Occupato Ufficio brevetti a La Sapienza

Ne parla un comunicato che rivendica una maggiore facilità di accesso alla conoscenza, il rifiuto della Legge Urbani e il rispetto della Dichiarazione di Berlino


Roma – Riportiamo integralmente il testo di un comunicato che sta circolando in queste ore, diffuso da alcuni studenti dell’università romana “La Sapienza” in occasione di un’azione pensata per attirare l’attenzione sui problemi creati dalla continua estensione dei diritti di proprietà intellettuale

Dov’è il libero accesso?
In una società affamata di sapere e formazione come quella attuale, l’università potrebbe svolgere una funzione centrale di diffusione e circolazione della cultura. Permettere a tutti di scegliere un percorso formativo lungo tutta l’esistenza è anzi il ruolo di un’università pubblica di una società avanzata come la nostra, che costringe a rincorrere una condizione di vita sempre più mutevole e precaria. Invece, l’università per prima si impegna oggi a restringere l’accesso alla cultura e a privatizzare i saperi che essa stessa produce.

L’università è complice di questa progressiva espansione della proprietà intellettuale. Incentivando la brevettazione delle scoperte scientifiche, mentre tutto il mondo ha davanti agli occhi il genocidio causato dai farmaci sotto brevetto, l’ateneo sollecita infatti i suoi ricercatori a fare della scienza una fonte di profitto piuttosto che di sviluppo.

E le leggi sul diritto d’autore, applicate in modo sempre più restrittivo dagli atenei, alimentano il monopolio editoriale che ha fatto esplodere il costo dei libri e impongono a chi studia una spesa tanto pesante quanto ingiustificata. Ma ormai, dopo il decreto Urbani, copiare un libro, un cd o un dvd è diventato un reato penale, nonostante sia un’azione naturale per tutti.

Il dominio della proprietà sulle idee arriva fino a confliggere con gli stessi impegni presi dalla Sapienza aderendo alla Dichiarazione di Berlino: insieme ad altre 30 università italiane e a decine di istituti di tutto il mondo, l’ateneo si è impegnato ad incentivare il libero accesso alle sue risorse, sfruttando fino in fondo le possibilità che le reti telematiche e le tecnologie digitali mettono a disposizione. I libri di testo, gli articoli scientifici, gli strumenti informatici dovrebbero essere già dominio pubblico, e non rimanere negli armadi delle biblioteche. Si tratta di opere finanziate dal denaro pubblico, ed ogni cittadino dovrebbe poterci accedere. Di questo non si ha traccia, se non sulla carta. Invece, le forze dell’ordine non perdono tempo a reprimere la libertà di copia, rincorrendo gli studenti fin dentro le copisterie.

Distribuendo questo materiale e occupando questo ufficio non facciamo altro che mettere in pratica diritti e principi elementari: un’università pubblica non può privatizzare i saperi, una società basata su saperi e tecnologie non può ostacolare chi vuole parteciparvi pienamente.

I saperi si difendono condividendoli

Studenti e ricercatori precari
verso l’ EuroMayDay

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Bush e i sussulti della terra
    carino :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bush e i sussulti della terra
      Il tipo prima di bush ci piscia in realtà, mi pareva un po' stonata... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Bush e i sussulti della terra
        macchè ci piscia...è Clinton..guarda bene come la usa
        • Anonimo scrive:
          Re: Bush e i sussulti della terra
          - Scritto da: Anonimo
          macchè ci piscia...è Clinton..guarda bene come la
          usaMa', a me non ricorda tanto Clinton,secondo me è solo una goduriosa pisciata
  • pinguinello scrive:
    Ma si preoccupasse di non .........
    farla sussultare lui la terra a furia di bombe!
  • Anonimo scrive:
    Un po' prevenuti ?
    "Benché questo megasistema di analisi planetaria possa essere utilizzato per fini umanitari e globali (come l'osservazione delle epidemie e delle carestie), il piano è senza dubbio una mossa economica dall'ampio valore strategico."Ah... malgrado l'apparente bontà in realtà bisogna vedere cosa c'è sotto... una nuova arma ? Un sistema per controllare il Mondo intero ? Un rischio per la pace e la democrazia mondiale ? Un nuovo impulso per l'imperialismo americano ?"Stando a quanto emerso, la possibilità di avere previsioni precise sulle variazioni di temperatura dovrebbe consentire agli USA un notevole risparmio, soprattutto per quanto riguarda l'energia elettrica e gli impianti di riscaldamento. "ADDIRITTURA ?!?!?!? Dovre andremo a finire !!!!P.S. Se gli USA risparmiassero un po' di risorse ne rimmarrebbero di più per gli altri... e magari pure ad un prezzo più basso...
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' prevenuti ?
      - Scritto da: Anonimo
      "Benché questo megasistema di analisi planetaria
      possa essere utilizzato per fini umanitari e
      globali (come l'osservazione delle epidemie e
      delle carestie), il piano è senza dubbio una
      mossa economica dall'ampio valore strategico."

