Olimpiadi, la Cina allenterà la morsa sui media

Lo assicura la Commissione Olimpica Internazionale: Pechino finora si è mostrata disponibile. I disordini mediatici sul Tibet? Non siamo ancora nel periodo dei Giochi

Roma – Lo spirito olimpico dovrà far crollare la grande muraglia digitale, le autorità cinesi dovranno abbattere i filtri alla libera espressione e alla libertà di essere informati in rete. A lanciare questo monito è la Commissione Olimpica Internazionale.

Sarà il contratto firmato dalle autorità della Repubblica Popolare a costringere la Cina ad allentare le redini del controllo operato sulla rete: si stima che saranno 30mila i giornalisti che prenderanno parte alle manifestazioni di Pechino, e il contratto firmato da Pechino impone che i media possano liberamente far fluire notizie e opinioni su quanto avviene nell’ambito dei Giochi.

“La nostra preoccupazione – ha annunciato il rappresentante della Commissione Olimpica Internazionale Kevan Gosper – è di assicurare che la stampa sia in grado di operare così come ha potuto fare nell’ambito dei precedenti Giochi Olimpici”. Ma Gosper è fiducioso, rassicurato dalle promesse della autorità locali: “Dà soddisfazione il fatto che la Cina dimostri di comprendere l’importanza di una libera comunicazione, dà soddisfazione il fatto che rispetteranno le regole”.

Le autorità cinesi infatti, per adempiere al contratto firmato con il comitato olimpico, si sono dimostrate disposte a temperare le stringenti regolamentazioni sulla stampa e sulla comunicazione online. Le normative straordinarie sono entrate in vigore all’inizio del 2008: c’è chi ravvisa nella recente marcia indietro sui filtri a BBC un segnale dell’impegno delle autorità della Repubblica Popolare per un più libero scorrere dell’informazione.

Ma dal gennaio 2008 ad oggi gli afflati censori non si sono placati: le vicende del Tibet hanno costretto le autorità a stringere la morsa sui media online che hanno trattato argomenti sensibili . Una portavoce del ministro degli Esteri locale ha però minimizzato , riconoscendo che la Cina seleziona i contenuti a favore dei propri cittadini, ma che le pratiche di “gestione della rete” sono ordinaria amministrazione anche presso la comunità internazionale.

La Commissione Olimpica Internazionale ha preferito non esprimersi riguardo ai provvedimenti che la Repubblica Popolare ha adottato per contenere i disordini mediatici riguardo al Tibet, provvedimenti che contravvengono esplicitamente alla policy che Pechino ha adottato in quanto città ospite delle Olimpiadi: “Si è levata qualche critica riguardo ai blocchi in rete relativi al Tibet nelle scorse settimane, ma non siamo ancora nel periodo dei Giochi”.

