OpenDocument al centro di una mega alleanza

Quasi quaranta società, enti e università si sono uniti per promuovere la diffusione del celebre formato dei documenti open source. A guidare il gruppo IBM e Sun


Washington (USA) – Alcune delle aziende e delle organizzazioni che si oppongono ai formati proprietari di MS Office hanno dato vita ad un’alleanza per promuovere OpenDocument (ODF), il noto formato dei documenti open source alla base delle più recenti release di OpenOffice.

L’ ODF Alliance consiste di oltre 35 membri , tra cui compaiono società commerciali come IBM, Sun, Novell, Corel e Red Hat, enti pubblici come l’American Library Association, il Comune di Vienna e lo Stato americano del Massachusetts, e alcuni istituti accademici statunitensi ed europei. L’intento comune è quello di incentivare le aziende e le amministrazioni pubbliche a migrare verso prodotti che supportino il neo formato, come ad esempio OpenOffice 2.0, StarOffice, KOffice, AbiWord e l’imminente IBM Workplace Managed Client 2.6.

“L’alleanza desidera garantire ai Governi e ai loro enti la possibilità continuare ad accedere ai propri documenti, registri e informazioni anche in futuro, e questo indipendentemente dall’applicazione e dal sistema operativo utilizzati”, si legge in un comunicato dell’ODF Alliance.

La nuova alleanza si affianca ad iniziative analoghe come SpreadOpenDocument.org e OpenDocument Fellowship .

La specifica OpenDocument 1.0 è stata ratificata dall’OASIS e, più di recente, sottoposta all’approvazione dell’ISO . Tra le prime amministrazioni pubbliche ad aver espresso interesse verso il neo standard c’è quella dello Stato del Massachusetts , che di recente ha tuttavia ripreso in considerazione il formato di Microsoft : sarà proprio qui, a quanto pare, che nei prossimi mesi si disputerà la prima e più interessante contesa tra OpenDocument e Open XML.

Come noto, infatti, Open XML sarà il formato standard del prossimo Office 2007 (ex Office 12). Benché resti un formato proprietario, controllato dai brevetti di Microsoft, verso la fine dello scorso anno il big di Redmond ne ha sottoposto le specifiche (libere da royalty) a ECMA International per la standardizzazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    TISCALI L'ASSISTENZA E L'166
    Sono da un mese in attesa che Tiscali mi attivi l'adsl flat e spesso resto incollato al numero gratuito 130 per mezzore intere in attesa di sentire quale nuova scusa l'operatore di turno riesce ad inventare per giustificare il ritardo nell'attivazione, ma se questo mi sembrava essere il peggiore dei mali, mi devo ricredere!!Dal 15 marzo Tiscali gestirà l'assistenza telefonica solo attraverso un numero 166...Vi rendete conto? Quelli che abbiamo disattivato perchè ci impoverivano a botte di bollette paurose, diventeranno l'unico numero di riferimento per l'help desk Tiscali. Saremo sicuri che così tutte le volte che avremo problemi di connessione o ce li risolveremo da soli oppure ci costerà meno contattare Bill Gates...pazzesco
    • Anonimo scrive:
      Re: TISCALI L'ASSISTENZA E L'166
      Saremo sicuri che così tutte le volte che avremo problemi di connessione o ce li risolveremo da soli oppure ci costerà meno contattare Bill Gates...pazzesco.azzz c' entra il DRAGA con i provider ,mah....... :| ,cmq io ho aspettato 2 mesi per l 'attivazione con alice,AUGURI!!!!!!!!!!!!Luca
  • wyxyx scrive:
    Peer to peer e adsl a consumo
    E' ovvio che l'adsl flat è utilizzata sopratutto da chi utilizza i programmi di file sharing, o comunque utilizza la rete per scaricare files di certe dimensioni.Quando l'utilizzo del peer to peer diventerà una chimera, e secondo me, prima o poi ci arriviamo, saremmo passati quasi tutti all'adsl a consumo ( giusto per scaricare la posta )... ma non esisterà più e allora scaricheremo la posta pagando 20 eurini...Caio a tuttiGiancarlo
  • Miki scrive:
    Re: Ma xche' non un adsl a 2 euro al gio
    Già non sarebbe male un adsl a consumo ke paghi 2 euro al giorno....sarebbe un sogno ke si avvera :D
  • Fulmy(nato) scrive:
    Re: Sempre meglio...!
    - Scritto da: Anonimo
    Pago il canone rai e non lo sfrutto, pago
    l'assicurazione e uso poco l'auto, pago il bollo
    auto, poi pago il canone telecom, le aziende si
    reggono sui canoni ma il concetto dovrebbe essere
    pagare al consumo. Mica è valido per tutti questo concetto.C'è anche chi quelle cose le usa tutti i giorni e se dovesse pagare a consumo spenderebbe un capitale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma xche' non un adsl a 2 euro al gio
    - Scritto da: Anonimo
    Se creassero un nuova offerta adsl free dove se
    la uso mi costa ad esempio 2 euro per le
    ventiquattrore successive farebbero un bel salto
    di qualita'!

