OpenOffice 2.0 beta in italiano

Ecco da dove scaricarla


Milano – Mentre OpenOffice 2.0 si avvia verso la fase finale dello sviluppo, il gruppo di localizzazione italiano ha reso disponibile la versione beta tradotta nella nostra lingua.

OpenOffice 2.0 beta, scaricabile da qui , può essere usata per familiarizzare con le nuove caratteristiche del programma, come il formato dei file Open Document XML e il nuovo modulo OpenOffice.org Base per la gestione di database. Pur essendo già iniziata l’attività di test, gli sviluppatori affermano che la versione non è ancora indicata per l’utilizzo da parte degli utenti finali.

“OpenOffice.org 2.0 rappresenta un passo in avanti significativo dal punto di vista della facilità d’uso e dell’interoperabilità, e dà vita a una nuova generazione di suite per ufficio completamente svincolate dai formati proprietari dei file, a vantaggio degli utenti, siano essi individui, aziende o enti governativi”, si legge in un comunicato diffuso dal PLIO (Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org). Il rilascio della beta, con le sue numerose e importanti novità, conferma ? se mai ce ne fosse stato bisogno ? il livello di qualità e affidabilità a cui è giunto il software libero”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma dove sta la libertà open source?
    l'open source è proprio come il comunismo... non passano anni che ti rubano pure la libertà di parolaed ecco che spuntano quelli delle licenze che dicono cosa bisogna scrivere per un software essere libero e open source... ma libero da che cosa? non certo dalle licenze :-svergognatevi open sorci
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma dove sta la libertà open source?
      - Scritto da: Anonimo
      l'open source è proprio come il comunismo... non
      passano anni che ti rubano pure la libertà di
      parola

      ed ecco che spuntano quelli delle licenze che
      dicono cosa bisogna scrivere per un software
      essere libero e open source... ma libero da che
      cosa? non certo dalle licenze :-s

      vergognatevi open sorciè grazie ai muli dell'open source che puoi scrivere commenti su internet.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma dove sta la libertà open source?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        l'open source è proprio come il comunismo... non

        passano anni che ti rubano pure la libertà di

        parola



        ed ecco che spuntano quelli delle licenze che

        dicono cosa bisogna scrivere per un software

        essere libero e open source... ma libero da che

        cosa? non certo dalle licenze :-s



        vergognatevi open sorci

        è grazie ai muli dell'open source che puoi
        scrivere commenti su internet.cosa?non ti sarai mica fumato apache?per scrivere il mio commento non è stato necessario alcun software open source
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma dove sta la libertà open source?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          l'open source è proprio come il comunismo...
          non


          passano anni che ti rubano pure la libertà di


          parola





          ed ecco che spuntano quelli delle licenze che


          dicono cosa bisogna scrivere per un software


          essere libero e open source... ma libero da
          che


          cosa? non certo dalle licenze :-s





          vergognatevi open sorci



          è grazie ai muli dell'open source che puoi

          scrivere commenti su internet.

          cosa?

          non ti sarai mica fumato apache?

          per scrivere il mio commento non è stato
          necessario alcun software open sourcePer scrivere le tue fesserie probabilmente no. Per spargerle in giro per il mondo facendo intuire da quale mente 'sopraffina' possano provenire sicuramente si.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma dove sta la libertà open source?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            l'open source è proprio come il comunismo...

            non



            passano anni che ti rubano pure la libertà
            di



            parola







            ed ecco che spuntano quelli delle licenze
            che



            dicono cosa bisogna scrivere per un software



            essere libero e open source... ma libero da

            che



            cosa? non certo dalle licenze :-s







            vergognatevi open sorci





            è grazie ai muli dell'open source che puoi


            scrivere commenti su internet.



            cosa?



            non ti sarai mica fumato apache?



            per scrivere il mio commento non è stato

            necessario alcun software open source

            Per scrivere le tue fesserie probabilmente no.
            Per spargerle in giro per il mondo facendo
            intuire da quale mente 'sopraffina' possano
            provenire sicuramente si.sei sicuro?ti ricordo che su internet l'unica applicazione di linux è apache per le paginette in phptutto il resto e closed e firmwarenon ci credi? esci dalla cantina ! ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma dove sta la libertà open source?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: Anonimo




            l'open source è proprio come il
            comunismo...


