NSA, spionaggio a tempo pieno

Nuovi documenti emersi online evidenziano la reale portata delle capacità di tecno-sorveglianza a disposizione dell'intelligence statunitense. Passi avanti anche sul versante trasparenza, con atti ufficiali e non

Roma – Fonti interne all’intelligence statunitense confermano non solo che la NSA spia Internet, ma che è in grado di tenere sotto controllo una quantità di traffico telematico sin qui solo ipotizzata. Il caso Datagate si arricchisce di nuovi dettagli, e questa volta la “soffiata” arriva dal Wall Street Journal e da tecnici che hanno a che fare o hanno avuto a che fare con i potenti apparati di tecnocontrollo in mano alle agenzia USA a tre lettere.

Il fatto che l’intelligence USA avesse a disposizione capacità “significative” di tenere sotto controllo le comunicazioni elettroniche – telematiche e non – era già stato autorevolmente confermato nel recente passato dal Presidente Barack Obama. Ora quelle capacità vengono quantificate: le fonti del WSJ parlano di circa un 75 per cento di traffico telematico circolante negli USA alla portata degli analisti e dei software di controllo della NSA.

Dire “traffico USA” equivale in sostanza a coprire una buona parte della Internet mondiale, vista la preponderanza delle aziende statunitensi nel panorama dell’economia e dei servizi di rete: a quanto pare le agenzie federali sono solite contrattare con i provider telefonici le tipologie di traffico a cui accedere, gli ISP possono dire no ma in sostanza il tecnocontrollo è pervasivo. Caso in oggetto: la partnership tra NSA, FBI e Qwest Communications per tenere sotto controllo “i contenuti di tutte le email e i messaggi testuali nell’area di Salt Lake City” durante le Olimpiadi Invernali del 2002.

La NSA intercetta tutto e lo fa da parecchio tempo, al punto che nuovi documenti segreti pubblicati grazie all’intervento legale della Electronic Frontier Foundation (tramite Freedom of Information Act) quantificano in più di 250 milioni le “comunicazioni Internet” raccolte ogni anno sotto la sezione 702 del FISA Amendments Act (FAA). Una pratica in parte illegale perché incostituzionale secondo l’opinione della Foreign Intelligence Surveillance Court (FISC).

I contorni dello spionaggio e del tecnocontrollo a stelle e strisce si fanno sempre più inquietanti e definiti, e nel tentativo – inutile? – di gettare acqua sul fuoco lo US Office of the Director of National Intelligence (ODNI) ha aperto un blog su Tumblr con l’obiettivo di fornire al pubblico “informazioni fattuali” sulle legittime pratiche di spionaggio dell’intelligence senza le distorsioni dei media.

I media distorcono i fatti al punto da vedersi costretti – nel caso del Guardian – a distruggere le unità di storage sotto la minaccia di persecuzioni legali da parte delle autorità. Una buona notizia arriva infine dalla Nuova Zelanda, dove il governo fornisce nuovi poteri di spionaggio all’intelligence ma li vincola alla richiesta del mandato di un giudice. Garantisce chi ha già dovuto chiedere scusa per aver spiato illegalmente Kim Dotcom nel quadro delle intercettazioni per il sacco di Megaupload.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Strano
    Ma che strano...Ahi ahi Blackberry, pagare qualche programmatoricchio dilettante per riempire l'app store di programmetti inutili per poter dire, ah il nostro app store conta già più di 4 triliardi di applicazioni!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 agosto 2013 12.04-----------------------------------------------------------
  • Scrivi il codice antispam scrive:
    La singolarità
    "Amazon ha lanciato un appello agli sviluppatori: ricordandogli..."(CHI?) Amazon (COSA?) Ha lanciato un appello (A CHI?) Agli sviluppatori (Essi = plurale): Ricordandogli (= ricordando a egli (= singolare))Poi mi meraviglio i come la gente scriva male su facebook
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: La singolarità
      http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/uso-per
      • Trotterello scrive:
        Re: La singolarità
        - Scritto da: Luca Annunziata
        http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiinteressante, grazie
        • il solito bene informato scrive:
          Re: La singolarità
          - Scritto da: Trotterello
          - Scritto da: Luca Annunziata


          http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-itali
          interessante, grazie1° REGOLA FONDAMENTALE DELLA GRAMMATICA ITALIANANella GRAMMATICA ITALIANA sono talmente tante, le eccezioni, che in ogni diatriba sulla GRAMMATICA ITALIANA, entrambe le parti hanno sempre in qualche modo ragione
          • Zito scrive:
            Re: La singolarità

            1° REGOLA FONDAMENTALE DELLA GRAMMATICA
            ITALIANA

            Nella GRAMMATICA ITALIANA sono talmente tante, le
            eccezioni, che in ogni diatriba sulla GRAMMATICA
            ITALIANA, entrambe le parti hanno sempre in
            qualche modo
            ragioneNon esistendo un testo di riferimento riconosciuto, non esistendo un Istituto che si occupa per statuto di questioni di lingua, come accede in diversi Stati esteri, è inevitabile che sia così.Detto questo, alcuni punti fermi sono accettati da tutti e incontestabili. Nessuno scrittore di romanzi metterà mai nero su bianco "se lo sapevo non venivo", a meno che debba caratterizzare un personaggio che non parla bene l'italiano.
          • Zito scrive:
            Re: La singolarità
            Upps... accade, non "accede". :p
    • aphex_twin scrive:
      Re: La singolarità
      - Scritto da: Scrivi il codice antispam
      Poi mi meraviglio <b
      i </b
      come la gente scriva male su
      facebookEra meglio stare zitti :D
  • Uno sviluppato re android scrive:
    Amazon marketplace
    L'Amazon marketplace non è al pari di google play, e lo dico da sviluppatore. L'ultima app che ho pubblicato su google play ha fatto ~250000 download con un punteggio di 4, 1089 votanti. La stessa app su amazon marketplace è stata scaricata 6 volte, ha punteggio 1 dato da un utente perchè non gli piaceva il fatto di dover restare connesso (è un mmo, cosa pretendeva?) Questo è stato il primo e unico voto ricevuto, dopodichè è sparita in fondo alle classifiche senza possibilità di recupero. Il porting da android ha richiesto 3 settimane di lavoro, non per l'applicazione in se, che è rimasta totalmente invariata, ma per modificare tutti i metodi di pagamento in quando amazon ha deciso di reimplementare da zero questo aspetto in modo totalmente diverso e incompatibile da quello di google. Ora.. 3 settimane di porting, per 6 download e 0,10 centesimi di rendita.. no, se le cose restano così non porterò più app sulla piattaforma di amazon..
    • ... scrive:
      Re: Amazon marketplace
      mi insegni?
      • Uno sviluppato re android scrive:
        Re: Amazon marketplace
        Cosa? A fare le app o a pubblicarle sul market? Se vuoi contattarmi per email vai su http://fantasyvengeance.com alla pagina contacts e clicca "Contact Us"
        • uTonto scrive:
          Re: Amazon marketplace
          cos'è una nuova forma di viral marketing ?
          • Pessimismo e Fastidio scrive:
            Re: Amazon marketplace
            - Scritto da: uTonto
            cos'è una nuova forma di viral marketing ?No, perche?Ah, se hai bisogno di uno scovolino per il wc contattami pure suwww.scovolinibelli.com:D(vabbhe!)
Chiudi i commenti