Nuovo standard per la TV digitale mobile

Sei grosse emittenti giapponesi hanno approvato uno standard che, a partire dal 2006, porterà la TV digitale su milioni di telefoni cellulari. Competerà con il mobile broadcasting satellitare


Tokio (Giappone) – Sei fra le più grandi reti televisive giapponesi si sono accordate sull’adozione di una tecnologia standard che, a partire dal 2006, verrà utilizzata per trasmettere la TV digitale terrestre verso i dispositivi mobili compatibili, primi fra tutti i telefoni cellulari.

Il cartello, di cui fa parte l’ente pubblico giapponese Japan Broadcasting, utilizzerà le tecnologie di compressione e protezione dei contenuti multimediali licenziate dalla MPEG LA, fra cui l’MPEG4 e il relativo sistema di digital rights management.

I primi servizi digitali mobili si attiveranno nel marzo del 2006 e, secondo quanto rivelato dalla Japan Broadcasting, saranno gratuiti. Per il momento, tuttavia, ancora nessun produttore ha annunciato lo sviluppo di telefoni cellulari compatibili con il nuovo standard.

La tecnologia digitale promossa dalle emittenti private TBS, NTV, TV Asahi, Fuji TV e TV Tokyo è destinata a scontrarsi, in Giappone, con quella satellitare basata sullo standard Digital Multimedia Broadcasting. Quest’ultimo è appoggiato dalla joint venture Mobile Broadcasting, che insieme ad altri colossi del settore delle telecomunicazioni conta di dare il via alle prime trasmissioni TV digitali mobili già a partire dal 2005.

Qui in Europa tra le tecnologie in lotta per la trasmissione di contenuti audio/video digitali verso i dispositivi mobili vi sono il DVB-H, una versione dello standard già utilizzato per la TV digitale terrestre, e il DAB , oggi principalmente impiegato per trasmettere la radio digitale ma anche capace di veicolare contenuti video full motion.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Red hat
    il server è Apache/2.0.46 su Red Hatpowered by gentoo(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Red hat
      - Scritto da: Anonimo
      il server è Apache/2.0.46 su Red Hat

      powered by gentoo(linux)Ciao,sono sia un linaro che un windogsiano.Noto stranamente che altri windogsianinon sono venuti qua a spuXXanare comeal solito, ma ci pensate gia' voi con questicinque inutili messaggi; e probabilmente"loro" non sanno neanche cos'e' "gnome".Pero' mi devi spiegare cosa c'entrala tua citazione di gentoo,la metadistribuzione per eccellenza,cioe' meta'-server e meta'-desktop.Cioe' la distro piu' inutile che c'e' al momento.:-)Si potrebbe fare un install-party stage1LOLIn ogni caso non credo ti riferissialla sicurezza dei server di gentoo,vero? :-PA parte ste cazzate in linea con i msgscritti fino ad ora,direi che la situazione relativa allaviolazione dei server comincia a diventare pesantina.E lin non e' ancora molto diffuso :-/a livello desktop;considerando che un utonto cheapre mail via windows puo'altrettanto facilmente lanciareallegati-script che non ci mettonomolto ad interagire con sendmailpostfix qmail exim ecc,ci sono i presupposti per una prossima catastrofe anche in lincome con win?-- Erotua
      • Anonimo scrive:
        Re: Red hat

        Ciao,
        sono sia un linaro che un windogsiano.
        Noto stranamente che altri windogsiani
        non sono venuti qua a spuXXanare come
        al solito, ma ci pensate gia' voi con questi
        cinque inutili messaggi; e probabilmente
        "loro" non sanno neanche cos'e' "gnome".
        Sappiamo benissimo cos'è gnome , diciamo che noi non facciamo proselitismo e spariamo trollate ogni volta che si legge di bachi o intrusioni su macchine linux, utonti da una parte, educati e rispettosi dall'altra
        Pero' mi devi spiegare cosa c'entra
        la tua citazione di gentoo,
        la metadistribuzione per eccellenza,
        cioe' meta'-server e meta'-desktop.
        Cioe' la distro piu' inutile che c'e' al
        momento.
        :)come al solito avrà pubblicizzato la sua distro preferita...
        • Anonimo scrive:
          Re: Red hat

          Sappiamo benissimo cos'è gnome ,
          diciamo che noi non facciamo proselitismo e
          spariamo trollate ogni volta che si legge di
          bachi o intrusioni su macchine linux, utonti
          da una parte, educati e rispettosi
          dall'altraConcordo pienamente, spero solo che questo faccia un pochino di scuola per i tanti linari che al prossimo bug di windows decideranno di andare a trollare su quei forum.E' nell'interesse di tutti che i vari OS siano sicuri.
      • Anonimo scrive:
        Re: Red hat
        - Scritto da: Erotua

        A parte ste cazzate in linea con i msg
        scritti fino ad ora,
        direi che la situazione relativa alla
        violazione dei server comincia a
        diventare pesantina.
        E lin non e' ancora molto diffuso :-/
        a livello desktop;
        considerando che un utonto che
        apre mail via windows puo'
        altrettanto facilmente lanciare
        allegati-script che non ci mettono
        molto ad interagire con sendmail
        postfix qmail exim ecc,
        ci sono i presupposti per una
        prossima catastrofe anche in lin
        come con win?