            non




            passano anni che ti rubano pure la libertà

            di




            parola









            ed ecco che spuntano quelli delle licenze

            che




            dicono cosa bisogna scrivere per un
            software




            essere libero e open source... ma libero
            da


            che




            cosa? non certo dalle licenze :-s









            vergognatevi open sorci







            è grazie ai muli dell'open source che puoi



            scrivere commenti su internet.





            cosa?





            non ti sarai mica fumato apache?





            per scrivere il mio commento non è stato


            necessario alcun software open source



            Per scrivere le tue fesserie probabilmente no.

            Per spargerle in giro per il mondo facendo

            intuire da quale mente 'sopraffina' possano

            provenire sicuramente si.

            sei sicuro?

            ti ricordo che su internet l'unica applicazione
            di linux è apache per le paginette in phpROTFL !!!!! Devo complimentarmi con te. E' difficile riuscire a scrivere così tante cazzate in una sola frase di due righe....

            tutto il resto e closed e firmwareFirmware ?!?!?!? Ma almeno sai cosa è un firmware ?
            non ci credi? esci dalla cantina ! ;-)Mi spiace, in cantina ci vado solo per posteggiare la bicicletta. Tu invece faresti meglio ad uscire dalla sala giochi e a metterti a studiare...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma dove sta la libertà open source?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: Anonimo









            - Scritto da: Anonimo





            l'open source è proprio come il

            comunismo...



            non





            passano anni che ti rubano pure la
            libertà


            di





            parola











            ed ecco che spuntano quelli delle
            licenze


            che





            dicono cosa bisogna scrivere per un

            software





            essere libero e open source... ma libero

            da



            che





            cosa? non certo dalle licenze :-s











            vergognatevi open sorci









            è grazie ai muli dell'open source che puoi




            scrivere commenti su internet.







            cosa?







            non ti sarai mica fumato apache?







            per scrivere il mio commento non è stato



            necessario alcun software open source





            Per scrivere le tue fesserie probabilmente no.


            Per spargerle in giro per il mondo facendo


            intuire da quale mente 'sopraffina' possano


            provenire sicuramente si.



            sei sicuro?



            ti ricordo che su internet l'unica applicazione

            di linux è apache per le paginette in php

            ROTFL !!!!!

            Devo complimentarmi con te. E' difficile riuscire
            a scrivere così tante cazzate in una sola frase
            di due righe....




            tutto il resto e closed e firmware

            Firmware ?!?!?!? Ma almeno sai cosa è un firmware
            ?


            non ci credi? esci dalla cantina ! ;-)

            Mi spiace, in cantina ci vado solo per
            posteggiare la bicicletta. Tu invece faresti
            meglio ad uscire dalla sala giochi e a metterti a
            studiare...e pensare che ho detto la verità :-s
    • Mechano scrive:
      Re: Ma dove sta la libertà open source?
      - Scritto da: Anonimo
      l'open source è proprio come il comunismo... non
      passano anni che ti rubano pure la libertà di
      parola

      ed ecco che spuntano quelli delle licenze che
      dicono cosa bisogna scrivere per un software
      essere libero e open source... ma libero da che
      cosa? non certo dalle licenze :-s

      vergognatevi open sorciTi sei mai chiesto perche' esiste una netiquette?E perche' su Internet ci sono cosi' tante regole da seguire per poter chattare, scambiare file e messaggi di testo?Non usare le accentate, evitare di scambiare formati strani come il Targa o JFIF ecc.E i segnali stradali? Perche' esistono, per togliere ai cittadini la liberta' andare per la strada che preferiscono o parcheggiare dove cacchio vogliono?E tutte le regole e i passaggi per riceve certificati, esami per avere patenti e certificazioni di idoneita'...Servono per evitare il caos.Per imporre regole di convivenza ma anche di interscambio.Servono per senllire pratiche e lavori di ogni genere.Serovno per evitare incidenti e conseguenti dispiaceri e relativi costi.E queste regole dell'OSI servono proprio per evitare il caos ed eventuale confusione nelle eventuale dispute tra lavori derivati.Per non mischiare e contaminare progetti con strane licenze.Stanno semplicemente armonizzando e dicendo che prima di inventare una nuova licenza e' meglio prima guardare quelle esistenti e gia' approvate. Perche' e' inutile inventarne una nuova se alla fine e' identica o poco differente ad una gia' esistente.E che sara' anche difficile controllare i lavori derivati dove un software con un tipo di licenza necessita o si basa su uno con un altro tipo.Mi pare una cosa corretta e razionale, semplici regole ma rispettate da tutti per avere la liberta' di sviluppare senza dover in futuro litigare o avere problemi che questa liberta' la possano limitare.--Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma dove sta la libertà open source?
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo

        l'open source è proprio come il comunismo... non

        passano anni che ti rubano pure la libertà di

        parola



        ed ecco che spuntano quelli delle licenze che

        dicono cosa bisogna scrivere per un software

        essere libero e open source... ma libero da che

        cosa? non certo dalle licenze :-s



        vergognatevi open sorci

        Ti sei mai chiesto perche' esiste una netiquette?
        E perche' su Internet ci sono cosi' tante regole
        da seguire per poter chattare, scambiare file e
        messaggi di testo?
        Non usare le accentate, evitare di scambiare
        formati strani come il Targa o JFIF ecc.

        E i segnali stradali? Perche' esistono, per
        togliere ai cittadini la liberta' andare per la
        strada che preferiscono o parcheggiare dove
        cacchio vogliono?

        E tutte le regole e i passaggi per riceve
        certificati, esami per avere patenti e
        certificazioni di idoneita'...

        Servono per evitare il caos.
        Per imporre regole di convivenza ma anche di
        interscambio.
        Servono per senllire pratiche e lavori di ogni
        genere.
        Serovno per evitare incidenti e conseguenti
        dispiaceri e relativi costi.

        E queste regole dell'OSI servono proprio per
        evitare il caos ed eventuale confusione nelle
        eventuale dispute tra lavori derivati.
        Per non mischiare e contaminare progetti con
        strane licenze.

        Stanno semplicemente armonizzando e dicendo che
        prima di inventare una nuova licenza e' meglio
        prima guardare quelle esistenti e gia' approvate.
        Perche' e' inutile inventarne una nuova se alla
        fine e' identica o poco differente ad una gia'
        esistente.
        E che sara' anche difficile controllare i lavori
        derivati dove un software con un tipo di licenza
        necessita o si basa su uno con un altro tipo.

        Mi pare una cosa corretta e razionale, semplici
        regole ma rispettate da tutti per avere la
        liberta' di sviluppare senza dover in futuro
        litigare o avere problemi che questa liberta' la
        possano limitare.

        --
        Mr. Mechanoma che imbrogli?... io vendo e distribuisco i miei software con le licenze che mi sono più comode... altro che gpl, metano e benzinache vada a farsi benedire stallman e le sue pseudo libertàa laurà!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma dove sta la libertà open source?
          - Scritto da: Anonimo
          [...]

          ma che imbrogli?... io vendo e distribuisco i
          miei software con le licenze che mi sono più
          comode... altro che gpl, metano e benzina