    10 giorni flat costerebbero 20 euro, ma almeno
    sceglerei quando usarla e non sarei spaventato
    dal prezzo...Ma non puoi misurare sulle tue esigenze le offerte.A me che mi importerebbe di 24 ore consecutive di collegamento se mi servono solo 5 minuti.Ho fastweb, a consumo.Invece dell'opzione dello scatto ogni 20 minuti, ho quella che calcola il consumo al secondo.Mi costa 1.90 euro l'ora calcolata sui secondi effettivi di navigazione.Le prime 5 ore di navigazione sono gratis.Ebbene, non riesco mai a consumarle tutte le mie 5 ore.Perche' per chi non ha bisogno di una flat, 5 ore al mese bastano e avanzano.Quindi esistera' sempre una fascia di utenti per cui non converrebbe mai una flat.
  • Anonimo scrive:
    Sempre meglio...!
    Pago il canone rai e non lo sfrutto, pago l'assicurazione e uso poco l'auto, pago il bollo auto, poi pago il canone telecom, le aziende si reggono sui canoni ma il concetto dovrebbe essere pagare al consumo. Quando vado in edicola pago il giornale senza pagare un fisso. Prima mi hanno proposto alice free poi mi troverò a decidere se spendere 19 euro in più ogni mese. Naturalmete starò attaccato tutto il giorno e pretenderò la velocità dichiarata. Nella seconda ipotesi passerò al mercato decidendo di passarre all'operatore che mi permette di navigare e telefonare senza canone. Oppure schifato da questi continui attacchi di proibizionismo nella rete deciderò di staccare. Se molti decideranno di farlo sarà una ecatombe....!
  • awerellwv scrive:
    Re: Ma xche' non un adsl a 2 euro al gio
    - Scritto da: Anonimo
    Se creassero un nuova offerta adsl free dove se
    la uso mi costa ad esempio 2 euro per le
    ventiquattrore successive farebbero un bel salto
    di qualita'!

    10 giorni flat costerebbero 20 euro, ma almeno
    sceglerei quando usarla e non sarei spaventato
    dal prezzo...a sto punto fai una flat direttamente dove paghi la stessa cifra (piu' o meno) e non ti preoccupi del tempo!
  • awerellwv scrive:
    capito i signorini?
    io lavoro in un negozio dove vengono anche proposte le attivazioni adsl telecom.io sono l'addetto alle attivazioni e quindi sono anche in contatto con il rappresentante telecom della mia zona. Il punto e' che da gennaio sta premendo per fare le attivazioni della alice free (quella a zero costi di attivazione). Ora con questo passaggio tutti quelli che avevano sottoscritto l'opzione free risulteranno pian piano fregati. bel giro del ca###
  • Anonimo scrive:
    Ma xche' non un adsl a 2 euro al giorno?
    Se creassero un nuova offerta adsl free dove se la uso mi costa ad esempio 2 euro per le ventiquattrore successive farebbero un bel salto di qualita'!10 giorni flat costerebbero 20 euro, ma almeno sceglerei quando usarla e non sarei spaventato dal prezzo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Non ho ben capito
    A me sembra che lo sconto non vada all'utente finale ma al fornitore del servizio (es. tele2) che compra la connettività da telecom. Se poi lo sconto viene girato all'utente (almeno in parte) è tutto da definire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho ben capito
      Esatto, l'articolo dice così: Telecom promette ai carrier un premio per ogni cliente che passa dall'offerta a consumo a quella flat. Ci considerano i clienti emigrati a partire da aprile.Ora, come fa un operatore alternativo a convincere i suoi clienti a passare da free a flat?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho ben capito
        - Scritto da: Anonimo

        Esatto, l'articolo dice così: Telecom promette ai
        carrier un premio per ogni cliente che passa
        dall'offerta a consumo a quella flat. Ci
        considerano i clienti emigrati a partire da
        aprile.

