NSA e la sorveglianza totale

Ancora rivelazioni sull'agenzia statunitense. Che con il solo indirizzo di posta elettronica riuscirebbe a tracciare tutte le attività online di chiunque

Roma – Nuove rivelazioni pubblicate dal quotidiano britannico The Guardian , nell’infuocato dibattito politico sull’esteso programma di sorveglianza adottato dalla statunitense National Security Agency (NSA). L’ennesimo leak del datagate ha illustrato l’intimo funzionamento del progetto X-Keyscore , che fornirebbe agli analisti del governo federale uno strumento potentissimo per l’accesso a qualsiasi tipologia di attività digitale dei netizen a stelle e strisce .

mappa x-keyscore

Dalle sessioni di conversazione in chat ai messaggi di posta elettronica, oltre che le abitudini di navigazione online, il programma X-Keyscore permette il monitoraggio totale del traffico Internet, con il rastrellamento dei metadati a partire dall’inserimento di un semplice indirizzo email . Come spiegato dalla talpa Edward Snowden al Guardian , le intercettazioni digitali sono possibili a qualsiasi livello – persino nei confronti dello stesso presidente statunitense – con il solo inserimento di un account di posta elettronica.

x-keyscore

Stando alle ultime rivelazioni pubblicate dal quotidiano, gli agenti della NSA riuscirebbero a sorvegliare l’intero ecosistema digitale senza alcun tipo di mandato o autorizzazione firmata. Mediante l’inserimento di determinate parole chiave, il sistema X-Keyscore è in grado di analizzare le più disparate piattaforme online, compresi i social network e tutti i commenti postati dagli utenti. Raccogliendo miliardi di dati in tutto il mondo, gli archivi del programma non riescono a trattenerli per più di qualche giorno .

Dai dettagli su X-Keyscore ai documenti declassificati rilasciati dall’Ufficio della National Intelligence sulla raccolta dei metadati relativi alle conversazioni telefoniche degli utenti a stelle e strisce. Verso un maggiore potenziamento del principio di trasparenza, il governo di Washington ha deciso di spiegare il bulk collection program della NSA per la sicurezza nazionale sulla base del testo legislativo noto come Patriot Act .

Nel pacchetto di tre documenti – compreso l’ordine diramato dalla Foreign Intelligence Surveillance Court per la consegna dei dati da parte di Verizon – l’intelligence statunitense si sarebbe limitata al rastrellamento di informazioni base come la data di invio o ricezione dei messaggi di posta elettronica , evitando di accedere ai contenuti delle conversazioni telefoniche o digitali.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ciko scrive:
    ma per favore
    fanno un contratto che li tutela in ogni modo, tagliandoti fuori quando vogliono se ti azzardi a metter su un server e poi ti dicono "ma va la... che fai? non ti fidi? mica ti taglio il serverino.."ovvio che non mi fido se tu ti tuteli sul contratto... si devono solo vergognare....
    • Izio01 scrive:
      Re: ma per favore
      - Scritto da: ciko
      fanno un contratto che li tutela in ogni modo,
      tagliandoti fuori quando vogliono se ti azzardi a
      metter su un server e poi ti dicono "ma va la...
      che fai? non ti fidi? mica ti taglio il
      serverino.."

      ovvio che non mi fido se tu ti tuteli sul
      contratto... si devono solo
      vergognare....Boh, a quanto ne so, fanno tutti così. Vuoi hostare un server web? Paghi i relativi costi, che sono nettamente più alti di quelli previsti per un utilizzo domestico. Anche per l'elettricità le aziende pagano più degli utenti domestici, eh.
      • nome scrive:
        Re: ma per favore
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: ciko

        fanno un contratto che li tutela in ogni
        modo,

        tagliandoti fuori quando vogliono se ti
        azzardi
        a

        metter su un server e poi ti dicono "ma va
        la...

        che fai? non ti fidi? mica ti taglio il

        serverino.."



        ovvio che non mi fido se tu ti tuteli sul

        contratto... si devono solo

        vergognare....

        Boh, a quanto ne so, fanno tutti così. Vuoi
        hostare un server web? Paghi i relativi costi,
        che sono nettamente più alti di quelli previsti
        per un utilizzo domestico. Anche per
        l'elettricità le aziende pagano più degli utenti
        domestici,
        eh.i server mica sono cose aziendali, un utente evoluto può averne la necessità. Anzi probabilmente anche l'utonto medio visto che fra i "server" vengono considerati anche i p2p
        • Izio01 scrive:
          Re: ma per favore
          - Scritto da: nome
          - Scritto da: Izio01

          - Scritto da: ciko


          fanno un contratto che li tutela in ogni

          modo,


          tagliandoti fuori quando vogliono se ti

          azzardi

          a


          metter su un server e poi ti dicono "ma va

          la...


          che fai? non ti fidi? mica ti taglio il


          serverino.."





          ovvio che non mi fido se tu ti tuteli sul


          contratto... si devono solo


          vergognare....



