Office Live per tutti e il SP1 per Exchange 2010

Altre novità arrivano dalle rive del Mississippi: la suite di produttività nelle nuvole ora è disponibile per il pubblico consumer. E BigM pensa anche agli admin e agli sviluppatori

Roma – Oltre a quello per Windows 7 e Windows Server 2008 R2, nel corso del TechEd Microsoft ha annunciato la beta di un altro service pack 1: quello per Exchange Server 2010 . Ha inoltre rilasciato altri aggiornamenti software e annunciato la disponibilità di Office Web Apps per gli utenti consumer.

Disponibile qui per il download (nella sola lingua inglese), Exchange Server 2010 SP1 Beta “pesa” circa mezzo gigabyte, porta il numero di build 14.01.0180.002 e ha una scadenza di 120 giorni. Il suo rilascio è previsto entro la fine dell’anno.

Oltre a contenere tutte le patch e gli aggiornamenti fin qui rilasciati da Microsoft, il SP1 Beta apporta migliorie alle funzioni di archiviazione e ricerca, al tool Outlook Web App (OWA), al supporto dei dispositivi mobili e ai tool di management. Più nel dettaglio, l’update permette agli utenti di creare una cartella di archiviazione che può essere localizzata all’interno di una mailbox differente da quella principale: questa caratteristica può aiutare gli amministratori a tenere sotto controllo la dimensione del database delle email.

Per quanto riguarda il client OWA, Microsoft promette ancor più velocità grazie alla nuova funzione di prefetch dei messaggi e alla capacità di eseguire più operazioni simultaneamente. Il service pack affina poi l’interfaccia utente di OWA, rendendola più leggibile e ordinata, e introduce il supporto alla tecnologia Information Rights Management (IRM) già presente nella versione desktop di Outlook.

Expression Studio 4
In occasione del TechEd, Microsoft ha inoltre aggiornato la propria suite di tool per il web design, Expression Studio, giunta ora alla sua quarta major release . Scaricabile da qui in versione trial della durata di 60 giorni, Expression Studio 4 è stato progettato per integrarsi a fondo con Visual Studio 2010 e per consentire agli sviluppatori di creare interfacce utente anche molto complesse senza scrivere una sola riga di codice.

La versione Ultimate di Expression Studio 4 include Expression Blend e SketchFlow, che secondo Microsoft “consentono una rapida trasformazione dall’idea in prototipi dinamici ed interattivi e semplifica la creazione di applicazioni in Microsoft Silverlight e per dispositivi mobili quali Windows Phone 7”. La nuova release della suite consente inoltre di codificare un’ampia gamma di formati video, quali VC-1 e H.264, per poter apportare semplici modifiche e ottimizzare i video, file multimediali per la distribuzione, attraverso player realizzati con tecnologie quali Silverlight.

Expression Studio 4 introduce infine alcuni tool indirizzati al search engine optimization, supporta la creazione di add-in basati su JavaScript, HTML e CSS e può interfacciarsi alle tecnologie di video streaming di Internet Information Services.

Le nuove edizioni di Expression Studio 4 sono tre: Professional, Premium e Ultimate. Gli utenti che già possiedono una licenza di Expression Web 3 o Expression Studio 3 possono ottenere un’equivalente edizione di Expression Studio 4 gratuitamente.

Una sintesi degli altri aggiornamenti software rilasciati o annunciati da Microsoft nel corso del TechEd si trova qui .

Office Web Apps su SkyDrive
L’altro importante annuncio fatto alla conferenza per sviluppatori di New Orleans riguarda la pubblicazione di Office Web Apps sul servizio SkyDrive , una mossa che consente anche agli utenti consumer di accedere alla nuova suite per l’ufficio web-based di Microsoft.

