Nuovi P4 e Xeon e nuova blindatura

Intel conferma l'imminente introduzione di CPU x86 con supporto ai 64 bit e di una funzionalità di sicurezza che sulla carta mette al riparo dalla maggioranza dei codici malevoli
Intel conferma l'imminente introduzione di CPU x86 con supporto ai 64 bit e di una funzionalità di sicurezza che sulla carta mette al riparo dalla maggioranza dei codici malevoli


New York (USA) – Intel ha confermato l’ormai imminente debutto dei suoi primi modelli di processore pensati per avvantaggiarsi di quella che viene presentata come una funzione di sicurezza “antivirus” nonché delle istruzioni x86 a 64 bit.

I più recenti P4 e Xeon integrano la funzione NX (No Execute) che impedisce a cracker e programmi malevoli, come worm e virus, di eseguire del codice pericoloso sfruttando gli errori di tipo buffer overflow. Tale funzione, benché già presente su tutti i chip basati sul core Prescott, è attualmente disabilitata.

La tecnologia NX, inclusa (e già attivata) anche nelle CPU Athlon 64 e Opteron di AMD, può funzionare solo se supportata dal sistema operativo: in Windows XP tale supporto verrà introdotto con l’imminente Service Pack 2 .

Nel recente passato Intel ha già adottato la pratica di includere nei propri chip tecnologie “dormienti” che sono state attivate solo in un secondo momento: ne è un esempio Hyper-Threading.

Il chipmaker di Santa Clara ha poi confermato che, a partire da giugno, lancerà sul mercato le sue prime CPU x86 integranti l’Extended Memory 64 Technology (EM64T), la propria estensione x86 a 64 bit che promette piena compatibilità con la tecnologia AMD64. Questa tecnologia verrà presto inclusa sia nei nuovi modelli di chip dual-processor basati sul core Nocona, sia sui chip con supporto ad un solo processore basati sul core Prescott e indirizzati al mercato delle workstation e dei server di fascia bassa.

Di recente Intel ha svelato l’intenzione di voler accelerare il debutto commerciale dei suoi primi processori a doppio core , una strategia che sarà accompagnata dalla migrazione dei suoi chip x86 verso l’architettura alla base del Pentium M.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 05 2004
Link copiato negli appunti