Offese via YouTube, 3 anni dentro

Il branco umilia una disabile in seria difficoltà. Filmando tutto. Arriva la condanna

Roma – Antony Anderson, ventisettenne cittadino britannico, è stato condannato a tre anni di carcere per “oltraggio alla pubblica decenza”. Era stato ripreso mentre orinava su una donna in fin di vita , al grido di “questo è materiale per YouTube”: il video era poi finito sul portalone di video-sharing.

Anderson, che era sotto l’effetto di stupefacenti ed alcol, aveva incrociato Christine Lakinski, una cinquantenne affetta da alcuni deficit fisici , mentre era distesa in una strada di Hartlepool. Dopo averla innaffiata con un bicchiere d’acqua, Anderson le aveva urinato addosso deridendola, per poi ricoprirla di schiuma da barba. Un gruppo di spettatori assisteva divertito alla scena , riprendendo tutto con un cellulare. Dopo il gesto , Anderson si era allontanato per recarsi in un pub.

La signora Lakinski è in seguito deceduta per le complicanze di una pancreatite, nello stesso luogo dove era stata vittima del bullismo del branco . Il giudice Peter Fox, che ha pronuncia la sentenza, ha dichiarato: “Hai abusato di questa donna in modo indicibile, e la natura scioccante dei tuoi atti merita una punizione esemplare”. I parenti della vittima si sono detti a loro volta scioccati per il comportamento tenuto dai testimoni della scena. Nonostante i suoi handicap, la signora Lakinski conduceva una vita indipendente e pressoché normale.

Il procedimento almeno fino a questo momento non ha però coinvolto anche chi ha assistito alla scena, riprendendola e poi caricandola sul portalone del video sharing. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsdfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches
  • felice iovino scrive:
    il reparto geriatrico colpisce ancora
    cosa potrebbe combinare un nonno se commissiona "UN PORTALE"?
  • cla scrive:
    Fateci un Wiki
    Ci pensano gli utenti a popolarlo ...Cla!
  • Italia del monopolio scrive:
    Semplicemente fate schifo.
    Rivogliamo i nostri soldi indietro. Tutti fino all'ultima goccia. No che vi inventate tasse e balzelli per giustificare il vostro stipendio assurdo con la pretesa di farci credere che il vostro operato sia indispensabile per la guida del paese.Certo se lo volete guidare dentro la fogna, allora per carità il vostro mandato lo state correttamente eseguendo, ma se di contro pensate minimamente di fare qualcosa di utile, beh parola mia veramente fate pena.Mio nonno di 96 anni farebbe meglio e vi assicuro che con 12 anni di campo di concentramento sulle spalle avreste tanto da imparare su come non si sprecano le risorse.LADRI! Vergognatevi, tanto a sinistra, che a centro che a destra.
    • sancho scrive:
      Re: Semplicemente fate schifo.
      come non quotarti
    • FinalCut scrive:
      Re: Semplicemente fate schifo.

      LADRI! Vergognatevi, tanto a sinistra, che a
      centro che a
      destra.Quoto!(apple)(linux)
    • Massimilian o D'Uva scrive:
      Re: Semplicemente fate schifo.
      Una Vergogna, milioni di euro spesi per un sito web.e nessun TG ha speso mai una parola....Sono tutti collusi, e come disse qualcuno è tutto un magna magna.
      • gingen scrive:
        Re: Semplicemente fate schifo.
        - Scritto da: Massimilian o D'Uva
        Una Vergogna, milioni di euro spesi per un sito
        web.

        e nessun TG ha speso mai una parola....

