Nuove nomine in Microsoft Italia

Annuncio

Milano – Microsoft Italia ha annunciato la nomina di Pietro Scott Jovane a Country Manager di Online Services Group, la divisione online di Microsoft a cui fanno capo i brand Windows Live, MSN e Microsoft Digital Advertising Solutions.

“Dopo aver ricoperto dal giugno 2005 il ruolo di Direttore Commerciale del Mercato Telecomunicazioni e Media di Microsoft Italia dirigendo con successo il team commerciale focalizzato su questi settori – si legge in una nota – Pietro Scott Jovane ha da oggi la responsabilità di definire le politiche e le strategie di business dell’Online Services Group per l’Italia. In base al nuovo incarico, Pietro Scott Jovane guiderà la crescita della divisione online di Microsoft consolidandone la leadership a livello nazionale e rafforzandone il posizionamento come maggior provider di informazioni e contenuti online, servizi di comunicazione e soluzioni di digital marketing”.

Microsoft Italia è a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    oltre alle detrazioni fiscali
    oltre alle detrazioni fiscali di cui godono queste fondazioni c'è una precisa strategia della finanza privata.Questi enormi fondi a disposizione consentirebbero di sostituirsi con appositi progetti al welfare degli stati e dei governi.Investire potentemente nella sanità e nella ricerca medica consente a queste fondazioni di mettere le mani su un settore che riceve ancora enormi investimenti pubblici anche negli stati uniti.Lo scopo non è affatto umanitario.Nel commento dell'azienda non c'è alcuna spiegazione sui finanziamenti ad aziende che non hanno nulla a che vedere con i "buoni propositi" della fondazione
    • Anonimo scrive:
      Re: oltre alle detrazioni fiscali
      - Scritto da:
      oltre alle detrazioni fiscali di cui godono
      queste fondazioni c'è una precisa strategia della
      finanza
      privata.
      Questi enormi fondi a disposizione
      consentirebbero di sostituirsi con appositi
      progetti al welfare degli stati e dei
      governi.
      Investire potentemente nella sanità e nella
      ricerca medica consente a queste fondazioni di
      mettere le mani su un settore che riceve ancora
      enormi investimenti pubblici anche negli stati
      uniti.
      Lo scopo non è affatto umanitario.

      Nel commento dell'azienda non c'è alcuna
      spiegazione sui finanziamenti ad aziende che non
      hanno nulla a che vedere con i "buoni propositi"
      della
      fondazione

      Non solo, ma spesso Microsoft fa beneficenza donando non soldi, ma licenze dei suoi SW, così, non solo gli costa poco o niente, ma si può scaricare dalle tasse come minimo il prezzo all'ingrosso, se non addirittura quello all'utente finale... quasi sicuramente tali donazioni finiscono per produrre un guadagno, una situazione paradossale che difficilmente può capitare a industrie che producono beni non virtuali.
      • Anonimo scrive:
        Re: oltre alle detrazioni fiscali
        Questo lo faceva in passato ed è stata pesantemente criticata. Meno male abbia ridotto (non smesso) questa pratica assurda.Si tratta di una fondazione truffa...E più soldi sono nella disponibilità, più grossa è la truffa.
  • Anonimo scrive:
    Copertura
    Ma qualcuno aveva qualche dubbio che quella fondazione fosse una copertura per operazioni di detrazione fiscale e su cui rigirare fondi per investimenti remunerativi?Indipendentemente da chi sia Bill Gates è una pratica deprecata e molto diffusa in USA. Dovrebbero pensare i governi a dare aiuti umanitari e a fare politiche che non vadano contro popoli deboli e disagiati.Gli USA sono un caso atipico nel senso che se non ci pensano privati volenterosi non ci si deve aspettare aiuti dal governo, tranne qualche colonizzazione ed atti predatori camuffati da esportazione di "democrazia".Anzi gli USA tramite le proprie multinazionali è il primo predatore di risorse di paesi in via di sviluppo e deve il suo benessere proprio allo stato di povertà in cui lascia questi ultimi.Ma il meccanismo delle finte fondazioni per aiuti che in realtà fanno detrazioni fiscali e investimenti sommersi è una cosa preoccupante che solo da poco inizia a destare sospetti tra esperti fiscalisti e mass media.
  • Anonimo scrive:
    L'unico settore...
    Nell'intervista al Seattle Times, Cheryl Scott ha comunque ribadito che l'unico settore presente nella "black list" della Fondazione Gates è quello del tabacco. Ecco... quindi la Kraft dovrebbe essere tolta dalla lista.Infatti Kraft fa parte del gruppo multinazionale Altria , proprietario anche della Philip Morris .Ecco il sito ufficiale http://www.altria.com/Inoltre bandiscono il tabacco dalla loro lista... e le industrie delle armi?Se tali investimenti non sno fatti con malizia, quantomeno sono fatti con poca oculatezza.Nicola
    • Anonimo scrive:
      Re: L'unico settore...
      - Scritto da:
      Nell'intervista al Seattle Times, Cheryl Scott
      ha comunque ribadito che l'unico settore presente
      nella "black list" della Fondazione Gates è
      quello del
      tabacco.