Se la Commissione sembra voler limitare il proprio sguardo ai soli giorni in cui si svolgeranno le Olimpiadi, Human Rights Watch , l’organizzazione internazionale a favore dei diritti umani, ha sottolineato come l’atteggiamento di complice lassismo della Commissione contribuisca a far passare sotto silenzio le contraddizioni fra promesse e realtà che si stanno verificando in seno alla Repubblica Popolare.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Abramo scrive:
    Paypal?
    Un paio di considerazioni: sono allucinanti le dichiarazioni(se corrispondono al vero),di Don Di Noto e c.,che parlano di centinaia di transazioni ogni giorno e milioni di euro incassati dai siti che vendono dvd e foto pedoporno a pagamento,di cui moltissimi clienti "sarebbero" italiani.Allora vien da pensare che di blitz come questo la polizia potrebbe farne uno al giorno! E' piu' comodo cercare su e-mule qualcuno che scarica alla leggere... Eeh,ovviamente per destabilizzare i siti di file-sharing,mettendo paura in chi li usa.Altra questione: uno di voi sotto ha scritto che Paypal e' pericoloso dato che potrebbero indagare chi paga con Paypal pensando che abbia acquistato materiale illegale. Ma stiamo scherzando??????Io conosco una marea di persone che lo usano( compreso io),e,dato che spesso sulla transazione appare un generico "paypal internet" o "paypal" seguito da un numero di transazione..... che si fa,si rischia di essere indagati per aver acquistato un cd o un libro via web?????Anche se non ne sono convinto,spero proprio che un minimo di professionalita' ci sia nella polizia postale.....Abramo
  • Tommy scrive:
    Prova
    ciao
  • nichelino scrive:
    Rischi dei File Streaming per Adulti
    Vorrei sapere, visto che non ci sono regole precise in questo benedetto inernet per adulti, se visionando video in streaming dei più famosi siti video che ora vanno tanto di moda (cloni in senso porno del più famoso Youtube)si rischia di essere incriminati per qualcosa di illegale. Mentre so che nella vita di tutti i giorni non posso fare un divieto di sosta e non rischiare la relativa ammenda oppure viaggiare senza cintura di sicurezza , entrare in uno di questi siti anche se sono famosi e frequentatissimi, non sono mai tranquillo. C'è un nesso con tutte queste indagini che periodicamente vengono fuori oppure sono cose diverse ?
    • Bic Indolor scrive:
      Re: Rischi dei File Streaming per Adulti
      - Scritto da: nichelino
      Vorrei sapere, visto che non ci sono regole
      precise in questo benedetto inernet per adulti,
      se visionando video in streaming dei più famosi
      siti video che ora vanno tanto di moda (cloni in
      senso porno del più famoso Youtube)si rischia di
      essere incriminati per qualcosa di illegale.
      Mentre so che nella vita di tutti i giorni non
      posso fare un divieto di sosta e non rischiare
      la relativa ammenda oppure viaggiare senza
      cintura di sicurezza , entrare in uno di questi
      siti anche se sono famosi e frequentatissimi, non
      sono mai tranquillo. C'è un nesso con tutte
      queste indagini che periodicamente vengono fuori
      oppure sono cose diverse
      ?Hai la ragazza/moglie/convivente? scopate di più.Non ce l'hai? trovala.Non riesci a trovarla? il porno immaginalo, non cercarlo sui siterelli. Quello è ancora legale.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Rischi dei File Streaming per Adulti
      non è illegale andare su siti come youporn e affini.
      • nichelino scrive:
        Re: Rischi dei File Streaming per Adulti
        Grazie Sgabbio,perchè uno chiede delle risposte e riceve sempre consigli. Comunque in questo periodo di caccia alle streghe e di giungla legislativa dove non esiste qualcosa di oggettivo ma si rimanda alla soggettività della persona che deve giudicare ,ovviamente salvo di casi indubbi che nessuno avrebbe il coraggio di contestare la mia non era una domanda sciocca. Sono molti a chiedersi che grado di giudizio, come si chiedeva in un altro intervento, hanno tenuto i Signori che hanno denunciato l'accaduto e se visitando questi siti di video upload ci sono dei filtri, dei responsabili che giudicano preventivamente cosa mostrare, e se ci sono delle regole a cui devono sottostare oppure se deve essere l'utente a preoccuparsi dell'età degli attori e se sbaglia nella valutazione subirne le conseguenze?
  • Sgabbio scrive:
    Quanti sono i colpevoli ?
    Una curiosità: Quanti saranno i veri pedofili stupratori di bambini via web che hanno preso realmente in questa retata ? Sapremo mai come andrà a finire la questione appena sollevata ? In conpenso i ciarlatani anti pedofili raccatta soldi, hanno cominciato a fare i loro discorsi trionfali.Non fidatevi soprattutto di telefono arcobaleno, per loro tutta internet è pedopornografica :/
    • Reolix scrive:
      Re: Quanti sono i colpevoli ?
      - Scritto da: Sgabbio
      Una curiosità: Quanti saranno i veri pedofili
      stupratori di bambini via web che hanno preso
      realmente in questa retata ? Sapremo mai come
      andrà a finire la questione appena sollevata ?
      In conpenso i ciarlatani anti pedofili raccatta
      soldi, hanno cominciato a fare i loro discorsi
      trionfali.

