OCSE: lo spam frena i paesi poveri

Lo sviluppo di intere nazioni ne risente: l'acceleratore tecnologico è tenuto al palo da ondate di spam che non sono tenute a bada da ISP poco attrezzati e utenti poco informati


Roma – Nei ricchi paesi occidentali lo spam è un problema : nei paesi in via di sviluppo, dove le infrastrutture comunicative sono ancora deboli e scarsamente organizzate, lo spam è una piaga in grado di mettere in ginocchio l’intero sistema economico. Lo sostiene l’ OCSE , Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, che ha pubblicato i risultati di una ricerca condotta sugli stati toccati più di recente dalla rivoluzione digitale: Nepal, Nigeria e Malaysia.

Combattere lo spam, in questi casi, si rivela più difficile del previsto: i costi per implementare soluzioni avanzate di filtraggio sono scarsamente sostenibili per un paese povero. Se poi il traffico generato dai messaggi spammatori occupa l’80% della banda disponibile, come avviene nel caso dei piccoli ISP dell’africa subsahariana che offrono servizi di posta elettronica, è ovvio che il problema diventa velocemente drammatico .

Laddove esiste un solo ISP, come nel caso della poverissima Etiopia, una singola ondata di spam può facilmente tagliare fuori dalla Rete l’intera popolazione. Lo scenario è poi completato dalla totale mancanza di leggi specifiche, unita alla diffusa incompetenza tecnica di utenti ed amministratori. Una miscela potenzialmente esplosiva, che può tagliare le ali a progetti di sviluppo umano ed economico basati sull’informatizzazione di massa.

Esattamente come ricorda Suresh Ramasubramanian, consigliere OCSE per lo sviluppo tecnologico ed autore dello studio: prima di promuovere ulteriori passi in avanti, i paesi più poveri devono immediatamente essere aiutati dalla comunità internazionale per creare “basi legislative comuni per agevolare la lotta contro lo spam”. E’ prioritario, continua Ramasubramanian, “informare i cittadini dei paesi più poveri su come difendersi dai criminali online, oltre a formare una classe dirigente di tecnici ed informatici altamente specializzati”. L’educazione, secondo l’OCSE, è l’unico strumento per evitare che tutti questi paesi possano a loro volta diventare le nuove basi operative delle cosche internazionali di spammer.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Garson Poole scrive:
    Ottimo esempio in questo caso...
    ...e non solo per gli altri paesi "emergenti" e che fra poco ci supereranno. Peccato che in altri campi le loro scelte siano assai discutibili ...ma il popolo indiano sta dimostrando di essere maturo e di saper lottare per i diritti calpestati dalle multinazionali e dal governo che vuole svendere il paese a queste stesse multinazionali.Cmq c'è ancora speranza quando un paese dalle mille contraddizioni mostra ancora di avere una sua "anima"...Un paese, fra l'altro che sta mostrando la sua forza millenaria anche attraverso donne eccezzionali come Vandana Shiva e Arundhati Roi(Senza parlare dell'esempio luminoso di Gandhi che appartiene ormai al passato ma vive ancora in quantii lo rispettano e seguono il suo esempio di lotta non violenta)
  • Anonimo scrive:
    donate a oss e fondazioni scientifiche
    Donate a istituzioni che si occupino della diffusione libera di idee e conoscenze, come quelle scientifichee quelle che, nel settore informatico, lavorano usando la stessa metodologia della scienzaper lo sviluppo collaborativo e aperto degli strumentiper la comunicazione di massa.L'oss ha gli stessi scopi e la stessa metodologiadella ricerca scientifica: rendere disponibile a tuttile conoscenze risultanti dalla ricerca in determinati settori e impedire che su queste cosa possanoerigersi dei monopoli. Se seguissimo i principidegli interessi dei grandi operatori internazionali,non avremmo neppure di che curarci, come accadein Africa, dove muoiono perché i farmaci sonosottoposti a brevetto e costano troppo.Certa gente vorrebbe convincervi che dovreste pagare qualcuno tutti i giorni che vi venda di nuovo l'invenzione della ruota o dell'antibiotico. Si tratta di persone che si spacciano per "informatici" ma perlopiu sono degli incompetenti pagati per fare disinformazione.Se pensate che un progetto su sourceforge siavalido, date un contributo e avremo tutti la possibilitàdi utilizzare un software di alto livello. Le donazioni sono uno strumento per finanziarela ricerca indipendente e aperta a chiunque inqualsiasi settore.Pensate a quanto sia degradante dover spenderemigliaia di euro in sw di cattiva qualità, o ancor peggiodoverlo piratare perché non si hanno i soldi peracquistarlo: questo è davvero penoso, che ci sia un monopolio sugli strumenti di scambio delle informazioni e delle conoscenze che costringe gli utenti a spendere moltissimo in strumenti di comunicazione, oppure a essere fuori legge.Pensate che per comunicare tra un po di tempo, tradrm, palladium, spyware integrati, procedure diattivazione, etc, tutti saranno controllati, schedatidalle divisioni marketing e da chissa chi altri ancorae costretti a pagare cifre altissime solo per comunicare con gli altri.Tutto questo per fare gli interessi di due o tre grandioperatori economici e dei loro tirapiedi che postanoqui disinformazione per due euro al giorno.Svegliatevi, per fortuna oggi esistono alternativeCiao
  • Alessandrox scrive:
    Chissa' perche' tanti vorrebbero ...
    Chissa' perche' tanti vorrebbero cambiare la GPL o abolirla ma nessuno di costoro ha mai pensato di cambiare o abolire la BSD ...E' la palese dimostrazione che non sanno assolutamente nulla di cosa stanno ragionando.
  • Anonimo scrive:
    debian sarge dal 6.6 : arriva il meglio
    Si ricorda che il 6 giugno esce la versione 3.1stabile di debian, codename sarge, unadistribuzione GNU/Linux realizzata da decinedi migliaia di informatici di tutto il mondo, aprescindere da razza, religione, credo politico,colore, lingua, come strumento comune di lavoroindipendente dalle grandi aziende e dai lorointeressi.Si ricorda che Debian Sarge mette a disposizionesvariate decine di giga di sw per 11 tipi di macchina,tra cui PPC, x86, amd64, ia64, sparc, mips, etc.ed è in questo momento a detta di molti il massimoper qualsiasi implementazione lato server: è infattinoto che il security team di debian lavora con unaserietà enorme ed è famoso per efficenza e competenza.Si aggiunge che Debian Sarge è anche utilizzabileper desktop e infatti costituisce la base da cui sonorealizzate distro desktop famose come ubuntu, knoppix, etc.Si conclude facendo notare che il budget annualedi Debian, che come detto produce decine di gigadi sw per 11 architetture macchina, è circa 200.000 volte inferiore ai profitti netti di una nota aziendanordamericana (non al budget di questa, ma aiprofitti netti, ovvero a una piccola frazione di quello)che produce un paio di giga di sw di qualità discutibile ma di costo elevato. Si rileva quindi comela comunità debian abbia un'efficenza produttiva dialcune centinaia di migliaia di volte superiore aquella della suddetta swhouse americana.P.S. Un esempio recente dell'uso di Debian è l'informatizzazione delle PA di Vienna e Monacodi Baviera, nel cui ambito è stata vinta la concorrenzadi Microsoft (disposta a regalare e anzi a pagare purdi non perdere), IBM, Novell-Suse, per implementareserver e desktop, per un totale di oltre 35.000 macchine. Si consideri che questa informatizzazioneverrà operata tramite aziende locali, producendoespansione dell'attività economica sul territorio.Ciao
    • Trin scrive:
      Re: debian sarge dal 6.6 : arriva il meg
      devi essere proprio innamorato di debian :)
      • Anonimo scrive:
        Re: debian sarge dal 6.6 : arriva il meg

        devi essere proprio innamorato di debianNon particolarmente sai ? Uso anche altro.Però mi piace dire la verità.
        • Garson Poole scrive:
          Re: debian sarge dal 6.6 : arriva il meg
          Molto interessante! Seguo e apprezzo linux da tempo e pur continuando a usare di base Windows sono un deciso sostenitore dell'open source , del mondo linux e *ix, e particolarmente di queste distro indipendenti e non compromesse con le grandi aziende. ..Non nascondo che la mia "simpatia" è dovuta prima di tutto a motivi ideali...Mi attendo grandi cose...(e spero anche in Hurd)
          • Anonimo scrive:
            Re: debian sarge dal 6.6 : arriva il meg
            bho...io ho sid ed è moooolto più stabile di altre distro "stabili"
  • illegalinstruct scrive:
    e io vi dico ..
    gli indiani ci sorpasseranno nella produzione informatica!!ed e' naturale che sia cosi, perche sono piu' furbi di noi !W darwin !
    • awerellwv scrive:
      Re: e io vi dico ..
      - Scritto da: illegalinstruct
      gli indiani ci sorpasseranno nella produzione
      informatica!!
      ed e' naturale che sia cosi, perche sono piu'
      furbi di noi !
      W darwin !ci hanno già sorpassato da anni!!! vai alla MS a vedere quanti programmatori indiani hanno....
  • Anonimo scrive:
    drm palladium spyware integrati a 3000 $
    Fatevi avanti, utenti windows, e non spingete:presto avrete un sistema operativo innovativo,con tutto quanto serve a farvi pagare quantofinora vi si è permesso di scroccare perdrogarvi e assuefarvi.Tra un po, l'enorme investimento in marketing epirateria permessa, che è stato fatto per formattarvi il cervello in fat16, inizierà ad avereun ritorno economico.Voi, che entro poco tempo, sarete poveri come e piu di indiani e cinesi, dovrete, in quanto drogatie assuefatti, lavorare duro per pagare le poche migliaia di euro l'anno al vostro benefattore, ilquale, avendo perso un mercato di tre quarti dellapopolazione mondiale e potendo contare solo suun conto in banca di 100.000 miliardi di dollari, haassolutamente bisogno di ridurvi in miseria ancorapiu di quanto gia non lo siatePagate, gente, pagate, mentre il mondo imparae va avanti, pagate per tornare indietro
  • Anonimo scrive:
    astroturf e vbnari una parola sola zappa
    Per tutta questa gente pietosa che per dueeuro al giorno posta calunnie anonime poiusa l'account registrato per autovotarsi,che in passato, quando fare l'informaticodei progetti complessi significava fare lafinestrella con vb, sappiate che la vostracarriera è giustamente finita.Se siete degli incapaci non è colpa di nessuno.Se alcune centinaia di milioni di indiani tra un povarranno dieci volte ognuno di voi, non è colpadi nessuno. La pretesa di non sapere nulla madi volere fare gli "informatici" ve la potete mettere.A spazzare le strade, gente socialmente inutile.
    • Anonimo scrive:
      Re: astroturf e vbnari una parola sola zappa
      - Scritto da: Anonimo
      Per tutta questa gente pietosa che per due
      euro al giorno posta calunnie anonime poi
      usa l'account registrato per autovotarsi,
      che in passato, quando fare l'informatico
      dei progetti complessi significava fare la
      finestrella con vb, sappiate che la vostra
      carriera è giustamente finita.
      Se siete degli incapaci non è colpa di nessuno.
      Se alcune centinaia di milioni di indiani tra un
      po
      varranno dieci volte ognuno di voi, non è colpa
      di nessuno. La pretesa di non sapere nulla ma
      di volere fare gli "informatici" ve la potete
      mettere.

      A spazzare le strade, gente socialmente inutile.meglio programmare in VB che fare i lameroni con i programmi già pronti e stracotti in open sorciofumati un'altra canna che così ti calmi
      • Anonimo scrive:
        Re: astroturf e vbnari una parola sola z
        - Scritto da: Anonimo
        meglio programmare in VB che fare i lameroni
        con i programmi già pronti e stracotti in open
        sorcio.

        fumati un'altra canna che così ti calmiMagari aveste imparato a programmare in VB, invece di solito son fermi all'aprire la finestrella con il wizard e poi passano il tempo a postare sui forum tirandosela da super informatici.
  • Anonimo scrive:
    l'open source, a me piace
    Come molti altri sviluppatori uso risorse su sourceforge. Si trovano molti programmi, librerie e cose già pronte. Ma come la maggior parte delle persone ed aziende non restituisco il codice migliorato. Non ho tempo (già lo consumo tutto per fare i programmi ), non ho voglia ( la gente è egoista, se riesce ad ottenere un qualcosa di nuovo preferisce esserne l'unico detentore) e rosicherei troppo a vedere altri che si arricchiscono con qualcosa che ho fatto io. Per le donazioni mi spiace, non mi fido a lasciare i numeri di conto su certi siti e preferisco rimanere anonimo.Finchè ci sarà l'open potrò realizzare grandi prodotti con poco sforzo e personale. Mi spiace per quelli che si danno tanto da fare, ma i loro sforzi non saranno ricompensati., almeno non da me.Firmato la maggioranza dei programmatori che ha capito esattamente a cosa serve l'open source
    • Anonimo scrive:
      Re: l'open source, a me piace
      - Scritto da: Anonimo
      Come molti altri sviluppatori uso risorse su
      sourceforge. Si trovano molti programmi, librerie
      e cose già pronte. Ma come la maggior parte delle
      persone ed aziende non restituisco il codice
      migliorato. Non ho tempo (già lo consumo tutto
      per fare i programmi ), non ho voglia ( la gente
      è egoista, se riesce ad ottenere un qualcosa di
      nuovo preferisce esserne l'unico detentore) e
      rosicherei troppo a vedere altri che si
      arricchiscono con qualcosa che ho fatto io.
      Per le donazioni mi spiace, non mi fido a
      lasciare i numeri di conto su certi siti e
      preferisco rimanere anonimo.
      Finchè ci sarà l'open potrò realizzare grandi
      prodotti con poco sforzo e personale. Mi spiace
      per quelli che si danno tanto da fare, ma i loro
      sforzi non saranno ricompensati., almeno non da
      me.

