OpenCL 1.1 ratificato da Khronos

Rilasciata la nuova specifica per il calcolo parallelo, standard concepito per sfruttare le potenzialità delle attuali GPU oltre il rendering grafico. Sostenuta da quasi tutta l'industria

Roma – Ieri il consorzio Khronos Group ha ratificato e pubblicato la specifica OpenCL 1.1, ultima versione di uno standard aperto e royalty-free per la programmazione parallela dei moderni processori. Appoggiato da aziende come AMD, Apple, ARM, Intel e Nvidia, OpenCL è una delle librerie più utilizzate nell’ambito del GPGPU computing.

Lo sviluppo di OpenCL 1.1 ha richiesto circa un anno e mezzo, e i frutti consistono nell’aggiunta del supporto a nuovi tipi di dati e di formati d’immagine, nella capacità di gestire comandi provenienti da host multipli, in nuove funzioni in C e in una migliore interoperabilità con OpenGL.

Khronos ha anche annunciato il rilascio di una API per l’uso di C++ con OpenCL, e dell’immediata disponibilità dei test di conformità per OpenCL 1.1.

OpenCL compete in modo diretto con DirectCompute, una API di Microsoft inclusa in DirectX 11, e in parte anche con la piattaforma CUDA di Nvidia, sebbene quest’ultima sia più completa e strettamente integrata con l’architettura delle moderne GPU dell’azienda californiana.

Tra le più convinte sostenitrici di OpenCL c’è AMD, che su questa specifica ha basato la propria tecnologia di GPGPU computing ATI Stream.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • angros scrive:
    Mappa strategica
    I soldati vedranno questo?[yt]eeOHEU7Ykyg[/yt]
  • V67 scrive:
    che vergogna!!!
    Avete visto la vignetta? il prigioniero era un musulmano o arabo cmq, sempre la solita storia bei buoni contro i musulmani cattivi, loro che fanno le guerre "preventive", loro che si spacciano per i "poliziotti del mondo", poi che raccontano balle anche sulle armi, fino adesso hanno due modellini troppo cresciuti con due telecamere che svolazzano qua e la, gli fregano anche i flussi video perchè non sono criptati, prima o poi gli crackereranno anche i veicoli, la cosa che l'industria della morte non capisce è che un'arma "pensante" è pericolosa, perchè non essendo pensante ma programmata, si può ritorcere contro il costruttore con un semplice crackeraggio, adesso un craker ti può svuotare in conto in banca dalla scrivania, in futuro ti potra pure far ammazzare riprogrammando chissà quale sistema che è stato piazzato li a proteggerti!!!
    • CHKDSK scrive:
      Re: che vergogna!!!
      E quindi? Dov'è lo scandalo?
    • painlord2k scrive:
      Re: che vergogna!!!
      - Scritto da: V67
      Avete visto la vignetta? il prigioniero era un
      musulmano o arabo cmq, Effettivamente, potevano mettere un Amish come prigioniero.Capita comunemente che i militari US combattano contro gli Amish, vista la loro propensione a farsi esplodere nei centri commerciali.Solo i veri razzisti pensano sempre al razzismo.
  • Nome e cognome scrive:
    Ma sta a casa...
    Adesso anche i giochini incorporati.E un bel joystick nel deretano, per controllarli meglio.
    • lordream scrive:
      Re: Ma sta a casa...
      - Scritto da: Nome e cognome
      Adesso anche i giochini incorporati.
      E un bel joystick nel deretano, per controllarli
      meglio.non sono stati addestrati per pensare.. quando firmano per mettere la divisa il cervello lo devono lasciare a casa..
      • Morpheus61 scrive:
        Re: Ma sta a casa...
        Ho fatto il militare in missioni di pace, prima missione in libano per l'esattezza e sinceramente certi commenti che leggo su questo forum indicano che non serve mettere la divisa per non avere il cervello.Potete non condividere ma abbiate rispetto per chi rischia la vita e magari la perde
        • lordream scrive:
          Re: Ma sta a casa...
          - Scritto da: Morpheus61
          Ho fatto il militare in missioni di pace, prima
          missione in libano per l'esattezza e sinceramente
          certi commenti che leggo su questo forum indicano
          che non serve mettere la divisa per non avere il
          cervello.
          Potete non condividere ma abbiate rispetto per
          chi rischia la vita e magari la
          perdeno non è accettabile.. per carità massimo rispetto perchè siete gente che lavora.. ma non chiedete rispetto perchè portate una divisa.. avete scelto questa vita conoscendone i rischi per cui non vi è dovuto il rispetto per la divisa come non vi sarebbero dovute le medaglie.. state solo facendo il lavoro che avete scelto..
      • Eretico scrive:
        Re: Ma sta a casa...
        Sono contrario alla guerra in genere, ma di sicuro in battaglia il cervello lo devi usare e di brutto se vuoi avere qualche speranza di portare a casa la pellaccia e poi tieni presente che chi si arruola purtroppo spesso lo fa perchè in condizioni economiche disperate perciò un minimo di rispetto per il soldato che la guerra la combatte sulla sua pelle, invece dovreste disprezzare chi invece dalle guerre ci trae un profitto, chi ce li manda senza troppe remore e chi non fa nulla o poco per evitarle visto che sono un business.
        • lordream scrive:
          Re: Ma sta a casa...
          - Scritto da: Eretico
          Sono contrario alla guerra in genere, ma di
          sicuro in battaglia il cervello lo devi usare e
          di brutto se vuoi avere qualche speranza di
          portare a casa la pellacciain realtà viene insegnato che per portare a casa la pellaccia devi ascoltare gli ordini del tuo diretto superiore.. se il diretto superiore sei tu subentra il condizionamento dell'addestramento e gli altri per portare a casa la pellaccia devono eseguire i tuoi ordini.. e poi tieni presente
          che chi si arruola purtroppo spesso lo fa perchè
          in condizioni economiche disperate perciò un
          minimo di rispetto per il soldato che la guerra
          la combatte sulla sua pelle,massimo rispetto per la persona che lavora.. nessun rispetto perchè porta la divisa.. quella è una scelta da lui voluta.. invece dovreste
          disprezzare chi invece dalle guerre ci trae un
          profitto, chi ce li manda senza troppe remore e
          chi non fa nulla o poco per evitarle visto che
          sono un
          business.mi inchino a questa tua ultima frase.. massimo disprezzo per chi le guerre le vuole e ci trae profitto.. di qualunque tipo sia.. (non erano intese le sudatissime paghe dei soldati logicamente)
          • Morpheus61 scrive:
            Re: Ma sta a casa...
            - Scritto da: lordream
            - Scritto da: Eretico

