Nuovi firmware per PSP e PS3

Disponibili per il download

Come preannunciato negli scorsi giorni, Sony ha reso disponibili i nuovi firmware per PSP e PlayStation 3.

Il firmware 4.0 per PSP aggiunge all’interfaccia XMB (Xross Media Bar) una piccola web application che permette di effettuare ricerche sul Web con Google e richiamare le ultime 20 ricerche. Inclusa anche una funzione per la modifica della velocità di visualizzazione dei filmati caricati sulla Memory Stick DUO.

Per quanto riguarda invece il firmware 2.36 per PS3 , questo si limita a correggere i bug di alcuni giochi e migliorare la compatibilità con i giochi per PSone scaricati da PlayStation Store.

Per novità più significative si dovrà attendere il firmware 2.40, il cui rilascio è previsto per luglio-agosto. Questo aggiornamento porterà con sé la possibilità di passare da un gioco in esecuzione alla XMB e viceversa, consentendo all’utente di utilizzare Internet e modificare le impostazioni anche durante le sessioni di gioco. L’altra novità è data dai cosiddetti trofei , una sorta di obiettivi che il giocatore può raggiungere procedendo in un gioco.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ashell scrive:
    Farlo e non dirlo, cribbio!
    Guerre di DDoS sui siti degli inserzionisti concorrenti per tirarli giu' dalle classifiche in 3.. 2.. 1..E questo perche' lo hanno detto. Dare un peso alla velocita' del sito non e' una cattiva idea, ma non lo devi dire in giro, e' un regalone a chi cerca di scalare il ranking. E questo i tipi di Google lo sanno benissimo. Forse lo hanno detto lo stesso perche' con questo sistema:1. nessuno puo' lamentarsi di scarsa esposizione (guardi sig. inserzionista, che il sito xyz ha un ping medio di ben 20 millisecondi inferiore al suo... come, chi lo dice? I NOSTRI log, hehe)2. mettiamo caso che google offra hosting di pagine pubblicitarie nei suoi siti messi su un server a pochi hop di distanza da quello che misura la velocità, venderebbe spazi come noccioline. Ma sarebbe una mossa alla MS via- non il massimo di ritorno di immagine.
  • Angelo scrive:
    Qualita e velocita
    Ciao Alfonso, al di la' del fatto che questo meccanismo esiste da un pochino in AdWords, vorrei sottolineare un aspetto citandoti : "Il risultato concreto della modifica agli algoritmi di AdWords sara che, chi ha la possibilita di avere servizi hosting di maggior qualita dovrebbe veder favorita la propria posizione nel motore di ricerca"Non credo che il principio sia questo, la tua frase sembra premiare chi ha maggiori risorse monetarie per permettersi hosting migliore a discapito della piccola azienda o del singolo che non hanno tantissime risorse. Al di la dell'ovvia considerazione che la velocita di accesso vada premiata e ci si debba investire, non e' solo con soldi ed hosting che si creano landing pages piu veloci. Un hosting decente e' oggi accessibile a tutti. Per essere piu veloci basta poi avere conoscenza e studiare bene la progettazione della propria pagina, con lo scopo finale di dare una migliore esperienza all'utente. Quest'ultima e', ovviamente, cio che vuole migliorare e premiare Google.
    • andy61 scrive:
      Re: Qualita e velocita
      la velocità d'accesso non è legata soltanto all'infrastruttura che ospita il sito, ma anche alla banda ed alla CPU di cui dispone il fruitore.Ritengo che, più o meno tra le righe, Google tenda a fare in modo che l'utente sia in grado di consultare un maggior numero di pubblicità nell'unità di tempo.Se una pubblicità è lenta, ritarda il mio consultare altri siti, e quindi altri link sponsorizzati, su cui Google fonda il suo business.
  • Toshiro Mifune scrive:
    Che gli frega a Google
    Se io pago per comparire, che gli frega a google se la mia pagina è lenta ?IO PAGO e voglio comparire tot volte tra le ricerche. Mi sembra giusto.Ma forse non ho capito bene.
    • Olmo scrive:
      Re: Che gli frega a Google

      Ma forse non ho capito bene.Gli importa, perché vogliono essere i leader. E per essere i leader devi dare il servizio migliore. E perciò spronano i loro partner ad aumentare la qualità, penalizzando chi non fornisce ads veloci.
    • ........... ....... scrive:
      Re: Che gli frega a Google
      non sai neppure come funzionano i banner di adsense, altrimenti non avresti fatto questa sparata.Non puoi controllare la velocita' di visualizzazione dei loro banner, e non e' questo che ti da la performance di paginaGoogle calcola il caricamento della pagina del tuo sito, script esterni esclusi, quindi se tu crei un portale web non ottimizzato o lento a causa hosting saturo, avai pagine lente e verrai penalizzato . .sempre che cmq non siano i tuoi utenti ad essere cmq i primi a scappare.Google dice: inutile che faccio impression su di te, dove e' alta la possibilita' che la pagina non venga vista, meglio farla su siti che mi danno performance migliori e tempi di caricamento piu' veloci: maggior numero di banner, minor incidenza alla fuga degli utenti.Inoltre, la composizione degli ADV non fa parte dei parametri valutati: l'unica cosa valutata e' l'http get della pagina di posizionamento dei banner.
      • pippo scrive:
        Re: Che gli frega a Google

        Inoltre, la composizione degli ADV non fa parte
        dei parametri valutati: l'unica cosa valutata e'
        l'http get della pagina di posizionamento dei
        banner.Noscript e diventano velocissimi ;)
  • sdafads scrive:
    Cioè?
    Cioè in futuro i siti che useranno Google App Engine verranno premiati da Adwords? (così la butto lì leggendo tra le righe)
Chiudi i commenti