      Non fidatevi soprattutto di telefono arcobaleno,
      per loro tutta internet è pedopornografica
      :/Ti sei mai chiesto perchè abbiamo pubblicate statistiche anche sui culetti pelosi e non sui pedofili propriamente detti (condannati 3°)?
  • Aristide scrive:
    polverone arcobaleno
    il telefono arcobaleno è gestito dai preti cattolici, credo che i preti cattolici, almeno per pudore di quanto hanno fatto, non dovrebbero ne avvicinarsi ai bambini ne parlare di pedofilia. Ricordo che la chiesa cattolica è responsabile, non di scambio di foto di minori, ma di stupro di bambini e ha avuto pesanti responsabilità da Ratzinger in giù nella copertura di questi loro "colleghi" violentatori, si parla di parroci fino a direttori di orfanotrofi, perfino i missionari, perche tutti questi ripugnanti individui perchè sono stati protetti dai vertici della chiesa, perchè tuttora quando (e succede ancora) viene arrestato un prete stupratore sui giornali non appare nulla o al massimo un trafiletto sulla cronaca locale, mentre per questi poveri depravati scambiatori di files ci sono titoli a quattro colonne, eppure non hanno commesso reati violenti, non hanno stuprato. Penso dunque che questa storia di parificare chi scarica delle immagini di minori a che violenta i minori, sia un gran polverone per cercare di far dimenticare il vomitevole scandalo (è dire poco) dei preti pedofili stupratori.
    • Sir Pilade scrive:
      Re: polverone arcobaleno
      Sono d'accordo su tutto.I PRETI che parlano di pedofilia?!? Senti da che pulpito giunge la predica... :@
    • Reolix scrive:
      Re: polverone arcobaleno
      - Scritto da: Aristide
      il telefono arcobaleno è gestito dai preti
      cattolici, credo che i preti cattolici, almeno
      per pudore di quanto hanno fatto, non dovrebbero
      ne avvicinarsi ai bambini ne parlare di
      pedofilia. Ricordo che la chiesa cattolica è
      responsabile, non di scambio di foto di minori,
      ma di stupro di bambini e ha avuto pesanti
      responsabilità da Ratzinger in giù nella
      copertura di questi loro "colleghi" violentatori,
      si parla di parroci fino a direttori di
      orfanotrofi, perfino i missionari, perche tutti
      questi ripugnanti individui perchè sono stati
      protetti dai vertici della chiesa, perchè tuttora
      quando (e succede ancora) viene arrestato un
      prete stupratore sui giornali non appare nulla o
      al massimo un trafiletto sulla cronaca locale,
      mentre per questi poveri depravati scambiatori di
      files ci sono titoli a quattro colonne, eppure
      non hanno commesso reati violenti, non hanno
      stuprato. Penso dunque che questa storia di
      parificare chi scarica delle immagini di minori a
      che violenta i minori, sia un gran polverone per
      cercare di far dimenticare il vomitevole scandalo
      (è dire poco) dei preti pedofili
      stupratori.Comunista Terrorista Demagogo :D
      • metallo diabolico scrive:
        Re: polverone arcobaleno
        basta con il falso buonismo,a morte tutta questa gentaglia!!!!!!!!!li voglio vedere dopo il telegiornale in prima serata,mentre vengono giustiziati....cazzo!che paese di rammolliti siamo diventati!!spellati vivi e bruciati in pubblico....ecco che ci vuole!scommettete che con questo metodo,queste cose diminuirebbero?
        • Sgabbio scrive:
          Re: polverone arcobaleno
          meno male che esistono i diritti umani e gente come te viene bollata per pazza.
          • metallo diabolico scrive:
            Re: polverone arcobaleno
            sisi,menomale che ci sono..infatti i risultati si vedonoil paese delle banane è avanti a noi di un bel pò....certi reati vanno puniti con la morte
  • ics ipsilon zeta scrive:
    Truecrypt - Gratis
    http://www.truecrypt.org/Gratuito.Crittografa l'intero harddisk. Al boot o hai la password o ciccia.Naturalmente per chi non ha nulla da nascondere ma ci tiene che la moglie/il figlio/l'amico/il collega non metta il naso nei nostri affari.
  • Francesco Carboni scrive:
    Re: Dettagli tecnico-organizzativi...
    Queste organizzazioni non hanno interesse a fornire dati che si prestano ad un controllo oggettivo,ne mai lo faranno,perché i loro finanziamenti dipendono dalla capacità di impressionare il committente politico. Quello che mi spiace è che Punto Informatico si presti a fornire spazio ad affermazioni prive del conforto dei dati.Così non si fa divulgazione informatica,ma si alimenta il FUD che demonizza internet.
  • asd scrive:
    Re: Dettagli tecnico-organizzativi...
    Quotissimo! Secondo me è tutta una forma di terrorismo psicologico per spingere il governo ad attuare nuove e meravigliose forme di controllo della rete per proteggere i bambini :)E' stato fatto con i media per "giustificare" la guerra e i super controlli anti terrorismo che ci levano la privacy. Ricordate, il migliore modo per spingere la popolazione a darti la sua libertà volontariamente è metterle paura con minacce alle quali viene data molta enfasi appositamente. P.S.Aborro i pedofili e la pedofilia, però preferisco che tali persone si facciano le pi..e davanti al monitor piuttosto che vederle stuprare bambini reali. Le persone + sono represse e + sono pericolose... Cmq per combattere la pedofilia bisogna combatterla alla radice, prendete chi fa i video, arrestateli, seviziateli, fate quello che vi pare, però solo così si può fermare il fenomeno..eppoi non capisco come fa a esserci così tanta richiesta di tale materiale orribile
    • lol scrive:
      Re: Dettagli tecnico-organizzativi...
      ho l'impressione che i dati sono gonfiati di molti per far credere che ci siano molti pedofili in giro, infatti è strano che esistino tute queste persone che fanno cose altamente illegali e sapendo di poter essere beccati
      • Sgabbio scrive:
        Re: Dettagli tecnico-organizzativi...
        un mesetto fa se non erro il presidente di telefono arcobaleno, non aveva detto che i siti pedopornografici sono i più visti in assoluto ?
  • isaia panduri scrive:
    Re: Dettagli tecnico-organizzativi...
    Ma poi, mi chiedo da tempo: Come fa Telefono Arcobaleno a scovare i siti pedofili? L'unico modo che mi viene in mente è quello di entrare nel circuito e visitare tali siti e/o scambiare materiale fino a quando non sono in grado di denunciare qualcuno.Peccato però che questo configuri il reato di pedofilia tale e quale a quello che viene contestato ai presunti criminali.A meno di una sorta di autorizzazione o salvacondotto che permetta ai soci di TA di consultare liberamente e impunemente siti pedoporno.Se così è (e mi sorprenderebbe, visto che tali autorizzazioni vengono concesse solo alle forze dell'ordine coinvolte nelle indagini sotto copertura) TA sarebbe di fatto... cosa? una associazione para-poliziesca? Al di sopra della legge?E quindi, se così è davvero, consiglio ai pedofili incalliti di entrare a far parte di Telefono Arcobaleno, in modo da poter continuare impunemente a sollazzarsi con le spalle coperte...
  • pabloski scrive:
    Re: Dettagli tecnico-organizzativi...
    beh considerando che la Prestigiacomo voleva far passare una legge secondo cui se le attrici in un video porno sembrano minorenni allora lo sono, puoi capire come questa gente proceda
  • yenaplyskyn scrive:
    una cosa mi preoccupa
    nell'articolo si dice che 'sti individui rischiano FINO a cinque anni di carcere.Questo vorrebbe forse dire che, se anche gli venisse comminato il massimo della pena, nessuno di loro và in galera?Ma che cappio di leggi fanno in questo paese di m...armellata?
    • cippa scrive:
      Re: una cosa mi preoccupa