      Ecco... quindi la Kraft dovrebbe essere tolta
      dalla
      lista.
      Infatti Kraft fa parte del gruppo multinazionale
      Altria , proprietario anche della Philip
      Morris .

      Ecco il sito ufficiale http://www.altria.com/


      Inoltre bandiscono il tabacco dalla loro lista...
      e le industrie delle
      armi?

      Se tali investimenti non sno fatti con malizia,
      quantomeno sono fatti con poca
      oculatezza.

      NicolaOra si spiega perchè le sottilette kraft mi davano dipendenza...
  • shezan74 scrive:
    Re: le critiche "miopi"...
    Forse tu credi che per "fare i soldi" sia sufficiente una stampante... I soldi in beneficienza, qualsiasi sia il tuo modo di pensare, vanno "prodotti" investendo, e non a spese del capitale.Poco importa dove vengono investiti i soldi (la Dow non ha certo bisogno degli investimenti della B&MG Foundation), l'importante è che il denaro renda, e con i proventi si possano portare avanti le iniziative.Certo, la fondazione è un buon modo per ridurre le tasse, ma se tutto il carrozzone dovesse salvare la vita ad UNO solo dei bambini a cui fa riferimento, allora ben venga.Tra l'altro chi fa il mercato sono i consumatori... la Nutella è Nestlè... quanti di voi sono disposti a mangiare cacao venezuelano a 5 euro la barretta invece di una fetta di pane e nutella (tm)?P.S. a prescindere dalla fede politica, se voti bertinotti ma scopri che comprando azioni mediaset ci guadagni cosa fai? di principio dovresti evitarle, ma anche tu (ipoteticamente tu) giustamente guardi il soldo... e in questo non sei diverso da nessun'altro. Cambia solo la quantità e, magari, la percentuale di quanto dai a chi è meno fortunato di te.
    • Anonimo scrive:
      Re: le critiche "miopi"...
      - Scritto da: shezan74
      Certo, la fondazione è un buon modo per ridurre
      le tasse, ma se tutto il carrozzone dovesse
      salvare la vita ad UNO solo dei bambini a cui fa
      riferimento, allora ben
      venga.No mi spiace ma è un "mal venga" non un "ben venga"!Perchè se per "salvare" uno solo dei bambini, come tu dici, servisse una cifra ipotetica x, poniamo 10 centesimi, ne sottrai, o utilizzi 10.000 euro hai di fatto sottratto quella cifra agli altri "bambini da salvare".Le logiche economiche sono inesorabili se le si applica "senza trucchi" se io sottraggo 100 e faccio beneficienza a Pippo per 50 (e magari i pippi abbisognavano di 10 a testa) ho ottenuto due (non solo uno) risultati scorretti!Risultato scorretto numero uno:Se sottraggo 100 e restituisco 50 ho semplicemente sottratto 50!Risultato scorretto numero due:Ho dato (ho ho speso) per Pippo 4 volte di più di quanto era nnecessario condannando 4 pippi a rimanere in difficoltà.Morale ho forse risolto il problema di Pippo a spese di 4 pippi....Vedi un pochino te...
      • mr_setter scrive:
        Re: le critiche "miopi"...
        - Scritto da:

        - Scritto da: shezan74


        Certo, la fondazione è un buon modo per ridurre

        le tasse, ma se tutto il carrozzone dovesse

        salvare la vita ad UNO solo dei bambini a cui fa

        riferimento, allora ben

        venga.

        No mi spiace ma è un "mal venga" non un "ben
        venga"!
        Perchè se per "salvare" uno solo dei bambini,
        come tu dici, servisse una cifra ipotetica x,
        poniamo 10 centesimi, ne sottrai, o utilizzi
        10.000 euro hai di fatto sottratto quella cifra
        agli altri "bambini da
        salvare".

        Le logiche economiche sono inesorabili se le si
        applica "senza trucchi" se io sottraggo 100 e
        faccio beneficienza a Pippo per 50 (e magari i
        pippi abbisognavano di 10 a testa) ho ottenuto
        due (non solo uno) risultati
        scorretti!
        Risultato scorretto numero uno:
        Se sottraggo 100 e restituisco 50 ho
        semplicemente sottratto
        50!

        Risultato scorretto numero due:
        Ho dato (ho ho speso) per Pippo 4 volte di più di
        quanto era nnecessario condannando 4 pippi a
        rimanere in
        difficoltà.
        Morale ho forse risolto il problema di Pippo a
        spese di 4
        pippi....