      Ah... malgrado l'apparente bontà in realtà
      bisogna vedere cosa c'è sotto... una nuova arma ?
      Un sistema per controllare il Mondo intero ? Un
      rischio per la pace e la democrazia mondiale ? Un
      nuovo impulso per l'imperialismo americano ?beata innocenza...
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' prevenuti ?
      E pensare che qualcuno aveva addebitato ai russi la notizia del sospetto che i fortissimi terremoti recenti in indonesia e dintorni fossero "esperimenti" satellitari dei soliti americans, spiegherebbe bene anche la teoria " un terremoto tira l'altro ". Ricordo di averlo letto nel periodo post tsunami su televideo rai ma ad una ricerca su google non sono riuscito a rintracciare la notizia, se qualcuno ci riesce posti il link, altrimenti vi saluto orwellianamente.usa - e - getta , come fai ancora a fidarti di " essi " ?
      • pinguinello scrive:
        Re: Un po' prevenuti ?
        Oggi uscendo di casa ho pestato una cacca di cane, sarà una mossa USA per appestare il mondo? Non ho dubbi!Per favore un po' di serietà.
        • DomFel scrive:
          Re: Un po' prevenuti ?
          Bah, io che ci vivo ti dico che sono un popolo di esaltati.Sicuramente questa cablatura metterebbe a disposizione molti piu' dati di quanti non siano disponibili oggi, ma ho i miei forti dubbi sulla sua vera utilita', dato che i centri metereologici dispongono minimo di connessioni internet2.Bush e' esaltato, prima o poi sparera' un piano di colonizzazione solo americano dello spazio.Spendesse piuttosto i soldi per rimettere a posto l'Iraq, Vietnam e quant'altro, piuttosto che usare gli tsunami come espediente per qualche sua minchiata mondiale.==================================Modificato dall'autore il 20/04/2005 2.24.43
          • Anonimo scrive:
            Re: Un po' prevenuti ?
            - Scritto da: DomFel
            Bah, io che ci vivo ti dico che sono un popolo di
            esaltati.non centra nulla col post cmqio sono stato 1 anno a Celebration (orlando )che ti chiami paolo percaso ? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Un po' prevenuti ?
            celebration.... la citta nazi stile fatta dalla disney. proprio un bel posto....
          • DomFel scrive:
            Re: Un po' prevenuti ?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: DomFel

            Bah, io che ci vivo ti dico che sono un popolo
            di

            esaltati.

            non centra nulla col post cmqBeh, in Italia c'e' il mito degli USA. Io ERO un fan, vengo qui: delusione completa. Un paese di cogl***i, partendo dalla California a New York, esaltati, maniaci e killer. Non faccio di tutta l'erba un fascio, pero' e' interessante notare che puoi comprare un fucile a 18 anni ma non puoi bere alcolici fino a 21. Il paese dei controsensi. Esempio: Bush non lo voleva nessuno, ma si e' praticamente auto-rieletto (mi ricorda D'Alema...). Qui' in Florida hanno scoperto che gli hanno regalato 300.000 voti. Se non li avesse avuti avrebbe vinto Kerry (le precedenti elezioni sembravano quelle italiane tra Rutelli - un manichino aka Kerry - e Berlusconi - l'imboscato aka Bush).Altro esempio: in Canada ci sono 13 milioni di licenze per fucili, negli USA 8 milioni. Ogni anno in Canada ci sono 63 omicidi volontari, negli USA 35.000. Esaltante come dato.Riguardo il post: Bush e' un maniaco dittatore, un po' come Hitler solo che il tedesco, da bravo tedesco, era molto chiaro e schietto nei suoi piani omicidi, mentre Bush si nasconde dietro le minchiate, come ora i dati metereologici.Che storie...P.S.: No, non sono Paolo.
          • Alessandrox scrive:
            Scusa non capisco.....
            - Scritto da: DomFel
            - Scritto da: Anonimo
            controsensi. Esempio: Bush non lo voleva nessuno,
            ma si e' praticamente auto-rieletto (mi ricorda
            D'Alema...). Qui' in Florida hanno scoperto che
            gli hanno regalato 300.000 voti. Se non li avesse
            avuti avrebbe vinto Kerry Scusa ma... se nessuno lo voleva perche' e' stato eletto? Si sono inventati i voti?E quei 300.000 voti da dove sono spuntati? Da gente che "non lo voleva"?Mah.
          • DomFel scrive:
            Re: Scusa non capisco.....
            - Scritto da: Alessandrox
            Scusa ma... se nessuno lo voleva perche' e' stato
            eletto? Si sono inventati i voti?
            E quei 300.000 voti da dove sono spuntati? Da
            gente che "non lo voleva"?
            Mah.Indovina indovina da dove li hanno presi?? Dicono che sono avanzati, ma e' una minchiata! Bush ha preso 300.000 voti in + dalla Florida per un problema col sistema elettorale (classico) e 150.000 in piu' dall'Ohio per un altro problema col sistema di voto elettronico. Hanno un sistema elettorale che fa buchi da tutte le parti. E intanto c'e' l'esaltato al potere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Un po' prevenuti ?
        - Scritto da: Anonimo
        E pensare che qualcuno aveva addebitato ai russi
        la notizia del sospetto che i fortissimi
        terremoti recenti in indonesia e dintorni fossero
        "esperimenti" satellitari dei soliti americans,
        spiegherebbe bene anche la teoria " un terremoto
        tira l'altro ". Ricordo di averlo letto nel
        periodo post tsunami su televideo rai ma ad una
        ricerca su google non sono riuscito a
        rintracciare la notizia, se qualcuno ci riesce
        posti il link, altrimenti vi saluto
        orwellianamente.

