Nuovi chip Power da Motorola e IBM

Aggiornate le rispettive famiglie di chip RISC. Motorola punta al mercato dei server blade e dei sistemi embedded, mentre IBM a quello dei server a 64 bit di fascia alta


Austin (USA) – Motorola ha lanciato sul mercato un nuovo e più veloce modello di PowerPC G4, l’MPC7447A, che gira ad una frequenza di clock di 1,5 GHz e introduce alcune nuove funzionalità per la gestione dei consumi.

Apple potrebbe adottare il nuovo G4 nel suo prossimo modello di PowerBook, anticipando così la transizione di questa linea di computer verso i processori G5 di IBM con circuiteria da 90 nanometri.

Il nuovo chip di Motorola, che eredita dalla famiglia di PowerPC G4 un core RISC a 32 bit, include il supporto alla variazione dinamica della frequenza, una funzionalità simile a quella offerta da altre CPU a basso consumo che, consentendo al sistema operativo o agli utenti di cambiare la velocità di clock “al volo” in base alle esigenze del momento, contribuisce a tagliare i consumi energetici e salvaguardare l’autonomia delle batterie.

L’MPC7447A integra poi un sensore attraverso cui poter monitorare la temperatura del chip in varie situazioni operative.

A 1,4 GHz, il chip a 130 nanometri di Motorola consuma in media meno di 20 W, un valore leggermente inferiore a quello del precedente modello a 1,33 GHz. Motorola ha poi citato una versione dell’MPC7447A indirizzata ai dispositivi embedded che consuma in media 9,3 W a 1,167 GHz. La differenza fra i due chip è che mentre il primo opera ad una tensione di 1,3 V, il secondo funziona a 1,1 V.

L’MPC7447A è di fatto una revisione di quell’MPC7447 che Apple sta attualmente utilizzando all’interno della sua linea di PowerBook G4. Il nuovo chip di Motorola potrebbe essere utilizzato in futuro dalla casa della mela per spingere le prestazioni dei suoi portatili entry-level, gli iBook.

Con la sua nuova generazione di PowerPC a basso consumo, Motorola guarda anche e soprattutto al mercato dei server blade e dei sistemi embedded, due settori dove ciò che conta maggiormente è il rapporto fra watt e prestazioni.

“E’ in atto un importante cambiamento nel modo in cui le CPU vengono utilizzate al di fuori del mercato ordinario dei server e dei PC”, ha detto Eric M. Mantion, senior analyst di In-Stat/MDR. “Nei sistemi di grid computing o embedded computing i progettisti non si preoccupano tanto della pura potenza di calcolo, ma piuttosto del rapporto fra performance e consumi”.

Ieri IBM ha invece annunciato un nuovo modello di Power4+ con frequenza di clock di 1,9 GHz. Il nuovo chip è indirizzato ai server hi-end ed è per il momento disponibile unicamente sulla linea di sistemi “Regatta-H” pSeries 690 da 16 processori. I chip Power4+ rivaleggiano direttamente con i processori dual-core UltraSparc IV e PA-8800, rispettivamente prodotti da Sun e HP .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mechano scrive:
    Re: Magari
    - Scritto da: Anonimo
    sono sempre stato contrario alle schede PCI
    ADSL, se non altro perchè un fulmine
    mi ha fo**uto:
    motherboard
    cpu
    ram
    hd
    e la scheda pci ADSL