        Erotua
        Ho paura di sì. Le maggiori distro, per rendersi più appetibili al "grande pubblico", corrono alla semplificazione, cercando di nascondere i dettagli tecnici agli utenti. Grosso modo, l'idea è che l'utente deve potersi permettere di essere ignorante a volontà su tutto ciò che riguarda il sistema.Così anche l'utente di Linux sarà ignorante ed impreparato di fronte a virus, vermi, malware prossimi venturi.Comunque una eventuale diffusione di massa renderà evidenti tanti punti critici.
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Red hat
          - Scritto da: YureW
          - Scritto da: Erotua

          A parte ste cazzate in linea con i msg

          scritti fino ad ora,

          direi che la situazione relativa alla

          violazione dei server comincia a

          diventare pesantina.
          Ho paura di sì. Le maggiori distro,
          per rendersi più appetibili al
          "grande pubblico", corrono alla
          semplificazione, cercando di nascondere i
          dettagli tecnici agli utenti. ...Ma stai parlando sul serio oppure a casaccio? I server delle grande comunità di sviluppo come quella di Gnome sono controllati persino secondo dopo secondo, questo lo deduco dal fatto che dei file temporanei sono stati notati in fase di attacco. Questo significa che i cracker erano previsti oppure che si da sempre un'occhiata in /tmp o con occhio umano o con script automatici.E' pure possibile che i file siano rimasti "morti" in /tmp e che l'attaccante abbia rinunciato ad avere diritti letali per l'integrità del progetto, in questo caso il sistema era abbastanza blindato.Gente con le OO che blocca un attacco quando non ha ancora provocato danni, nell'articolo si parla di scansione del sistema, nella mia ignoranza suppongo abbiano acquisito i diritti di un utente e si siano messi a controllare il sw installato alla ricerca di materiale con falle che loro conoscono.Credo che tutte le maggiori .org si attendano una intrusione, la voce si è sparsa e le contromisure sono in atto come dimostra questo attacco fallito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Sandro kensan
            Ma stai parlando sul serio oppure a
            casaccio? I server delle grande
            comunità di sviluppo Non parlavo dei server delle comunità di sviluppo, parlavo di distro Linux in casa degli utenti domestici.Mi sono espresso male: quando dico che le grosse distro nascondono dettagli tecnici agli utenti, intendo dire che, ad esempio, una Mandrake tende a cercare di semplificare la vita all'utente con strumenti di amministrazione che vogliono essere intuitivi, e che finiscono per far perdere all'utente il controllo "fine" sul proprio sistema, evitandogli tra l'altro il disturbo di studiare manualistica. Far funzionare una Slackware non è difficilissimo, però richiede un minimo di studio e di preparazione, cosa che permette all'utente, poi di essere anche più attento alla sicurezza.Dal punto di vista di una distro "facile", invece, è chiaro che se l'utente neanche sa, perché non ne ha bisogno, che esistono gli script, allora sarà facilmente bersaglio di uno script maligno.
          • Mechano scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Sandro kensan
            Credo che tutte le maggiori .org si
            attendano una intrusione, la voce si
            è sparsa e le contromisure sono in
            atto come dimostra questo attacco fallito.L'opensource ha molti nemici ultimamente. Non avrei problemi ad indicare grosse software house closed come mandanti oltre che finanziatori di attivita' di sabotagio. Non per nulla la stessa Micro$oft ha preso esperti Linux al suo interno, loro dicono per studiare la concorrenza e capire come meglio arginarla. Una frase che puo' avere molteplici significati...Non dico che sia stata M$ a inserire l'= al posto di un == in una IF all'interno dei sorgenti del kernel Linux in un punto studiato ad arte per ausare una scalata di privilegi, o a compromettere i server Debian, o adesso il caso di Gnome, ma penso che invidie e paure non facciano trovare altre soluzioni che queste a tutti coloro che si vedono minacciati dall'opensource.C'e' ancora tata ignoranza e tanta paura e odio nei confronti dell'opensource e me ne sono accorto pure ieri al convegno su Opensource e Pubblica Amministrazione a Padova, dalle dichiarazioni di presidenti degli Imprenditori, del dirigente Sun Italia e di altri dirigentid i aziende dell'IT piu' o meno piccole.Gente che non sa ancora distinguere tra gratuito e libero, gente che non capisce e non sa adattarsi al nuovo tipo di informatica che viene fuori dal mondo opendource.--Ciao. Mr. Mechano
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Mechano
            L'opensource ha molti nemici ultimamente.
            Non avrei problemi ad indicare grosse
            software house closed come mandanti oltre
            che finanziatori di attivita' di sabotagio.
            Non per nulla la stessa Micro$oft ha preso
            esperti Linux al suo interno, loro dicono
            per studiare la concorrenza e capire come
            meglio arginarla. Una frase che puo' avere
            molteplici significati...Meglio non lanciare accuse, siamo su un forum pubblico e molti di quelli che postano qui potrebbero non essere d'accordo con le supposizioni che stai facendo. Temo che i contatti con SCO e company e la voglia di querelare ci possano essere, meglio un profilo basso e accuse velate. Questa è una mia opinione, poi vedo che ami esporti ma non è necessario imho. Ok, ho più paura di te...:)
            Non dico che sia stata M$ a inserire l'= al
            posto di un == in una IF all'interno dei
            sorgenti del kernel Linux in un punto
            studiato ad arte per ausare una scalata di
            privilegi, o a compromettere i server
            Debian, o adesso il caso di Gnome, ma penso
            che invidie e paure non facciano trovare
            altre soluzioni che queste a tutti coloro
            che si vedono minacciati dall'opensource.invidie e paure non facciano trovare altre soluzioni...carina, carina e pure elegante, il lato estetico vuole la sua parte :)
            C'e' ancora tata ignoranza e tanta paura e
            odio nei confronti dell'opensource e me ne
            sono accorto pure ieri al convegno su
            Opensource e Pubblica Amministrazione a
            Padova, dalle dichiarazioni di presidenti
            degli Imprenditori, del dirigente Sun Italia
            e di altri dirigentid i aziende dell'IT piu'
            o meno piccole.Un resoconto da pubblicare? Se hai tempo e voglia...
            Gente che non sa ancora distinguere tra
            gratuito e libero, gente che non capisce e
            non sa adattarsi al nuovo tipo di
            informatica che viene fuori dal mondo
            opendource.
          • Mechano scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Sandro kensan

