NYT, paywall più alto ma già bucato

Eliminato l'accesso senza limiti via Bing. Ma spuntano svariati sistemi per scavalcare il muro. Anche perché bastano un paio di plugin per eliminare ogni restrizione

Roma – Il paywall del New York Times si alza ancora un po’: eliminato anche il libero ingresso ai contenuti del giornale tramite ricerca Bing. Ma tutto l’impegno potrebbe risultare inutile data la facilità con cui il muro può essere superato.

Il nuovo esperimento di chiusura del quotidiano di New York aveva lasciato agli osservatori non pochi dubbi: a non convincere il fatto che ad un limite già di per sé alto di articoli consultabili liberamente (20) fossero associate una serie di scappatoie liberamente utilizzabili per aggirare il muro alzato.

Tra le vie alternative che il giornale aveva lasciato aperte per la consultazione gratuita, la ricerca degli articoli via motore di ricerca: un massimo di cinque se trovati utilizzando Google, senza limiti quando si utilizza Yahoo! o Bing. Tuttavia a pochi giorni dall’esordio globale del 28 marzo del nuovo sistema (già implementato in Canada) il giornale fa parziale retromarcia e ora “per tutti i maggiori motori di ricerca”, quindi anche per quello di Microsoft, l’ accesso libero sarà limitato a cinque click al giorno .

Le altre questioni rimaste in sospeso per il NYT sono le misure per contrastare sistemi meno diretti per aggirare il muro: tool di generazione automatica di tweet dei link agli articoli e che in questo modo sfruttano il libero accesso via social media, e i sistemi per cancellare i cookie utilizzati per inseguire un utente nelle sue visite e tracciarne l’eventuale raggiungimento del limite di 20 pezzi o bloccare del tutto il paywall.

Per quanto riguarda Twitter, il NYT ha chiesto al tecnofringuello di disabilitare per violazione di marchio il feed @FreeNYTimes che raccoglie tutti i link alle notizie del giornale sul servizio di microblogging .

Il NYT deve inoltre vedersela con strumenti già creati per aggirare il limite: non serve neanche cancellare i cookie, ma basta per aggirarlo una semplice applicazione browser, NYTClean , tramite cui è possibile consultare liberamente tutti gli articoli desiderati. Il muro, oltretutto, non è altro che quattro linee di codice : tutto il paywall innalzato dal NYT è scritto in JavaScript, e attiva la richiesta di pagamento caricando il codice necessario. Con la stessa facilità può essere disabilitato con strumenti ad hoc, e probabilmente anche con estensioni come NoScript .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alfredo G scrive:
    NOTIZIA FALSA
    Come volevasi dimostrare, la notizia sul monitoraggio di alcune parole nelle telefonate cinesi è falsa. Il New York Times ha divulgato una nota in cui afferma che si tratta di una esagerazione. Ma ovviamente questa nota non avrà l'enorme risalto ottenuto dalla notizia originale...http://shanghaiscrap.com/?p=6481Ripeto, questa propaganda è roba da guerra fredda.
  • Renato Franza scrive:
    Fatemi capire bene . . .
    . . . in Cina ogni telefonata è sottoposta a un processamento che permette (tramite algoritmi di IA?) di individuare parole chiave (in stile Echelon) e tutto questo in tempo reale? Ora si tratta di spare se è campana o cinese (la bufala).
    • Andreabont scrive:
      Re: Fatemi capire bene . . .
      Basta non ascoltarle tutte e prenderne solo qualcuna a campione. E per i supercomputer i soldi non gli mancano di certo.Diciamo che è plausibile, poi bisogna vedere se è veramente applicato.
  • monalisa monamour scrive:
    Resistere è inutile
    Everything is Under Control[yt]TjomcImY3W0[/yt]
  • Andreabont scrive:
    Fascisti
    Il governo cinese e tra i governi più fascisti moderni. Non mi stupirei se venisse fuori che questa notizia fosse vera. Ma servono casi meglio documentati per dirlo.E-mail, chat e tutto ciò che gira su internet è già monitorato, non mi stupirebbe un controllo di massa anche sulle conversazioni telefoniche.
    • Pino scrive:
      Re: Fascisti
      Mi spiace per te ma il governo cinese è dichiaratamente COMUNISTA!
      • mah mah scrive:
        Re: Fascisti
        - Scritto da: Pino
        Mi spiace per te ma il governo cinese è
        dichiaratamente
        COMUNISTA!Cambia qualcosa oltre al colore dominante nelle bandiere ?
        • mah mah scrive:
          Re: Fascisti
          - Scritto da: mah mah
          - Scritto da: Pino

          Mi spiace per te ma il governo cinese è

          dichiaratamente

          COMUNISTA!