      Firmato la maggioranza dei programmatori che ha
      capito esattamente a cosa serve l'open source
      purtroppo ecco uno che dice la verità, finalmente
    • Anonimo scrive:
      Re: l'open source, a me piace
      bah troppi nerds religiosi nell'informatica ed ecco che facciamo tutti i consulenti...Speriamo che quelli che vanno in giro con la maglietta di Mandrake e Mozzilla si trovino presto una ragazza
    • Anonimo scrive:
      perfettamente legale: affari tuoi

      Firmato la maggioranza dei programmatori che ha
      capito esattamente a cosa serve l'open sourceE allora ? Non c'è nessuna legge che te lo proibisce. Esistono licenze di copyright che espressamente te lo consentono.Scusa, dov'è la novità ?L'unica cosa è che ti conviene stare attento anon impadronirti di cose sotto licenze gpl compatibili, perché in certe condizioni è reato.Per il resto, fai pure, rientra nella legalità.Quanto all'etica, ognuno risponde a se stesso.Non venire poi a far della morale sui programmatoriche sono licenziati per colpa dell'oss, come sembrail tuo discorso voglia andare a parare: risparmiamistupidaggini del genere.
      • Anonimo scrive:
        Re: perfettamente legale: affari tuoi
        intanto io guadagno ed i muli no
        • Anonimo scrive:
          Re: perfettamente legale: affari tuoi

          intanto io guadagno ed i muli nonon so cosa tu intenda con "muli":Io faccio il sistemista e guadagno abbastanzabene implementando server di rete con oss(in generale piu degli amici che lavorano conNT,2k3 server)L'unica differenza tra noi è che mi occupo pertre-quattro ore la settimana di mantenere un paio dipacchetti debian. In cambio di questo piccolissimocontributo, che posso far figurare sul mio curriculume mi caratterizza come mantenitore debian(qualcosa di un bel po piu qualificante di "ingegneremicrosoft" o cosette del genere), ho uno strumento di lavoro di altissima qualità a costo zero.Sembra che tu non abbia ancora capito che noi teniamo in piedi progetti di questo genere non perscopi gratuiti, ma per avere strumenti di lavoro.Ma tu continua pure a scroccare, a me non me nepuò fregare di meno. Ognuno compete come può,poi il mercato decideCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: perfettamente legale: affari tuoi
            Io trovo benefici dall'uso di software open anche nell'ambito desktop casalingo,non posso entrare nell'ambito server o altro perché sono solo un utente pc comune,anche solo per le piccole attivita' con il software open mi trovo davvero bene, perche' viene sviluppato per fare quello che deve fare,nel modo piu' veloce senza orpelli inutili.Preferisco donare ad un progetto open, che acquistare un programma closed,almeno volendo posso sapere per cosa ho pagato.E OPEN non vuol dire gratis, c'é chi paga per avere software open,non perché é open ma perché é quello che cercano.Io uso Gimp per colorare i miei disegni o per ritoccare le fotografie, con open office sbrigo i miei piccoli documenti e le mie lettere, con firefox navigo meglio,con thunderbird guardo la mia posta.Se questi prodotti sono prodotti da muli,bhe ben vengano i muli di certo valgono di piu' di certi "programmatori" che riescono solo a produrre bachi con un software intorno.Saluti, e ringraziamento a chi sviluppa software, non orpelli per far sembrare il programma piu' carino.all'utonto.
          • Anonimo scrive:
            Re: perfettamente legale: affari tuoi
            hai citato esclusivamente prodotti gratuiti. L'open source piace perchè è gratuito, tutto qui.
          • Anonimo scrive:
            Re: perfettamente legale: affari tuoi
            - Scritto da: Anonimo
            hai citato esclusivamente prodotti gratuiti.
            L'open source piace perchè è gratuito, tutto qui. Uhm quelli sono prodotti che uso io, prodotti destinati alle aziende e che si pagano ce ne sono (ne ho visti per la gestione degli ordini e dei magazzini)e cmq anche se non fosse gratuito,preferirei pagare per avere quei prodotti che avere IExploder o Office con il cagnolino.Quello che brucia a chi usa closed e' il non voler provare qualcosa di diverso,e ilf atto di poter sfruttare ilf atto che i programmi fanno schifo onde coprire la loro ignoranza.Es. "Non riesco a far girare quella cosa,schifo di bug e' colpa di questo e colpa di quello nel programma"oppure"Ho preso un virus per colpa del buco di IE, non perche' navigavo sui siti porno senza antivirus e firewall"questi sono poch dei tanti esempi di gente che non usa software aperto per pregiudizio, si tengono quello commerciale anche se presenta gravi carenze da vari punti di vista.Oppure semplicemente tu sei un (troll) o un mediocre programmatore che non riesce a guadagnare una cippa perché fa software con i piedi o per il quale c'e' una molto piu' valida alternativa OS.Per i bruciori al sedere vi sono vari medicinali.:DOs vai avanti cosi,che se mi avanza qualche soldino lo do ai progetti OS,di certo non li spendo per un software closed che magari ogni anno devo ricomprare e non per pochi denari,per non venire tagliato fuori da eventuali aggiornamenti(qualcuno ha detto Norton ? :D )Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: perfettamente legale: affari tuoi

            Io faccio il sistemista e guadagno abbastanza
            bene implementando server di rete con oss
            (in generale piu degli amici che lavorano con
            NT,2k3 server)
            L'unica differenza tra noi è che mi occupo per
            tre-quattro ore la settimana di mantenere un paio
            di
            pacchetti debian. tutti sistemisti su punto informatico, tutti miliardari e tutti che se la godono con linux. Le cose sono 2: o raccontate cavolate o si spiega il motivo dell'apprezzamento dell'open: i muli lavorano e voi da grandi esperti guadagnate. Magari siete proprio voi a tenere linux così complicato, per poter prendere la tangente. Penso sia meglio una licenza di windows server 2003 che stipendiare gente come teIn cambio di questo piccolissimo
            contributo, che posso far figurare sul mio
            curriculum
            e mi caratterizza come mantenitore debian
            (qualcosa di un bel po piu qualificante di
            "ingegnere
            microsoft" o cosette del genere), ho uno
            strumento di lavoro di altissima qualità a costo
            zero.sembri la pubblicità di un detersivo, l'importante è che tu ci creda
            Sembra che tu non abbia ancora capito che noi
            teniamo in piedi progetti di questo genere non per
            scopi gratuiti, ma per avere strumenti di lavoro.
            Ma tu continua pure a scroccare, a me non me ne
            può fregare di meno. Ognuno compete come può,
            poi il mercato decideA me pare che chi scrocca sei te:tu guadagni soldi ma non fai guadagnare soldi a nessuno. Sei uno scroccone del lavoro altrui (tanto lo so che scrocchi solo e non dai nulla in cambio)ps, c'è qualcuno su punto che non guadagna miliardi con l'open source?
  • Anonimo scrive:
    open source fa solo danni
    inventato in america ed in europa sta armando i paesi dell'asia. Noi muli lavoriamo, loro adoperano e ce lo mettono sotto la coda. E poi dicono che l'open source non fa danni all'economia
    • Anonimo scrive:
      Re: open source fa solo danni
      l'open source è il futuro del mondo. Tu lavori alla microsoft mi sa... il software open source essendo libero e di dominio pubblico è + sicuro di windows. e poi hai mai visto dei gravi bug (vedi sasser) su linux? io mai....
      • Anonimo scrive:
        Re: open source fa solo danni
        - Scritto da: Anonimo
        l'open source è il futuro del mondo. Tu lavori
        alla microsoft mi sa... il software open source
        essendo libero e di dominio pubblico è + sicuro
        di windows. e poi hai mai visto dei gravi bug
        (vedi sasser) su linux? io mai....Identificato un troll (troll1)
      • Anonimo scrive:
        Re: open source fa solo danni
        - Scritto da: Anonimo
        l'open source è il futuro del mondo.ma futuro fatto di cosa? Di gente che lavora gratis al servizio indiretto di grandi multinazionali e/o governi bolscevichi?
        Tu lavori
        alla microsoft mi sa... il software open source
        essendo libero e di dominio pubblico è + sicuro
        di windows. e poi hai mai visto dei gravi bug
        (vedi sasser) su linux? io mai....la microsoft è un'azienda vera, dove di produce software commerciale, ricchezza e reddito equo e dignitoso... un giorno la rimpiangerete
        • Giambo scrive:
          Re: open source fa solo danni
          - Scritto da: Anonimo

          l'open source è il futuro del mondo.

          ma futuro fatto di cosa? Di gente che lavora
          gratis al servizio indiretto di grandi
          multinazionali e/o governi bolscevichi?"governi bolscevichi", ma LOL :D !
          la microsoft è un'azienda vera, dove di produce
          software commerciale, ricchezza e reddito equo e
          dignitoso... Reddito equo un paio di balle, o siamo tutti americani ?Reddito equo un paio di balle, o lavoriamo tutti alla Microsoft ?Reddito equo un paio di balle, o siamo tutti ricchi come Bill Gates ?
          un giorno la rimpiangereteEffettivamente certe grasse risate con le dichiarazioni di Gates, i balletti di Steve Ballmer e la miriade di BUGs chi ce le puo' dare se non la Microsoft :) ?
      • Anonimo scrive:
        Re: open source fa solo danni
        e questo che ha a che fare con i soldi? mica nessuno si lamenta della bontà dell'open (newbie)
        • Anonimo scrive:
          Re: open source fa solo danni
          Certo che se ne leggono di tutti i colori... :|
          • Anonimo scrive:
            Re: open source fa solo danni
            Ma che ricchezza produce M$ ? Quella di Zio Bill?Perche' io a pagare 300 euro un software buggato non lo chiamo guadagno e ricchezza.
          • Anonimo scrive:
            Re: open source fa solo danni
            perchè:1) il software lo bachi te, con windows se non sei utonto non hai problemi, e se sai usare linux non dovresti avere la minima difficoltà a mantenere windows inpiedi2)perchè con linux risparmi 300 euro (non esiste prodotto con quel costo) ma perdi 1 settimana per installare una stampante, una rete o qualsiasi altra cosa minimamente banale. Lo stipendio medio è di 1500 euro, quindi 375 a settimana e con il tempo che perdi lo stipendio lo rubi per benino
          • Anonimo scrive:
            Re: open source fa solo danni
            - Scritto da: Anonimo
            perchè:
            1) il software lo bachi te, con windows se non
            sei utonto non hai problemi, e se sai usare linux
            non dovresti avere la minima difficoltà a
            mantenere windows inpiedi.Non necessariamente. Io non potendone più dei rallentamenti di windows lo ho abbandonato e uso regolarmente con soddisfazione linux. Come renderlo più veloce dopo anni di utilizzo (evita di rispondere formattone o defrag)
            2)perchè con linux risparmi 300 euro (non esiste
            prodotto con quel costo) ma perdi 1 settimana per
            installare una stampante, una rete o qualsiasi
            altra cosa minimamente banale. Lo stipendio medio
            è di 1500 euro, quindi 375 a settimana e con il
            tempo che perdi lo stipendio lo rubi per beninoSe sei incapace ad usare una interfaccia grafica che ti chiede qual è la tua stampante e la configura automaticamente puoi perderne anche 2 settimane :sMa per colpa tua. Come mai io non intendendome per niente di linux (ero agli inizi) con 2 click, selezionando la stampante ci ho messo 2-3 minuti?
          • Anonimo scrive:
            Re: open source fa solo danni
            - Scritto da: Anonimo
            perchè:
            1) il software lo bachi te, con windows se non
            sei utonto non hai problemi, e se sai usare linux
            non dovresti avere la minima difficoltà a
            mantenere windows inpiedi
            2)perchè con linux risparmi 300 euro (non esiste
            prodotto con quel costo) ma perdi 1 settimana per
            installare una stampante, una rete o qualsiasi
            altra cosa minimamente banale. Lo stipendio medio
            è di 1500 euro, quindi 375 a settimana e con il
            tempo che perdi lo stipendio lo rubi per beninoMa smettila che la Microsoft gli straordinari non te li paga...
  • Anonimo scrive:
    Software open source per uso commerciale
    Come si fa ad essere così tanto idioti da lavorare gratis per poi vedere il software nato per passione aiutare il business di furbi e avidi colletti bianchi?Italia nazione di italioti?Penso proprio di no, in italia forse c'è ancora troppo rispetto per i diritti dell'uomo e ancora un po' di dignità da difendere, ma non so per quanto reggerà ancora contro le vili strategie di certe multinazionali sfrutta-muli...La specie dei programmatori vuole auto estinguersi, e ci sta riuscendo egregiamente.Bisogna cambiare la GPL, o per noi tutti sarà la fine.
    • Anonimo scrive:
      Re: Software open source per uso commerc
      - Scritto da: Anonimo
      Come si fa ad essere così tanto idioti da
      lavorare gratis per poi vedere il software nato
      per passione aiutare il business di furbi e avidi
      colletti bianchi?

      Italia nazione di italioti?
      Penso proprio di no, in italia forse c'è ancora
      troppo rispetto per i diritti dell'uomo e ancora
      un po' di dignità da difendere, ma non so per
      quanto reggerà ancora contro le vili strategie di
      certe multinazionali sfrutta-muli...

      La specie dei programmatori vuole auto
      estinguersi, e ci sta riuscendo egregiamente.

      Bisogna cambiare la GPL, o per noi tutti sarà la
      fine.e con cosa la cambi ? con la licenza BSD ? quelli si che hanno beccato un sacco di fregature (purtroppo...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Software open source per uso commerc
      - Scritto da: Anonimo
      Come si fa ad essere così tanto idioti da
      lavorare gratis per poi vedere il software nato
      per passione aiutare il business di furbi e avidi
      colletti bianchi?
      Italia nazione di italioti?
      Penso proprio di no, in italia forse c'è ancora
      troppo rispetto per i diritti dell'uomo e ancora
      un po' di dignità da difendere, ma non so per
      quanto reggerà ancora contro le vili strategie di
      certe multinazionali sfrutta-muli...

      La specie dei programmatori vuole auto
      estinguersi, e ci sta riuscendo egregiamente.Se non si e' estinta con VB, che ha fatto una pessima pubblicita' al mondo della programmazione, non si estinguera' neanche ora.
      Bisogna cambiare la GPL, o per noi tutti sarà
      la fine.Spiegami esattamente punto per punto perche' secondo te.
      • Anonimo scrive:
        Re: Software open source per uso commerc
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Come si fa ad essere così tanto idioti da

        lavorare gratis per poi vedere il software nato

        per passione aiutare il business di furbi e
        avidi

        colletti bianchi?


        Italia nazione di italioti?

        Penso proprio di no, in italia forse c'è ancora

        troppo rispetto per i diritti dell'uomo e ancora

        un po' di dignità da difendere, ma non so per

        quanto reggerà ancora contro le vili strategie
        di

        certe multinazionali sfrutta-muli...



        La specie dei programmatori vuole auto

        estinguersi, e ci sta riuscendo egregiamente.

        Se non si e' estinta con VB, che ha fatto una
        pessima pubblicita' al mondo della
        programmazione, non si estinguera' neanche ora.


        Bisogna cambiare la GPL, o per noi tutti sarà

        la fine.