Sebbene al momento Office Web Apps su SkyDrive sia stato ufficialmente lanciato solo in USA, Canada, Regno Unito e Irlanda, è già disponibile anche la localizzazione italiana: per utilizzarla è sufficiente collegarsi al sito office.live.com e autenticarsi con il proprio Live ID. Le applicazioni disponibili on the cloud sono Word, Excel, PowerPoint e OneNote, e forniscono un sottoinsieme degli strumenti di editing inclusi nelle rispettive versioni desktop incluse in Office 2010.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pip po scrive:
    Nascondere la verità
    Ciò che succedeva in passato succede ancora oggi, i governi nascondono le verità a loro scomode per giustificare azioni ingiustificabili: vantaggi per pochissimi e danni per tutti. Il soldato ha risposto alla sua coscienza piuttosto che agli ordini e per questo viene processato: ciò che meriterebbe una medaglia viene fatto passare come qualcosa di negativo. Il video è terribile, la freddezza dei due militari è incredibile, fa davvero capire quale sia il valore della vita per alcuni individui.
    • collione scrive:
      Re: Nascondere la verità
      questo ci fa capire come in realtà le nostre democrazie sono un recinto in cui ti danno la libertà di muoverti ma solo finchè non arrivi ai margini del recinto dove trovi qualcuno a bastonarti per ributtarti dentroimho i dittatori sono più onesti perchè almeno non nascondono il fatto che comandano loro
      • Seska scrive:
        Re: Nascondere la verità
        - Scritto da: collione
        questo ci fa capire come in realtà le nostre
        democrazie [CUT]LA DEMOCRAZIA NON ESISTE!
  • Pokeroso scrive:
    Notizia
    Nella notizia non viene menzionato il fatto che i documenti (tra cui il filmato) erano riservati, pertanto Manning non aveva il diritto di distriburli o diffonderli.
    • Polemik scrive:
      Re: Notizia
      Quindi se io ti passo un documento in cui viene dettagliato il modo con cui la mia setta religiosa utilizzerà un'arma di nuova concezione per sterminare gli infedeli (tutto il resto della popolazione mondiale, svariati miliardi di persone) per riservare il pianeta solo ed esclusivamente ai miei adepti, tu non lo diffondi soltanto perchè non ti ho autorizzato a farlo?Mai sentito parlare di "coscienza"?
      • pokeroso scrive:
        Re: Notizia
        Volevo solo puntualizzare il fatto che è stato arrestato per aver messo a repentaglio la sicurezza del suo Paese.Non è un martire (sempre che sia stato lui), è una falla nella sicurezza e, a mio avviso, il suo "amico" ha fatto bene a denunciarlo.Mai sentito parlare di "coscienza"?
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Notizia
          scusa, ma sicurezza de che?non ha mica postato le posizioni delle basi o il programma dei check point a baghdad: era un video di una serie di uccisioni di civili per colpa di un equivocoche poi. è un bel modo per far capire che se mandi gli elicotteri d'attacco a fare le missioni di pace, per errori (se vuoi "comprensibili") ci scappa inevitabilmente il morto
          • Polemik scrive:
            Re: Notizia
            Mi hai tolto le parole di bocca! Inoltre posso capire (nel video) l'errore iniziale, ma poi sparare a freddo sul van arrivato chiaramente per soccorrere i feriti... E' un comportamento da criminali di guerra, non da soldati.La verità è che in Iraq e Afghanistan sono in corso conflitti senza troppe regole (basta vedere cosa hanno fatto gli americani col fosforo a Fallujah) e pretendere di dipingere i nemici come diavoli e i soldati statunitensi come santi è davvero da ingenui.
          • collione scrive:
            Re: Notizia
            non ha tutti i torti peròse i dettagli di quelle missioni sono coperte dal segreto militare non puoi diffondere quelle informazioniche poi questi meccanismi del segreto mettono in luce quanto le nostre democrazie siano di cartapesta allora ti dò ragionema tecnicamente il soldato ha violato la legge
          • Polemik scrive:
            Re: Notizia