          Cambia qualcosa oltre al colore dominante nelle
          bandiere
          ?( !fascismo != comunismo )== true;
      • poiuy scrive:
        Re: Fascisti
        - Scritto da: Pino
        Mi spiace per te ma il governo cinese è
        dichiaratamente
        COMUNISTA!Se è per questo si chiama: "Repubblica Popolare Cinese"... quindi è dichiaratamente "Repubblica".Poi c'è quello che è NON dichiaratamente... e a quello dagli un po' il nome che ti pare.
      • Andreabont scrive:
        Re: Fascisti
        Come il 99% della gente che conosco usi il termine "fascista" come opposto al termine "comunista". Sbagliatissimo.Il fascismo, visto come corporativismo e ecXXXXX di autoritarismo va SPESSO a braccetto con il comunismo. Esempi illustri l'URSS e l'attuale Cina.
    • come scusa scrive:
      Re: Fascisti
      - Scritto da: Andreabont
      Il governo cinese e tra i governi più fascisti
      moderni. infatti... e oggigiorno, non a caso, la cina è anche la nazione più capitalista di tutte
      • Pippo de Pippis scrive:
        Re: Fascisti
        Non è proprio corretto dire ce sia la più capitalista... hanno una rudimentale libertà di commercio con un forte e libero mercato di scambi che ne denotano un abbozzo di capitalismo corrotto e gestito da un oligarchia di partito che porta a situazioni limite più simili allo schiavismo degli operai che non ad una REPUBBBBLICA PPPPOPOLARE...
    • Pippo de Pippis scrive:
      Re: Fascisti
      bhuhahahahuuhuhuhhahah ma se sono comunisti! Anzi sono fieri di rivendicare di essere gli unici veri comunisti rimasti!!!
      • Andreabont scrive:
        Re: Fascisti
        Ti prego di informarti meglio e di andare oltre alla definizione che viene data. La realtà spesso non coincide con quello che viene dichiarato.
      • Stoppardi scrive:
        Re: Fascisti
        - Scritto da: Pippo de Pippis
        bhuhahahahuuhuhuhhahah ma se sono comunisti! Anzi
        sono fieri di rivendicare di essere gli unici
        veri comunisti
        rimasti!!!Vieni a Shanghai a vedere come sono fieri di rivendicare di essere gli unici veri comunisti!!A Pechino qualche icona di Mao c'è ancora, ma qui proprio no! Pensano solo ai soldi, altro che ideali politici!!
  • Alfredo G scrive:
    Ma per favore...
    L'articolo del New York Times parla di 2 (due) casi in cui delle telefonate si sono interrotte quando è stata pronunciata la parola "protesta". A parte l'impossibilità di verificare la cosa, mi sarei aspettato una casistica un po' più ampia: non è difficile, basta ripetere l'esperimento e contare quante volte cade la linea rispetto al totale... Dedicare un articolo dai toni apocalittici 2 (due) casi, a fronte dei miliardi di telefonate che ogni giorno interessano la rete cinese, mi sembra francamente ridicolo. Roba da propaganda dei tempi della guerra fredda.
    • mah mah scrive:
      Re: Ma per favore...
      - Scritto da: Alfredo G
      L'articolo del New York Times parla di 2 (due)
      casi in cui delle telefonate si sono interrotte
      quando è stata pronunciata la parola "protesta".
      A parte l'impossibilità di verificare la cosa, mi
      sarei aspettato una casistica un po' più ampia:
      non è difficile, basta ripetere l'esperimento e
      contare quante volte cade la linea rispetto al
      totale... Dedicare un articolo dai toni
      apocalittici 2 (due) casi, a fronte dei miliardi
      di telefonate che ogni giorno interessano la rete
      cinese, mi sembra francamente ridicolo. Roba da
      propaganda dei tempi della guerra
      fredda.puoi verificarla... vai su translate.google.it traduci protesta in cinese.Ora ti appare il simbolo che ovviamente non sai pronunciare.Qui hai due strade... o premi su trascrizione fonetica e ti cimenti nella pronuncia cinese, oppure premi "Ascolta" e sentirai pronunciare la cosa...Chiami qualcuno in cina... magari formulando una frase completa contenente la parola "protesta" del tipo... "Ciao, domani ci sarà una grande protesta a Pechino contro le politiche repressive del nostro governo, vieni e informa i tuoi amici!" ("Nǐ hǎo, míngtiān jiāng yǒu yīgè dà de kàngyì běijīng de zhènyā zhèngcè, fǎnduì wǒmen de zhèngfǔ, lái gàosu nín de péngyǒu!")E vedi se cade la linea...
      • krane scrive:
        Re: Ma per favore...
        - Scritto da: mah mah
        - Scritto da: Alfredo G