        Spiegami esattamente punto per punto perche'
        secondo te.chi sviluppa in open source non può concedere il software per usi commerciali, è da pazzi suicidi... anche stallman finalmente lo ha capitoso che il santone sta lavorando alla nuova versione della GPL... ma dubito che venga inclusa questa clausola, in fondo il santone ha già il suo bello stipendiuccio
        • Anonimo scrive:
          Re: Software open source per uso commerc
          - Scritto da: Anonimo
          chi sviluppa in open source non può concedere il
          software per usi commerciali, è da pazzi
          suicidi...perche'? il software libero e' anche software commerciale e chi sviluppa soluzioni libere spesso e volentieri (quando non sono grossi progetti finanziati da una o piu' corporation) guadagna sull'assistenza a chi ne fa uso commerciale; fare quel che dici sarebbe un suicidio per chi sviluppa software libero per lavoro
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            chi sviluppa in open source non può concedere il

            software per usi commerciali, è da pazzi

            suicidi...

            perche'? il software libero e' anche software
            commerciale e chi sviluppa soluzioni libere
            spesso e volentieri (quando non sono grossi
            progetti finanziati da una o piu' corporation)
            guadagna sull'assistenza a chi ne fa uso
            commerciale; fare quel che dici sarebbe un
            suicidio per chi sviluppa software libero per
            lavoroma perchè mai uno sviluppatore debba sentire il bisogno di sviluppare un gestionale (giusto per esempio) in open source? Ma che vi siete presi tutti il virus della santità...?il software si distribuisce in licenza d'uso. puntose poi mi va regalarlo, state certi che da qualche parte inseriro a caratteri cubitali "SOLO PER USO PRIVATO E NON COMMERCIALE"altrimenti non potrei che sentirmi un cogl*one fesso, pirla, idiota, mulo che mentre tutti cercano di farsi strada, io mi do la zappa nelle palle perchè voglio salvare il mondoMA VAFFANCULO AL SOFTWARE DA OGGI CAMBIO MESTIERE!addio
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo
            ma perchè mai uno sviluppatore debba sentire il
            bisogno di sviluppare un gestionale (giusto per
            esempio) in open source? Ma che vi siete presi
            tutti il virus della santità...?perche' ci guadagno lo stesso (anche se non ci divento ricco, ma neanche mi interessa) e do qualcosa in cambio al resto della comunita' che fa altrettanto con me
            il software si distribuisce in licenza d'uso.
            puntoe questo chi lo ha stabilito? tu? io il software che scrivo lo distribuisco come mi pare
            se poi mi va regalarlo, state certi che da
            qualche parte inseriro a caratteri cubitali "SOLO
            PER USO PRIVATO E NON COMMERCIALE"assolutamente no, altrimenti poi non posso guadagnarci sull'assistenza e non ci vivo.
            altrimenti non potrei che sentirmi un cogl*one
            fesso, pirla, idiota, mulo che mentre tutti
            cercano di farsi strada, io mi do la zappa nelle
            palle perchè voglio salvare il mondoguarda che nessuno ti obbliga a rilasciare il tuo software con licenza libera, cosi' come nessuno obbliga me a non farlo; non vedo il problema.
            MA VAFFANCULO AL SOFTWARE DA OGGI
            CAMBIO MESTIERE!ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            ma perchè mai uno sviluppatore debba sentire il

            bisogno di sviluppare un gestionale (giusto per

            esempio) in open source? Ma che vi siete presi

            tutti il virus della santità...?

            perche' ci guadagno lo stesso (anche se non ci
            divento ricco, ma neanche mi interessa) e do
            qualcosa in cambio al resto della comunita' che
            fa altrettanto con me


            il software si distribuisce in licenza d'uso.

            punto

            e questo chi lo ha stabilito? tu? io il software
            che scrivo lo distribuisco come mi pare


            se poi mi va regalarlo, state certi che da

            qualche parte inseriro a caratteri cubitali
            "SOLO

            PER USO PRIVATO E NON COMMERCIALE"

            assolutamente no, altrimenti poi non posso
            guadagnarci sull'assistenza e non ci vivo.ma riesci a capire che è un modello che non regge a lungo termine?l'assistenza si ridurrà sempre ai minimi termini man mano crescera' il numero di software open sviluppati dalle grandi multinazionali e si innalzerà il livello di usabilità dello stessochecchè ne pensiate, questo è il modello comunista, e stiamo ricadendo nella trappola ancora una volta


            altrimenti non potrei che sentirmi un cogl*one

            fesso, pirla, idiota, mulo che mentre tutti

            cercano di farsi strada, io mi do la zappa nelle

            palle perchè voglio salvare il mondo

            guarda che nessuno ti obbliga a rilasciare il tuo
            software con licenza libera, cosi' come nessuno
            obbliga me a non farlo; non vedo il problema.cerco solo di convincerti, ma poi è ovvio che sei libero di fare ciò che vuoima ti ricorderai di me in futuro
            ciaociao
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo


            se poi mi va regalarlo, state certi che da


            qualche parte inseriro a caratteri cubitali

            "SOLO


            PER USO PRIVATO E NON COMMERCIALE"



            assolutamente no, altrimenti poi non posso

            guadagnarci sull'assistenza e non ci vivo.

            ma riesci a capire che è un modello che non regge
            a lungo termine?sara' ma io ci vivo bene da anni
            l'assistenza si ridurrà sempre ai minimi termini
            man mano crescera' il numero di software open
            sviluppati dalle grandi multinazionali e si
            innalzerà il livello di usabilità dello stessol'assistenza si ha perlopiu' su software sviluppato su commissione, per i grossi progetti liberi sono le stesse multinazionali che pagano i sviluppatori che ci lavorano (vedi ad esempio tutti i soldi che sun versa ai sviluppatori di gnome)
            checchè ne pensiate, questo è il modello
            comunista, e stiamo ricadendo nella trappola
            ancora una voltache palle, ancora con questa trollata; mi vuoi dire COSA c'entra il comunismo con questo modello? (tieni conto che ti scrive e' uno di destra)

            guarda che nessuno ti obbliga a rilasciare il
            tuo

            software con licenza libera, cosi' come nessuno

            obbliga me a non farlo; non vedo il problema.

            cerco solo di convincerti, ma poi è ovvio che sei
            libero di fare ciò che vuoici mancherebbe :-D
            ma ti ricorderai di me in futurotu fai altrettanto ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            ma riesci a capire che è un modello che non regge
            a lungo termine?

            l'assistenza si ridurrà sempre ai minimi termini
            man mano crescera' il numero di software open
            sviluppati dalle grandi multinazionali e si
            innalzerà il livello di usabilità dello stesso

            checchè ne pensiate, questo è il modello
            comunista, e stiamo ricadendo nella trappola
            ancora una volta
            Dunque, l'open source è il modello comunista, però due righe sopra parli di software open sviluppati dalle grandi multinazionali in numero crescente.Da ciò si deriva che le multinazionali diventano comuniste.Mah.
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo
            se poi mi va regalarlo, state certi che da
            qualche parte inseriro a caratteri cubitali
            "SOLO PER USO PRIVATO E NON
            COMMERCIALE"
            altrimenti non potrei che sentirmi un cogl*one
            fesso, pirla, idiota, mulo che mentre tutti
            cercano di farsi strada, io mi do la zappa
            nelle palle perchè voglio salvare il mondo
            MA VAFFANCULO AL SOFTWARE DA OGGI
            CAMBIO MESTIERE!
            addioMha, speriamo che smetta anche di postare nei forum di PI !!!!O:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            se poi mi va regalarlo, state certi che da

            qualche parte inseriro a caratteri cubitali

            "SOLO PER USO PRIVATO E NON

            COMMERCIALE"


            altrimenti non potrei che sentirmi un cogl*one

            fesso, pirla, idiota, mulo che mentre tutti

            cercano di farsi strada, io mi do la zappa

            nelle palle perchè voglio salvare il mondo

            MA VAFFANCULO AL SOFTWARE DA OGGI

            CAMBIO MESTIERE!

            addio

            Mha, speriamo che smetta anche di postare nei
            forum di PI !!!!lo so che ci sperate in tanti, la verità ha fatto sempre fastidio a chi sguazza nelle menzogne

            O:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo

            Mha, speriamo che smetta anche di postare

            nei forum di PI !!!!
            lo so che ci sperate in tanti, la verità ha fatto
            sempre fastidio a chi sguazza nelle menzogneOvvio, come il contrario, tipo nel tuo caso.

            O:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc

            MA VAFFANCULO AL SOFTWARE DA OGGI CAMBIO MESTIERE!

            addioOooooh, finalmente si una buona notizia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Software open source per uso commerc
      che palle ancora con queste trollate, libero != gratuitoe proprietario != commerciale
      • Anonimo scrive:
        Re: Software open source per uso commerc
        - Scritto da: Anonimo
        che palle ancora con queste trollate, libero !=
        gratuito
        e proprietario != commercialelasciamo stare le teoria una volta tanto, guarda IBM, Nokia, HP, ecc.. sempre meno impiegati e sempre di più attingono a sourceforge in cambio di liberare qualche vecchio e inutile brevetto per far contenti i suicidi (programmatori open source)il software libero vuol dire gratis nel 99,99% dei casi, e adesso basta col dire cavolate
        • Anonimo scrive:
          Re: Software open source per uso commerc
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          che palle ancora con queste trollate, libero !=

          gratuito

          e proprietario != commerciale

          lasciamo stare le teoria una volta tanto, guarda
          IBM, Nokia, HP, ecc.. sempre meno impiegati e
          sempre di più attingono a sourceforge in cambio
          di liberare qualche vecchio e inutile brevetto
          per far contenti i suicidi (programmatori open
          source)no in cambio finanziano cospicuamente vari progetti liberi (vedi ad esempio tutti i soldi che versa sun alla comunita' che sviluppa gnome, cosa pensi che chi sviluppa progetti liberi validi campi d'aria? ;-) )
          il software libero vuol dire gratis nel 99,99%
          dei casi, e adesso basta col dire cavolateno, il software libero vuol dire gratis per la miriade di piccoli progettini amatoriali (ognuno ha il suo hobby); per quanto riguarda i progetti seri a larga diffusione gli sviluppatori vengono pagati profumatamente (spesso piu' di quanto non venga pagato chi sviluppa software proprietario); per quanto riguarda invece i progetti liberi sviluppati su commissione il guadagno viene perlopiu' dall'assistenza
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            che palle ancora con queste trollate, libero
            !=


            gratuito


            e proprietario != commerciale



            lasciamo stare le teoria una volta tanto, guarda

            IBM, Nokia, HP, ecc.. sempre meno impiegati e

            sempre di più attingono a sourceforge in cambio

            di liberare qualche vecchio e inutile brevetto

            per far contenti i suicidi (programmatori open

            source)

            no in cambio finanziano cospicuamente vari
            progetti liberi (vedi ad esempio tutti i soldi
            che versa sun alla comunita' che sviluppa gnome,
            cosa pensi che chi sviluppa progetti liberi
            validi campi d'aria? ;-) )non finanzia un tubo... si è trattato solo di qualche donazione che in confronto agli investimenti classici, sono spiccioliabbiate dignità
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo
            non finanzia un tubo... si è trattato solo di
            qualche donazione che in confronto agli
            investimenti classici, sono spiccioli
            abbiate dignitàDignita' dovrebbero averla le grandi industrie che spendono milioni per ricerca studio e progettazione e poi si fanno umiliare da hobbisti che a tempo perso scrivono programmi piu' stabili e sicuri.
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            non finanzia un tubo... si è trattato solo di

            qualche donazione che in confronto agli

            investimenti classici, sono spiccioli


            abbiate dignità

            Dignita' dovrebbero averla le grandi industrie
            che spendono milioni per ricerca studio e
            progettazione e poi si fanno umiliare da hobbisti
            che a tempo perso scrivono programmi piu' stabili
            e sicuri.è evidente che non conosci il significato di "dignità"siamo messi proprio bene, qui in italia... campa cavallo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            no in cambio finanziano cospicuamente vari

            progetti liberi (vedi ad esempio tutti i soldi

            che versa sun alla comunita' che sviluppa gnome,

            cosa pensi che chi sviluppa progetti liberi

            validi campi d'aria? ;-) )

            non finanzia un tubo... si è trattato solo di
            qualche donazione che in confronto agli
            investimenti classici, sono spicciolischerzi? vai a vedere le continue donazioni che fa sun a ximian ;-)Vai a vedere tutti i soldi che vengono continuamente versati nelle casse di apache.
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            no in cambio finanziano cospicuamente vari


            progetti liberi (vedi ad esempio tutti i soldi


            che versa sun alla comunita' che sviluppa
            gnome,


            cosa pensi che chi sviluppa progetti liberi


            validi campi d'aria? ;-) )



            non finanzia un tubo... si è trattato solo di

            qualche donazione che in confronto agli

            investimenti classici, sono spiccioli

            scherzi? vai a vedere le continue donazioni che
            fa sun a ximian ;-)
            Vai a vedere tutti i soldi che vengono
            continuamente versati nelle casse di apache.il lavoro si paga e le donazioni si fanno ai mendicanti, oppure avete bisogno di ristudiarvi la scienza economica dell'ultimo secolo?no, non posso crederci, è solo un incubo... dove tutti i programmatori hanno deciso di lavorare in cambio di tristi oboli
          • Anonimo scrive:
            Re: Software open source per uso commerc
            - Scritto da: Anonimo

            scherzi? vai a vedere le continue donazioni che

            fa sun a ximian ;-)

            Vai a vedere tutti i soldi che vengono

            continuamente versati nelle casse di apache.

            il lavoro si paga e le donazioni si fanno ai
            mendicanti, oppure avete bisogno di ristudiarvi
            la scienza economica dell'ultimo secolo?

            no, non posso crederci, è solo un incubo... dove
            tutti i programmatori hanno deciso di lavorare in
            cambio di tristi oboliscusa ma cosa cambia? non vedo differenza tra uno che sviluppa con contratti a progetto o come consulente e uno che sviluppa per progetti liberi facendosi pagare con le donazioni al progetto: tu lavori e qualcuno ti paga, se non ti bastano i soldi puoi smettere di lavorare per quel progetto e andare a lavorare in uno ove ti pagano di piu'; semantica a parte, non vedo grosse differenze
        • Anonimo scrive:
          Re: Software open source per uso commerc
          Guarda,lavoravo per un'azienda che sviluppa sw per banche ed assicurazioni in COBOL da decine di anni. Questa azienda senza saperlo e' stata una pioniera dell'OSS visto che ai clienti consegnava anche il codice delle applicazioni (ma non so con che tipo di licenza). Eppure questa azienda tira avanti da allora,ha avuto anche dei periodi di crescita veramente vertiginosi (ora e' un po in crisi,ma chi non lo e' nel settore?). Guadagnano un sacco sui programmi e ancora di piu' su assistenza/personalizzazioni/ecc.ecc. .Qui ti sto parlando di un'esperienza di arricchimento su quello che alla fine e' OSS lunga decenni.Ora come la metti?
    • Anonimo scrive:
      Lo scemo dell'apocalisse
      - Scritto da: Anonimo
      Bisogna cambiare la GPL, o per noi tutti sarà la
      fine.Eccolo qua lo scimunito dai toni apocalittici.Che viene per mettere paura a tutti quanti volessero rilasciare un programma di gestione mensa o panificio sotto forma di opensource, perche' gli ruberebbe quei quattro clientiche ha nel proprio quartiere.La GPL non va cambiata, e' li una licenza tra tante e se non ti piace non la usi per i tuoi software.La verita' e' che ti rode non potere rubare e impunemente rivendere come tuo tanto buon software.Ti rode che un esercito di muli e programmatori hobbisti riesca a fare tanto buon software, ma soprattutto che la gente comincia ad accorgersene e almeno un paio di volte ti chiede perche' non gli proponi Linux e come potrebbe servire al loro lavoro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Lo scemo dell'apocalisse
        - Scritto da: Anonimo