        usa - e - getta , come fai ancora a fidarti di "
        essi " ?Certo, tu invece ti fidi di voci, sospetti e fesserie che senti da tuo cuggino...
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' prevenuti ?
      - Scritto da: Anonimo
      "Benché questo megasistema di analisi planetaria
      possa essere utilizzato per fini umanitari e
      globali (come l'osservazione delle epidemie e
      delle carestie), il piano è senza dubbio una
      mossa economica dall'ampio valore strategico."

      Ah... malgrado l'apparente bontà in realtà
      bisogna vedere cosa c'è sotto... una nuova arma ?
      Un sistema per controllare il Mondo intero ? Un
      rischio per la pace e la democrazia mondiale ? Un
      nuovo impulso per l'imperialismo americano ?Magari non vogliono controllare (nel senso di dominare) il mondo, ma solo controllare (nel senso di spiare) il mondo ;-)Echelon in fondo non è un progetto promosso dall'Honduras ma pare proprio dagli USA (o sbaglio?)
      "Stando a quanto emerso, la possibilità di avere
      previsioni precise sulle variazioni di
      temperatura dovrebbe consentire agli USA un
      notevole risparmio, soprattutto per quanto
      riguarda l'energia elettrica e gli impianti di
      riscaldamento. "

      ADDIRITTURA ?!?!?!? Dovre andremo a finire !!!!

      P.S. Se gli USA risparmiassero un po' di risorse
      ne rimmarrebbero di più per gli altri... e magari
      pure ad un prezzo più basso...Sì, poi vedremo gli elefanti volare, la fata turchina ci verrà a visitare e andremo tutti nel paese dei balocchi! :-DSecondo me al limite se risparmiassero veramente, semplicemente risolverebbero tenendosi ancora più strette le loro riserve di petrolio (per quando inizierà a scarseggiare, perché pare che il petrolio sia una fonte ESAURIBILE e ci metta qualche migliaio di anni a formarsi :-p)
      • Anonimo scrive:
        Re: Un po' prevenuti ?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        "Benché questo megasistema di analisi planetaria

        possa essere utilizzato per fini umanitari e

        globali (come l'osservazione delle epidemie e

        delle carestie), il piano è senza dubbio una

        mossa economica dall'ampio valore strategico."



        Ah... malgrado l'apparente bontà in realtà

        bisogna vedere cosa c'è sotto... una nuova arma
        ?

        Un sistema per controllare il Mondo intero ? Un

        rischio per la pace e la democrazia mondiale ?
        Un

        nuovo impulso per l'imperialismo americano ?

        Magari non vogliono controllare (nel senso di
        dominare) il mondo, ma solo controllare (nel
        senso di spiare) il mondo ;-)Può essere. Io però mi limitavo a commentare ciò che c'era scritto nell'articolo e non le intenzioni degli USA.
      • DomFel scrive:
        Re: Un po' prevenuti ?
        - Scritto da: Anonimo
        Sì, poi vedremo gli elefanti volare, la fata
        turchina ci verrà a visitare e andremo tutti nel
        paese dei balocchi! :-D
        Secondo me al limite se risparmiassero veramente,
        semplicemente risolverebbero tenendosi ancora più
        strette le loro riserve di petrolio (per quando
        inizierà a scarseggiare, perché pare che il
        petrolio sia una fonte ESAURIBILE e ci metta
        qualche migliaio di anni a formarsi :-p)Prima di parlare informati. I motori delle macchine ad esempio hanno una cilindrata minima di 2500cc qui', tanto non gliene frega una ceppa dato che io con 15$-13 euro faccio il pieno alla mia macchina (70litri). Inoltre non hai mai visto lo spropositato uso dell'aria condizionata, presente in OGNI luogo, dai bagni di attivita' commerciali, alle automobili che ce l'hanno sempre accesa (si, credimi ma anche di inverno!).Prova a pensare perche' non hanno aderito a Kyoto...Fanno semplicemente schifo per quanto inquinano.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un po' prevenuti ?
          ti sei lamentato che spendi poco per la benzina???
          • Anonimo scrive:
            Re: Un po' prevenuti ?
            Si perchè così la gente ne compra di più.Il petrolio dovrebbe costare tantissimo. Invece lì non è così!
          • DomFel scrive:
            Re: Un po' prevenuti ?
            Mi lamento perche' non gliene frega una mazza di non inquinare. In 2 anni ho visto 1, UNA sola macchina diesel (escludendo i TIR). Poi non fanno motori piccoli ma performanti, ma vanno invece con motori a 4800cc, 360hp, e vel max di appena 240km/h. Sono dei minchioni, in tutto e per tutto.
Chiudi i commenti