        L'articolo del New York Times parla di 2 (due)

        casi in cui delle telefonate si sono interrotte

        quando è stata pronunciata la parola "protesta".

        A parte l'impossibilità di verificare la cosa,
        mi

        sarei aspettato una casistica un po' più ampia:

        non è difficile, basta ripetere l'esperimento e

        contare quante volte cade la linea rispetto al

        totale... Dedicare un articolo dai toni

        apocalittici 2 (due) casi, a fronte dei miliardi

        di telefonate che ogni giorno interessano la
        rete

        cinese, mi sembra francamente ridicolo. Roba da

        propaganda dei tempi della guerra

        fredda.

        puoi verificarla... vai su translate.google.it
        traduci protesta in
        cinese.
        Ora ti appare il simbolo che ovviamente non sai
        pronunciare.
        Qui hai due strade... o premi su trascrizione
        fonetica e ti cimenti nella pronuncia cinese,
        oppure premi "Ascolta" e sentirai pronunciare la
        cosa...
        Chiami qualcuno in cina... magari formulando una
        frase completa contenente la parola "protesta"
        del tipo... "Ciao, domani ci sarà una grande
        protesta a Pechino contro le politiche repressive
        del nostro governo, vieni e informa i tuoi
        amici!" ("Nǐ hǎo, míngtiān
        jiāng yǒu yīgè dà de kàngyì
        běijīng de zhènyā zhèngcè,
        fǎnduì wǒmen de zhèngfǔ, lái gàosu
        nín de
        péngyǒu!")
        E vedi se cade la linea...Ma queste cose non le dovrebbero fare i giornalisti ?
  • IgaRyu scrive:
    Fosse vero ....
    credo che chi ha inventato sto sistema farebbe parecchi soldi a vendere un software simile ....anche se temo che una cosa del genere l'avra' sviluppata sicuramente qualche agenzia governativa visto il paese di cui si parla.
    • Gigi scrive:
      Re: Fosse vero ....
      Di sicuro controllano le chat, infatti in Cina se provi a scaricare skype, da qualsiasi dominio .it .com ecc ecc,ti rimanda sul sito cinese "tom skype" che in pratica è la versione fatta da skype per la Cina, in modo che il governo possa controllare e censurare quello che non gli va bene.
    • poiuy scrive:
      Re: Fosse vero ....

      credo che chi ha inventato sto sistema farebbe parecchi soldi a vendere un software simile ....Ma di che parli, del riconoscimento vocale? Hai presente i telefonini di qualche anno fa con il riconoscimento vocale per trovare un nome in rubrica?Di questo che mi dici? http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_speech_recognition_software
    • come scusa scrive:
      Re: Fosse vero ....
      - Scritto da: IgaRyu
      credo che chi ha inventato sto sistema farebbe
      parecchi soldi a vendere un software simile
      ....
      anche se temo che una cosa del genere l'avra'
      sviluppata sicuramente qualche agenzia
      governativa visto il paese di cui si
      parla.intendi dire che probabilmente è un software sviluppato neglu USA e "ceduto" agli amici cinesi?
Chiudi i commenti