        La verita' e' che ti rode non potere rubare e
        impunemente rivendere come tuo tanto buon
        software.veramente questo avviene proprio con il modello open source ed è una triste realtà
        • Anonimo scrive:
          Re: Lo scemo dell'apocalisse
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          La verita' e' che ti rode non potere rubare e

          impunemente rivendere come tuo tanto buon

          software.
          veramente questo avviene proprio con il
          modello open source ed è una triste realtàLa tua realta', ma tu leggi un forum da una dimensione parallela...
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            La verita' e' che ti rode non potere rubare e


            impunemente rivendere come tuo tanto buon


            software.

            veramente questo avviene proprio con il

            modello open source ed è una triste realtà

            La tua realta', ma tu leggi un forum da una
            dimensione parallela...sai quante gente ho visto rivendere siti in phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il copyright del _vero_ autorecari ragazzini... dovete crescere, prima di comprendere chi non la pensa come voi
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            La verita' e' che ti rode non potere



            rubare e impunemente rivendere



            come tuo tanto buon software.


            veramente questo avviene proprio con il


            modello open source ed è una triste


            realtà

            La tua realta', ma tu leggi un forum da una

            dimensione parallela...
            sai quante gente ho visto rivendere siti in
            phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati
            fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il
            copyright del _vero_ autoreWellalla' allora non e' vero che con l'open non si fanno i soldi !!! Pensa che c'e' anche chi riesce a guadagnare facendoli davvero i siti ! Com'e' vario il mondo della gente che guadagna usando software open !!!
            cari ragazzini... dovete crescere, prima di
            comprendere chi non la pensa come voi
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            La verita' e' che ti rode non potere




            rubare e impunemente rivendere




            come tuo tanto buon software.




            veramente questo avviene proprio con il



            modello open source ed è una triste



            realtà



            La tua realta', ma tu leggi un forum da una


            dimensione parallela...


            sai quante gente ho visto rivendere siti in

            phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati

            fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il

            copyright del _vero_ autore

            Wellalla' allora non e' vero che con l'open non
            si fanno i soldi !!! Pensa che c'e' anche chi
            riesce a guadagnare facendoli davvero i siti !
            Com'e' vario il mondo della gente che guadagna
            usando software open !!!si, distruggendo il mercato e una professione... ovvio, alcuni truffaldini trovano sempre il metodo di fare soldini, anche vendendoti l'acqua calda
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            - Scritto da: Anonimo







            La verita' e' che ti rode non potere





            rubare e impunemente rivendere





            come tuo tanto buon software.






            veramente questo avviene proprio con il




            modello open source ed è una triste




            realtà





            La tua realta', ma tu leggi un forum da una



            dimensione parallela...




            sai quante gente ho visto rivendere siti in


            phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati


            fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il


            copyright del _vero_ autore



            Wellalla' allora non e' vero che con l'open non

            si fanno i soldi !!! Pensa che c'e' anche chi

            riesce a guadagnare facendoli davvero i siti !

            Com'e' vario il mondo della gente che guadagna

            usando software open !!!

            si, distruggendo il mercato e una
            professione...
            ovvio, alcuni truffaldini trovano sempre il
            metodo di fare soldini, anche vendendoti
            l'acqua calda.Si Microsoft.
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo









            La verita' e' che ti rode non potere






            rubare e impunemente rivendere






            come tuo tanto buon software.








            veramente questo avviene proprio con il





            modello open source ed è una triste





            realtà







            La tua realta', ma tu leggi un forum da
            una




            dimensione parallela...






            sai quante gente ho visto rivendere siti in



            phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati



            fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il



            copyright del _vero_ autore





            Wellalla' allora non e' vero che con l'open
            non


            si fanno i soldi !!! Pensa che c'e' anche chi


            riesce a guadagnare facendoli davvero i siti !


            Com'e' vario il mondo della gente che guadagna


            usando software open !!!



            si, distruggendo il mercato e una

            professione...

            ovvio, alcuni truffaldini trovano sempre il

            metodo di fare soldini, anche vendendoti

            l'acqua calda.

            Si Microsoft.ma almeno è roba loro, voi invece che rivendete come cose vostre le cazzatine open source, finirete nelle merda, ma dopo aver sputtanato un florido mercato
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse

            sai quante gente ho visto rivendere siti in
            phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati
            fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il
            copyright del _vero_ autoreio ho fatto dei siti con phpnuke. certo, non li ho venduti a quella cifra, ma comunque ci ho guadagnato benino.ho detto a chi li voleva: io ti offro un sito che e' fatto con programmi open source, che anche tu puoi scaricare gratuitamente se vuoi. prendo vari pezzi, li metto insieme, e te lo personalizzo come vuoi tu. l'unica condizione dell'autore e' quella di mettere delle note di copyright. se vuoi farlo tu direttamente ti dico dove informarti.risultato: il lavoro l'ho fatto io (non tutti hanno tempo per conoscere il codice di un progetto, o di farne la grafica, o di imparare a programmare da zero!). le note di copyright sono rimaste. loro sono stati contenti, e io pure.in casi come questi non vendi il software, ma la tua competenza, efficienza, velocita', affidabilita'. tutto questo puo' essere valutato anche molto di piu' di 2mila euro. l'importante e' avere l'onesta di spiegare chiaramente quello che si sta facendo, e non spacciare tutto come proprio lavoro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo

            sai quante gente ho visto rivendere siti in

            phpnuke a 2 mila euro? Come se fossero stati

            fatti da zero e ad hoc e togliendo pure il

            copyright del _vero_ autore

            io ho fatto dei siti con phpnuke. certo, non li
            ho venduti a quella cifra, ma comunque ci ho
            guadagnato benino.

            ho detto a chi li voleva: io ti offro un sito che
            e' fatto con programmi open source, che anche tu
            puoi scaricare gratuitamente se vuoi. prendo vari
            pezzi, li metto insieme, e te lo personalizzo
            come vuoi tu. l'unica condizione dell'autore e'
            quella di mettere delle note di copyright. se
            vuoi farlo tu direttamente ti dico dove
            informarti.

            risultato: il lavoro l'ho fatto io (non tutti
            hanno tempo per conoscere il codice di un
            progetto, o di farne la grafica, o di imparare a
            programmare da zero!). le note di copyright sono
            rimaste. loro sono stati contenti, e io pure.

            in casi come questi non vendi il software, ma la
            tua competenza, efficienza, velocita',
            affidabilita'. tutto questo puo' essere valutato
            anche molto di piu' di 2mila euro. l'importante
            e' avere l'onesta di spiegare chiaramente quello
            che si sta facendo, e non spacciare tutto come
            proprio lavoro.e qui casca l'asino, tu sei davvero un bravo ragazzo, ma pur sempre in gran minoranzapermettimi comunque di dire che meglio un lavoro fatto ad hoc (capacità permettendo) che usare pacchetti già pronti... altrimenti gli sviluppatori fra qualche anno non sapranno più nemmeno fare hello world e ci ritroveremo ad essere un popolo di installatori ignorante
          • Anonimo scrive:
            Re: Lo scemo dell'apocalisse
            - Scritto da: Anonimo
            e qui casca l'asino, tu sei davvero un bravo
            ragazzo, ma pur sempre in gran minoranzadacci i numeri per dimostrarlo, emerito calunniatore
            permettimi comunque di dire che meglio un lavoro
            fatto ad hoc ...le opinioni sono tante
    • Anonimo scrive:
      la specie degli incapaci vada a zappare

      La specie dei programmatori vuole auto estinguersi, Se non sei all'altezza di competere sul mercatoe ti è rimasto come ultimo sfogo la calunnia,se sei un incapace che si piccava di lavoraracol conpute, bene, è finita, sei estinto.Esistono migliaia di persone molto migliori di te Vai pure a zappare, sta iniziando la stagionedella frutta
      • Anonimo scrive:
        Re: la specie degli incapaci vada a zappare
        - Scritto da: Anonimo
        Esistono migliaia di persone molto migliori di te e chi sarebbero questi, gl installatori di phpnuke?bell'auspicio :-s
        • Anonimo scrive:
          Re: la specie degli incapaci vada a zapp
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Esistono migliaia di persone molto migliori di
          te

          e chi sarebbero questi, gl installatori di
          phpnuke?proprio così, se li temi
          • Anonimo scrive:
            Re: la specie degli incapaci vada a zapp
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            Esistono migliaia di persone molto migliori di

            te



            e chi sarebbero questi, gl installatori di

            phpnuke?

            proprio così, se li teminon temo gli installatori, non temo i miei colleghi, ma il danno economico e la perdita di valore che causano nel settore informatico, tutto a "vantaggio" della _bassa qualità_ del software, della pirateria, delle tasche di nokia, sun, ibm, ecc..
    • Anonimo scrive:
      Re: Software open source per uso commerc
      - Scritto da: Anonimo
      Come si fa ad essere così tanto idioti da
      lavorare gratis per poi vedere il software nato
      per passione aiutare il business di furbi e avidi
      colletti bianchi?la mia passione è il mio lavoro. Quindi se partecipo allo sviluppo di un Sw OS, questa passione produce un introito a me, personalmenteOrmai dovrebbe essere chiaro quais a tutti il perché del successo dell'OS
      La specie dei programmatori vuole auto
      estinguersi, e ci sta riuscendo egregiamente.il luddismo non è servito ai primi operai tessili.
      Bisogna cambiare la GPL, o per noi tutti sarà la
      fine.La GPL mi va benissimo, il problema è di chi no sa adeguarsi alle novità. Questo è un problema dei gestori di un monopolio, non del resto del mondo
      • Anonimo scrive:
        Re: Software open source per uso commerc
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Come si fa ad essere così tanto idioti da

        lavorare gratis per poi vedere il software nato

        per passione aiutare il business di furbi e
        avidi

        colletti bianchi?

        la mia passione è il mio lavoro. Quindi se
        partecipo allo sviluppo di un Sw OS, questa
        passione produce un introito a me, personalmente

        Ormai dovrebbe essere chiaro quais a tutti il
        perché del successo dell'OS


        La specie dei programmatori vuole auto

        estinguersi, e ci sta riuscendo egregiamente.

        il luddismo non è servito ai primi operai
        tessili. ma cosa centra il luddismo, qui si sta facendo un passo indietro, in pratica ci ritroveremo in un mondo con pochi colossi che controllano il software open e il resto che installerà per due lire la roba che si trova in giro nei siti tipo sourceforgeda quando c'è l'open source in giro si vede solo immondizia riciclata e piena di bug, e nel frattempo il software di qualità perde valorepeccato
        La GPL mi va benissimo, il problema è di chi no
        sa adeguarsi alle novità. Questo è un problema
        dei gestori di un monopolio, non del resto del
        mondola gpl e l'open source esistono da una vita, altro che novità... la novita è invece che IBM e company hanno scoperto una infinita compagnia di muli che lavorano gratis o per pochi spiccioli, ecco la novità e adesso saranno loro a pilotare il tutto, prezzi e qualità
        • Garson Poole scrive:
          Re: Software open source per uso commerc
          Divertente e istruttivo...come sempre il più incapace e limitato è proprio quello che teme di più ...cosa? la fine ...del suo orticello? di non essere + pagato per le cagate che fà scopiazzando e aggiustando alla meglio cose già fatte ? :D
  • Anonimo scrive:
    sventoliamo il fazzolettino...
    bye bye, Bill... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: sventoliamo il fazzolettino...
      - Scritto da: Anonimo
      bye bye, Bill... :De tu che ci guadagni?ahi ahi... ci stiamo avviando verso il burrone e presto ne vedremo l'orlo... altro che bill :(
      • TomSawyer scrive:
        Re: sventoliamo il fazzolettino...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        bye bye, Bill... :D

        e tu che ci guadagni?cosa ci guadagno?!?!? che creddi che i driver lelle periferiche se le scriva microsoft?!??!la maggior parte è scritta dalle ditte produttrici, le quali ricaricano sul prezzo dell'hw pure i costi dei programmatori....se non dovessero sviluppare i driver e rilasciassero le specifiche, l'hw costerebbe meno, no??inoltre in un mercato monopolizzato se cade il monopolio secondo te ci si guadagna o no????mamma mia, ma che è: tutti stalinisti qui?!?!
  • Anonimo scrive:
    Beh, c'è sempre ReactOS !
    Il primo sistema operativo open source (GPL) compatibile con Windows NT.www.reactos.orgNota: mantengo questa pagina nel wiki - http://reactos.com/wiki/index.php/Untested_%28open_source%29_software_list - e sto cercando testers e contributori... volontari !Nota2: stiamo cercando anche volontari per la localizzazione !Marco Radossevich
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, c'è sempre ReactOS !

      Il primo sistema operativo open source (GPL)
      compatibile con Windows NT.L'ho provato un sei mesi fa.Crashava che era un piacere, roba da fare sembrare stabili le beta di w95.Spero sinceramente che migliori anche se con i linux più amichevoli e wine sempre più funzionale la nicchia a cui potrebbe andare bene un s.o. scritto ex novo fondamentalmente per la compatibilità con win32 potrebbe stringersi parecchio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, c'è sempre ReactOS !
      - Scritto da: Anonimo
      Il primo sistema operativo open source (GPL)
      compatibile con Windows NT.

      www.reactos.org

      Nota: mantengo questa pagina nel wiki -
      http://reactos.com/wiki/index.php/Untested_%28open

      Nota2: stiamo cercando anche volontari per la
      localizzazione !

