Nvidia aggiorna i driver per Linux

Nuova versione degli Unified Driver


Santa Clara (USA) – Nvidia ha rilasciato una versione aggiornata dei suoi driver unificati per Linux.

In questa nuova versione degli Unified Driver il colosso dei chip grafici ha introdotto diverse ottimizzazioni nonché il supporto agli imminenti chip hi-end di AMD e al suo nuovo chipset CineFX che equipaggerà le nuove schede grafiche basate sul processore GeForce FX.

I driver possono essere scaricati da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Leggi comiche...
    Bravo! Condivido. La strada da fare è ancora lunga e in salita.Chi ha fatto il militare lo capisce.
  • Anonimo scrive:
    850 e dal notaio x 1 pezzo di carta
    letto in 3 minuti scarsi, firma mia, sua, 3 copie850 EURO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!porca vacca marcia!!!!e poi andremo tutti digitali?ma vaaaaaaaaa!!!!la cosa piu digitale in quello studio (uno dei "top" di Genova) e' la macchina da scrivere Olivetti coi dischetti....e sti qui come li elimini?come li interfacci con la burocrazia digitale?ma fatemi il piacere, a sta gente se levi il FALDONE legato con le fetuccine bianche gli viene un colpo...come ti giustificano 850 e quando il loro lavoro lo fa un pc che incrocia 4 dati e conferma che tu possiedi quello e lo vendi a lui?
    • Anonimo scrive:
      Re: 850 e dal notaio x 1 pezzo di carta
      [notai]
      e sti qui come li elimini?
      come li interfacci con la burocrazia
      digitale?

      ma fatemi il piacere, a sta gente se levi il
      FALDONE legato con le fetuccine bianche gli
      viene un colpo...non sai quanto hai ragione, ma col tempo, molto tempo, saranno costretti a farlo, spero la cosa ti faccia godere ;)al momento solo in alcune province e solo per certi tipi di atti, i notai sono OBBLIGATI ad usare la procedura di invio telematico (per il resto d'Italia e' attualmente facoltativo)http://www.agenziaentrate.it/servizi/atti_immobiliari
      come ti giustificano 850 e quando il loro
      lavoro lo fa un pc che incrocia 4 dati e
      conferma che tu possiedi quello e lo vendi a
      lui?se c'e' stata ad esempio una compravendita di immobile, sappi che in quella somma sono compresi importi di tributi che il notaio incassa da te e versa alle agenzie delle entrate e/o del territorio, a lui spetta solo l'onorario.
  • Anonimo scrive:
    Un avvio promettente
    Parlo come dipendente della Pubblica Amministrazione che, prima di farne parte, era convinto che il sistema fosse una "bufala".Posso affermare che il protocollo informatico è un progetto vero e funzionante nella realtà in cui lavoro.Certo la transizione dal vecchio al nuovo non è semplice.Le strutture informatiche devono essere potenziate e le persone istruite.Ma tra un anno, quando il cittadino potrà presentare documenti per posta elettronica o da web senza entrare negli uffici ed ottenere un numero di protocollo, beh, sarà utile e la gente comincerà a lamentarsi di qualcos altro...
    • pa010 scrive:
      Re: Un avvio promettente
      Anche io lavoro nella P.A. e si sta facendo un bel balzo avanti, ma si sta dimenticando il personale, che non è adeguatamente istruito.La maggior parte degli impiegati a malapena sa usare un programma di videoscrittura.Senza dimenticare i dirigenti che spesso non hanno idea di quello che è a disposizione del pubblico e dei loro impiegati.A meno che non si vuole creare un "digital divide" anche all'interno degli uffici (un po' questo sta gia' avvenendo).Byepa010
  • Anonimo scrive:
    parole parole parole...
    La legge sull firma elettronica risale al 1997 (Bassanini)Dopo 5 anni abbondanti a Ferrara ancora non si vede NULLA....
  • Anonimo scrive:
    La carta non scompare
    Solo la protocollazione è digitale, ma i documenti rimangono cartacei, almeno ancora per qualche anno.
    • Anonimo scrive:
      La carta purtroppo prolifera
      - Scritto da: Anonimo
      Solo la protocollazione è digitale, ma i
      documenti rimangono cartacei, almeno ancora
      per qualche anno.Inoltre, indipendentemente da un auspicato snellimento della burocrazia (ma ci credero' solo quando lo vedro' realizzato) e' un dato di fatto che la facilita' con cui si stampa tramite inkjet e laserjet ha decuplicato il consumo di carta in uffici di ogni ordine e gradoCarta il piu' delle volte totalmente inutile, che spesso viene dimenticata sulal stampante o butatta via dopo pochi secondi, ma tanto... e' cosi' facile premere print e scordarsi di tuttoun anonimo rattristato dagli sprechi
  • Anonimo scrive:
    Naturalmente documenti M$...
    E di che "marca" saranno tutti questi documenti elettronici ? Mica saranno solo in formato doc e xls vero ? noooooooooo....Beh se così fosse immagino che la PA italiana manderà a casa di tutti i cittadini sopra i 4 anni un CD originale di Office XP, non credete?
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente documenti M$...
      basta che non ci sia come icona di World e Excel la faccia di Berlusconi!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente documenti M$...
      Si, e come no...e dovrebbero mandarti a casa anche il CD di Windows XP...e poi dovrebbero mandarti una cpu nuova... ed un chilo di RAM :)Gianpiero
  • Anonimo scrive:
    A Catania c'è già
    e da diversi anni; io l'ho potuto provare dagli stand di una manifestazione che ho seguito presso "Le Ciminiere" di Catania. Se non sbaglio sono trascorsi già più di due anni.
Chiudi i commenti