      Questo vorrebbe forse dire che, se anche gli
      venisse comminato il massimo della pena, nessuno
      di loro và in galera?Sì, ma solo se sono incensurati. Quelli recidivi finiscono in gabbia. Penso sia motivato con cose tipo "seconda possibilità", robe così.
      • rockroll scrive:
        Re: una cosa mi preoccupa
        In ogni caso non tutti i mali vengono per nuocere: più perdono tempo e risorse per i presunti pedofili, più passano in secondo piano ed automaticamente in prescrizione le povere vittime della legge urbani colpevoli secondo quell'ottica di essersi scambiata qualche canzonetta per uso privato...
    • Nome e cognome scrive:
      Re: una cosa mi preoccupa
      figurati, si corrono più rischi se trovati in possesso di uno uno spinello...praticamente, un individuo privo di scrupoli e deciso a fare qualche soldo, rischia di meno smerciando *pedofilia*? nel contempo, una persona onesta, che magari ama farsi una canna per rilassarsi appena tornato a casa, PUÒ rischiare fino a 20 anni, ritiro della patente, etc... ?!è interessante anche la considerazione sul telefono arcobaleno, sono anni che mi faccio la stessa domanda quando leggo notizie simili. Poi si sente spesso parlare di don Fortunato Di Noto, ma un po' meno lo si vede in video, dopo averlo visto la prima volta ho capito il perchè sia sempre nascosto, sembra lui stesso un assetato di bambini...la chicca migliore l'ho trovata qui: http://tinyurl.com/2yvgmnciao a tutti,s.
      • Ti sbagli su don Di Noto scrive:
        Re: una cosa mi preoccupa
        Con queste stupide e strumentali considerazioni su don Di Noto alludi a cose che rasentano la denuncia per diffamazione.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: una cosa mi preoccupa
          non ho tratto nè conclusioni nè considerazioni, ho solo espresso una *impressione*. non vedo cosa ci sia di strumentale, visto che non ho accusato nè sminuito, semmai credo sia legittimo esprimere dubbi e perplessità.
        • pippo scrive:
          Re: una cosa mi preoccupa