            Quindi se tu fossi un soldato e scoprissi che il tuo battaglione ha fatto una strage di donne e bambini, te ne fregheresti perché il comandante ti ha detto che "non sei autorizzato a divulgare la notizia in quanto segreto militare"?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Notizia
            certoma non toglie che se legalmente ha sbagliato, eticamente potrebbe aver fatto bene
          • pokeroso scrive:
            Re: Notizia
            Quindi mi stai dicendo che se da domani la tua banca diffonde il tuo codice Bancomat (o i dati VISA, senza entrare nel merito) non ti dispiace perchè non c'è indicato dove sono i check-point americani?Il problema non è (solo) nel contenuto, ma nel fatto che la segretezza stessa delle informazioni sia stata compromessa.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Notizia
            etica, morale, legge...? ti dicono niente questi concetti?se la legge del taglione fosse in vigore la riterresti equa? io no, non la applichereiora, volendo fare il proXXXXX alle intenzioni, magari il soldato sentiva il bisogno morale di rivelare quelle informazioni - pare per altro che non fosse così, che volesse solo vantarsia ogni modo: non puoi mettere sullo stesso piano la guerra e i morti con i miei dati bancari: siamo tutti d'accordo che uccidere sia sbagliato, così come lo sia rubare, solo che le conseguenze di questi assunti sono oppostioh, questa è roba da corsi di filosofia... :D
          • pokeroso scrive:
            Re: Notizia
            Io commentavo solo il problema della sicurezza.Per il resto mi riservo di postare su punto-filosofico :D
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Notizia
            ecco, secondo me non ha violato NULLA di sicurezzasemmai ha messo in luce delle policy (regole d'ingaggio) troppo "flessibili" ;)poi però pure la tattica e la strategia militare sono OT :)
          • pokeroso scrive:
            Re: Notizia
            Guarda, concludo complementando "Sicurezza" con "Sicurezza Informatica".Spero così il mio punto di vista sia chiaro.
        • nessuno scrive:
          Re: Notizia
          forse la sicurezza che intende pokeroso e' quella che se uno non americano vede quei video, forse gli viene piu' voglia di fare attentati in america o contro americani. forse e' questa la sicurezza che intendono...
  • ephestione scrive:
    accipicchia che obiettivo...
    riconoscere molti dei termini e il linguaggio, dall'aver giocato con modern warfare 1 e 2, mi ha piuttosto disturbato visto l'oceano di differenza che c'è tra giocare in un attacco aereo ben simulato, e vederne una registrazione vera.Che fosse una macchina fotografica lo sappiamo già ormai, anche se si indovinava, visto sia il modo in cui la teneva, sia la sagoma piuttosto evidente del corpo macchina, anche se c'era montato un obiettivo di dimensioni sproporzionate che si prestava molto bene a essere scambiato per un lanciarazzi anticarro.Mi sorprende la freddezza con cui hanno commentato dopo essersi resi conto dell'errore, e un angolo del mio cervello si chiede quanto mai sarà potuta costare un'azione del genere ai contribuenti americani.
  • bertuccia scrive:
    vero nome
    in realtà il cracker si chiamava Adrian LMAO.io non mi sarei fidato
    • lordream scrive:
      Re: vero nome
      - Scritto da: bertuccia
      in realtà il cracker si chiamava Adrian LMAO.

      io non mi sarei fidatonessuno si fida di adrian.. da quando è stato beccato è un filogovernativo infame
    • Undertaker scrive:
      Re: vero nome
      - Scritto da: bertuccia
      in realtà il cracker si chiamava Adrian LMAO.
      io non mi sarei fidatoAdrian LAMEproprio un infamone, che ha tradito la fiducia di chi voleva far sapere la veritá sulle "regole d'ingaggio" americane (prima sparare poi fare domande)
    • Adrian Rotfl scrive:
      Re: vero nome
      - Scritto da: bertuccia
      in realtà il cracker si chiamava Adrian LMAO.

      io non mi sarei fidatoPerchè il nome non ti ispira?
Chiudi i commenti