        Vedi un pochino te...Volevo rispondere al nostro interlocutore facendo leva sul principio etico che l'utilizzo di fondi da parte di una associazione no-profit non e' una opzione accessoria bensi' la pietra angolare su cui si fondano queste associazioni (i soldi li abbiamo: A CHI LI DIAMO E COME LI USIAMO?)!Il che dimostra una volta ancora che scelte di questo tipo fanno acqua da tutte le parti e vengono giustamente stigmatizzate dalla stampa (o quello che ne resta della stampa...)LV&P O)
    • Anonimo scrive:
      Re: le critiche "miopi"...
      - Scritto da: shezan74
      Poco importa dove vengono investiti i soldi (la
      Dow non ha certo bisogno degli investimenti della
      B&MG Foundation), l'importante è che il denaro
      renda, e con i proventi si possano portare avanti
      le
      iniziative.Quello che viene criticato alla fondazione, è che con una mano da e con l'altra toglie
      • Anonimo scrive:
        Re: le critiche "miopi"...
        piu' cche altro quello che, si condanna, e che con una mano danno.Ma con l'altra tolgono e visto che ci sono danno uno schiaffo, e si pbeccano pure gli elogi.ma dai questa e' ipocrisia....
  • Anonimo scrive:
    Re: Al soldo di Gates & Friends
    Sono dell'idea che guerre e controllo totale siano progetti già architettati nel sommerso da banchieri e industrie ingerenti specie quelle delle armi, indipendentemente dal governo che sarebbe salito.Il marcio sta nella società dei grandi capitalisti americani non nell'America dei cittadini sognatori di libertà o dei politicanti ex-attori e pirlotti figli di papà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Al soldo di Gates & Friends
      - Scritto da:
      Sono dell'idea che guerre e controllo totale
      siano progetti già architettati nel sommerso da
      banchieri e industrie ingerenti specie quelle
      delle armi, indipendentemente dal governo che
      sarebbe
      salito.

      Il marcio sta nella società dei grandi
      capitalisti americani non nell'America dei
      cittadini sognatori di libertà o dei politicanti
      ex-attori e pirlotti figli di
      papà.triste verita'. ormai comandano le multinazionali, i grandi gruppi e i "governi ombra". e miliardi di persone ne pagano le conseguenze ogni giorno.tengo a precisare che non sono di sinistra ne un cospirazionista.
      • Anonimo scrive:
        Re: Al soldo di Gates & Friends


        tengo a precisare che non sono di sinistra ne un
        cospirazionista.Io sono un azionista, invece, e ho un'opzione sui tuoi diritti civili.
      • Anonimo scrive:
        Re: Al soldo di Gates & Friends
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Sono dell'idea che guerre e controllo totale

        siano progetti già architettati nel sommerso da

        banchieri e industrie ingerenti specie quelle

        delle armi, indipendentemente dal governo che

        sarebbe

        salito.



        Il marcio sta nella società dei grandi

        capitalisti americani non nell'America dei

        cittadini sognatori di libertà o dei politicanti

        ex-attori e pirlotti figli di

        papà.

        triste verita'. ormai comandano le
        multinazionali, i grandi gruppi e i "governi
        ombra". e miliardi di persone ne pagano le
        conseguenze ogni
        giorno.

        tengo a precisare che non sono di sinistra ne un
        cospirazionista.Io sono proprio di destra, e anche se non sono d'accordo sulle soluzioni proposte da comunisti, verdi, no-global, etc., sono anch'io fondamentalmente d'accordo su molte loro analisi di questi problemi.
  • Anonimo scrive:
    si,si tutti crediamo a quest'uomo
    specie quelli con l'anello al nasoe la schiena a 90 gradioppure, più semplicemente fanno fintadi crederci quelli che mangiano sullesue schifezze
    • Anonimo scrive:
      Re: si,si tutti crediamo a quest'uomo
      - Scritto da:
      specie quelli con l'anello al naso
      e la schiena a 90 gradi
      oppure, più semplicemente fanno finta
      di crederci quelli che mangiano sulle
      sue schifezzesì, sì tesoro, intanto le mie azioni microsoft sono salite del 33% negli ultimi sei mesi... tu continua a rosicare...
      • Anonimo scrive:
        Re: si,si tutti crediamo a quest'uomo

        sì, sì tesoro, intanto le mie azioni microsoft
        sono salite del 33% negli ultimi sei mesi... tu
        continua a
        rosicare...Intanto il clima sta cambiando e presto ti dovrai alimentare delle tue azioni. Te lo dico in segreto: la carta non è un gran alimento...
      • Anonimo scrive:
        Re: si,si tutti crediamo a quest'uomo
        - Scritto da:
        sì, sì tesoro, intanto le mie azioni microsoft
        sono salite del 33% negli ultimi sei mesi... tu
        continua a
        rosicare...Ci crediamo tutti caro studentello che scrivi alle 4 del mattino.
      • Anonimo scrive:
        Re: si,si tutti crediamo a quest'uomo
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        specie quelli con l'anello al naso