            Sono contrario alla guerra in genere, ma di

            sicuro in battaglia il cervello lo devi usare e

            di brutto se vuoi avere qualche speranza di

            portare a casa la pellaccia

            in realtà viene insegnato che per portare a casa
            la pellaccia devi ascoltare gli ordini del tuo
            diretto superiore.. se il diretto superiore sei
            tu subentra il condizionamento dell'addestramento
            e gli altri per portare a casa la pellaccia
            devono eseguire i tuoi ordini..Non è esattamente così l'addestramento serve a prepararti ad affrontare le situazioni che puoi trovare sul campo, ma quando sei in azione sei solo tu che puoi valutare e di conseguenza reagire in base alle situazioni, l'immagine del soldato ottuso che segue ciecamete gli ordini è uno stereotipo del nazismo.
            e poi tieni presente

            che chi si arruola purtroppo spesso lo fa perchè

            in condizioni economiche disperate perciò un

            minimo di rispetto per il soldato che la guerra

            la combatte sulla sua pelle,

            massimo rispetto per la persona che lavora..
            nessun rispetto perchè porta la divisa.. quella è
            una scelta da lui
            voluta..Che sia un lavoro è fuori dubbio come anche fare il pompiere, o il poliziotto, sono tutti lavori però sono anche lavori che portano a mettere a repentagli la propria vita per gli altri, o ci dimentichiamo quello che fa l'esercito anche in caso di calamità naturali, per cui senza amare la guerra sinceramente la divisa va rispettata.
            invece dovreste

            disprezzare chi invece dalle guerre ci trae un

            profitto, chi ce li manda senza troppe remore e

            chi non fa nulla o poco per evitarle visto che

            sono un

            business.

            mi inchino a questa tua ultima frase.. massimo
            disprezzo per chi le guerre le vuole e ci trae
            profitto.. di qualunque tipo sia.. (non erano
            intese le sudatissime paghe dei soldati
            logicamente) Su questo avete ragione
  • Davide scrive:
    Ghost Recon Advance Warfighter
    Insomma stanno per inventare sul serio le tecnologie utilizzate dai soldati in giochi come quelli indicati in Oggetto.Che ci sia lo zampino di Tom Clancy?
    • Beeg Gik scrive:
      Re: Ghost Recon Advance Warfighter
      Purtroppo il progresso passa anche attraverso le guerre!E lì i morti sono veri: un macrabo "punteggio"."Video Games ruined my life! Never mind: I got some EXTRA lives"
Chiudi i commenti