        Ora, come fa un operatore alternativo a
        convincere i suoi clienti a passare da free a
        flat?Deve avvicinare i prezzi della flat a quelli della free e dismettere l'offerta free un po' come stanno facendo tele2 e tiscali. Sotto sotto e' un passo avanti. Basta che non si parli di copertura e tutto va bene
  • Anonimo scrive:
    Non ho ben capito
    l'offerta cosa prevederebbe?chi passa da consumo a flat nel periodo dell'offerta riceverà uno sconto di 23 euro sul canone fino al 30 giugno? Quindi chi passa alla flat alice o tele2 rtc non paga sssolutmanete nulla visto che costa 19.?
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno approfittato all'inizio
    io ho adsl a consumo, arrivo a fatica a 15 euro di traffico al mese.Prima con l'adsl flat a 30 euro e rotti avevo un bel margine di risparmio, ora con la flat a 19 ho pochi euro di margine con il rischio di regalare soldi a telecomChiaro che sto pensando di passare alla flat tenendola accesa 24hr al giorno e via di gioco online!
  • carobeppe scrive:
    Re: Hanno approfittato all'inizio
    Telecom qui... telecom là... io la vedo diversamente. L'utonto ignorante ha voluto provare a vedere due tette e due film a scrocco su internet. Quando si è accorto che aveva delle erezioni durature e che per scaricare un film non ci voleva proprio due secondi ha deciso di spendere qualcosina in più per usare la flat. Chi la rete la usa seriamente o chi è appassionato di informatica ha da sempre usato le flat- Scritto da: Anonimo
    Prima hanno introdotto le ADSL a consumo, la
    gente abbagliata si è abbonata. Poi si è accorta
    che a conti fatti venivano a spendere ogni mese
    più che una flat ed hanno quindi smesso di
    usarle.

    Telecom s'è goduta i calcoli errati e le spese
    maggiori degli utenti, gli utenti più furbi hanno
    anche approfittato delle offerte gratuite dei
    primi mesi grati o con ore di navigazione gratis
    per poi smettere di usarla alla prima bolletta.
    Ora il mercato ristagna, e Telecom le free non le
    vuole più e vuole spostarsi verso rendite certe e
    fisse.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno approfittato all'inizio
      Non è necessariamente vero (per quanto riguarda gli esperti di informatica).Io download significativi da casa li faccio solo per gli aggiornamenti, poi essenzialmente posta elettronica e qualche sito internet.Risultato, al max 10 ore mese di connessione. La flat da 19 è a limite convenienza (con prestazioni ancora + basse, ma con quello che mi serve cambia poco).Se per caso ci fossero delle riduzioni anche per gli utenti (piuttosto che pagare per l'attivazione) allora probabilmente migrerei a quella.Naturalmente se per esperto di informatica intendi un esperto del p2p, allora vai di 4 Mega (ed oltre).
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno approfittato all'inizio
    - Scritto da: Anonimo
    Prima hanno introdotto le ADSL a consumo, la
    gente abbagliata si è abbonata. Aproffittato di cosa? Nessuno ti obbliga a fare nulla.Il problema dell'Italia è che algente non è abituata concettualmente a pagare per i servizi. Per questo si detestano le bollette, che siano Enel, Telecom o altro. Ci paiono sempre dei soldi estorti.S da per scontato che tutto funzioni e che lo "stato" faccia funaioznare le cose.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno approfittato all'inizio
      - Scritto da: Anonimo
      Aproffittato di cosa? Nessuno ti obbliga a fare
      nulla.
      Il problema dell'Italia è che algente non è
      abituata concettualmente a pagare per i servizi.
      Per questo si detestano le bollette, che siano
      Enel, Telecom o altro. Ci paiono sempre dei soldi
      estorti.
      S da per scontato che tutto funzioni e che lo
      "stato" faccia funaioznare le cose.I servizi a prezzi gonfiati che abbiamo in Italia?Hai idea di quanto incidono sul bilancio familiare o di un'azienda le spese per telefono, connettività, banche e assicurazioni.Gli SMS hanno un costo fisso e certo al gestore di un 1 centesimo. Vengono rivenduti non al doppio o al triplo 2-3 cent, ma a 15 centesimi!! 15 volte più cari.E le ADSL? Telecom per anni ha venduto la stessa connessione in Italia a 36,50 euro e in Francia a 14,50 euro. Ed in Francia non è neppure proprietaria delle linee come in Italia.Pagare per i servizi? In Italia i servizi non hanno costi realmente equiparati non dico al rapporto costo/ricavi di chi li fornisce, ma neppure agli standard degli altri paesi confinanti come la Francia o la Germania. Ma sono enormemente gonfiati da condizioni di cartello e di monopolio contro cui i governanti e le istituzioni antitrust non fanno nulla o quasi.
  • Anonimo scrive:
    Re: la prima cosa che feci..
    - Scritto da: Anonimo
    fu comprare un pacco di dvd e cd dalla germania
    nierle.it e costando 1/3 dico 1/3 deglui italiani
    li avrei potuto barattare o rivendere ad amici e
    parenti a metà del prezzo italiano andandoci in
    paro!