        e la schiena a 90 gradi

        oppure, più semplicemente fanno finta

        di crederci quelli che mangiano sulle

        sue schifezze

        sì, sì tesoro, intanto le mie azioni microsoft
        sono salite del 33% negli ultimi sei mesi... tu
        continua a
        rosicare...si,si tutti crediamo a quest'uomo
      • Anonimo scrive:
        Re: si,si tutti crediamo a quest'uomo
        Male, dovevi comprare azioni della Raytheon. Quelle vanno, e anche tanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: si,si tutti crediamo a quest'uomo
      Tu NON credi a Gates, e credi a quelli che lo criticano ?Molto coerente ... considera che anche chi lo critica ha i suoi interessi da difendere, che tu non puoi conoscere.Non staccare mai il cervello ...
  • Anonimo scrive:
    Re: le critiche "miopi"...
    - Scritto da: mr_setter
    "Nel dettaglio, il Times avrebbe scoperto che la
    Gates Foundation ha investito nelle peggiori
    aziende inquinanti del Nord America, come adNon hai colto la loro politica di solidarietà, sei malfidente.... ti pare che l'inquinamento sia una cosa vera!? Guarda che i Gates sanno che è una roba inventata da qualche mangia-verdure!Eppoi hanno vietato di comprare azioni del tabacco, quello lì si che è un vero pericolo!
    • Anonimo scrive:
      Re: le critiche "miopi"...
      È un post ironico vero?Il tabacco un vero problema? Più dell'alcool?Fa meno male la marjuana del tabacco...
    • Anonimo scrive:
      Re: le critiche "miopi"...
      L'inquinamento è una cosa falsa inventata da qualche mangia verdura?Ma sei matto? Ma ti rendi conto di quello che hai scritto?
  • Anonimo scrive:
    Sentito? Non investono nel tabacco
    Mi sembra facciano il massimo possibile: non investono nel tabacco e tutto il resto è soggettivo. Bella risposta. E ora tutti a comprare Vista for dummies così aiutiamo i bambini poveri e le multinazionali del petrolio buone o cattive che siano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sentito? Non investono nel tabacco
      - Scritto da:
      Mi sembra facciano il massimo possibile: non
      investono nel tabacco e tutto il resto è
      soggettivo. Bella risposta. E ora tutti a
      comprare Vista for dummies così aiutiamo i
      bambini poveri e le multinazionali del petrolio
      buone o cattive che siano.
      E allora? Tanto il petrolio lo estraggono con o senza investimenti...
    • mr_setter scrive:
      Re: Sentito? Non investono nel tabacco
      - Scritto da:
      Mi sembra facciano il massimo possibile: non
      investono nel tabacco e tutto il resto è
      soggettivo. Bella risposta. E ora tutti a
      comprare Vista for dummies così aiutiamo i
      bambini poveri e le multinazionali del petrolio
      buone o cattive che siano.
      Dalle mie parti una volta erano chiamati farisei.... :@LV&P O)
    • Anonimo scrive:
      certo, come no: vado subito
      - Scritto da:
      Mi sembra facciano il massimo possibile: non
      investono nel tabacco e tutto il resto è
      soggettivo. Bella risposta. E ora tutti a
      comprare Vista for dummies così aiutiamo i
      bambini poveri e le multinazionali del petrolio
      buone o cattive che siano.
      hahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1e specialmente per dare qualche euro di elemosina ai poveracci come te, a cui arriva qualche briciola buttata nel fango dai vari gatesahahahahaha!!!!!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: certo, come no: vado subito
        - Scritto da:
        hahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1
        e specialmente per dare qualche euro di elemosina
        ai poveracci come te , a cui arriva qualche
        briciola buttata nel fango dai vari
        gates
        ahahahahaha!!!!!!!!!!!!Prego la redazione di non ixare il suo messaggio. Definisce perfettamente il tipo di soggetti a cui mi riferivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sentito? Non investono nel tabacco
      - Scritto da:
      Mi sembra facciano il massimo possibile: non
      investono nel tabacco e tutto il resto è
      soggettivo. Bella risposta. E ora tutti a
      comprare Vista for dummies così aiutiamo i
      bambini poveri e le multinazionali del petrolio
      buone o cattive che siano.
      Be', il tabacco è un grosso problema, se non ci fosse, moltissimi, che non gradiscono fumare la maria pura, non la fumerebbero, ma l'assumerebbero in altre maniere, avendone così solo i benefici senza mandare fumo nei polmoni. O)
Chiudi i commenti