          che vada a farsi benedire stallman e le sue
          pseudo libertà

          a laurà!Nessuno ti obbliga a usare GPL, se hai voglia di pagare, comprati le licenze per librerie commerciali, se non vuoi pagare e non vuoi sottostare agli obblighi della GPL, usa librerie BSD e buon lavoro sia a te che a chi preferisce GPL, c'è posto per tutti, ma non dire che l'open source fa poco per internet, perché sui dispositivi e sistemi più economici troverai con maggiore probabilità una BSD, non è GPL, ma è open source a tutti gli effetti, a Stallman non piace, ma mai ha osato sostenere che non fosse open.Poi parla pure male di Stallman e stai certo che più di metà dei fan dell'opensorcio riderà sotto i baffi e magari ti risponderà con frizzi e lazzi sul barbapuzzuto (troll1) ancora più perfidi dei tuoi. :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma dove sta la libertà open source?
      - Scritto da: Anonimo
      l'open source è proprio come il comunismo... non
      passano anni che ti rubano pure la libertà di
      parolaLa Microsoft e` come il comunismo: ha rubato da quel di` tutte le liberta` che poteva.Tie`. Visto? Si adatta perfettamente anche a loro, un'accusa del genere.
      ed ecco che spuntano quelli delle licenze che
      dicono cosa bisogna scrivere per un software
      essere libero e open source... ma libero da che
      cosa? non certo dalle licenze :-sEh, certo, infatti sono venuti li` a metterti la testa nel lavandino finche` implorando pieta` hai accettato di mettere i tuoi sorgenti sotto una licenza open.A patto che tu ne scriva, di sorgenti, cosa finora non provata.
      vergognatevi open sorciAh, ecco. E con l'insultino finale cosa speravi di ottenere?Ma post come questi li scrivi mentre sei sano di mente, o sei davvero un bimbo di 10 anni che viene a giocare a scrivere commenti sui forum? In sintesi, scherzi per davvero o ti prendi anche sul serio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma dove sta la libertà open source?
      O sei ignorante come una capra (senza offesa per la capra) o sei un troll.In ogni caso ... condoglianze.
  • Anonimo scrive:
    Ma l'open source...
    ...non doveva salvare il mondo?E invece ora bisogna trovare qualcuno che salvi i muli openari dal caos totale (oltre che dalla miseria)...
  • Santos-Dumont scrive:
    Ecco perché preferisco la GPL
    Chiara, lapidaria, senza fronzoli e troppi distinguo.RMS e il movimento del Free Software saranno pure degli integralisti come afferma qualcuno, ma almeno sono senza ambiguità e ammiccamenti verso le corporazioni.IMHO, naturalmente.
    • deltree scrive:
      Re: Ecco perché preferisco la GPL
      Dici?Secondo me è vaga al punto giusto per permettere a tutti di fare i loro porci comodi. Un esempio?La LGPL è il punto di contatto tra licenze closed e licenze open. Finché la usi con il buon vecchio C va tutto bene. Poi vai a leggere le FAQ su fsf.org e scopri che se tu in OOP derivi una classe che è sotto GPL (o LGPL) stai facendo un derivative work (che quindi sei obbligato a ridistribuire sotto la stessa licenza).Non ci vuole un genio dell'informatica a capire che è una grande cazzata (trovami un programma OOP che usa una libreria esterna OOP e che non ne deriva delle classi per usarla. Pensa solo ai GUI toolkit. Ti viene da mettere pure in dubbio la professionalità (e la cognizione di causa) di chi ha "chiarificato" una licenza che in verbatim copy non dice nulla su questo (ma la cui interpretazione ufficiale è quella che conta). Ma stiamo parlando degli stessi zeloti che per anni hanno detto che la via al multipiattaforma universale era il sorgente C e gli autotools. Il fatto che serve una "guida alla licenza" è qualcosa che va oltre il razionale e la dice lunga sulla potenziale validità della licenza stessa.
      • gerry scrive:
        Re: Ecco perché preferisco la GPL
        - Scritto da: deltree
        Poi vai a leggere le FAQ su
        fsf.org e scopri che se tu in OOP derivi una
        classe che è sotto GPL (o LGPL) stai facendo un
        derivative work (che quindi sei obbligato a
        ridistribuire sotto la stessa licenza).Ma questa secondo me è una cosa voluta. La GPL non è una licenza molto permissiva, il suo scopo è di far si che chiunque sfrutti il codice sia in qualche modo obbligato a contribuirvi.Se permetti di far derivare classi chiunque può usare il codice senza essere obbligato a redistribuire alcuna modifica. Se derivi la classe puoi distribuire la classe originale + la derivata sotto la licenza che più ti aggrada.Il problema è che derivare classi OOP è in pratica uguale (dal punto di vista del risultato, non programmativo, sia chiaro ;) ) ad andare a modificare un pezzo di codice già scritto.
        Ti viene da mettere pure in dubbio la
        professionalità (e la cognizione di causa) di chi
        ha "chiarificato" una licenza che in verbatim
        copy non dice nulla su questo (ma la cui
        interpretazione ufficiale è quella che conta). Mah, in realtà in caso di controversia suppongo che la parola finale spetti al giudice.Se scarico un pezzo di software io accetto la licenza che mi danno. Per quanto pubblichino FAQ suppongo che l'unica fonte a cui un giudice dovesse attenersi e la licenza.
        • Quasar scrive:
          Re: Ecco perché preferisco la GPL
          - Scritto da: gerry
          La GPL
          non è una licenza molto permissiva, il suo scopo
          è di far si che chiunque sfrutti il codice sia
          in qualche modo obbligato a contribuirvi.Scusami se cavillo ma è importante: la GPL _non_ ti obbliga a contribuire. L'unica cosa che la GPL ti obbliga è rilasciare anche i sorgenti di un programma o libreria qualora tu decida, in assoluta libertà, di distribuire quel programma o libreria
          Se derivi la classe puoi distribuire la classe
          originale + la derivata sotto la licenza che più
          ti aggrada.Questo è vero solo per la LGPL. con la GPL devi rilasciare anche il tuo lavoro (cioè la classe derivata) sempre con GPL (o compatibile)
      • Quasar scrive:
        Re: Ecco perché preferisco la GPL
        - Scritto da: deltree
        Secondo me è vaga al punto giusto per permettere
        a tutti di fare i loro porci comodi. Un esempio?