    vi(v)a urbani e Vi(v)a la sua casa delle loro
    libertà!Ma LOL:-)Mi sa tanto che sei un pochino ciucco.Qui si parla di connessione non di dvd..che soggetti !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno approfittato all'inizio
    solo che se tutti gli utenti passano alla flat stando attaccati a scaricare h24, voglio vedere come faranno a gestire il carico sulla rete
    • Luca69 scrive:
      Re: Hanno approfittato all'inizio
      Ma perché non fanno come in altri paesi dove si paga il traffico "a volume"? Del tipo: scarica 10 Giga al mese paghi 10/15 euro; se vuoi di piú, paghi di piú! Ricordiamo che la gente che "scarica" che se ne dica, é la minoranza e per leggere la posta e navigare su internet 10 giga al mese sono piú che sufficienti (quello che pesano di piú sono gli aggiornamenti di Windows ;) )
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno approfittato all'inizio
        - Scritto da: Luca69
        Ma perché non fanno come in altri paesi dove si
        paga il traffico "a volume"? Del tipo: scarica 10
        Giga al mese paghi 10/15 euro; se vuoi di piú,
        paghi di piú! Ricordiamo che la gente che
        "scarica" che se ne dica, é la minoranza e per
        leggere la posta e navigare su internet 10 giga
        al mese sono piú che sufficienti (quello che
        pesano di piú sono gli aggiornamenti di Windows
        ;) )A volume ? Così paghi più che a tempo. Nei paesi in cui ci sono quei servizi si tratta di veri e propri furti. All'estero comunque i servizi flat sono i più usati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno approfittato all'inizio
      - Scritto da: Anonimo
      solo che se tutti gli utenti passano alla flat
      stando attaccati a scaricare h24, voglio vedere
      come faranno a gestire il carico sulla reteIo invece voglio vedere quando questo governo "del fare" o quelli che verranno toglieranno il 60% delle linee a Telecom per metterle sul mercato allora vedremo i prezzi crollare, altro che flat!Telecom deve morire!Pasquino
  • Anonimo scrive:
    Ha straragione Grillo
    La tassa sui supporti CD e DVD e il solito soppruso dei soliti potenti d'Italia
  • Anonimo scrive:
    Hanno approfittato all'inizio
    Prima hanno introdotto le ADSL a consumo, la gente abbagliata si è abbonata. Poi si è accorta che a conti fatti venivano a spendere ogni mese più che una flat ed hanno quindi smesso di usarle.Telecom s'è goduta i calcoli errati e le spese maggiori degli utenti, gli utenti più furbi hanno anche approfittato delle offerte gratuite dei primi mesi grati o con ore di navigazione gratis per poi smettere di usarla alla prima bolletta.Ora il mercato ristagna, e Telecom le free non le vuole più e vuole spostarsi verso rendite certe e fisse.
  • EdGreen scrive:
    Re: la prima cosa che feci..
    - Scritto da: Anonimo
    fu comprare un pacco di dvd e cd dalla germania
    nierle.it e costando 1/3 dico 1/3 deglui italiani
    li avrei potuto barattare o rivendere ad amici e
    parenti a metà del prezzo italiano andandoci in
    paro!

    vi(v)a urbani e Vi(v)a la sua casa delle loro
    libertà!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 settembre 2006 03.24-----------------------------------------------------------
  • dudados scrive:
    Re: la prima cosa che feci..
    - Scritto da: Anonimo
    fu comprare un pacco di dvd e cd dalla germania
    nierle.it e costando 1/3 dico 1/3 deglui italiani
    li avrei potuto barattare o rivendere ad amici e
    parenti a metà del prezzo italiano andandoci in
    paro!

    vi(v)a urbani e Vi(v)a la sua casa delle loro
    libertà!C'è qualche problema con il forum o è semplicemente l'ora tarda?
  • Anonimo scrive:
    Re: la prima cosa che feci..

    fu comprare un pacco di dvd e cd dalla germania???? e con l'adiesseelle che c'entra questo???
  • Anonimo scrive:
    la prima cosa che feci..
    fu comprare un pacco di dvd e cd dalla germania nierle.it e costando 1/3 dico 1/3 deglui italiani li avrei potuto barattare o rivendere ad amici e parenti a metà del prezzo italiano andandoci in paro!vi(v)a urbani e Vi(v)a la sua casa delle loro libertà!
Chiudi i commenti