            Non per nulla la stessa Micro$oft ha
            Meglio non lanciare accuse, siamo su un
            forum pubblico e molti di quelli che postano
            qui potrebbero non essere d'accordo con le
            supposizioni che stai facendo. Temo che iMa io ho detto la Micro$oft non la Microsoft, Micro$oft e' un'altra azienda di sistemi operativi in una dimensione parallela alla nostra, in un mondo in cui le regole quantistiche sulle molecole sono diverse dal nostro... :-)
            Un resoconto da pubblicare? Se hai tempo e
            voglia...Ma si' butto giu' 2 righe e te le mando...
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Mechano
            Ma io ho detto la Micro$oft non la
            Microsoft, Micro$oft e' un'altra azienda di
            sistemi operativi in una dimensione
            parallela alla nostra, in un mondo in cui le
            regole quantistiche sulle molecole sono
            diverse dal nostro... :)^______^ Ok mechano, sei simpatico!
            Ma si' butto giu' 2 righe e te le mando...Ricevute e pubblicate.
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Mechano

            Un resoconto da pubblicare? Se hai
            tempo e

            voglia...

            Ma si' butto giu' 2 righe e te le mando...Le spedisci anche a me?Grunch
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Mechano



            Un resoconto da pubblicare? Se hai

            tempo e


            voglia...



            Ma si' butto giu' 2 righe e te le
            mando...

            Le spedisci anche a me?
            Grunchhttp://www.linuxhelp.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2023
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Mechano



            Un resoconto da pubblicare? Se hai

            tempo e


            voglia...



            Ma si' butto giu' 2 righe e te le
            mando...

