Nuovo standard per le emissioni elettromagnetiche

L'Europa si muove definendo nuovi limiti per le radiazioni emesse dai telefoni cellulari. Limiti definiti sicuri, che superano del doppio quelli effettivi registrati sui nuovi GSM


Bruxelles – La Commissione Europea ha pubblicato un nuovo standard per definire i limiti alle emissioni elettromagnetiche da parte dei telefoni cellulari GSM che vengono commercializzati in Europa.

Per il CENELEC (European Committee for Electrotechnical Standardization), l’organismo europeo che si occupa di definire gli standard per le radiazioni elettromagnetiche, i nuovi limiti sarebbero sicuri per l’uomo.

Secondo un recente studio condotto per il Parlamento Europeo, la media delle emissioni dei nuovi cellulari GSM prodotti e commercializzati in Europa sarebbe al di sotto dei limiti imposti di un buon 50 per cento.

Le aziende produttrici di sistemi per la telefonia mobile, come si ricorderà, hanno raggiunto qualche tempo fa un accordo per la pubblicazione, direttamente sui telefonini, del SAR (Specific Absorption Rate), un valore che indica la quantità di radiazioni elettromagnetiche emesse dal sistema.

Nel prossimo futuro il CENELEC si occuperà di altri prodotti: delle stazioni GSM e relative antenne, delle barriere elettroniche antifurto che si trovano all’entrata dei negozi e dei sistemi radio a bassa potenza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Bisognera' anche imparare le lingue...
    ...orientali, o bastera' l'inglese (yankee perche' quello di Oxford non ha molto seguito online) ?Secondo me al lavoratore ultimo non servira' sapere il giapponese o il cantonese, ma le societa' (con business online) dovranno prepararsi a versioni in queste lingue. Almeno credo.Certo, fermo restando che le proiezioni verranno confermate, cosa che non sempra accade.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisognera' anche imparare le lingue...
      ... e in ogni caso bisognerebbe imparare il cinese-mandarino per lavoro, visto che lo parlano quasi un miliardo di persone e che la Cina ha sempre maggior rapporti commerciali con l'estero.
Chiudi i commenti