          Boh, a quanto ne so, fanno tutti così. Vuoi

          hostare un server web? Paghi i relativi costi,

          che sono nettamente più alti di quelli previsti

          per un utilizzo domestico. Anche per

          l'elettricità le aziende pagano più degli utenti

          domestici,

          eh.

          i server mica sono cose aziendali, un utente
          evoluto può averne la necessità. Anzi
          probabilmente anche l'utonto medio visto che fra
          i "server" vengono considerati anche i p2pDiciamo che per come la vedo io, il discriminante non è il tipo di traffico ma il carico di rete. Senza intaccare il discorso della net neutrality, trovo giusto far pagare di più chi usa tutta la banda nominale, 24/7, rispetto a chi ne usa il 10%.Quello che secondo me gli ISP - in questo caso mi riferisco a quelli italiani - dovrebbero fare è evitare di nascondere i criteri di distinzione tra utilizzo domestico e non. Non nel senso di essere inflessibili: se scarico 10 giochi di fila da Steam o Playstation Plus e poi non ne scarico più per i successivi tre mesi perché sto giocando quelli, ha senso che mi passino il picco di traffico. Dovrebbero però esplicitare quale criterio utilizzano per classificarti come utente "abusivo", potenzialmente disconnettibile. Es: più di 200 Gb al mese per tre mesi di fila. Così chi sceglie di saturare la banda a propria disposizione sa a priori a cosa va incontro. Oggi si può lamentare dicendo: "Mi vendi X banda ma poi me la neghi", perché le relative condizioni sono nascoste nei meandri del contratto invece di essere presentate assieme agli annunci pubblicitari.Però effettivamente il mio discorso è sulla quantità di banda utilizzata, non sul tipo di traffico. Google potrebbe applicare questo principio e CREDO che la sua immagine ne trarrebbe giovamento.
  • Miriam Quadratica scrive:
    è normale...
    guardate che nessuno ti da 100mbit e ti da la possibilità di far girare un server sulla sua infrastruttura senza pagare nulla.Questo significa semplicemente che non puoi aprire un server web e farci andare milioni di persone (magari guadagnandoci senza pagare un centesimo di banda).Come ha fatto notare anche google il problema non è un serverino di gioco ma server che generano alto traffico come i siti web ad esempio.
    • Carmine scrive:
      Re: è normale...
      senza pagare un centesimo di banda?scusa ma quando fai l'abbonamento cosa paghi? O_o
      • Izio01 scrive:
        Re: è normale...
        - Scritto da: Carmine
        senza pagare un centesimo di banda?
        scusa ma quando fai l'abbonamento cosa paghi? O_oPaghi un "utilizzo ragionevole" della banda. Anche qui in Italia ti possono staccare, se scarichi 24/7 a 20 Mbit, perché il tuo utilizzo non è più quello tipico di un utente domestico. Se vuoi hostare un server web, immagino che i costi siano nettamente superiori, proprio in considerazione della maggiore richiesta di banda.Secondo me è questione di buon senso: invece di importi dei limiti ferrei, impongono dei limiti soft, ma questo approccio può funzionare solo finché la gente non se ne approfitta troppo.
    • ciko scrive:
      Re: è normale...
      a parte che lo voglio vedere sto server casalingo che accetta milioni di connessioni, ma poi se tu mi vendi "tot" banda, io la voglio usare come mi pare... altrimenti me ne vendi di meno se la tua infrastruttura non ce la fa
  • Jul scrive:
    Google cambia slogan
    In verita' lo ha cambiato da molti anni: "fate come dico, non fate come faccio"!
  • collione scrive:
    mhm
    se non posso far girare dei server, allora a che serve la fibra ottica??? tanto vale usare il 56konestamente non capisco certi comportamentitu mi dai tot di banda passante ( suppongo tu abbia fatto i tuoi conti ), poi però me la tagli in un modo o nell'altroquindi fai overselling? in questo caso se non sei un truffatore, poco ci manca
    • Izio01 scrive:
      Re: mhm
      - Scritto da: collione
      se non posso far girare dei server, allora a che
      serve la fibra ottica??? tanto vale usare il
      56k

      onestamente non capisco certi comportamenti

      tu mi dai tot di banda passante ( suppongo tu
      abbia fatto i tuoi conti ), poi però me la tagli
      in un modo o
      nell'altro

      quindi fai overselling? in questo caso se non sei
      un truffatore, poco ci
      mancaSe è un contratto per utente domestico, l'utilizzo professionale non è previsto. Vale anche per gli ISP in Italia e non mi sembra nulla di strano. Bè, allargando il campo, sai benissimo che sono overbooked quasi tutti i servizi pubblici: se ci facciamo male tutti assieme, negli ospedali non ci stiamo :)
  • Skywalker scrive:
    Ambiguità
    "Server" è una definizione precisa, non ambigua. E sta scritta nel contratto."Se un abbonato fa girare un server di Minecraft o un software P2P non ci saranno conseguenze negative di sorta" è una definizione estremamente ambigua, quasi caritatevole, e non sta scritta nel contratto.Evil - Not Evil 1-0 in questo caso.Sembra quasi un ISP italiano...
    • asdf scrive:
      Re: Ambiguità
      Google non l'unico provider USA di connessioni in fibra ottica che cose del genere.https://secure.dslreports.com/forum/r28309842-LOL.-VZ-called-me-about-my-bandwidth-usage.-Gotta-go-Biz.
Chiudi i commenti