            Le spedisci anche a me?
            GrunchQui non si può fare pubblicità ad altri articoli ma se vai su LinuxHelp e clicchi sull'articolo di Mechano (il secondo) trovi quel che cerchi.P.S. se non lo conosci cerca con google, è il primo link.
          • Stephan scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Mechano
            Non dico che sia stata M$ a inserire l'= al
            posto di un == in una IF all'interno dei
            sorgenti del kernel Linux in un punto
            studiato ad arte per ausare una scalata di
            privilegiPremettendo che sono informaticamente ignorante...Questa non la capisco!Se in un programma scrivo if( ciccio = pluto )invece di == di solito non dovrebbe dare errore in compilazione?
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Stephan
            Premettendo che sono informaticamente
            ignorante...
            Questa non la capisco!
            Se in un programma scrivo
            if( ciccio = pluto )
            invece di == di solito non dovrebbe dare
            errore in compilazione?Ciao Stephan, mi fa piacere parlare almeno con un nick e non un anonimo. ti posso dire che il c ha delle istyruzioni che si possono comporre in modo molto fantasioso e con molti differenti effetti. Tutto c corretto ma chi vuole sviare l'attenzione dei bugfinder ha modo di farlo.di c non so molto e sono parecchio a digiuno ma credo che un if (n==1) abbia come risultato dell'espressione condizionale (che in questo caso è un assegnamento) il valore 1 che è diverso da zero che sta per VERO e quindi si parla di FALSO. Se anche sbagliassi so per certo che trucchetti di questo genere esistono e sono stati sfruttati dai cracker in questione.
          • Stephan scrive:
            Re: Red hat
            grazie, ho capito.Non avevo pensato al fatto dell'assegnazione...
          • Mechano scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Stephan
            Premettendo che sono informaticamente
            ignorante...
            Questa non la capisco!
            Se in un programma scrivo
            if( ciccio = pluto )
            invece di == di solito non dovrebbe dare
            errore in compilazione?Il significato e' diverso. L'uguale singolo e' un'assegnazione che puo' essere usata pure dentro una IF per assegnare al volo prima di confrontare. Il doppio uguale e' il confronto vero e proprio.Ti faccio un esempio:if ((a=b) == c); { istruzioni }In questo caso esegue l'assegnazione del valore della variabile b ad a e dopo confronta se questo valore e' uguale a quello della variabile c.if (!(a = b)) Anche qui c'e' una negazione dopo un'assegnazione. Nel sabotaggio del kernel fu modificato ad arte un assegnazione if in cuiif (variabile = 0) eseguiva un'assegnazione di 0 alla variabile invece del confronto per vedere se a zero (variabile == 0).E fu fatto sapientemente in un punto dove si controllavano i permessi di un utente prima di permettergli l'accesso a risorse del sistema a cui puo' accedere solo root, annullando il valore della variabile invece che facendo un confronto si dava di fatto il permesso creando una breccia nella sicurezza.Questo e' terribile, perche' ci sono profondi conoscitori del kernel di Linux ma pronti a sabotarlo per gettare fango sulla sua fama di sicurezza e stabilita', o almeno rallentarne molto lo sviluppo. Io mi chiedo chi puo' aspirare a cio'? Persone che avevano riposto i loro sogni di guadagno sull'opensource e sono stati delusi? Programmatori ben pagati da aziende che odiano Linux e cio' che rappresenta?Perche' la maggior parte degli appassionati invece desidera che Linux migliori e diventi sempre piu' potente e sicuro.Una conseguenza questi eventi l'hanno avuta, ed e' un rallentamento dello sviluppo di molti componenti importanti a causa dei maggiori controlli necessari.Ma c'e' anche un'altra cosa che mi preoccupa, penso al modo di preparare molti pacchetti per molte distribuzioni. Di solito nata la community attorno ad un progetto di una nuova distro poi alcuni di loro dopo aver conquistato la fiducia dei maintainer collaborano sia lavorando ai tool di sistema (sistemi di aggiornamento ecc.) ma anche semplicemente compilando le nuove versioni di molte applicazioni ottimizzandole per processori come i686 e K7 e mettendole a disposizione degli altri utenti di quella distribuzione. C'e' il pericolo che uno di loro sia una talpa sabotatrice e che inserisca vulnerabilita' nei sorgenti del pacchetto prima di compilarlo e metterlo a disposizione degli altri utenti di quella distro.Quindi molti mirror sono a rischio, distribuzioni come Arch, Gentoo o la stessa Debian coi loro pacman, emerge, apt-get potrebbero scaricare programmi compilati da un membro della community che collabora alla preparazione dei pacchetti compilati ma ai quali ha aggiunto una vulnerabilita' per i motivi che ho prima ipotizzato.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            il 90% delle persone che usano gentoo, quando fanno un emerge scaricano i sorgenti, non il precompilato.tra questi 90% ci sara' pur un 10% che si guarda il sorgente?e tra questi 10% almeno un 2% che ci capisce qualcosa e che scova la carognata ci sara' sicuramente.ok, sono ottimista! ^_^
        • KerNivore scrive:
          Re: Red hat