          Con queste stupide e strumentali considerazioni
          su don Di Noto alludi a cose che rasentano la
          denuncia per
          diffamazione.Se non le rischia lui con le sue sparate su internet...
      • Sir Pilade scrive:
        Re: una cosa mi preoccupa
        "E' interessante anche la considerazione sul telefono arcobaleno, sono anni che mi faccio la stessa domanda quando leggo notizie simili. Poi si sente spesso parlare di don Fortunato Di Noto, ma un po' meno lo si vede in video, dopo averlo visto la prima volta ho capito il perchè sia sempre nascosto, sembra lui stesso un assetato di bambini..."Quoto in pieno. Ma te lo immagini il pretazzo? Io me lo immagino tutto il giorno davanti al computer a cercare, scaricare e scambiare immagini e video pedopornografici, nella speranza di beccare lo sfigato di turno e poter urlare vittoria al mondo intero... mentre i pedofili veri agiscono indisturbati.Inoltre è divertente notare come proprio un prete si proclami paladino della giustizia nel campo della pedofilia... @^Preti... bah!
  • infame scrive:
    e come sempre...
    chissà quanti di questi 80 indagati poi uscirà fuori che non centrano niente, come sempre in queste mega-indagini fatte con i piedi e per mera smania di protagonismo.gli inquirenti seri sono quelli che lavorano in silenzio, lontano dalle telecamere e dai media e i cui nomi non vengono mai pubblicati.un maresciallo che dirige le indagini? perbacco, e io che in 26 anni di attività sempre creduto che le indagini le dirigessero i Pubblici Ministeri...
    • pabloski scrive:
      Re: e come sempre...
      - Scritto da: infame
      chissà quanti di questi 80 indagati poi uscirà
      fuori che non centrano niente, come sempre in
      queste mega-indagini fatte con i piedi e per mera
      smania di
      protagonismo.

      gli inquirenti seri sono quelli che lavorano in
      silenzio, lontano dalle telecamere e dai media e
      i cui nomi non vengono mai
      pubblicati.

      un maresciallo che dirige le indagini? perbacco,
      e io che in 26 anni di attività sempre creduto
      che le indagini le dirigessero i Pubblici
      Ministeri...e pensa poi ai risarcimenti che dovremo pagare noi con le nostre tasse...ieri leggevo che Mastella chiederà un risarcimento, cioè dico ma che c'abbiamo scritto fesso in fronte? se Mastella è veramente innocente allora va perseguito il giudice che ha messo su tutta questa manfrinadel resto c'è un referendum degli inizi anni '90 in cui i cittadini si espressero a favore della responsabilità civile dei magistrati, quel referendum è rimasto lettera morta, è evidente che la casta dei magistrati si difende benequesto Paese è una repubblica delle banane, a questo punto è meglio Tahiti dove il Berlusca...ops...ha cambiato idea è andata ad Antigua :D
  • mosilon scrive:
    certo!
    bisogna spiare i pc della gente per trovare le foto indagate - se trovi un video su youtube nessuna sa da dove viene
Chiudi i commenti