        La LGPL è il punto di contatto tra licenze closed
        e licenze open. Finché la usi con il buon vecchio
        C va tutto bene. Poi vai a leggere le FAQ su
        fsf.org e scopri che se tu in OOP derivi una
        classe che è sotto GPL (o LGPL) stai facendo un
        derivative work (che quindi sei obbligato a
        ridistribuire sotto la stessa licenza).Scusa, mi sembra che tu stia facendo un pò di confusione, permettimi di correggerti. Apparte il fatto che l'inizio del tuo post è OT al thread dato che Santos si riferisce alla sola GPL, comunque sia il prosieguo della tua frase accomuna erroneamente GPL e LGPL (che citi tra parentesi) con una caratteristica che invece è presente nella sola GPL: il "derivative work" generato dalla semplice derivazione da una classe base in C++ che ti obbliga a rilasciare anche i tuoi sorgenti è tale SOLO nella GPL. Nella LGPL la semplice derivazione da classe base non è sufficiente ad obbligarti ad aprire anche i tuoi sorgenti: puoi distribuire il tuo lavoro in forma solo oggetto e distribuire i sorgenti della sola libreria licenziata LGPL alla quale linki il tuo oggetto
        Non ci vuole un genio dell'informatica a capire
        che è una grande cazzata (trovami un programma
        OOP che usa una libreria esterna OOP e che non ne
        deriva delle classi per usarla. Pensa solo ai GUI
        toolkit.Immagino che questo concetto che esprimi presupponga correttezza in quanto avevi detto prima, cosa che non è.
        Ma stiamo parlando degli stessi zeloti che per anni
        hanno detto che la via al multipiattaforma
        universale era il sorgente C e gli autotools. E' solo una tua supposizione dovuta al fatto che la maggior parte del software GNU è fatto con quegli strumenti o hai le prove che Stallman & C asserissero ciò? e se anche lo asserivano, quando lo asserivano? ti ricordo che gli GNU esistono dai primi anni '80 quando nessuno osava proporre seriamente ipotesi di linguaggi interpretati a causa della lentezza implicita di tali soluzioni. Adesso questa lentezza è trascurabile solo grazie alla potenza dell' hardware. Oltre a ciò, a ben vedere, quell'affermazione è valida persino oggi almeno per quanto riguarda il software di sistema (che non è solo il kernel).
        Il fatto che serve una "guida alla licenza" è
        qualcosa che va oltre il razionale e la dice
        lunga sulla potenziale validità della licenza
        stessa.Questo che dici è vero solo per la LGPL proprio per via della sua natura ibrida, non certo per la GPL la quale, per tornare in-topic al thread iniziato da Santos, è chiara, limpida e senza fronzoli proprio perchè categorica. Ma se tu ce l'hai con la complessità e cavillosità della LGPL (è vero, lo è, te lo riconosco) allora che mi puoi dire delle varie EULA di qualsiasi software proprietario?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco perché preferisco la GPL
        Se derivi una classe LGPL è come una chiamata a funzione LGPL, puoi farti il tuo modulo proprietario contenente soltanto il tuo codice, ma SE distribuisci il SW, devi distribuire anche le librerie LGPL che hai usato secondo i termini della licenza e il tuo modulo anche come file oggetto per permettere di creare l'eseguibile linkandolo a versioni nuove o comunque diverse delle librerie LGPL, ma non hai alcun obbligo di porre il tuo modulo sotto LGPL. E' solo se prendi il codice sorgente delle librerie e lo usi nei tuoi moduli, che questi diventano LGPL a loro volta, né più né meno che con i linguaggi non OO.
  • Anonimo scrive:
    Re: meno licenze piu programmi seri
    AO E FACCIAMOLA FINITA COST'EGUAGLIANZAOPEN SOURCE = LINUXAVETE ROTTO !!!www.reactos.orgBrUtE AiD
  • Anonimo scrive:
    sistemi aperti vs sistemi chiusi