          Comunque una eventuale diffusione di massa
          renderà evidenti tanti punti critici.Il punto piu' critico pero' l'hai gia' evidenziato te : gli utenti.Se continua l'attuale situazione di ignoranza informatica, non ci sara' linux che tenga e virus e worm continueranno ad esistere... (anche se daranno, auspicabilmente un po meno problemi al sistema...)
      • Mechano scrive:
        Re: Red hat
        - Scritto da: Erotua
        E lin non e' ancora molto diffuso :-/
        a livello desktop;
        considerando che un utonto che
        apre mail via windows puo'
        altrettanto facilmente lanciare
        allegati-script che non ci mettono
        molto ad interagire con sendmail
        postfix qmail exim ecc,
        ci sono i presupposti per una
        prossima catastrofe anche in lin
        come con win?Per fortuna il compromettere il sistema su Linux e' un po' piu' difficile finche' l'utilizzatore si crea un utente con scarsi privilegi e fa tutto con quello.Lo script si ti interagisce con cio' che vuoi ma non ti potra' permettere di eseguire tools o accedere a risorse che necessitano dei privilegi di root.Cio' non vuol dire minimizziamo il problema. I dati nella home di un utente sono quanto e piu' importanti di tutta l'installazione del sistema operativo, ma esistono i backup e copiare ogni tanto tutti propri file importanti in una cartella coi privilegi di root o meglio supporti esterni e' la solita ovvia soluzione.--Ciao. Mr. Mechano
        • Anonimo scrive:
          Re: Red hat
          - Scritto da: Mechano
          Per fortuna il compromettere il sistema su
          Linux e' un po' piu' difficile finche'
          l'utilizzatore si crea un utente con scarsi
          privilegi e fa tutto con quello.
          Lo script si ti interagisce con cio' che
          vuoi ma non ti potra' permettere di eseguire
          tools o accedere a risorse che necessitano
          dei privilegi di root.Diversi ultimi aggiornamenti del kernel erano relativi a bugs che permettevano una "local privilege escalation" o qualcosa del genere a root se non sbaglio, e sicuramente ce ne sono ancora di kernel vulnerabili in giro, per cui cominciamo a mettere nella padella a scaldare questo fondo....
          Cio' non vuol dire minimizziamo il problema.
          I dati nella home di un utente sono quanto e
          piu' importanti di tutta l'installazione del
          sistema operativo, ma esistono i backup e
          copiare ogni tanto tutti propri file
          importanti in una cartella coi privilegi di
          root o meglio supporti esterni e' la solita
          ovvia soluzione.Beh, ok, certo " ~ (home) uguale documenti"tutto quello che si riesce a cancellare, si puo' cancellare, non fa una grinza (cosa che sembra stia anche tornando di moda con un virus di qualche giorno fa, ma ormai leggo con poca attenzione it.comp.sicurezza.virus, potrei sbagliarmi, ma di poco).Come scrive Kernivore"Se continua l'attuale situazione di ignoranza informatica, non ci sara' linux che tenga e virus e worm continueranno ad esistere... (anche se daranno, auspicabilmente un po meno problemi al sistema...)"Giusto, aggiungiamo anche questo nel tegame, che mi sembra proprio l'ingrediente principale, e poi...mettiamoci dentro una ipotetica diffusione di TANTE distribuzioni linux con TUTTI i client MUA che volete (alla faccia di chi dice che disperder.. OPS differenziare e' bello e rende difficile la vita ai virus) e diciamo che comincino ad essere scritti "un virus al giorno (leva linux di torno?)" e diffusi.Come sarebbero questi virus?Io, diciamo, non ci capisco niente; quindi ipotizzo:ho detto all'inizio allegati con script, ma potrebbero tranquillamente essere eseguibili da lanciare in XFree (o eXfree come lo chiamo io ;-) con i soliti giochini e cazzatine varie; cosa ci mettiamo in questi giochini?Per esempio un programmino che ti fa la scansione del sistema degli ultimi mesi dei programmi principali, diciamo, nel bene e nel male dell'onesta' degli sviluppatori che riportano i bugs, diciamo, ..... una decina di bug "gravi" a settimana?Ok, consideriamo quindi che possiamo scansionare un due-trecento bugs in ogni sistema con linux, un MTA, un samba, un apache, un X e altre cose sparse.Si, uin c'ha lo scripting host, il vb, l'active X, il quello che vuoi che non dovrebbe interagire con un sano browser o un MUA,ma vuoi che non troviamo in X e software-compagnia-bellaun qualcosa che per un momento mi fa fare qualcosa come root ed interagire con il sistema?Allora sei piu' ottimista di quello che dice che il 2% del 10% del 10% di quelli che usano gentoo controllano i sorgenti, ma quelli che usano gentoo purtroppo sono in 998 :-P(**questa** paranoia la vediamo dopo)Ah si; controlliamo anche il kernel, "un si sammmai..." ;-)Non sarebbe male scalare subito a root, no?Poi, se proprio e' tutto a posto mettiamo un JohnRipper in nice al minimo dei giri e se trova qualche password utile, me la mandi per posta, no? (ok, /etc/shadow mi sembra sia 0600 ma se ci sono venti modi per uscire da un chroot, qualcosa si puo' fare anche con /etc/shadow, o forsel'utente non puo' lanciare un keylogger su se' stesso?)Ovviamente oltre a fare il giro delle /home/users anche se solo in lettura, se posso metto un bello sniffer con attenzione sulle banche come fatto da altri virus attenti a dove propagarsi.Sara' mica difficile mandare una "mail" una "mutt", una "nail" o altri con l'aiuto del MTA locale vero? LOL!!Anzi, direi di mandare il programma a tutti gli altri utenti della rubrica, e che cavolo! Sara' mica un problema trovare indirizzi? Mai visto un MTA fare storie, e poi su linux c'e' il fighissimo packet filter ma non c'e' il personal firewall che controlla le applicazioni che usano internet.... ahi ahi signora Longari.......Cosa? hai il proxy fighissimo e non scarichi ne' invii la posta?Cacchio, ma avrai internet!Ok, il tuo numero della carta di credito mi arriva cosi':www.sitotemp.mozambico?utente&linux&87430949837&altre_info.Mescoliamo e serviamo.(segue)
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            Ecco cosa abbiamo ottenuto:Il sistema win fatto lin e forse peggio, con buona pace per la sicurezza del sistema e il fanatismo dei linari di curva. Linari di curva che tremano all'idea di finire cosi' e inconsciamente vogliono e non vogliono che linux finisca nelle mani degli utenti "sbadati", perche' gli utenti sbadati ci convivono con uin e le sue ficiur, mentre i linari sono"c-a-g-a-t-i", altro che sicuri ;-)Lo diceva Aaron Nimzowitch: "la minaccia e' piu' forte della sua esecuzione".L'utente resta il punto debole.""Se continua l'attuale situazione di ignoranza informatica, non ci sara' linux che tenga e virus e worm continueranno ad esistere..."Alla fine, YureW ha ragione neh?"Comunque una eventuale diffusione di massa renderà evidenti tanti punti critici."Chi vuole negare questo o e' fanatico o non conosce quello che utilizza; occorre anche una certa maturita' per ammettere queste cose, no? Conoscere bene qualcosa vuol dire sicuramente conoscere anche i suoi possibili punti deboli.....La questione sui pacchetti debian, gentoo, o addirittura da backports.org e tutti quelli rintracciabili su apt-get.org per non parlare di rpmfind con milioni e milioni di rpm...E come vuoi essere sicuro? Con l'md5? Certo sei sicuro che forse qualcosa non lo e'.Non so come spiegarmi.La paranoia per eccellenza, certo...non e' curabile.O ti fidi, o non ti fidi; resta il fatto che i sorgenti sono pubblici;piu' che il fatto, resta l'unica speranza e salvezza.Per esempio (mio, personale),installa sporum su woody, e guarda cosa ti suggerisceil manteiner: a parte un link rotto che occorre sistemareti suggerisce in pratica di mettere una password in chiaroin un file e di dare in pratica ALL PRIVILEGES nel db "users".Dice "pero' forse questo settaggio di mysql si puo' faremeglio". Certo, perche' senno' fai login mysql con la pwdtrovata in chiaro in /etc/sporum.conf e fai fuori tutto.CaXXo! Bel pacchetto debian sicuro, porcavacca.Poi sporum non esiste piu' da sarge in poi, e tutti alla fine usano phpbb, ovvio. Il punto e' che rimane il dubbio sullasicurezza dei pacchetti.Come?Devo sapere quello che faccio e guardare tutto?"Si presuppone che tu sappia....", "Non devi essere un utonto (nel senso buono)"LOL. Si, ma automaticamente ammetti"no uindovs, no desktop" ti pare?Uh :-/ sono andato un po' "OFF"Se invece apriamo alla tesi del "complotto" della M$che viene dal futuro tipo terminator per distruggere linux prima che prenda il sopravvento (ROTFL, scusate), allorapreparatevi perche' un giorno che verra' ricordatocome l'ultimo unix-time, tutti i server e desktop (ri-ROTFL, riscusate) SI FERMERANNO TUTTI ASSIEME.....Una nota per Shuren:gli utenti debian che sono talebani rientrano in realta' del gruppo dei linari talebani, perche' questi individui"POVERETT by DEBIAN" tra cui mi ci metto pure io,hanno il complesso "della stable", che quando ormai diventa"muffed" fa diventare nervosi pure loro :-)Per non parlare del "debian reference" che dovrebbe essereil testo di riferimento ma al cui confronto l'handbook freebsdsembra "la britannica".Ma alla fine e' tutto materiale per novella2000Si, si, la documentazione linux,.... ma lasciamo perdere........Io personalmente a parte maledire il giorno che non ho seguito mio padre a fare l'installer..... di caldaie ;-)sto attendendo il giorno in cui spero spariranno tutte questecose tecnologiche come lo sono uin, lin, telefoni, televisioniche ti arrivano anche via condotto-del-cesso (il cesso digitale fognario) e sto ancora aspettando che si avveri quello cheraccontavano quando ero piccolo:"Le macchine e i computer allevieranno i compiti dell'uomorendendolo piu' libero, capace di avere del tempo da dedicare ad elevarsi mentalmente e dedicarsi alla ricerca per un miglioramento globabale dell'umanita' " (o qualcosa di simile).Per momento vedo solo che la tecnologia che finisce nei paesi poveri dove lavorano 15 ore al giorno per 10 dollarista rendendo invivibile le societa' delle "grandi potenze industriali".Staremo a vedere, anche se non ci conto molto.....Tutto quanto sopra non e' necessariamente vero,puo' essere anche solo una provocazione e forse non sonorealmente convinto di tutto o d'accordo con quanto scritto.ma non posso riscrivere tutto per essere troppo diplomatico :-)Ma l'ho fatto perche' noto un limitato numero di post che segue il thread e non la solita media di 1,05 msg / threadche c'e' di solito.Ok, ora vediamo se esce sta sarge.....-- Erotua E' difficile credere ancora negli ideali, ma per un compenso adeguato si puo' fare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Erotua
            Ecco cosa abbiamo ottenuto:

