OpenDocument, varato il sito ufficiale

OASIS inaugura un sito dedicato al proprio formato aperto, uno spazio web che consente alla comunità di condividere e reperire informazioni ufficiali riguardanti il neo standard

Roma – Ai vari siti e blog dedicati al formato dei documenti OpenDocument (ODF) si è aggiunto OpenDocumentXML.org , una risorsa ufficiale creata da quella stessa organizzazione, OASIS , che ha formalizzato lo standard ODF.

Il nuovo sito, sponsorizzato da IBM , Sun e – cosa inattesa – anche da Intel , viene definito da OASIS come “luogo di ritrovo ufficiale per la comunità e fonte di informazioni riguardanti ODF”. Tra le risorse disponibili vi sono articoli, white paper, presentazioni, case studies, link a risorse esterne, elenco di prodotti e servizi che supportano ODF, e libri suggeriti. Gli utenti possono inoltre usufruire di wiki, forum, mail list, link a risorse esterne e blog, strumenti con cui è possibile scambiare opinioni ed esperienze, fornire suggerimenti e contribuire ai contenuti del sito.

“C’è davvero molto fermento dietro a OpenDocument in questo momento”, ha commentato Don Harbison di IBM, co-chair dell’OASIS ODF Adoption Committee e consulente editoriale del nuovo sito. “Desideriamo offrire alla comunità un luogo di riferimento per poter facilmente trovare informazioni affidabili sulla tecnologia ODF e il relativo mercato”.

OpenDocumentXML.org si affianca ai siti, anch’essi completamente dedicati al giovane formato aperto, di ODF Alliance e ODF Fellowship : il primo si rivolge soprattutto al settore della pubblica amministrazione, mentre il secondo ha per target un uditorio più vasto e variegato. Molte informazioni su ODF si possono anche trovare sul sito di OpenOffice.org , la comunità open source che ha partorito la specifica originaria del neo formato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • m00f scrive:
    Hercules
    Povera società.. erano i migliori a fare schede video di fascia alta, e anche ottimi monitor lcd, ora si sono ridotti a produrre gadgets
    • Anonimo scrive:
      Re: Hercules
      - Scritto da: m00f
      Povera società.. erano i migliori a fare schede
      video di fascia alta, e anche ottimi monitor lcd,
      ora si sono ridotti a produrre
      gadgetsCirca 8 anni fa fui tentato di comprare una loro scheda... rinunciai per ripicca, perché mancavano le istruzioni in italiano; anche ora, nella loro home, vedo uk, us, fr, de, es e non vedo it. Stronzo io o coglioni loro?
      • m00f scrive:
        Re: Hercules
        Io ho avuto 2 schede video (GeForce3 Ti500 e Kyro II) e un monitor lcd (ProphetView 920Pro DVI, eccellente per quei tempi). Istruzioni non c'ho fatto caso però ricordo che sul sito (2001/02) c'era la lingua italiana e anche i drivers erano presenti in italiano. Vale lo stesso per i prodotti Thrustmaster, ho un gamepad e un joystick-throttle.
Chiudi i commenti