Olografia quasi pronta al debutto

Una ricerca statunitense suggerisce la possibilità di trasformare presto in realtà la più classica delle tecnologie fantascientifiche: trasmettere e "stampare" comunicazioni olografiche in tempo quasi-reale

Roma – Che sia arrivato il tempo in cui gli ologrammi potranno finalmente uscire dalle pellicole cinematografiche per approdare nella realtà di tutti i giorni? Uno studio proveniente dalla University of Arizona suggerisce la possibilità che la prospettiva di comunicare in remoto per immagini olografiche tridimensionali sia quasi a portata di mano.

Lo studio, condotto da un team guidato da Nasser Peyghambarian, si ripromette di superare il principale limite delle attuali comunicazioni olografiche vale a dire la capacità di fare il refresh delle immagini in tempi “quasi real-time”. Con il display-prototipo da 4 pollici realizzato da Peyghambarian e soci, il refresh scende dai minuti necessari in precedenza a due secondi.

“Questo progresso ci porta un passo più vicini all’obiettivo finale della telepresenza olografica realistica con immagini 3D ad alta risoluzione, full-color e a dimensioni umane inviate a livelli di refresh video da una parte all’altra del mondo”, recita lo studio.

Il prototipo di display olografico dei ricercatori statunitensi funziona prima di tutto grazie a una serie di videocamere puntate sull’obiettivo da renderizzare come ologramma, ognuna posta a un angolo di visione differente . In tal modo, quando l’osservatore dell’eventuale ologramma cambierà prospettiva di visione, guarderà le immagini raccolte da un angolo completamente differente al pari di quanto succede con gli oggetti “solidi”.

Un sistema a singolo laser si incarica infine di “stampare” l’ologramma su un polimero “fotorifrangente”, permettendo la visualizzazione di immagini a colori. Un sistema olografico dotato di un refresh in tempo quasi reale, dicono i ricercatori, “può avere un impatto significativo sulla telepresenza, la telemedicina, il design ingegneristico e la produzione e altre applicazioni. Si tratta di un risultato enormemente importante” che per di più è stato prodotto da un centro di studi con soli 3 anni di storia alle spalle.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MoD scrive:
    Re: TeriBBile
    questa è la descrizione di qualsiasi mac XDps. scusa la semi-trollata, me l'hai servita su un piatto d'argento
  • Fai il login o Registrati scrive:
    A quando la nuova versione per linux?
    Lo dico io prima che lo faccia qualcun'altro: a quando la nuova versione per linux? Così possiamo lamentarci anche noi della nuova GUI e tornare a quella precedente... ;-)
  • OlafMar scrive:
    Re: TeriBBile
    Monta la nuova versione temporaneamente (sul desktop, mica la devi installare) e manda un feedback pacato ma deciso e chiaro, altrimenti penseranno che tutti sono contenti.
    • jjletho scrive:
      Re: TeriBBile
      io sulla versione pc ho un tasto per rimpicciolire l'interfaccia e praticamente diventa come la versione precedente...sicuri che nn c'è anche per mac?
  • LaNberto scrive:
    Re: TeriBBile
    Già mal sopporto Skype, fosse per me se ci fosse un plugin funzionante per adium l'avrei già cancellato dal disco da un pezzo. Mi avete scoraggiato... Aspetterò ad installarlo.
  • kappesante scrive:
    finestra gigante
    orripilante
    • bertuccia scrive:
      Re: finestra gigante
      - Scritto da: kappesante
      orripilantepensato la stessa cosa appena ho installatoera bella la finestrella sottile di mac e linux
    • bertuccia scrive:
      Re: finestra gigante
      - Scritto da: kappesante
      orripilantepensato la stessa cosa appena ho installatoera bella la finestrella sottile di mac e linux
      • OlafMar scrive:
        Re: finestra gigante
        È importante che tutti scriviate feedback pacati e dettagliati sui motivi per cui la nuova è peggiore, così magari offrono entrambe le interfacce.Suggerimenti miei:- nuova finestra unica: utile solo se in primo piano, troppo spazio vuoto altrimenti- nessuna possibilità di avere la lista contatti in un secondo schermo, sempre visibile- nessuna possibilità di avere più chat visibili allo stesso tempo, solo l'indicatore dei messaggi non letti: prima con mela-opzione- era possibile ciclare tra finestre senza mouse, ora tra diverse chat della stessa finestra come si fa?- la nuova finestra è impostata sul modello di itunes, che può andare bene per i novizi ma che molti utenti normali e decisamente tanti utenti avanzati criticano... prima skype era invece un esempio di app con una gui ben fatta
    • rippuz scrive:
      Re: finestra gigante
      - Scritto da: kappesante
      orripilanteConcordo. Inoltre rispetto alla versione precedente mi sembra un notevole passo indietro rispetto all'integrazione con l'OS. La versione precedente mi sembrava molto più intuitiva.
      • bertuccia scrive:
        Re: finestra gigante
        - Scritto da: rippuz

        Concordo. Inoltre rispetto alla versione
        precedente mi sembra un notevole passo indietro
        rispetto all'integrazione con l'OSa partire dall'oltraggiosa icona colorata nella menubar!almeno diano la possibilità di scegliere,come fa dropbox!OSX non è il circo! per quello c'è win!
Chiudi i commenti