            Il sistema win fatto lin e forse peggio, con
            buona pace per la sicurezza del sistema e il
            fanatismo dei linari di curva.
            Linari di curva che tremano all'idea di
            finire cosi' e inconsciamente vogliono e non
            vogliono che linux finisca nelle mani degli
            utenti "sbadati", perche' gli utenti sbadati
            ci convivono con uin e le sue ficiur, mentre
            i linari sono
            "c-a-g-a-t-i", altro che sicuri ;)
            Lo diceva Aaron Nimzowitch: "la minaccia e'
            piu' forte della sua esecuzione".E quì ho finito di leggere.... l'italiano non è un'opinione e se tu non ti sforzi di scrivere correttamente io di certo non mi sforzo per leggere...
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Anonimo
            E quì ho finito di leggere....
            l'italiano non è un'opinione e se tu
            non ti sforzi di scrivere correttamente io
            di certo non mi sforzo per leggere...In effetti hai ragione, fa piuttosto schifo;non ho scelto la giornata giusta per mettermi a farelo scrittore.Comunque non mancava molto alla fine, su :-)-- Erotua
          • Anonimo scrive:
            Re: Red hat
            - Scritto da: Erotua
            In effetti hai ragione, fa piuttosto schifo;
            non ho scelto la giornata giusta per
            mettermi a fare
            lo scrittore.Or dic 'na poessia :-PBuon fine settimana a tutti.
    • Shuren scrive:
      Re: Red hat
      Oggi non mi va di farti passare da troll, quindi ti faccio passare per ignorante, così magari la prossima volta ci pensi due volte prima di uscirtene con la tua Gentoo... Ottima distribuzione per carità, ma gli utenti sono peggio dei talebani di Debian. [1]http://www.linuxsecurity.com/advisories/gentoo.htmlNiente di più e niente meno delle altre. Il bug interessava Apache, e con la distribuzione in cui gira non ha nulla a che fare, i bug sono suoi e rimangono suoi.Non è una distribuzione a fare un sistema sicuro, è l'amministratore che lo gestisce, e probabilmente con Gentoo la cosa viene più facile. Ma dubito molto che tu sia in grado di amministrarlo come si deve, anche se hai il bell'emerge a disposizione.***[1] Non faccio di tutta l'erba un fascio, ma questo è quello che traspare da IRC, UseNet e forum vari.
      • Anonimo scrive:
        Re: Red hat
        - Scritto da: Shuren
        pensi due volte prima di uscirtene con la
        tua Gentoo... Ottima distribuzione per
        carità, ma gli utenti sono peggio dei
        talebani di Debian. [1]ma pensa un po'.. io tutto questo lo noto spesso negli utenti Slackware!
        • Shuren scrive:
          Re: Red hat
          - Scritto da: Anonimo
          ma pensa un po'.. io tutto questo lo noto
          spesso negli utenti Slackware!Gli ubriachi di libertà ci sono anche dalla mia parte.
        • Mechano scrive:
          Re: Red hat
          - Scritto da: Anonimo
          ma pensa un po'.. io tutto questo lo noto
          spesso negli utenti Slackware!Gli utenti Slackware che conosco non sono invadenti come quel tizio li. Loro dicono di amarla anche se spartana e puttosto difficile. Non dicono prenditi e usa quella se vuoi essere duro e puro. Dicono io amo la mia Slacky e poi pensano dentro di se "perche' io sono duro e puro".Noti qualche differenza?
  • Anonimo scrive:
    Re: molti nemici...