        Sono tutti collusi, e come disse qualcuno è tutto
        un magna
        magna.uh, sai che novità!intanto loro magnano e noi continuiamo a dire "è tutto un magna magna"loro non cercano altro che gente che dice sempre "è tutto un magna magna", cosicchè loro potranno continuare a magnare in eterno e indisturbati (a parte questo fastidioso rumore di fondo del "è tutto un magna magna")nc'hai capito un cax%o vero? ;)
  • brain scrive:
    Diciamoci la verità
    Il portale Italia.it è (era) anticoncorrenziale e faceva taaaanta paura ai centinaia di siti e portali più o meno locali dedicati alla mediazione turistica, rutelli ha capito e saggiamente sta chiudendo il casoil resto sono chiacchere dei finti tonti e urla dei soliti "governo ladro", che come al solito non ci hanno capito un cazzo
    • rotfl scrive:
      Re: Diciamoci la verità
      - Scritto da: brain
      Il portale Italia.it è (era) anticoncorrenziale e
      faceva taaaanta paura ai centinaia di siti e
      portali più o meno locali dedicati alla
      mediazione turistica, rutelli ha capito e
      saggiamente sta chiudendo il
      casoAHAHAHAHAHA... bella battuta... non era neanche nei primi duemila posti dei siti piu' visitati in ITALIA!!!! Ahahahh... "anticoncorrenziale"... ridicolo...
      il resto sono chiacchere dei finti tonti e urla
      dei soliti "governo ladro", che come al solito
      non ci hanno capito un
      cazzoHanno tutti capito benissimo, purtroppo.
      • Italia del monopolio scrive:
        Re: Diciamoci la verità
        In parte forse è vero ... ha capito che era concorrenziale con gli altri siti, cioè era l'ennesimo doppione che non serviva ad un cazzo.Quello in cui hanno sbagliato, come al solito è accorgersi a scoppio ritardato della cosa. O forse se ne sono accorti prima, ma evidentemente c'erano quei 45 milioni poi diventati 70 che dovevano a tutti i costi essere spartiti tra i soliti noti.
        • rotfl scrive:
          Re: Diciamoci la verità
          - Scritto da: Italia del monopolio
          In parte forse è vero ... ha capito che era
          concorrenziale con gli altri siti, cioè era
          l'ennesimo doppione che non serviva ad un
          cazzoMa di certo non "faceva taaaanta paura" ad altri siti... :DL'unica cosa che faceva paura e' lo schifo che faceva. Il sito piu' caro della storia d'Italia che sarebbe dovuto essere una finestra del turismo in Italia nel mondo, che non serviva semplicemente a niente e non era neanche tra i primi 2000 siti per visite in Italia (e con il 70% del traffico dall'Italia!)... ma come si fa a dire che faceva paura? :D
          Quello in cui hanno sbagliato, come al solito è
          accorgersi a scoppio ritardato della cosa. O
          forse se ne sono accorti prima, ma evidentemente
          c'erano quei 45 milioni poi diventati 70 che
          dovevano a tutti i costi essere spartiti tra i
          soliti
          notiE infatti.
          • brain scrive:
            Re: Diciamoci la verità
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: Italia del monopolio

            In parte forse è vero ... ha capito che era

            concorrenziale con gli altri siti, cioè era

            l'ennesimo doppione che non serviva ad un

            cazzo

            Ma di certo non "faceva taaaanta paura" ad altri
            siti...
            :Dse invece di Italia e di turismo, il portale avesse trattato di puffi o topogigio, sono sicuro che tante urla non si sarebbero sentiteil fatto che non aveva molte visite è tutto da vedere, di fatto un dominio con il nome di Italia.it è potenzialmente anticoncorrenziale e fa taaanta paurapoi te puoi dire quello che vuoi, più urli, più cerchi di giustificarti e più darai ragione inconsapevole alla mia tesi

