Novena, laptop open hardware finanziato dagli utenti

Il computer (ARM) per hacker raccoglie una cifra molto superiore a quella richiesta per partire. Entro Natale sarà spedito ai sostenitori. Disponibile in tre versioni, tra cui una extra-lusso con chassis in legno

Roma – Si è conclusa con risultati molto superiori al previsto la campagna di crowdfunding per Novena , il laptop/PC/all-in-one interamente basato su hardware open source e completamente modificabile dall’utente. Non un prodotto per la massa, ma che è comunque riuscito a racimolare fondi per 703.020 dollari contro i 250.000 inizialmente richiesti.

Novena è un progetto di Bunnie Huang, hacker e reverse engineer meglio noto per aver infranto le tecnologie “black box” della console Xbox: e che ora intende offrire un computer completo di tutto agli utenti che “hanno a cuore il Free Software e l’open source, oppure vogliono modificare ed estendere il proprio hardware”.

Il sistema finanziato monta un processore ARM quad-core prodotto da Freescale con clock a 1,2 GHz, tutta la documentazione sulla motherbord e i componenti è disponibile online così come il codice sorgente della distro Linux personalizzata che costituisce il sistema operativo del dispositivo.

Dopo aver chiuso con successo la campagna di finanziamenti, il progetto Novena è ora pronto a raccogliere i preordini degli utenti : diverse le versioni disponibili dell'”open hardware” inclusa la semplice motherboard (550 dollari), un desktop “all-in-one” con schermo Full HD integrato (IPS LCD) che all’apertura mette in mostra l’hardware del sistema (2.195 dollari), e un laptop completo dal costo non indifferente di 5.000 dollari che però vanterà anche un originale e unico chassis di legno in stile Apple I.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cicciobello scrive:
    DRM
    Un file che dopo un po' di tempo non è più utilizzabile implica un sistema di DRM; ed abbiamo già visto che tale sistema NON FUNZIONA (ed anche Snapchat ne è la prova)
  • Aniello Caputo scrive:
    ...
    ma che me ne frega a me di fecebook
  • AxAx scrive:
    Ma come fa ad autodistruggersi qualcosa
    che è stata memorizzata su un file?nn è che cancellando il file perdi tutte le traccie...
    • ... scrive:
      Re: Ma come fa ad autodistruggersi qualcosa
      ma poi effimera lo sarà per chi lo ha scritto, forse. Per gli altri resterà:1) in testa al destinatario (se lo ritiene di una certa importanza)2) nei server di Facebook3) disponibile per polizia postale & Co. su richiestaqueste cretinate sono un insulto all'intelligenza umana.Però forse hanno un loro perchè... magari si "estingueranno" quelli che crederanno di poter dire qualsiasi cosa, tanto poi sparirà (darwinismo)
      • Meg.Gj scrive:
        Re: Ma come fa ad autodistruggersi qualcosa
        Che male c'è se disponibile per la polizia postale? Anzi, secondo me è una cosa buona.
        • ... scrive:
          Re: Ma come fa ad autodistruggersi qualcosa
          Non ho detto se sono cose positive o negative.Dico solo che chi ignora come funzionano queste cose, si sentirà libero di scrivere quello che vuole, tanto poi "sparirà"....
        • krane scrive:
          Re: Ma come fa ad autodistruggersi qualcosa
          - Scritto da: Meg.Gj
          Che male c'è se disponibile per la polizia
          postale? Anzi, secondo me è una cosa
          buona.La postale di che paese ?
Chiudi i commenti