      Marco Radossevichtroppo giovane ancora..
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, c'è sempre ReactOS !
      Complimenti per l'impegno su wiki!Io ho provato ReactorOS ormai quasi un anno fa su qemu (installandolo direttamente sulla macchina virtuale) ma era estremamente instabile e dopo un crash (cioè dopo mezz'ora circa di utilizzo tranquillo) quasi sempre mi toccava reinstallarlo (non ti dico con che piacere!), così dopo qualche giorno di prove l'ho lasciato perdere.Su una macchina reale come va? Capisco che quemu sia una situazione un po estrema, ma sulla stessa vm ho fatto girare praticamente qualsiasi cosa con risultati migliori di ReactorOS, anche i vecchi windows e gli *x più esoterici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, c'è sempre ReactOS !
      E basta!! ce lo hai fatto a fette!! progetto immaturo,instabile,e con una speranza di essere degnamente pronto prossima a zero.Fai confluire le tue energie su qualcosa di + importante....ne gioverebbero tutti
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, c'è sempre ReactOS !
        - Scritto da: Anonimo
        E basta!! ce lo hai fatto a fette!! progetto
        immaturo,instabile,e con una speranza di essere
        degnamente pronto prossima a zero.
        Fai confluire le tue energie su qualcosa di +
        importante....ne gioverebbero tuttiAlmeno lui è in grado di sviluppare un sistema operativo, tu continua pure a pulire i bagni in casa Gates o Torvalds ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, c'è sempre ReactOS !
          Mi spiace,preferisco i cessi della Berkley Software Department o al massimo quelli di Steve Jobbs
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, c'è sempre ReactOS !
            - Scritto da: Anonimo
            Mi spiace,preferisco i cessi della Berkley
            Software Department o al massimo quelli di Steve
            Jobbsso sempre cessi
  • Anonimo scrive:
    Linuxari segaioli
    "il software open si adatta molto di più alla nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani su ciò che usiamo". :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuxari segaioli
      - Scritto da: Anonimo
      "il software open si adatta molto di più alla
      nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani su
      ciò che usiamo". :DBeh, se tu non lo usi sono problemi tuoi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuxari segaioli

      "il software open si adatta molto di più alla
      nostra cultura:"
      Pardon, ma dove leggi Linux in questa frase ?Marco Radossevich
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuxari segaioli
      - Scritto da: Anonimo
      "il software open si adatta molto di più alla
      nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani su
      ciò che usiamo". :Dgià, tu invece preferisci che un altro ti metta qualcos' altro in un posto particolare ......... :o
      • dromosz scrive:
        Re: Linuxari segaioli
        Mitica!!! :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Linuxari segaioli
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        "il software open si adatta molto di più alla

        nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani
        su

        ciò che usiamo". :D

        già, tu invece preferisci che un altro ti metta
        qualcos' altro in un posto particolare .........
        :oin una delle tante backdoor di windows, magari...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuxari segaioli
      - Scritto da: Anonimo
      "il software open si adatta molto di più alla
      nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani su
      ciò che usiamo". :Di windowsiani invece mandano giu qualsiasi schifezza venga propinata da Bill Gheitz.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuxari segaioli
      - Scritto da: Anonimo
      "il software open si adatta molto di più alla
      nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani su
      ciò che usiamo". :DCiao, io uso Linux e probabilmente sono un Linuxaro...comunque la tua metafora é proprio simpatica!Bella veramente!Io potrei aggiungere anche "Linuxari Cannaioli", "..ci piace costruire da noi quello che poi usiamo!!"Ciao e tuttiPS: Linuxari ! : non prendetevela per queste cose! anzi rideteci su!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Linuxari segaioli
        coloro di windows parlano cosi perche non hanno mai visto linux, basta la grafica oppure l'audio per notare le differenze.. cmq se volete la distro + completa usate fedora core 3 o se siete esperti debian :D nn dovevo certo dirvelo io si.. ma per i newembie andava detto:D
        • Anonimo scrive:
          Re: Linuxari segaioli
          Ma come scrivi? Newmbie? Newbies (plurale) magari. E se usassi qualche virgola? Povera lingua italiana...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linuxari segaioli
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        "il software open si adatta molto di più alla

        nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani
        su

        ciò che usiamo". :D

        Ciao,
        io uso Linux e probabilmente sono un Linuxaro...
        comunque la tua metafora é proprio simpatica!
        Bella veramente!

        Io potrei aggiungere anche "Linuxari Cannaioli",
        "..ci piace costruire da noi quello che poi
        usiamo!!"

        Ciao e tutti

        PS: Linuxari ! : non prendetevela per queste
        cose! anzi rideteci su!!

        io, autore del post, uso Linux tutte le volte che posso, tranne che per lavoro causa scelte non mie.solo che la battuta mi è venuta leggendo l'articolo, ma già sapevo che ne veniva fuori una discussione :$ciao a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuxari segaioli
      - Scritto da: Anonimo
      "il software open si adatta molto di più alla
      nostra cultura: vogliamo poter mettere le mani
      su ciò che usiamo". :DSenza contare che possiamo andare su tutti i siti porno che ci pare senza paura di prendere dialer e virus. Con linux anche la masturbazione e' piu' sicura. (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    vorrei XP minchiata edition: dove ?
    Se una sera voglio ridere e non c'ècabaret potrei installarlo: quanto costa,dove reperire questo gioiello?Che differenza c'è tra le perline mostrateagli indigeni da cristoforo e questa minchiata per negri cerebrolesi ?Quanti negri cerebrolesi sono rimasti in giroper il mondo disposti a credere alle minchiate di ms ?Quanti cerebrolesi di ogni etnia ha prodotto ms da dos 3.3 alla beta di longhorn conparticolare riguardo a una strana appendicegeografica di forma strana ?
    • Anonimo scrive:
      Re: vorrei XP minchiata edition: dove ?
      - Scritto da: Anonimo
      Se una sera voglio ridere e non c'è
      cabaret potrei installarlo: quanto costa,
      dove reperire questo gioiello?
      Che differenza c'è tra le perline mostrate
      agli indigeni da cristoforo e questa minchiata
      per negri cerebrolesi ?
      Quanti negri cerebrolesi sono rimasti in giro
      per il mondo disposti a credere alle minchiate di
      ms ?
      Quanti cerebrolesi di ogni etnia ha prodotto
      ms da dos 3.3 alla beta di longhorn con
      particolare riguardo a una strana appendice
      geografica di forma strana ?

      fai pena! mi dispiace per te che la tua esistenza sia inutile... prova con il ricamo forse riuscirai a dimostrare un briciolo di intelligenza che qui non esce di sicuro fuori
  • Anonimo scrive:
    tre milioni e mezzo di nuovi muli
    I famosi muli indiani.........
    • Anonimo scrive:
      Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
      - Scritto da: Anonimo
      I famosi muli indiani.........ridi ridi che hai un palo su per il culo(windows minchia edition )
      • Anonimo scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        I famosi muli indiani.........

        ridi ridi che hai un palo su per il culo
        (windows minchia edition )ridi ridi che il palo su per il culo tu te lo stai anche fabbricando (open sourcio colorotto edition)
      • Anonimo scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli

        (windows minchia edition )bella questa !!!!e pensare che da longhorn, tra drm espyware integrati si cambia completamente..dovranno pagare pagare e pagare tutto e anche dipiu.L'elemosina di un autino per il turbo di firefoxio non gliela farò certo. Si abituino a impararequalcosa.
    • TPK scrive:
      Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
      Lo so che preferiresti che gli indiani buttassero i loro soldi con Winzozz...
      • Anonimo scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
        ma quando anche gli italiani smetteranno di "fare gli indiani" e faranno come gli indiani?
        • Giambo scrive:
          Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
          - Scritto da: Anonimo
          ma quando anche gli italiani smetteranno di "fare
          gli indiani" e faranno come gli indiani?Cioe' farsi macellare dagli americani ? Mi pare che si sia gia' sulla strada buona ... Augh !
      • awerellwv scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
        - Scritto da: TPK
        Lo so che preferiresti che gli indiani buttassero
        i loro soldi con Winzozz...In realtà sono gli indiani che incassano con winzozz... della metà del codice viene sviluppata in india per contenere i "costi di produzione"... e se per qesto, fatevi un giro a Redmond e/o silicon valley a vedere quanti programmatori importati dall'india ci sono!
    • Anonimo scrive:
      Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
      - Scritto da: Anonimo
      I famosi muli indiani.........il sottoscritto e' un mulo italiano che lavora perlopiu' su software libero e con esso si e' comprato casa, un'utilitaria, una 999S radiata uso pista e una SS900 uso strada
      • Anonimo scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        I famosi muli indiani.........

        il sottoscritto e' un mulo italiano che lavora
        perlopiu' su software libero e con esso si e'
        comprato casa, un'utilitaria, una 999S radiata
        uso pista e una SS900 uso stradasarà, ma tutti quelli che conosco e che sono ossessionati da linux non portano nemmeno un centesimo a casa, ma solo tanta gloria per aver salvato il mondo :-s
        • Anonimo scrive:
          Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
          probabilmente parli di hobbysti, chi lo fa per hobby e' naturale che non punti al guadagno (lo fa per divertirsi, magari lavora in tutt'altro campo), ma sta sicuro che i professionisti che campano sul software libero non guadagnano certo meno di quelli che lo fanno sul software proprietario.
          • Anonimo scrive:
            Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
            - Scritto da: Anonimo
            probabilmente parli di hobbysti, chi lo fa per
            hobby e' naturale che non punti al guadagno (lo
            fa per divertirsi, magari lavora in tutt'altro
            campo), ma sta sicuro che i professionisti che
            campano sul software libero non guadagnano certo
            meno di quelli che lo fanno sul software
            proprietario.certamente, dipende da quante donazioni sei disposto a fare per questa povera gentehttp://sourceforge.net/donate/
          • Anonimo scrive:
            Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
            - Scritto da: Anonimo
            certamente, dipende da quante donazioni sei
            disposto a fare per questa povera gente

            http://sourceforge.net/donate/uh? e questo che c'entra? quel link serve per chi vuol fare donazioni al progetto sourceforge *non* alla miriade di progetti liberi che hosta ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            certamente, dipende da quante donazioni sei

            disposto a fare per questa povera gente



            http://sourceforge.net/donate/

            uh? e questo che c'entra? quel link serve per chi
            vuol fare donazioni al progetto sourceforge *non*
            alla miriade di progetti liberi che hosta ;-)però è un emblema per eccellenza
      • Anonimo scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
        Mi diresti come hai fatto? hai SFRUTTATO software open source customizzandolo in pochi giorni o hai fatto un progetto open source da zero?come hai guadagnato da questo progetto gratuito in cui hai investito tempo?
    • Anonimo scrive:
      Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
      ooooohhhh, adesso che ho letto il quotidiano commento sui muli, la mia giornata e' piu' luminosa!!!! 8)Rimango sempre stupito che tu non abbia neanche il coraggio di scrivere un nick name.... :D
      • Anonimo scrive:
        Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
        - Scritto da: Anonimo
        ooooohhhh, adesso che ho letto il quotidiano
        commento sui muli, la mia giornata e' piu'
        luminosa!!!! 8)

        Rimango sempre stupito che tu non abbia neanche
        il coraggio di scrivere un nick name.... :Dnemmeno tu a quanto pare sei un tipo coraggioso
        • Anonimo scrive:
          Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          ooooohhhh, adesso che ho letto il quotidiano

          commento sui muli, la mia giornata e' piu'

          luminosa!!!! 8)

          Rimango sempre stupito che tu non abbia neanche

          il coraggio di scrivere un nick name.... :D
          nemmeno tu a quanto pare sei un tipo coraggiosoLeggiti un qualsiasi libro fantasy e vedrai che ci vuole coraggio per fare l'ammazza (troll)
        • Anonimo scrive:
          Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          ooooohhhh, adesso che ho letto il quotidiano

          commento sui muli, la mia giornata e' piu'

          luminosa!!!! 8)



          Rimango sempre stupito che tu non abbia neanche

          il coraggio di scrivere un nick name.... :D

          nemmeno tu a quanto pare sei un tipo coraggiosook, chiedo scusa, ma non mi sono mai registrato. Cosa che evidentemente tu hai fatto visto i voti che il tuo trollaggio quotidiano regolarmente riceve...paky
          • francescor82 scrive:
            Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli

            ok, chiedo scusa, ma non mi sono mai registrato.
            Cosa che evidentemente tu hai fatto visto i voti
            che il tuo trollaggio quotidiano regolarmente
            riceve...

            pakyPer portare il voto a 4 deve aver registrato decine di nick diversi! :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: tre milioni e mezzo di nuovi muli
      Sei proprio un ciula !!!
  • Anonimo scrive:
    I paesi poveri
    I paesi poveri sono poveri ma non per questo sono anche scemi.Il problema del divario economico fino a poco tempo fa era prevalentemente tecnologico oltre che infrastrutturale.Nell'era dell'informazione digitale dove la vera ricchezza e' l'informazione e cosa puoi farci con questa, la possibilita' di avere strumenti dell'informazione libero e anche gratuiti, potrebbe permettere veramente di eliminare questo divario, all'inizio quello culturale e tecnologico, ma rapidamente sara' colmato anche quello economico.E noi continueremo a usare il computer per guardare il Grande Fratello della Mediaset.
    • Anonimo scrive:
      Re: I paesi poveri
      si come no.....sai cosa ti dico, che gli indiani faranno una gui, un kernel, ecc... meglio degli americani (dato che sono loro che sbuggano il software) e non sarebbe strano se l'india si desse alla produzione di softwarecmq ognuno e' portato a qualcosal'italia alla pappa (dal culatello al prosciutto alla pasta allta moda)la cina per i prodotti di largo consumo a basso costogli usa per il cinema e i processoriogni nazione si sta specializzando in qualcosa, questo si spera renda le cose piu facili a tutti e che l'open unisca di piu le persone anche sui prezzinel quadro manca l'africa che aconora ne sta fuori
      • Anonimo scrive:
        Re: I paesi poveri
        - Scritto da: Anonimo
        sai cosa ti dico, che gli indiani faranno una
        gui, un kernel, ecc... meglio degli americani
        (dato che sono loro che sbuggano il software) e
        non sarebbe strano se l'india si desse alla
        produzione di softwareSarebbe strano per il fatto che si dà già adesso, e gli indiani sono tra i migliori informatici del mondo...
        • Anonimo scrive:
          Re: I paesi poveri

          Sarebbe strano per il fatto che si dà già adesso,
          e gli indiani sono tra i migliori informatici del
          mondo...Purtroppo hai proprio ragione, gli indiani sono tra i piu ricercati ¨softwareisti¨ al mondo, e fin che noi continueremo a fare guerre ideologiche tra windows e linux tra clouse source e open source continueremo a rinviare una vera informatizzazione del nostro paese.Ci sarebbe da chiedersi come mai un numero cosi elevato di persone preferisce usare software piratato piuttosto di provare un sistema linux con TUTTO quello che serve (in realta molto molto molto di piu).Eppure se si sceglie, per esempio, una distribuzione come Mandriva (ex Mandrake) dire che i problemi si azzerano quasi..... io ho provato! ormai 5 anni fa, quando non mi sarei MAI sognato di suggerire ad un utente normale di installare linux sul proprio PC.... ora lo puo fare chiunque.
          • Anonimo scrive:
            ignoranza pigrizia dipendenza

            Ci sarebbe da chiedersi come mai un numero cosi
            elevato di persone preferisce usare software piratatoLa risposta, amico mio, sta soffiando nel vento.Ignoranza, dipendenza da quanto insegnano a scuola:assurdamente, finora la scuola dell'obbligo ha drogato i bambini fin da piccoli con applicazioni diun'azienda privata monopolista extra-europea.Etc,etc
    • Anonimo scrive:
      Re: I paesi poveri
      - Scritto da: Anonimo
      I paesi poveri sono poveri ma non per questo sono
      anche scemi.

      Il problema del divario economico fino a poco
      tempo fa era prevalentemente tecnologico oltre
      che infrastrutturale.

      Nell'era dell'informazione digitale dove la vera
      ricchezza e' l'informazione e cosa puoi farci con
      questa, la possibilita' di avere strumenti
      dell'informazione libero e anche gratuiti,
      potrebbe permettere veramente di eliminare questo
      divario, all'inizio quello culturale e
      tecnologico, ma rapidamente sara' colmato anche
      quello economico.

      E noi continueremo a usare il computer per
      guardare il Grande Fratello della Mediaset.Quella indiana mi sembra piu' una mossa commerciale che realmente utile. Distribuiranno 3,5 milioni di CD nelle zone "RURALI". Considerando quanto sono arretrate (informaticamente parlando) le nostre zone rurali, mi immagino quanto lo possano esse le loro.Pensa al contadino con il CD in mano, pieno zeppo di soft open. E che ci fa?????? Oppure ho capito male io??Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: I paesi poveri
        - Scritto da: Anonimo
        Quella indiana mi sembra piu' una mossa
        commerciale che realmente utile. Distribuiranno
        3,5 milioni di CD nelle zone "RURALI".
        Considerando quanto sono arretrate
        (informaticamente parlando) le nostre zone
        rurali, mi immagino quanto lo possano esse le
        loro.
        Pensa al contadino con il CD in mano, pieno zeppo
        di soft open. E che ci fa??????