    molto onore :)e la ms?
    • Shuren scrive:
      Re: molti nemici...
      - Scritto da: Anonimo
      e la ms?E' uno dei nemici.
    • leonardo() scrive:
      Re: molti nemici...
      - Scritto da: Anonimo

      molto onore :)

      e la ms?Ottima domanda :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: molti nemici...
        - Scritto da: leonardo()

        - Scritto da: Anonimo


        molto onore :)



        e la ms?
        Ottima domanda :)se siamo dove siamo lo dobbiamo a MS, ci si dimentica sempre i meriti di uan azienda che ha portato il pc nelle case di tutti, che ha contribuito all'evoluzione dei pc tutti compresi gli apple che sonos tati salvati dal fallimento proprio dalla MS certo per interessi suoi personali. Ci si dimentica che linux è nato da uan reazione alla politica chiusa di MS. Certo MS sfrutta la sua posizione dominante, ma questa posizione oggi c'è perchè? Perchè nessuno ha creduto al personal computer quando ibm lo invento e la MS si? perchè gli altri sonos tati ciechi invece MS no? Si può dire tutto di MS ma se oggi siamo qui lo dobbiamo anche e sopratutto a lei.E se MS sparisse il mondo si si siederebbe sugli allori, la concorrenza serve win 50% linux 50% e il mondo sarebbe migliore sopratutto se win e linux fossero compatibili al 100%
        • Anonimo scrive:
          Re: molti nemici...


          se siamo dove siamo lo dobbiamo a MS, ci si
          dimentica sempre i meriti di uan azienda che
          ha portato il pc nelle case di tutti, che ha
          contribuito all'evoluzione dei pc tutti
          compresi gli apple che sonos tati salvati
          dal fallimento proprio dalla MS certo per
          interessi suoi personali. Ci si dimentica
          che linux è nato da uan reazione alla
          politica chiusa di MS. Certo MS sfrutta la
          sua posizione dominante, ma questa posizione
          oggi c'è perchè? Perchè
          nessuno ha creduto al personal computer
          quando ibm lo invento e la MS si?
          perchè gli altri sonos tati ciechi
          invece MS no? Si può dire tutto di MS
          ma se oggi siamo qui lo dobbiamo anche e
          sopratutto a lei.
          Studiati la storia dell'informatica, vai...
        • Anonimo scrive:
          Re: molti nemici...