    si è salvato solo il monitor,
    ovviamente.Mi spiace per l'evento. Ma di solito nella presa a muro c'e' un filtro con la protezione... Sei stato sfortunato, perche' al massimo si brucia la scheda ADSL.Comunque la scheda ADSL PCI e' la soluzione dalle prestazioni migliori. Usando una scheda PCI hai una catena composta da CPU, bus PCI e chipset del modem.Con un router hai CPU, BUS PCI, chip scheda di rete e relativo cavo, scheda di rete sul router, col suo bus e la sua CPU e quindi la connessione ADSL.Con un modem USB tra CPU e modem c'e' il bus PCI, poi il chipset dell'USB, e quindi l'elettronica seriale del modem.Insomma meno hardware c'e' di mezzo con i relativi driver piu' o meno efficienti e meglio e', e naturalmente i tempi di latenza e la velocita' del ping e dei pacchetti UDP e' migliore sulla scheda PCI ADSL. Secondo me la migliore soluzione in assoluto per i giochi on-line.Poi se la metti su una linux box ed hai una scheda per la quale il driver e sotto forma di codice sorgente (quasi tutte) puoi compilare il driver ottimizzandolo per la tua CPU e soprattutto i file di configurazione del driver della scheda hanno tutta una serie di parametri che puoi modificare (se sai cosa stai facendo) per migliorare ancora di piu' le prestazioni.--Ciao. Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 25/02/2004 22.39.01
  • Anonimo scrive:
    Re: Era ora!
    Anonimo wrote:
    Ogni armadio pieno di rack 1U oltre a necessitare di 2KW
    di alimentazione ha bisogno di almeno 3KW di
    condizionatore.X ammortizzare le spese mi sa ke vi conviene tappezzare il tetto con pannelli fotovoltaici (se poi siete al sud la cosa funzia pure meglio)! ^^''
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari
    Anonimo wrote:
    sono sempre stato contrario alle schede PCI ADSL, se non
    altro perchè un fulmine mi ha fo**uto:Non ke ce ne possa fregare poi molto......1- A me, x esempio, un fulmine fece partire solo il V.90.Da allora stacco presa di corrente e doppino telefonico durante i temporali estivi e non mi si e' + bruciato nulla.2- Non e' ke usando un adattatore ADSL USB/Ethernet si risolva poi molto.X quello servirebbe un parafulmine.
  • Anonimo scrive:
    Era ora!
    Che qualcuno ci pensasse.Chi ha a che fare con i server rack sa di cosa parlo. Ogni armadio pieno di rack 1U oltre a necessitare di 2KW di alimentazione ha bisogno di almeno 3KW di condizionatore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari
    Siii che bello! cosi' per smontare il pc e cambiare la cpu devo usare il microscopio o prima laurearmi in medicina con specializzazione in chirurgia vascolare!!!! BEEEEEELO!Sigmund
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari
    - Scritto da: Mechano
    Un cubetto con la scheda PCI ADSL che ti fa
    da router, firewall ecc. uno che fa da web
    server e servizi, l'altro un PC desktop. Con
    l'ADSL ti pubblichi il tuo server su
    internet coi tuoi servizi e il tuo
    business... Insieme al normale uso col
    desktop e il portatile, per tutta la
    famiglia insomma...sono sempre stato contrario alle schede PCI ADSL, se non altro perchè un fulmine mi ha fo**uto:motherboardcpuramhde la scheda pci ADSLsi è salvato solo il monitor, ovviamente.
  • Mechano scrive:
    Magari
    Sai che macchinette carine che ci vengono?Con lo standard mini-itx e simili, siamo a buon punto. Adesso anche il nuovo bus PCI se avesse una miniaturizzazione dello slot non sarebbe cosa cattiva.Finalmente spariscono quei "termosifo'" ATX che ci portiamo sotto e sopra le scrivanie.Mi piacciono tutti i barebone e i piccoli case per le motherboard mini-itx, e non sarebbe male cominciare a ridurre tutti i desktop... Soprattutto se ne potranno avere anche piu' di uno messi in rete sulla propria scrivania.Un cubetto con la scheda PCI ADSL che ti fa da router, firewall ecc. uno che fa da web server e servizi, l'altro un PC desktop. Con l'ADSL ti pubblichi il tuo server su internet coi tuoi servizi e il tuo business... Insieme al normale uso col desktop e il portatile, per tutta la famiglia insomma...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it==================================Modificato dall'autore il 24/02/2004 23.10.47
Chiudi i commenti