        Oppure ho capito male io??Se avrà tempo tra un raccolto e l'altro leggerà le documentazioni e diventerà molto più competente riguardo a informatica dell'80% degli occidentali.
  • Anonimo scrive:
    XP pezzent edition da smerciare in italy
    Nei paesi evoluti come questi come puoipensare che preferiscano un xp tritasksuperlimitato a paragone di un turbolinuxo un redflag a gratis sviluppati da loro: mica sono scemi.Forse in italia il target è ottimo e abbondante ein molte situazioni anche troppo. Certo, meglioancora sarebbe 3.1
    • Anonimo scrive:
      Re: XP pezzent edition da smerciare in italy
      - Scritto da: Anonimo
      Nei paesi evoluti come questi come puoi
      pensare che preferiscano un xp tritask
      superlimitato a paragone di un turbolinux
      o un redflag a gratis sviluppati da loro:
      mica sono scemi.
      Forse in italia il target è ottimo e abbondante e
      in molte situazioni anche troppo. Certo, meglio
      ancora sarebbe 3.1Ma infatti. In Italia siamo super efficienti si usano tutte le applicazioni contemporaneamente.Nel senso che per averle tutte li' pronte per l'uso la segretaria e il cummenda italioti li mettono tutti in Esecuzione automatica.Se gli dai un XP che ne apre solo 3, sai che bestemmie? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: XP pezzent edition da smerciare in i
        tritask ?me la spiegate questa, se vuole dire qualcosa ?altrimenti come battuta non vi è riuscita.
        • Anonimo scrive:
          Re: XP pezzent edition da smerciare in i

          tritask ?http://punto-informatico.it/p.asp?i=52352XP pezzent edition, per negri delle favelas,è in grado di eseguire solo tre programmi contemporaneamente, oltre a tante altre limitazioni.Il suo concorrente brasiliano, oggi chiamato mandriva (ex conectiva + mandrake), mi faandare da 2 anni un server di terminali su unathlon mp 1500x2 1giga ram da cui fanno boot di rete12 client pentium 100-200. Inoltre solo:"modalità grafiche a bassa risoluzione. Saranno assenti la gestione di LAN domestiche e la possibilità di impostare utenti multipli per ogni singolo computer"Sul suddetto athlon 1500x2 ho oltre 1000 account inuna biblioteca pubblica. Come potrei pensare di "aggiornare" a XP pezzent edition questo gioiellomonoutente pezzente fatto, tra l'altro, con una distro tutt'altro che quotata nel mondo linux come la mandrakkia. Certo che siamo ben oltre al ridicolopiu tragicomico....Vedi un po tu
    • Anonimo scrive:
      Re: XP pezzent edition da smerciare in italy
      - Scritto da: Anonimo
      Nei paesi evoluti come questi come puoi
      pensare che preferiscano un xp tritask
      superlimitato a paragone di un turbolinux
      o un redflag a gratis sviluppati da loro:
      mica sono scemi.
      Forse in italia il target è ottimo e abbondante e
      in molte situazioni anche troppo. Certo, meglio
      ancora sarebbe 3.1il modello open source annichilisce l'industria del software e rafforza il potere padrone dello stato e di poche grandi multinazionali dellhardware, spero solo che l'occidente si tenga a debite distanzeè strano come la storia per alcuni sembra non esserci mai stata... oppure non ci sono tutti questi programmatori in giro su PI, ma solo ragazzini del liceo
      • Anonimo scrive:
        Re: XP pezzent edition da smerciare in italy

        annichilisce l'industria del softwareastroturfer da tre euro al giornovatti a nascondere !cosa ti danno in cambio, pezzent edition ?
  • Anonimo scrive:
    entro 10 anni lin so desktop piu diffuso
    Cina e india, brasile etc.Domandina: come mai in italia abbiamoil record mondiale nell'uso di MS ? Addiritturapiu che negli usa ? Poi abbiamo il record anche nel piratarlo. Siamo piu intelligenti di tutti ?
    • Anonimo scrive:
      Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
      - Scritto da: Anonimo
      Cina e india, brasile etc.
      Domandina: come mai in italia abbiamo
      il record mondiale nell'uso di MS ? Addirittura
      piu che negli usa ? Poi abbiamo il record
      anche nel piratarlo. Siamo piu intelligenti di
      tutti ?NO! In Italia ci stanno gli ITALIOTI che sono la stragrande maggiornaza della popolazione.E gli ITALIOTI sono peggio degli idioti.
      • Anonimo scrive:
        Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Cina e india, brasile etc.

        Domandina: come mai in italia abbiamo

        il record mondiale nell'uso di MS ? Addirittura

        piu che negli usa ? Poi abbiamo il record

        anche nel piratarlo. Siamo piu intelligenti di

        tutti ?
        NO! In Italia ci stanno gli ITALIOTI che sono la
        stragrande maggiornaza della popolazione.
        E gli ITALIOTI sono peggio degli idioti.
        Come si vede che sei italiota.
      • Anonimo scrive:
        Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Cina e india, brasile etc.

        Domandina: come mai in italia abbiamo

        il record mondiale nell'uso di MS ? Addirittura

        piu che negli usa ? Poi abbiamo il record

        anche nel piratarlo. Siamo piu intelligenti di

        tutti ?
        NO! In Italia ci stanno gli ITALIOTI che sono la
        stragrande maggiornaza della popolazione.
        E gli ITALIOTI sono peggio degli idioti.Direi che tu rientri nel capitolo 2 del seguente manuale che ho trovato in rete:Manuale dell'attivista linuxiano:Cap. 1Tutto ciò che è M$ è sbagliato, a priori, sotto tutti gli aspetti.M$ non può fare una cosa giusta neanche per sbaglio: qualsiasi azione/intenzione/rivelazione diretta o indiretta proveniente da M$ deve essere letta in modo che sembri disonesta o, nel caso non fosse possibile, quanto meno inutile.Azione: denigra M$ in ogni messaggio che scrivi, anche se stai rispondendo ad una conversazione sulle mandorle giapponesi.Cap. 2Per combattere M$ bisogna diminuirne la potenza economica.Fai credere a tutti quelli che comprano SW M$ che sono degli idioti. Trattali come asini, evidenzia solo gli aspetti negativi.convincili che loro non hanno affatto scelto.Terrorizza i nemici: "Virus ti coglierà!, Hacker ti possiederà! Anzi, il tuo PC è già sotto il controllo della M$ che può leggere tutte le password del tuo PC."Cap. 3Non accettare nessuna giustificazione da chi asserisce di dover usare prodotti M$ per motivi pratici."Non ci sono i driver per la mia periferica su Linux!" --
        "La periferica è inutile/sorpassata" oppure "Ci sono, ma non li sai trovare tu, idiota!", oppure "Fra breve li faranno", oppure "fatteli", oppure "Ma cosa te ne fa di quella periferica, se poi usi dei programmi pieni di buchi per elaborarne i dati?"."I miei 1000 dipendenti sanno muoversi bene con i prodotti e il sistema M$ e così i miei tecnici". --
        "Ma cosa dici! E' così perchè vi è stato lavato il cervello, mettigli in mano Linux e i dipendenti diverranno esperti tecnici, mentre i tecnici diverranno dèi in terra."
    • swamiji65 scrive:
      Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
      10 anni sono tanti, potrebbe arrivare nel frattempo anche un nuovo S.O..Tuttavia l'utente medio italiano e' ostinato.Mi piace far vedere la seguente prova:Aggancio sulla usb il mio hd esterno che viene riconosciuto automaticamente, avvio la copia contemporanea di due files da 650 MB, Apro gmplayer ed avvio un film, quindi lancio xmms e lancio una canzone, apro mozilla e mi 'sintonizzo su una radio live', faccio notare che il film non rallenta, la canzone, la radio e l'audio del film, pur non avendo senso, non danno origine a distorsioni e si possono anche distinguere. Nel frattempo scarico la posta, le copie continuano tranquille, navigo su internet, uso il calc ed il writer di open office. Decido di lanciare vmware ed avvio Windows spiegando che si sta usando un S.O. dentro un sistema operativo senza rallentamenti evidenti o che comunque ne impediscono l'uso. E mentre continuo a mostrare il film che procede senza scatti faccio notare che in background girano un server HTTP, uno mysql, uno FTP, il telnet, samba, iptables ed altri meno importanti.Sottolineo che sono tre anni che non riavvio, mostro il desktop, l'uso del mouse delle cartelle, della chiave usb, faccio vedere il riconoscimento automatico della mia fotocamera.Chiaramente gli utilizzatori windows rimangono stupefatti dal fatto che esistano sistemi operativi che consentono di fare due cose contemporaneamente, in particolare copiare e fare qualsiasi altra cosa.Li invito comunque a provare a fare in Windows la meta' di quello cha hanno visto, ma sanno gia' di non poterlo fare. Quindi li invito allora a passare a Linux, ma mi dicono "si, ma mi hanno detto che e' troppo difficile!".Allora penso: "Brutto scemo non hai i tuoi occhi per vedere e la tua mente per pensare, non sei in grado di elaborare un pensiero tutto tuo?", ma gli rispondo "Hai ragione!".Non so quindi se basteranno 10 anni per vedere linux sui desktop, perche' il problema non e' di installazione, non e' cambiare il S.O. e' cambiare le teste!. P.S.: Il sistema su cui faccio vedere le prove e' un portatile (Compaq presario serie 900) equipaggiato con un AMD 1800+ 750MB di RAM e 64 MB di VRAM (condivisa), un HD di 80GB.So che per un utente Windows e' incredibile quello che ho scritto, ma se avete un amico che usa linux, non perdete l'occasione di fare queste prove.Naturalmente uso un firewall e nessun antivirus.Swamiji65
      • Anonimo scrive:
        Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
        tristemente tutto da quotare.posso chiederti che distribuzione usi?
        • swamiji65 scrive:
          Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
          - Scritto da: Anonimo
          tristemente tutto da quotare.

          posso chiederti che distribuzione usi?Fedora core 3
      • Anonimo scrive:
        Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

        Chiaramente gli utilizzatori windows rimangono
        stupefatti dal fatto che esistano sistemi
        operativi che consentono di fare due cose
        contemporaneamenteEd io che pensavo che parlassi sul serio prima... che delusione.
        Quindi li invito allora a passare a Linux, ma mi
        dicono "si, ma mi hanno detto che e' troppo
        difficile!".
        Allora penso: "Brutto scemo..."Ottima mentalità "Dio-in-Terra".
        • swamiji65 scrive:
          Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
          - Scritto da: Anonimo


          Chiaramente gli utilizzatori windows rimangono

          stupefatti dal fatto che esistano sistemi

          operativi che consentono di fare due cose

          contemporaneamente

          Ed io che pensavo che parlassi sul serio prima...
          che delusione.carissimo, sia chiaro non intendo offendere nessuno perche' non e' nel mio stile, pertanto chiedo scusa a chi si e' sentito offeso. Tuttavia sento la necessita' di chiarire ulteriormente il discorso precedente.Quello che ho scritto e' tutto vero. Ed ho parlato seriamente, vedo purtroppo pero' che sono stato frainteso. Quando parlo di due cose contemporaneamente, chiaramente non mi riferisco all'uso 'alternativo' di due software, cioe' lascio word per passare ad excel, ma realmente all'uso contemporaneo di piu' software e quindi ad un carico sostenuto sulla CPU e ad un uso eccellente della RAM, senza contare l'accesso all'HD.Parlo di stupore perche' anch'io la prima volta mi sono stupito. Ero abituato ad interrompere i lavori, o a rallentarli in maniera inaccettabile (e mi sembrava normale) per esempio se masterizzavo o piu' semplicemente se copiavo file da un disco all'altro.


          Quindi li invito allora a passare a Linux, ma mi

          dicono "si, ma mi hanno detto che e' troppo

          difficile!".


          Allora penso: "Brutto scemo..."

