Nvidia, tre dimensioni da inforcare

Presentato il 3D Vision di seconda generazione. Tecnologia LightBoost contro il calo di luminosità, insieme ad occhiali più grandi e più leggeri

Roma – NVIDIA prepara un massiccio upgrade per la sua tecnologia 3D Vision e mette nuove lenti attive al servizio della stereoscopia. Il noto produttore di schede video ha collaborato con i partner che realizzano monitor e TV per integrare anche la nuova tecnologia proprietaria 3D LightBoost.

Lo scopo ultimo è quello di migliorare l’esperienza 3D, per quanto riguarda la brillantezza delle immagini e l’accuratezza nella rappresentazione dei colori. Nvidia assicura che i display equipaggiati con tecnologia LightBoost , come il prossimo ASUS serie VG278H , potranno contare su immagini 3D luminose quanto quelle in 2D tradizionale.

I classici occhiali LCD oscurano alternativamente la lente destra e quella sinistra, per generare l’effetto tridimensionale: LightBoost gioca con l’apertura delle lenti per far entrare più luce dall’esterno. Oltretutto, Nvidia consente di mettere a punto la correzione della luminosità sul 3D in modo manuale, in base all’ambiente in cui si svolge la visione.

Per correggere il noto problema bisognerà però utilizzare anche i nuovi occhialini, che propongono lenti attive maggiorate del 20 per cento, con una montatura più ergonomica e leggera. Le lenti saranno compatibili anche con la prima generazione di prodotti stereoscopici ma contrasteranno il calo di luminosità soltanto abbinate ai dispositivi con certificazione 3D Vision 2.

Il listino prezzi dell’azienda statunitense comunica che serviranno 149 dollari per portarsi a casa il kit formato da occhiali attivi senza filo e trasmettitore wireless. Gli occhiali senza trasmettitore costeranno invece 99 dollari.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lol scrive:
    mi piacerebbe vederli
    tipo sony spifferare tutte le ***** che ha fatto per farsi bucare psn...ci sarebbe da ridere, una sorta di gogna mediatica :Dcerto interessante anche dal punto di vista tecnico e come case study.
Chiudi i commenti