            L'unica cosa che faceva paura e' lo schifo che
            faceva. Il sito piu' caro della storia d'Italia
            che sarebbe dovuto essere una finestra del
            turismo in Italia nel mondo, che non serviva
            semplicemente a niente e non era neanche tra i
            primi 2000 siti per visite in Italia (e con il
            70% del traffico dall'Italia!)... ma come si fa a
            dire che faceva paura?
            :Dlo faceva, esci dalla tua cantina e capiraile urla di chi gridava allo sperpero di denaro pubblico in realtà si mischiavano e si confondevano con quelli di molti operatori on line di turismo (la maggiorparte), tutto in perfetto anonimato
          • rotfl scrive:
            Re: Diciamoci la verità
            - Scritto da: brain
            se invece di Italia e di turismo, il portale
            avesse trattato di puffi o topogigio, sono sicuro
            che tante urla non si sarebbero
            sentiteSi' certo... se il governo avesse speso 50 milioni di Euro per un portale sui puffi, sarebbero stati tutti contenti.
            lo faceva, esci dalla tua cantina e capiraiNon sono in cantina.
            le urla di chi gridava allo sperpero di denaro
            pubblico in realtà si mischiavano e si
            confondevano con quelli di molti operatori on
            line di turismo (la maggiorparte), tutto in
            perfetto
            anonimatoCerto, come no. La maggior parte. Non ho visto NESSUNO dire che e' stato fatto un buon lavoro (e ci mancherebbe). Tutti operatori turistici in Italia, vero? E tu hai le prove, vero? (rotfl) Sei veramente ridicolo, e la cosa tragica e' che non te ne rendi neanche conto.
          • rotfl scrive:
            Re: Diciamoci la verità
            - Scritto da: brain

            non era neanche tra i

            primi 2000 siti per visite in Italia (e con il

            70% del traffico dall'Italia!)... ma come si fa
            a

            dire che faceva paura?

            :D

            lo faceva, esci dalla tua cantina e capiraiOttimi argomenti, mi hai convinto. (rotfl)
          • Sirio63 scrive:
            Re: Diciamoci la verità