          se siamo dove siamo lo dobbiamo a MS, sì, e anche a berlusconi, dai...
          ci si
          dimentica sempre i meriti di uan azienda che
          ha portato il pc nelle case di tutti, che ha
          contribuito all'evoluzione dei pc tuttimoore ha previsto "personal calculators" negli anni 50e ha formulato la sua famosa legge (empirica), che valeva quando ms non esisteva, vale oggi, e varrà quando ms sarà un brutto ricordo.se i pc sono come sono oggi è dovuto al corso naturale del progresso.
          compresi gli apple che sonos tati salvati
          dal fallimento proprio dalla MS certo per
          interessi suoi personali. mah... :)
          Ci si dimentica
          che linux è nato da uan reazione alla
          politica chiusa di MS. linus non aveva in mente ms quando ha scritto il suo so.poi la cosa è cresciuta, ed era ovvio che diventasse il principale concorrente del monopolista.ma linux non è nato per quello.
          Certo MS sfrutta la
          sua posizione dominante, ma questa posizione
          oggi c'è perchè? perchè tutti i concorrenti degni di nota sono falliti, comprati, oppure confinati in altri business.
          Perchè
          nessuno ha creduto al personal computer
          quando ibm lo invento e la MS si?
          perchè gli altri sonos tati ciechi
          invece MS no? Si può dire tutto di MS
          ma se oggi siamo qui lo dobbiamo anche e
          sopratutto a lei.quelli di ibm furono dementi.steve jobs, poi, si fece infinocchiare alla grande.e ms ne approfittò (giustamente), ma non certo per fare un favore al mondo.dobbiamo scontare le cazzate di questi signori in eterno?
          E se MS sparisse il mondo si si siederebbe
          sugli allori, la concorrenza serve win 50%
          linux 50% e il mondo sarebbe migliore
          sopratutto se win e linux fossero
          compatibili al 100%eh??? non capisco...
        • Anonimo scrive:
          Re: molti nemici...
          - Scritto da: Anonimo
          ....
          se siamo dove siamo lo dobbiamo a MS, ci si
          dimentica sempre i meriti di uan azienda che
          ha portato il pc nelle case di tutti, che haFantasie....
          contribuito all'evoluzione dei pc tuttiPeggio che fantasie....
          compresi gli apple che sonos tati salvati
          dal fallimento proprio dalla MS certo perSemmai è vero il contrario: Apple era prossima al fallimento a causa di MS..... Poi il fatto che MS gli abbia dato una mano (per altro un po' appiccicaticcia...) non muta la sostanza.Così come sono spariti Atari, Amiga, Archimedes, ecc. ecc.Cos' come non si sono potuti affermare OS/2, BeOS, ecc. ecc.
          interessi suoi personali. Ci si dimentica
          che linux è nato da uan reazione alla
          politica chiusa di MS. Certo MS sfrutta laVeramente è nato come passatempo. Semmai si è sviluppato allo scopo di portare un sistema unix-like su un HW economico. Solo da pochi anni viene visto come un possibile antagonisca di Windows...
          sua posizione dominante, ma questa posizione
          oggi c'è perchè? PerchèRagioni storiche ?
          nessuno ha creduto al personal computer
          quando ibm lo invento e la MS si?Neppure IBM....Comunque la ragione non è solo questa. All'epoca sono nati anche altri sistemi che hanno avuto un'ottimo mercato. E anche su PC IBM sono nati altri s.o. come DR-DOS. Ad un certo punto di colpo è tutto scomparso. Come mai ?
          perchè gli altri sonos tati ciechi
          invece MS no? Si può dire tutto di MS
          ma se oggi siamo qui lo dobbiamo anche e
          sopratutto a lei.Se siamo quì in mezzo a problemi informatici a non finire ? si... lo dobbiamo a lei....
          E se MS sparisse il mondo si si siederebbe
          sugli allori, la concorrenza serve win 50%
          linux 50% e il mondo sarebbe miglioreAggiungerei OS-X, BeOS e magari anche altro. Con il sistema più diffuso sotto al 40%....
          sopratutto se win e linux fossero
          compatibili al 100%Questo vallo a dire a Microsoft....
        • KerNivore scrive:
          Re: molti nemici...

          Si può dire tutto di MS
          ma se oggi siamo qui lo dobbiamo anche e
          sopratutto a lei.Forse _tu_ non ci saresti. Io e molti altri si :-)e comunque : - senza m$ non ci sarebbero tutti i troll che infestano questo e altri forum pubblici...- senza m$ non ci sarebbero migliaia di virus che intasano la rete...- senza m$ forse la categoria degli informatici avrebbe ancora una sua dignita...Che dire ? Grazie m$ !
  • Anonimo scrive:
    molti nemici...
    molto onore :)
Chiudi i commenti