          Ottima mentalità "Dio-in-Terra".
          Innanzitutto il "brutto scemo" e' palesemente detto in modo affettuoso e non offensivo, per cui mi scuso ulteriormente del fraintendimento, ma e' proprio il contrario di sentirsi 'dio in terra' anzi si tratta di comprendere i miei limiti nell'essere incapace cioe' di dimostrare l'evidenza e che le alternative esistono e sono valide.Si tratta cioe' di trovarsi disarmato davanti ad un atteggiamento di ostinata perseveranza a non voler provare a cambiare.Giuro che la principale obiezione e' 'e' troppo difficile', eppure quando chiedo chi ha installato il modem mi dicono un amico, chi reinstalla il sistema e mi rispondono sempre un amico (ah altro grande vantaggio linux non necessita di reinstallazioni continue per ripristinare le condizioni iniziali, non e' normale che 'esista' una soluzione di questo tipo).Insomma anche Windows, nonostante la semplicita' dichiarata necessita comunque dell'amico di turno.In realta' per alcuni aspetti (solo perche' l'hardware e' spesso costruito per Windows) le soluzioni sono piu' semplici in Windows e questo e' innegabile, ma lo sforzo richiesto in Linux e' poi ripagato da tutto il resto.Capisco i costi che bisogna affrontare, ma i benefici mi sembrano evidenti.Una volta ho partecipato ad una presantazione di Linux, molti del pubblico chiedevano le differenze tra MSOffice e Open office, tra win e linux ecc. la risposta era sempre la stessa: Nessuna! (alludendo agli aspetti esteriori). Bhe allora non ci sarebbero motivi per passare a Linux. In realta' le differenze ci sono, sono profonde ma non si vedono, perche' stanno dietro: e' la gestione della memoria, l'accesso all'hd il multitasking ecc. Solo una prova del tipo che ho presentato le mette in evidenza e permette di percepirle.Comunque non e' mia intenzione aprire flame, ti invito solo a provare a fare quello che ho detto con i due sistemi (senza server su Windows).CiaoSwamiji65
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Quello che ho scritto e' tutto vero.Al contrario. Fra tante cose dette, hai detto una cosa totalmente inesatta. Ed io quella contesto :)
            Ed ho
            parlato seriamente, vedo purtroppo pero' che sono
            stato frainteso.Non c'è nulla da fraintendere: hai scritto carattere per carattere questo:"Chiaramente gli utilizzatori windows rimangono stupefatti dal fatto che esistano sistemi operativi che consentono di fare due cose contemporaneamente, in particolare copiare e fare qualsiasi altra cosa"Per chi conosce l'italiano significa che gli utenti di Windows non hanno mai visto girare due programmi contemporaneamente (sottointeso, sul loro OS).Tralascio la puntualizzazione successiva che hai fatto (Word e Excel non valgono) che è ovvia, visto che alcuni programmi rimangono in idle quando non si interagisce con essi.Ora, vai da un utonto che usa Windows e apri due istanze di player multimediali a tua scelta (VLC, mediaplayer2, QT, DivxPlayer, quello che vuoi).Entrambi i filmati scorrono senza intoppi: smentito.
            Parlo di stupore perche' anch'io la prima volta
            mi sono stupito. Ero abituato ad interrompere i
            lavori, o a rallentarli in maniera inaccettabile
            (e mi sembrava normale) per esempio se
            masterizzavo o piu' semplicemente se copiavo file
            da un disco all'altro. Io masterizzo e contemporaneamente faccio aquisizione video in MPEG2 alla massima risoluzione e bitrate senza perdere un frame e senza bruciare DVD. Può bastare?
            Innanzitutto il "brutto scemo" e' palesemente
            detto in modo affettuoso e non offensivo, per cui
            mi scuso ulteriormente del fraintendimento, ma e'
            proprio il contrario di sentirsi 'dio in terra'
            anzi si tratta di comprendere i miei limiti
            nell'essere incapace cioe' di dimostrare
            l'evidenza e che le alternative esistono e sono
            valide.Anche perchè parti da una falsa premessa, come ti ho mostrato :)
            Si tratta cioe' di trovarsi disarmato davanti ad
            un atteggiamento di ostinata perseveranza a non
            voler provare a cambiare.Io ho provato. E ora preferisco usare la piattaforma Win con software preferibilmente free.Ma ciò che preferisco io non conta, perchè agli utenti di Windows qualcuno gli ha lavato il cervello come preme di ribadire ai tuoi colleghi meno educati.Perchè qualcuno non riesce ad accettare che la sua scelta personale non sia condivisa da tutti gli abitanti del pianeta.Accade lo stesso stesso in molti campi: religione, politica, calcio, fumetti, ... In altri tempi ci sarebbero stati di mezzo i roghi...
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Io ho provato.
            E ora preferisco usare la piattaforma Win con
            software preferibilmente free.
            Ma ciò che preferisco io non conta, perchè agli
            utenti di Windows qualcuno gli ha lavato il
            cervello come preme di ribadire ai tuoi colleghi
            meno educati.
            Perchè qualcuno non riesce ad accettare che la
            sua scelta personale non sia condivisa da tutti
            gli abitanti del pianeta.
            Accade lo stesso stesso in molti campi:
            religione, politica, calcio, fumetti, ...
            In altri tempi ci sarebbero stati di mezzo i
            roghi...Quello che scegli tu va bene e sono affari tuoi, ma se la scelta coinvolge la PA e la PI e' un problema (e soldi) di tutti ed allora non bisogna adottare la soluzione migliore per me o per te, ma per tutti, quella che faccia risparmiare piu' soldi e sia contemporaneamente la piu' valida.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Quello che scegli tu va bene e sono affari tuoi,Magari caro mio... i tuoi colleghi si sentono in dovere di offendere la mia scelta in tutti i modi.Comunque grazie per avermi permesso di preferire il mio OS :)
            ma se la scelta coinvolge la PA e la PI e' un
            problema (e soldi) di tutti ed allora non bisogna
            adottare la soluzione migliore per me o per te,
            ma per tutti, quella che faccia risparmiare piu'
            soldi e sia contemporaneamente la piu' valida.Infatti.La differenza e che io non so, tenendo conto di tutti i fattori, quale sia la scelta migliore.Tu sembri non avere dubbi.Qualche riga qui sotto un tuo collega che asserisce che è stupido pretendere di installare un OS su un sistema scelto a caso.Tu credi che la PA abbiano macchine e periferiche nuove di zecca?Questo è solo uno dei mille fattori di cui bisogna tenere conto.Tu li conosci tutti? Hai gli estremi per valutare?
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo

            Quello che scegli tu va bene e sono affari tuoi,

            Magari caro mio... i tuoi colleghi si sentono in
            dovere di offendere la mia scelta in tutti i
            modi.
            Comunque grazie per avermi permesso di preferire
            il mio OS :)


            ma se la scelta coinvolge la PA e la PI e' un

            problema (e soldi) di tutti ed allora non
            bisogna

            adottare la soluzione migliore per me o per te,

            ma per tutti, quella che faccia risparmiare piu'

            soldi e sia contemporaneamente la piu' valida.

            Infatti.
            La differenza e che io non so, tenendo conto di
            tutti i fattori, quale sia la scelta migliore.
            Tu sembri non avere dubbi.Io veramente in questo post non ho dato alcun giudizio di merito, mi sembra che quello convinto sei tu.Ho detto semplicemente che non il mio o il tuo sistema si debba scegliere nella PA o PI, ma quello giusto per tutti, se puoi vuoi farmi dire qualcosa che non ho detto...
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Io veramente in questo post non ho dato alcun
            giudizio di merito, Ok, mi sono lasciato ingannare da quel "ma" avversativo rispetto alla frase precedente in cui mi concedevi la facoltà di scelta (ringrazio nuovamente per questo: è un evento rarissimo).
            mi sembra che quello convinto sei tu.Non mi pare; lo dimostra la mia frase:"io non so, tenendo conto di tutti i fattori, quale sia la scelta migliore."
            se puoi vuoi farmi dire
            qualcosa che non ho detto...Nono, mi ha confuso il tuo "ma"... per me le PA possono usare anche AmigaDOS...
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: swamiji65

            - Scritto da: Anonimo




            Chiaramente gli utilizzatori windows rimangono


            stupefatti dal fatto che esistano sistemi


            operativi che consentono di fare due cose


            contemporaneamente



            Ed io che pensavo che parlassi sul serio
            prima...

            che delusione.

            carissimo, sia chiaro non intendo offendere
            nessuno perche' non e' nel mio stile,'e allora penso: brutto scemo'....ma quale stile! pertanto
            chiedo scusa a chi si e' sentito offeso. Tuttavia
            sento la necessita' di chiarire ulteriormente il
            discorso precedente.

            Quello che ho scritto e' tutto vero. Ed ho
            parlato seriamente, vedo purtroppo pero' che sono
            stato frainteso. Quando parlo di due cose
            contemporaneamente, chiaramente non mi riferisco
            all'uso 'alternativo' di due software, cioe'
            lascio word per passare ad excel, ma realmente
            all'uso contemporaneo di piu' software e quindi
            ad un carico sostenuto sulla CPU e ad un uso
            eccellente della RAM, senza contare l'accesso
            all'HD.se vedessi le cose che faccio io simultaneamente e senza dover usare per forza linux....

            Parlo di stupore perche' anch'io la prima volta
            mi sono stupito. Ero abituato ad interrompere i
            lavori, o a rallentarli in maniera inaccettabile
            (e mi sembrava normale) per esempio se
            masterizzavo o piu' semplicemente se copiavo file
            da un disco all'altro. ???forse hai comprato un pc nuovo?




            Quindi li invito allora a passare a Linux, ma
            mi


            dicono "si, ma mi hanno detto che e' troppo


            difficile!".




            Allora penso: "Brutto scemo..."



            Ottima mentalità "Dio-in-Terra".


            Innanzitutto il "brutto scemo" e' palesemente
            detto in modo affettuoso e non offensivo,meno male....brutto scemo che non sei altro (in senso affettuoso) per cui
            mi scuso ulteriormente del fraintendimento, ma e'
            proprio il contrario di sentirsi 'dio in terra'
            anzi si tratta di comprendere i miei limiti
            nell'essere incapace cioe' di dimostrare
            l'evidenza e che le alternative esistono e sono
            valide.si ma sono alternative appunto....non l'unica 'verità' in terra..la gente non ha troppa voglia di essere evangelizata neanche dalla chiesa figuriamoci dai profeti degli o.s.
            Si tratta cioe' di trovarsi disarmato davanti ad
            un atteggiamento di ostinata perseveranza a non
            voler provare a cambiare.io ad esempio ho provato...mi sono trovato malissimo e sono ritornato a prodotti ms....ogniuno usa l'o.s. che ritiene più adatto non trovi?l'ostinazione spesso la riscontro nei sostenitori di linux che non vogliono riconoscere nessuna qualità ai prodotti ms, che non vogliono riconoscere la possibilità che qualcuno scelga o.s. ms di sua volontà e senza lavaggi del cervello, che vogliono credersi migliori degli altri perchè lavorano su o.s. alternativi..etc..
            Giuro che la principale obiezione e' 'e' troppo
            difficile', eppure quando chiedo chi ha
            installato il modem mi dicono un amico, chi
            reinstalla il sistema e mi rispondono sempre un
            amico (ah altro grande vantaggio linux non
            necessita di reinstallazioni continue per
            ripristinare le condizioni iniziali, non e'
            normale che 'esista' una soluzione di questo
            tipo).
            Insomma anche Windows, nonostante la semplicita'
            dichiarata necessita comunque dell'amico di
            turno.
            In realta' per alcuni aspetti (solo perche'
            l'hardware e' spesso costruito per Windows) le
            soluzioni sono piu' semplici in Windows e questo
            e' innegabile, ma lo sforzo richiesto in Linux e'
            poi ripagato da tutto il resto.se poi fai lo stesso sforzo in windows (partendo dalle tue affermazio, e cioè che in principio windows è più semplice) magari puoi ottenere le stesse cose se non di più di quelle che spremi da altri o.s.non trovi?

            Capisco i costi che bisogna affrontare, ma i
            benefici mi sembrano evidenti.non a tutti.,..infatti tu hai optato per o.s. linux altri linux lo hanno cestinato!se trovi dei benefici con linux allora è giusto che usi linux, ma se qualcun'altro riscontra benefici con windows è giusto che non gli rompiate le pal**
            Una volta ho partecipato ad una presantazione di
            Linux, molti del pubblico chiedevano le
            differenze tra MSOffice e Open office, tra win e
            linux ecc. la risposta era sempre la stessa:
            Nessuna! (alludendo agli aspetti esteriori). Bhe
            allora non ci sarebbero motivi per passare a
            Linux. In realta' le differenze ci sono, sono
            profonde ma non si vedono, perche' stanno dietro:
            e' la gestione della memoria, l'accesso all'hd il
            multitasking ecc. Solo una prova del tipo che ho
            presentato le mette in evidenza e permette di
            percepirle.
            Comunque non e' mia intenzione aprire flame, ti
            invito solo a provare a fare quello che ho detto
            con i due sistemi (senza server su Windows).

            Ciao
            Swamiji65
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            io ad esempio ho provato...mi sono trovato
            malissimo e sono ritornato a prodotti
            ms....ogniuno usa l'o.s. che ritiene più adatto
            non trovi?ognuno usa ciò che ritiene più adatto quando non è costretto da pratiche illegali di un monopolista... che ti piaccia ono M$ E' un monopolio, punto.
            l'ostinazione spesso la riscontro nei sostenitori
            di linux che non vogliono riconoscere nessuna
            qualità ai prodotti ms, che non vogliono
            riconoscere la possibilità che qualcuno scelga
            o.s. ms di sua volontà e senza lavaggi del
            cervello, che vogliono credersi migliori degli
            altri perchè lavorano su o.s. alternativi..etc..mah , il meglio e il peggio sono concetti ambigui nel mondo degli affari, anche M$ ha tenuto in piedi hotmail per anni con FreeBSD per poi sputare contro Unix a più non posso... e allora ? se l'open va bene a M$ va bene e se non va più bene a M$ allora non va più bene ? ... appunto, lavaggio del cervello.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            che ti piaccia ono M$ E' un
            monopolio, punto.Se il vero problema è questo, bastava dirlo sin dall'inizio.
          • flamer scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            E non ti sembra un problema serio? Complimenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: flamer
            E non ti sembra un problema serio? Complimenti...Ascolta bambino:siamo partiti con accuse tecniche, sono state smentite ad una ad una.Adesso arrivi tu e tiri fuori il piagnisteo del monopolio.Vai a piangere da un'altra parte: qui si discuteva sugli aspetti tecnici.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: flamer
            E non ti sembra un problema serio? Complimenti...E' un problema che non c'entra un ca§§o col quello di cui si parlava.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            le cose che faccio io simultaneamentePer es ? Spedire dati a redmond senza saperlo ?..tu non sai assolutamente cosa fa il sistema cheusi. Come fai a fidarti ? Credi al marketing e alla tv ?Dovresti dimostrarmi che è assolutamente impossibileche un sistema operativo microsoft faccia piu di quanto rientra nelle funzioni del sistema stesso e nonsbirci per es nei miei dati. Cosa che nessuno puòdimostrare. Da questo di vista XP fa anche troppo,Linux fa quello che voglio io perché ha decine dimigliaia di tecnici molto preparati con il fucile puntatoche sparano appena qualcosa non va (e non lonascondono a scopi di marketing).
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo

            le cose che faccio io simultaneamente
            Per es ? Spedire dati a redmond senza saperlo ?Manuale dell'attivista linuxiano:Cap. 2Per combattere M$ bisogna diminuirne la potenza economica.Fai credere a tutti quelli che comprano SW M$ che sono degli idioti. Trattali come asini, evidenzia solo gli aspetti negativi.convincili che loro non hanno affatto scelto.Terrorizza i nemici: "Virus ti coglierà!, Hacker ti possiederà! Anzi, il tuo PC è già sotto il controllo della M$ che può leggere tutte le password del tuo PC."
      • Anonimo scrive:
        Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
        Ma possibile che capiti solo a me?Ho installato diverse distribuzioni e i problemi sono sempre gli stessi.Gnome diventa sempre più instabile ad ogni modifica del default, idem Kde anche se in maniera meno evidente. Gli applicativi installati funzionano tutti discretamente ma il supporto alla riproduzione video è sempre una incognita.Gli update/upgrade sono spesso un salto nel vuoto e parlo di un normale uso di apt o equivalente.I crash non sono rari mentre qualcuno si ostina a pubblicizzare stabilità infinita.Certo, se parliamo di distribuzioni minimali la situazione cambia ma per l'utenza domestica una linea di comando non è chiaramente sufficiente.Attenzione, questo è chiaramente il risultato della mia esperienza. Sono sicuro che altri avranno avuto esperienze diverse ma sicuramente le prove che ho fatto hanno molto più valore in ragione di un target di utenza medio basso.Senza critica.
        • Anonimo scrive:
          Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
          - Scritto da: Anonimo
          Ma possibile che capiti solo a me?no! capita a tantissime persone che poi si sentono presi in giro dalle fregnacce che trovano nei forum tipo p.i.funziona tutto, e stabilissimo, hai tutti i driver e tante altre cosette che poi appena installi un distro si rivelano stupidagini
          Ho installato diverse distribuzioni e i problemi
          sono sempre gli stessi.lo stesso...la risposta della comunità linux?sei un troll, non è vero a me non succede sei tu che fai astrosurfer per ms.axxo dico siamo messi bene...
          Gnome diventa sempre più instabile ad ogni
          modifica del default, idem Kde anche se in
          maniera meno evidente.
          Gli applicativi installati funzionano tutti
          discretamente ma il supporto alla riproduzione
          video è sempre una incognita.
          Gli update/upgrade sono spesso un salto nel vuoto
          e parlo di un normale uso di apt o equivalente.
          I crash non sono rari mentre qualcuno si ostina a
          pubblicizzare stabilità infinita.mi chiedo anche io come sia possibile....
          Certo, se parliamo di distribuzioni minimali la
          situazione cambiacerto, infatti se installo dos i crash me li dimentico ma per l'utenza domestica una
          linea di comando non è chiaramente sufficiente.appunto
          Attenzione, questo è chiaramente il risultato
          della mia esperienza. Sono sicuro che altri
          avranno avuto esperienze diverseconcordo..però è l'attegiamento di base ad infastidire..se mi crash linux mi crash e basta non frullatemi che sono un troll....se a linux mancano tanti driver mancano e basta non venitemi a dire che non è vero o che la colpa è di altri...l'utenza consumer si aspetta anche i driver! ma sicuramente
          le prove che ho fatto hanno molto più valore in
          ragione di un target di utenza medio basso.
          Senza critica.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ma possibile che capiti solo a me?

            no! capita a tantissime persone che poi si
            sentono presi in giro dalle fregnacce che trovano
            nei forum tipo p.i.
            funziona tutto, e stabilissimo, hai tutti i
            driver e tante altre cosette che poi appena
            installi un distro si rivelano stupidagini
            la vera stupidaggine è prerndere un pc a caso e sperare che un So si installi...

