pagare quando è possibile visualizzarlo soltanto su uno scomodo schermo di un PC?Sarà probabilmente un fallimento, perchè nessun utente ne riuscirà a trarre un beneficio. Poi staremo a vedere i prezzi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema sostanziale
        Okay ma immagina se non fossero protetti.. 1 utente acquista il file dalla warner e posta il link. 1000 utenti lo scaricano gratis.. mmh.Ovviamente da una major come la warner non ci si poteva aspettare un formato libero e prezzi bassissimi perché credo che la maggiorparte degli utenti ne approfitterebbe anche solo per ripicca (da una parte anche correttamente).Certo se mettiamo il fatto che l'utente dovrà occuparsi della gestione completa del file che acquisterà (niente custodia, niente media su cui salvarlo,...) l'unico punto di incontro per rendere accettabile l'iniziativa, sarebbe un abbattimento fortissimo dei prezzi.Forse sembra buffo dirlo ma c'è rancore tra le due parti e visto che l'unico sistema di dialogo sono le iniziative seguite dalle risposte degli utenti in termini di utilizzo, e qui mi ripeto, l'unico sistema per rendere accettabile l'iniziativa è renderlo veramente poco costoso.what do you think?
        • Sparrow scrive:
          Re: Il problema sostanziale
          - Scritto da:
          Okay ma immagina se non fossero protetti.. 1
          utente acquista il file dalla warner e posta il
          link. 1000 utenti lo scaricano gratis..
          mmh.

          Ovviamente da una major come la warner non ci si
          poteva aspettare un formato libero e prezzi
          bassissimi perché credo che la maggiorparte degli
          utenti ne approfitterebbe anche solo per ripicca
          (da una parte anche
          correttamente).

          Certo se mettiamo il fatto che l'utente dovrà
          occuparsi della gestione completa del file che
          acquisterà (niente custodia, niente media su cui
          salvarlo,...) l'unico punto di incontro per
          rendere accettabile l'iniziativa, sarebbe un
          abbattimento fortissimo dei
          prezzi.

          Forse sembra buffo dirlo ma c'è rancore tra le
          due parti e visto che l'unico sistema di dialogo
          sono le iniziative seguite dalle risposte degli
          utenti in termini di utilizzo, e qui mi ripeto,
          l'unico sistema per rendere accettabile
          l'iniziativa è renderlo veramente poco
          costoso.

          what do you think?Credo che 1 , anche se il film è protetto e viene visualizzato solo col wmp, possa essere un prezzo ragionevole.In fondo noleggiare un DVD costa circa 2-3 euro (in città anche di più) mentre con questo sistema di download legale te lo scarichi comodamente e te lo vedi senza spostarti da casa a prendere e restituire il dvd. Un bel vantaggio !Infine, collegare il PC alla TV attraverso il supervideo (video out di una scheda grafica decente) e l'audio allo stereo o al 5.1 non è una cosa così complicata !
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema sostanziale
      in formato microzoz non lo prendo ne anche in regalo
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema sostanziale
      - Scritto da: Cobra Reale
      Secondo me, il problema sostanziale è: chi non ha
      un S.O. Microsoft non ha nemmeno WMP e
      conseguentemente è tagliato
      fuori.lo credo che poi dicono che Microsoft ha superato Google e Yahoo!Ma per favore....
    • citrullo scrive:
      Re: Il problema sostanziale
      - Scritto da: Cobra Reale
      Secondo me, il problema sostanziale è: chi non ha
      un S.O. Microsoft non ha nemmeno WMP e
      conseguentemente è tagliato
      fuori.Beh, con me cascano male. Uso Win Xp ma ho il WMP di default e non ho alcuna intenzione di aggiornarlo alle ultime versioni, quindi con me si attaccano e sto servizio e' come se non esistesse.Usassero un formato piu' interoperabile.
    • seguso scrive:
      Re: Il problema sostanziale
      - Scritto da: Cobra Reale
      Secondo me, il problema sostanziale è: chi non ha
      un S.O. Microsoft non ha nemmeno WMP e
      conseguentemente è tagliato
      fuori.Perche'?
Chiudi i commenti