            L'unica cosa che faceva paura e' lo schifo che
            faceva. Il sito piu' caro della storia d'Italia
            che sarebbe dovuto essere una finestra del
            turismo in Italia nel mondo, che non serviva
            semplicemente a niente e non era neanche tra i
            primi 2000 siti per visite in Italia (e con il
            70% del traffico dall'Italia!)... ma come si fa a
            dire che faceva paura?
            :DAndassero a vedersi www.gallorosso.it, per capire come si fa un OTTIMO sito turistico: è il sito del turismo agricolo e dei masi del Trentino ed è perfetto. Semplicissimo da usare, ricco di informazioni, interattivo al punto giusto, senza esagerazioni, fruibile anche con connessioni non ADSL, con contatti, riferimenti, istruzioni......Così si fa, e non credo abbiano speso 70 milioni di Euro.
  • dany scrive:
    Quando sara' reato penale?
    Spero presto perche' non e' ammissibile che vengano spesi soldi pubblici in questo modo.
    • David scrive:
      Re: Quando sara' reato penale?
      ...reato penale??Ci guadagneremmo solo inutili, lunghi e costosissimi processi (a nostre spese), per poi sentirli dichiarare tutti quanti puliti (e quindi poi diffamerebbero chi li ha accusati) oppure finirebbero dentro per poi uscire col prossimo indulto dello stimato ministro di cui non oso nemmeno scrivere il nome per non sporcarmi le mani...
  • GoldenBoy scrive:
    Come siamo ridotti...
    Cioè...dopo 58 milioni di euro spesi(mi pare sia questa la cifra), chiudono il sito??!Dopo il danno, la beffa...e di questi 58mil nemmeno l'ombra(di come siano stati realmente spesi e tutto, come si dice nel blog)...Finchè sono LORO che mettono le mani in pasta con milioni di euro, gira che ti rigira, sono sempre puliti...a noi invece ci cazziano o peggio se dimentichiamo 1 centesimo sulla dichiarazione...bravo rutelli, cosi si fa...
  • ...... scrive:
    Italia.it è servito!
    È servito per dare soldi alle regioni!Il vero scopo del portale era questo: su 45 Mli di , solo circa 1 Mli al portale il resto alle regioni, che hanno potuto impiegarli per "attività concernenti il portale" è cioè: attività per promuovere il turismo e la propria terra.Non è altro che uno dei modi escogitati dai politici nostrani (in questo caso del precedente gov.) per aggirare i controlli EU in fatto di sovvenzioni non autorizzate.Le regioni hanno cosi potuto pagare persone e attivare aziende (che a sua volta assumono personale) per attività che non servono a nulla: UNA FORMA DI EROGAZIONI DI SOLDI A FONDO PERDUTO che l'EU ci impedirebbe, così viene aggirato.Esaurito il compito, per cui il portale è stato creato, esso viene chiuso!Non è il primo caso, ne sarà l'ultimo.Per chi a SX vuol criticare, ricordo: che durante la costituzione e l'erogazione dei fondi di italia.it, tutte le regioni, eccetto 3 erano in possesso del C-SX. Dei fondi ricevuti, nessuna, dico NESSUNA regione li ha mai restituiti.Ne il gov. attuale, ha mai fatto pressione o attuato meccanismi legali nei confronti delle regioni atti a riprendere quei soldi (ormai spesi, chissà come!).
    • Edward scrive:
      Re: Italia.it è servito!
      - Scritto da: ......
      Ne il gov. attuale, ha mai fatto pressione o
      attuato meccanismi legali nei confronti delle
      regioni atti a riprendere quei soldi (ormai
      spesi, chissà
      come!).Se è vero quello che dici allora la UE in futuro ci potrebbe anche sanzionare.
      • ...... scrive:
        Re: Italia.it è servito!
        E come?Ormai quei soldi sono stati dati ed utilizzati dalle regioni.Ufficialmente per un progetto.Analogamente, ufficialmente, quel progetto è stato dichiarato fallito e chiuso (o meglio verrà chiuso).Dovè l'infrazione alle norme EU (cioè erogazione di soldi a fondo perduto) dal punto di vista ufficiale?Non bastano i sospetti, bisogna avere le prove.
        • Italia del monopolio scrive:
          Re: Italia.it è servito!
          Le prove ci sono ... perchè o le regioni sono tanto incompetenti da non sapere nemmeno dove sono le provincie oppure si sono buttati soldi dalla finestra senza un motivo.Chiamale mazzette, finanziamenti a fondo perduto o come cazzo di pare ... la storia non cambia.Se io compro un prodotto e questo non funziona, ho il diritto che il prodotto venga o cambiato o refuso (?!?!) del denaro.Ora dato che i soldi spesi sono i nostri, alzi la mano chi non li rivuole indietro ... e faccia un passo avanti chi per modi traversi, tra pubbliche persone che tirano le cuoia per arrivare a fine mese, hanno in qualche modo (diretto o no) goduto di questi finanziamenti.Come al solito son convinto che nessuno si farà avanti, perchè quei soldi sono serviti ai soliti noti per case, yatch e vacanze di lusso.
    • ex-Rutelli estimator scrive:
      Re: Italia.it è servito!