    ora noi dobbiamo chiarire alcune coseprimo non è questione di fare i tifosial derby, ma qualcosa di più importantebene: si può capire anche che sistemi chiusigestiti con logiche monopolisteprotetti dal potere della politica, e nonsolo della politica, di grandinazioni, che mira a mantenere un assettoper cui aziende che incamerano montagnedi denaro danno pochissimo in cambio, maaumentano la "ricchezza nazionale" e monopolizzano il settore strategico più importante che esista oggi: quello dello scambio delle informazioni a livello mondiale.più difficile è capire come mai vi siano persone,dall'altra parte del conflitto di interessi, che sonocontente che venga pagata da loro e dagli altrila suddetta montagna di denaro in cambio di pocoo nulla, e anzi in cambio di innumerevoli svantaggi. La domanda infatti non è quali siano le icone più bellema se noi, nel marzo del 2005, siamo, in europa,cosi incapaci da non sapere produrre un cesso apedali per fare andare delle scatole di latta come quellada cui scrivo.Essendo però più che una domanda un assurdo,in quanto ci sono nazioni in europa che produconodieci milioni di automobili tra cui porsche, mercedese bmw, cosa parecchio più complicata, siamo di nuovo al nocciolo: dobbiamo ancora per molto esseredisposti a mettere i coglioni su un incudine, oppureiniziamo a ragionare ? Se iniziamo a ragionare, bene, ci accorgiamo di averea disposizione un sistema aperto, ovvero un sistemache può fare qualsiasi cosa si voglia che faccia, senzanessuna barriera di alcun tipo alla produttività.Questo sistema è attualmente in grado di rispondereai bisogni dell'industria informatica dalla a alla z:gira su tutte le principali architetture hw, nonchésu ogni altra cosa di cui siano più o meno notele specifiche, dalla lavatrice al super-computercon decine di migliaia di cpuSi potrà dire che alcune cose non le fa bene, altre le fa in un modo che non ci piace, etc,ma sono dettagli: è molto più quello che c'è chequello che manca e non si può pensare di averetutto pronto e fatto senza far nulla ne dare nulla.Eppure stiamo ancora qui a discutere se è meglioe.presley o madonna: tutta roba di trentanni fa.In realtà dobbiamo scegliere se siamo ancora vivie in grado di produrre e dare qualcosa, oppure se è ora di andare in pensione a vent'anni, se è megliorimanere schiavetti di MS e altri per sempre, conla sicurezza che ci daranno sempre meno e cisfrutteranno sempre di più. O voi pensate di poterscroccare il sw di questa gente per sempre ?Ora potete, perché sanno che se vi chiedesserequalche migliaio di euro l'anno avete un'alternativa,ma, attenzione, è solo per questo che potete.
    • Anonimo scrive:
      Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi
      - Scritto da: Anonimo
      Essendo però più che una domanda un assurdo,
      in quanto ci sono nazioni in europa che producono
      dieci milioni di automobili tra cui porsche,
      mercedes e bmw, cosa parecchio più complicataMa anche no. Studiare il Pressman e Bohem, ma soprattutto il Drury, prima di sparlare di complessità di processi e prodotti, please.
      Se iniziamo a ragionare, bene, ci accorgiamo di
      avere
      a disposizione un sistema aperto, ovvero un
      sistema
      che può fare qualsiasi cosa si voglia che facciaCerto, come no: tipo un controllo hard realtime per il traffico aereo o un sistema reattivo per un microcontroller con 8k di PROM, tanto per dire... "qualsiasi cosa si voglia che faccia" è una simpatica, immaginifica puttanata per un monolitico per piccoli server basato sui concetti di SystemV. BTW, prima che tu ti scriva addosso altre cazzate: rtlinux con patch RTAI non è comunque in grado di competere con RTOS Posix nativi a microkernel, full stop.
      Questo sistema è attualmente in grado di
      rispondere
      ai bisogni dell'industria informatica dalla a
      alla z:Vedi sopra: o non conosci affatto i confini dei "bisogni dell'industria informatica", o stai semplicemente sopravvalutando un sistema mediocre (tanto quanto il suo "concorrente" windows, beninteso). Le due opzioni non sono mutuamente esclusive.
      Ora potete, perché sanno che se vi chiedessere
      qualche migliaio di euro l'anno avete
      un'alternativa,Le alternative sono SEMPRE esistite. Il movimento opensource non ha inventato una bella cefola di nulla, c'è poco da fare gli sboroni. Il software free in sorgente esiste da quando esistono i calcolatori, Los Alamos e la Sissa avevano milioni di files online quando Stallman era solo uno sfigato hippie sconosciuto e Torvalds portava il grembiulino. Chi non voleva MS ha sempre avuto decine di alternative validissime, su HW enormemente migliore (Alpha, PA-RISC, VAX...): HP-UX, Tru64, SCO, Irix, OS/9, AIX, VMS... l'unica cosa per cui non esistono alternative è la faziosa ignoranza.
      • Anonimo scrive:
        Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi

        il grembiulino. Chi non voleva MS ha sempre avuto
        decine di alternative validissime, considerando che oggi il 90% del sw scritto gira su windows , non usare prodotti di redmond crea problemi a volte non risolvibili ....
        su HW
        enormemente migliore (Alpha, PA-RISC, VAX...):
        HP-UX, Tru64, SCO, Irix, OS/9, AIX, VMS...
        l'unica cosa per cui non esistono alternative è
        la faziosa ignoranza.sveglia : i processori alpha non li fanno piu' , e aprecchi degli unix proprietari da te elencati sono sulla via del tramonto , mano a mano che linux (e i vari *bsd) migliorano ....
        • Anonimo scrive:
          Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi
          Semplice considerazioneNon esiste l'auto per ogni stradaNon esiste l'HW per ogni processoNon esiste il sistema operativo che va bene in ogni occasione.Vergognatevi ancora di piu perche' siete laureati e siete nati nell'era informatica.Blah !che forum ....Enrico
          • Mechano scrive:
            Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi
            - Scritto da: Anonimo
            Semplice considerazione
            Non esiste l'auto per ogni strada
            Non esiste l'HW per ogni processo
            Non esiste il sistema operativo che va bene in
            ogni occasione.
            Vergognatevi ancora di piu perche' siete laureati
            e siete nati nell'era informatica.
            Blah !
            che forum ....Non eiste neppure solo Winzozz, eppure PMI, P.A., scuole e molti utenti sia casalinghi e hobbistici che anche quelli evoluti continuano ad usarlo.Perche'?Sempre per la stessa ignoranza che dici?--Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: Anonimo