            Ho installato diverse distribuzioni e i problemi

            sono sempre gli stessi.

            lo stesso...la risposta della comunità linux?
            sei un troll, non è vero a me non succede sei tu
            che fai astrosurfer per ms.
            axxo dico siamo messi bene...qui non risponde la comunità linux, qui rispondono singolarmente persone che lo usano...


            Gnome diventa sempre più instabile ad ogni

            modifica del default, idem Kde anche se in

            maniera meno evidente.

            Gli applicativi installati funzionano tutti

            discretamente ma il supporto alla riproduzione

            video è sempre una incognita.

            Gli update/upgrade sono spesso un salto nel
            vuoto

            e parlo di un normale uso di apt o equivalente.

            I crash non sono rari mentre qualcuno si ostina
            a

            pubblicizzare stabilità infinita.

            mi chiedo anche io come sia possibile....


            Certo, se parliamo di distribuzioni minimali la

            situazione cambia

            certo, infatti se installo dos i crash me li
            dimentico

            ma per l'utenza domestica una

            linea di comando non è chiaramente sufficiente.

            appunto


            Attenzione, questo è chiaramente il risultato

            della mia esperienza. Sono sicuro che altri

            avranno avuto esperienze diverse

            concordo..però è l'attegiamento di base ad
            infastidire..se mi crash linux mi crash e basta
            non frullatemi che sono un troll....se a linux
            mancano tanti driver mancano e basta non venitemi
            a dire che non è vero o che la colpa è di
            altri...l'utenza consumer si aspetta anche i
            driver!

            ma sicuramente

            le prove che ho fatto hanno molto più valore in

            ragione di un target di utenza medio basso.

            Senza critica.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            la vera stupidaggine è prerndere un pc a caso e
            sperare che un So si installi...Questa è da Zelig!
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo

            la vera stupidaggine è prerndere un pc a

            caso e sperare che un So si installi...
            Questa è da Zelig!Assolutamente vero !!! Ogni volta che c'e' da reinstallare un portatile con il marchietto "Designed for Win XP" non riconosce mai niente, nemmeno la scheda di rete che sarebbe il mezzo per procurarsi i driver per il resto.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            la vera stupidaggine è prerndere un pc a


            caso e sperare che un So si installi...


            Questa è da Zelig!

            Assolutamente vero !!! Ogni volta che c'e' da
            reinstallare un portatile con il marchietto
            "Designed for Win XP" non riconosce mai niente,
            nemmeno la scheda di rete che sarebbe il mezzo
            per procurarsi i driver per il resto.Potrei dire che non sei capace :)Tutti i produttori di portatili mettono a disposizione dirver e /o dischi di ripristino per Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            la vera stupidaggine è prerndere un pc



            a caso e sperare che un So si installi...


            Questa è da Zelig!

            Assolutamente vero !!! Ogni volta che c'e'

            da reinstallare un portatile con il marchietto

            "Designed for Win XP" non riconosce mai

            niente, nemmeno la scheda di rete che

            sarebbe il mezzo

            per procurarsi i driver per il resto.
            Potrei dire che non sei capace :)
            Tutti i produttori di portatili mettono a
            disposizione dirver e /o dischi di ripristino per
            Windows. Gia, peccato che l'utnto di turno li perda regolarmente :-(Con altri SO, Mac o Linux, la scheda di rete mi viene riconosciuta praticamente sempre, permettendomi cosi' senza troppo sbatto di procurami il necessario direttametne sulla macchina appena installata. Questo mi da' sempre piu' la senzazione che la leggendaria usabilita' di windows sia appunto una leggenda.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Gia, peccato che l'utnto di turno li perda
            regolarmente :-(
            Con altri SO, Mac o Linux, (cut)secondo il tuo raginamento,con altri so... avresti perso i sorgenti di installazione, quindi saresti nella menta pari pari di un wintonto che ha perso l'immagine del disco che i produttori rilasciano da 5 anni a questa parte insieme alla macchina.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo

            Gia, peccato che l'utnto di turno li perda

            regolarmente :-(

            Con altri SO, Mac o Linux, (cut)
            secondo il tuo raginamento,con altri so...
            avresti perso i sorgenti di installazione, quindi
            saresti nella menta pari pari di un wintonto che
            ha perso l'immagine del disco che i produttori
            rilasciano da 5 anni a questa parte insieme alla
            macchina.hahahahahahahaha Bellissima hahahahahaHa ragione chi dice che leggi un forum parallelo. (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif


            Tutti i produttori di portatili mettono a

            disposizione dirver e /o dischi di ripristino
            per

            Windows.

            Gia, peccato che l'utnto di turno li perda
            regolarmente :-(Il vetro su cui ti stai arrampicando è sempre più levigato...
            Questo mi da' sempre
            piu' la senzazione che la leggendaria usabilita'
            di windows sia appunto una leggenda.Tu sei la leggenda dell'arrampicata sul vetro :)
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo


            Tutti i produttori di portatili mettono a


            disposizione dirver e /o dischi di ripristino


            per Windows.

            Gia, peccato che l'utonto di turno li perda

            regolarmente :-(
            Il vetro su cui ti stai arrampicando è sempre più
            levigato...

            Questo mi da' sempre

            piu' la senzazione che la leggendaria usabilita'

            di windows sia appunto una leggenda.
            Tu sei la leggenda dell'arrampicata sul vetro :)Facciamo cosi' : passiamo a Mac, cosi' evitiamo ogni problemi di virus, dialer, dischi di ripristino, usabilita' ecc...
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Facciamo cosi' : passiamo a Mac, cosi' evitiamo
            ogni problemi di virus, dialer, dischi di
            ripristino, usabilita' ecc...Non ti rassegni all'idea che l'utente scafato di Windows questi problemi non li ha?Con Mac l'unica cosa che eviti sono i problemi di scelta, visto che il mondo Mac, quello sì, è un monopolio totale a partire dall'hardware.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            - Scritto da: Anonimo

            Facciamo cosi' : passiamo a Mac, cosi' evitiamo

            ogni problemi di virus, dialer, dischi di

            ripristino, usabilita' ecc...
            Non ti rassegni all'idea che l'utente scafato di
            Windows questi problemi non li ha?Non si parlava di utenti "NON" scafati ? Tu leggi il forum di una dimensione parallela :|
            Con Mac l'unica cosa che eviti sono i problemi di
            scelta, visto che il mondo Mac, quello sì, è un
            monopolio totale a partire dall'hardware.Almeno non ci e' arrivata in modo illegale, del resto io mi sento trattato bene da Apple, cosa che non si puo' dire di molti utenti Microsoft.
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif

            Non si parlava di utenti "NON" scafati ?
            Tu leggi il forum di una dimensione parallela Qui si parlava di problemi di driver della scheda di rete.Si diceva che l'unico sistema ad avere problemi era windows.E ciò è quanto di più falso si possa dire.

            Con Mac l'unica cosa che eviti sono i problemi
            di

            scelta, visto che il mondo Mac, quello sì, è un

            monopolio totale a partire dall'hardware.
            Almeno non ci e' arrivata in modo illegale, Ma LOL, come i bambini...appena zittiti su una cosa passano ad un'altra che non c'entra nulla :)
            del
            resto io mi sento trattato bene da AppleAnche i criceti hanno la stessa sensazione nelle gabbiette con la ruotina.
            cosa
            che non si puo' dire di molti utenti Microsoft.Cambino OS.Ci sono milioni di messaggi in rete di gente che vive felice senza M$ e dicono di non avere alcun problema, che è tutto bellissimo e anche la vita pare migliore...
          • Anonimo scrive:
            Re: entro 10 anni lin so desktop piu dif
            Il punto per me non è crash o non crash: linux inteso come kernel non crasha spessissimo) ma dipende dalle versioni/configurazioni), quello che si crashano sono le applicazioni.secondo me il problema è che finchè io devo decidere che piattaforma usare per fare i cazzi miei sono libero di scegliere e la mia decisione va rispettata; viceversa quando entra di mezzo il cosiddetto denaro pubblico la logica si ribalta.A parte l'investimento iniziale, il punto è che scegliendo la parte monopolista si perde la libertà decisionale...Più che sull'utilizzo di una piattaforma o di un'altra sarebbe bene parlare di standard. E parlare di usare quelli giusti.
    • Anonimo scrive:
      la fine degli *x è vicina
      http://www.financialexpress.com/latest_full_story.php?content_id=92229cds, altrochè balle da centro sociale!
      • Anonimo scrive:
        Re: la fine degli *x è vicina
        - Scritto da: Anonimo
        http://www.financialexpress.com/latest_full_story.
        cds, altrochè balle da centro sociale!potevi dirlo quando hotmail girava su FreeBSD... ma voi winari non sapete nemmeno dove sta di casa lo stile...
        • Anonimo scrive:
          Re: la fine degli *x è vicina

          potevi dirlo quando hotmail girava su FreeBSD...
          ma voi winari non sapete nemmeno dove sta di casa
          lo stile...ah, potevo anche dirlo quando c'erano solo gli *x like e win non esisteva ancora, per non urtare la vostra sensibilità
          • Anonimo scrive:
            Re: la fine degli *x è vicina
            - Scritto da: Anonimo

            potevi dirlo quando hotmail girava su FreeBSD...

            ma voi winari non sapete nemmeno dove sta di
            casa

            lo stile...
            ah, potevo anche dirlo quando c'erano solo gli *x
            like e win non esisteva ancora, per non urtare la
            vostra sensibilitàma potevi dirlo anche quando M$ ha rilasciato xenix... invece no, tutti zitti, chissà perchè...
          • Anonimo scrive:
            Re: la fine degli *x è vicina

            ma potevi dirlo anche quando M$ ha rilasciato
            xenix... invece no, tutti zitti, chissà perchè...e perchè mai?
          • Anonimo scrive:
            Re: la fine degli *x è vicina
            - Scritto da: Anonimo

            ma potevi dirlo anche quando M$ ha rilasciato

            xenix... invece no, tutti zitti, chissà
            perchè...
            e perchè mai?perchè xenix era lo unix di M$... troll...
          • Anonimo scrive:
            Re: la fine degli *x è vicina

            perchè xenix era lo unix di M$... troll...appunto, perchè mai pubblicizzare una "utility" che gettava un ponte (a senso unico! ) tra il mondo ms e qullo di *x a cui ms ha fatto con grande successo e soddisfazione le scarpe?
      • Anonimo scrive:
        Re: la fine degli *x è vicina
        dall'articolo:"Revenue for Windows servers grew 12.3 per cent.....Unix servers saw 2.8 per cent revenue growth.....Sales of servers that use the freely available Linux operating system surged 35.2"notate che si parla di "vendite" di linux, non di istallazioni.Se questa e' la fine....
        • Anonimo scrive:
          Re: la fine degli *x è vicina
          - Scritto da: Anonimo
          "Revenue for Windows servers grew 12.3 per
          cent.....
          Unix servers saw 2.8 per cent revenue growth.....
          Sales of servers that use the freely available
          Linux operating system surged 35.2"

          notate che si parla di "vendite" di linux, non di
          istallazioni.

          Se questa e' la fine....Molto spesso una mancata vendita di uno Unix e' una installazione di Linux.Non fanno statistica lavori come quello che ho fatto io la scorsa settimana, ho sostituito 4 installazioni Windows 2000 Server con Linux per lo sviluppo PHP+MySQL che ovviamente vi gira meglio.
        • Anonimo scrive:
          Re: la fine degli *x è vicina

          Se questa e' la fine....Linux sta mangiando quote di mercato degli *x commerciali, windows pure.Win ha già vinto la guerra commerciale con gli *x commerciali, i più lungimiranti dei quali hanno già provato ad appoggiare linux.Quando win avrà eroso abbastanza quote di mercato degli *x commerciali i grossi investitori su linux (aka quelli degli *x commerciali) andranno a gambe all'aria e la comunità linux perderà troppi investimenti di uomini, mezzi e denaro per reggere la concorrenza di win.
          • Anonimo scrive:
            Re: la fine degli *x è vicina
            - Scritto da: Anonimo

            Se questa e' la fine....
            Linux sta mangiando quote di mercato degli *x
            commerciali, windows pure.
            Win ha già vinto la guerra commerciale con gli *x
            commerciali, i più lungimiranti dei quali hanno
            già provato ad appoggiare linux.
            Quando win avrà eroso abbastanza quote di mercato
            degli *x commerciali i grossi investitori su
            linux (aka quelli degli *x commerciali) andranno
            a gambe all'aria e la comunità linux perderà
            troppi investimenti di uomini, mezzi e denaro per
            reggere la concorrenza di win.no, Linux può esistere anche senza supporto economico, come è stato per molti anni... l'unico modo che ha M$ di 'battere' Linux è con gli avvocati e le bustarelle... sul piano tecnico, non c'è storia, Linux stravince.
          • Anonimo scrive:
            Re: la fine degli *x è vicina

            avvocati e le bustarelle... sul piano tecnico,
            non c'è storia, Linux stravince.No, è migliorato moltissimo con l'appoggio degli *x commerciali, vatti a vedere un po la storia del kernel 2.6Senza quelli in pochi anni torna ad essere indietro.
  • Anonimo scrive:
    adesso sono stracazzi amari
    Gli indiani con questa mossa portano l'indicatoredei pc linux a + 3000 milioni ciao ciao Microcess :D
    • Anonimo scrive:
      Re: adesso sono stracazzi amari
      Avete capito che è l'unico modo per fare numero.Ma se lo regalate a tutta la popolazione cinese, probabilmente superate di botto Microsoft...oops... mi è scappato il suggerimento.
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso sono stracazzi amari
        ma è lo stesso sistema utilizzato da M$.... farti copiare gratis windows....e adesso siete tutti schiavi...Fare numero è importantissimo.... sono i numeri che attirano il mercato mica altro!Altrimenti tutti produrrebbero sw e hw per Unix non per windows!
  • Anonimo scrive:
    Aridaje...
    Dove vuoi andare oggi ?
Chiudi i commenti