      Le regioni hanno avuto solo un anticipo del 10% alla firma della convenzione. Il resto lo avrebbero avuto solo a stati di avanzamento e comunque entro 90gg dalla firma avrebbero dovuto presentare i progetti editoriali.http://millionportalbay.wordpress.com/2007/05/11/italiait-si-spendono-altri-21-milioni-di-euro/http://millionportalbay.wordpress.com/2007/08/27/italiait-la-campania-si-assicura-i-suoi-116-milioni-di-euro/http://millionportalbay.wordpress.com/2007/09/16/italiait-le-marche-approvano-per-925328-euro/http://millionportalbay.wordpress.com/2007/09/21/italiait-15-regioni-2-provincie-hanno-firmato-le-convenzioni/
  • Alfredo scrive:
    Itaglia
    Dalla trascrizione fatta da million portal Rutelli in commissione dice: " la modalità con cui oggi si accede alla rete che si è molto velocizzata, non mi fate citare... sì, fatemi citare Google magari, e mi fermo qui... rende probabilmente superata l'impostazione che era stata data negli anni... trascorsi. e dunque consiglia di orientare le risorse verso modalità più flessibili, più agili, più concrete e articolate meglio rispetto al mutamento veloce della domanda."Cioè l'hanno scoperto oggi che c'era Google...Poi andiamo avanti, l'Onerovole Vico dice:"Nonostante la defezione delle Regioni italiane, nel luglio 2005 viene selezionato un raggruppamento temporaneo d'impresa con capofila la IBM ; viene annunciato che il portale sarà pubblicato, se posso usare questo termine, sempre nel 2005 nelle... durante le Olimpiadi Invernali di Torino [in realtà sarebbero i primi mesi del 2006...]; la IBM non conclude il portale ; con lavvio della XV legislatura... le attività... è stato deciso di far continuare le attività allo... allo stesso raggruppamento temporaneo d'impresa...; in occasione della BIT, il 22 febbraio 2007, è stato pubblicato il portale italia; allo stato dei fatti lattuale piattaforma tecnologica pare su.. appare superata e mi limiterei a dirla così..., il portale si è rivelato un insuccesso, mi limiterei a dirla così...; una commissione apposita istituita, una commissione dindagine dal governo..., nel suo rapporto consegnato lo scorso luglio ha bocciato i responsabili del sito, ecc. ecc. ..."
  • franz6868 scrive:
    Ritorno al futuro?
    Ed ora...ritorno al futuro? Del portale interregionale se ne ricorda qualcuno?? Ed ora? faranno un nuovo bando magna magna o cercheranno di recuperare qualcosa magari dal progetto interregionale (L.135) (v. http://www.4minuti.it/showPage.php?template=news&id=1788&masterPage=articolo.htm)A proposito della frase su questo progetto sono stati investiti altri 13 milioni di euro, ma non ha mai visto la luce. vorrei precisare che il progetto era giunto nella fase in cui era previsto il rilascio di un prototipo, e tale prototipo FUNZIONANTE con dati reali, ESISTE! . La luce, gliel'ha tolta di prepotenza (stile bullismo), proprio Italia.it e i funzionari che avrebbero potuto salvarsi utilizzando proprio il cuore del prototipo di cui sopra.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 ottobre 2007 14.40-----------------------------------------------------------
    • Edward scrive:
      Re: Ritorno al futuro?
      - Scritto da: franz6868
      Ed ora...ritorno al futuro? Del portale
      interregionale se ne ricorda
      qualcuno??
      Ed ora? faranno un nuovo bando magna magna o
      cercheranno di recuperare qualcosa magari dal
      progetto interregionale (L.135) (v.
      http://www.4minuti.it/showPage.php?template=news&i
      A proposito della frase su questo progetto
      sono stati investiti altri 13 milioni di euro, ma
      non ha mai visto la luce. vorrei precisare
      che il progetto era giunto nella fase in cui era
      previsto il rilascio di un prototipo, e tale
      prototipo FUNZIONANTE con dati reali,
      ESISTE! . La luce, gliel'ha tolta di
      prepotenza (stile bullismo), proprio Italia.it e
      i funzionari che avrebbero potuto salvarsi
      utilizzando proprio il cuore del prototipo di cui
      sopra.Cavolo c'era il PROTOTIPO! ESISTEVA! Vuol dire che per il 2020 avevamo l'indispensabile portale del turismo completato e per una cifra modica ovviamente. Io ho gente dal Giappone che mi telefona in continuazione riguardo a sto portale. Stanno lì che battono il piedino e chiedono: "MA QUANDO! QUANDO E' PRONTO!"
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Ritorno al futuro?
      Ma io mi chiedo...cosa si aspettavano da un sito sul turismo, creato da poco e, non so se lo fanno, aggiornato...L'altro giorno si parlava di posizione su google in terza pagina...e OLTRE a questo?? Cioè, vabbe guardare la posizione, ma non è l'unica cosa da cui guardare, dai! I contenuti, lo stile, accessibilità, ecc...tante piccole cose che fanno un sito buono...e invece no, conta la posizione e basta -_- .Forse si credevano di fare un'opera monumentale, poi trasformato in zimbello della nazione, ora tolgono tutto con un "triplice fischio:fine" O_o .Cioè, se faccio io un progetto da presentare e nel bel mezzo dico "triplice fischio:fine" l'indomani sono col sedere per terra e contratto in mille pezzi, sti qua invece se ne fregano di tutto, soldi spesi, reputazione -oo ...e continuano a metter piede in cose che, imho, hanno conoscenza pari a zero. Incredibile...
Chiudi i commenti