Nuovi crack sul GSM

Un ricercatore israeliano ha superato gli algoritmi di sicurezza utilizzati dalle reti cellulari sfruttando alcune falle che potrebbero consentire ascolto delle chiamate e identificazione degli interlocutori
Un ricercatore israeliano ha superato gli algoritmi di sicurezza utilizzati dalle reti cellulari sfruttando alcune falle che potrebbero consentire ascolto delle chiamate e identificazione degli interlocutori


Tel Aviv (Israele) – Il ricercatore israeliano Elad Barkan afferma di essere riuscito a superare la tecnologia di criptazione dei dati utilizzata sulle reti cellulari basate sullo standard GSM. Il crack della rete è stato possibile, secondo lo scienziato, grazie ad un errore trovato nel codice dell’algoritmo crittografico adottato nelle reti mobili 2G e 2,5G, una falla che potenzialmente potrebbe consentire l’ascolto di conversazioni e l’identificazione di chi telefona.

La GSM Association, il consorzio che raccoglie le aziende che sviluppano e adottano lo standard GSM, ha confermato l’esistenza della falla di sicurezza segnalata da Barkan, ma ha tenuto a precisare che la stessa può essere sfruttata solo attraverso costose apparecchiature e un know-how non comune.

Lo scorso anno la GSM Association aveva messo a punto una versione aggiornata dell’algoritmo crittografico utilizzato nelle reti GSM, l’ A5/3 , che risolve i problemi di sicurezza noti dell’A5/2, fra cui anche quello sfruttato da Barkan. Le reti GSM dei principali operatori non sono però ancora state aggiornate.

La GSM Association sostiene che il baco è già ben conosciuto dalla comunità GSM e che le implicazioni pratiche sono minime: esso non affligge, secondo il consorzio, le reti UMTS, che utilizzano un algoritmo critografico del tutto nuovo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 09 2003
Link copiato negli appunti