            Semplice considerazione

            Non esiste l'auto per ogni strada

            Non esiste l'HW per ogni processo

            Non esiste il sistema operativo che va bene in

            ogni occasione.

            Vergognatevi ancora di piu perche' siete
            laureati

            e siete nati nell'era informatica.

            Blah !

            che forum ....

            Non eiste neppure solo Winzozz, eppure PMI, P.A.,
            scuole e molti utenti sia casalinghi e hobbistici
            che anche quelli evoluti continuano ad usarlo.
            Perche'?perchè il resto fa cagare
          • Mechano scrive:
            Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi
            - Scritto da: Anonimo
            perchè il resto fa cagarePeccato che sul resto ci si basi tutto internet (*BSD e sistemi operativi dei router), i sistemi bancari di mezzo mondo (AS/400 e sistemi IBM) e ci si produca software (Linux e altri), grafica e film (Mac e Unix Silicon Graphics ed ora anche Linux negli Studios di Hollywood) e permetta ai commenti idioti che scrivi di raggiungere questo forum su Internet.--Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: sistemi aperti vs sistemi chiusi
      - Scritto da: Anonimo
      ora noi dobbiamo chiarire alcune cose
      primo non è questione di fare i tifosi
      al derby, ma qualcosa di più importante
      bene: si può capire anche che sistemi chiusi
      gestiti con logiche monopoliste
      protetti dal potere della politica, e non
      solo della politica, di grandi
      nazioni, che mira a mantenere un assetto
      per cui aziende che incamerano montagne
      di denaro danno pochissimo in cambio, ma
      aumentano la "ricchezza nazionale" e
      monopolizzano il settore strategico più
      importante che esista oggi: quello dello
      scambio delle informazioni a livello mondiale.
      più difficile è capire come mai vi siano persone,
      dall'altra parte del conflitto di interessi, che
      sono
      contente che venga pagata da loro e dagli altri
      la suddetta montagna di denaro in cambio di poco
      o nulla, e anzi in cambio di innumerevoli
      svantaggi.
      La domanda infatti non è quali siano le icone più
      belle
      ma se noi, nel marzo del 2005, siamo, in europa,
      cosi incapaci da non sapere produrre un cesso a
      pedali per fare andare delle scatole di latta
      come quella
      da cui scrivo.
      Essendo però più che una domanda un assurdo,
      in quanto ci sono nazioni in europa che producono
      dieci milioni di automobili tra cui porsche,
      mercedes
      e bmw, cosa parecchio più complicata, siamo di
      nuovo al nocciolo: dobbiamo ancora per molto
      essere
      disposti a mettere i coglioni su un incudine,
      oppure
      iniziamo a ragionare ?
      Se iniziamo a ragionare, bene, ci accorgiamo di
      avere
      a disposizione un sistema aperto, ovvero un
      sistema
      che può fare qualsiasi cosa si voglia che faccia,
      senza
      nessuna barriera di alcun tipo alla produttività.
      Questo sistema è attualmente in grado di
      rispondere
      ai bisogni dell'industria informatica dalla a
      alla z:
      gira su tutte le principali architetture hw,
      nonché
      su ogni altra cosa di cui siano più o meno note
      le specifiche, dalla lavatrice al super-computer
      con decine di migliaia di cpu
      Si potrà dire che alcune cose non le fa bene,
      altre le fa in un modo che non ci piace, etc,
      ma sono dettagli: è molto più quello che c'è che
      quello che manca e non si può pensare di avere
      tutto pronto e fatto senza far nulla ne dare
      nulla.
      Eppure stiamo ancora qui a discutere se è meglio
      e.presley o madonna: tutta roba di trentanni fa.
      In realtà dobbiamo scegliere se siamo ancora vivi
      e in grado di produrre e dare qualcosa, oppure se
      è ora di andare in pensione a vent'anni, se è
      meglio
      rimanere schiavetti di MS e altri per sempre, con
      la sicurezza che ci daranno sempre meno e ci
      sfrutteranno sempre di più. O voi pensate di poter
      scroccare il sw di questa gente per sempre ?
      Ora potete, perché sanno che se vi chiedessere
      qualche migliaio di euro l'anno avete
      un'alternativa,
      ma, attenzione, è solo per questo che potete.dirigente IBM a caccia di muli?caro trollone, ognuno nella propria vita fa ciò che vuole... tu fai pure il finto comunista ottuso e io faccio l'uomo liberobye
  • Anonimo scrive:
    open Closed
    Siamo arrivati al colmo, siamo arrivati alla farsa, prima quelli dell'open source affermano di portare libertà, e poi negano che qualunque individuo su questa terra possa decidere con quale licenza distribuire il proprio software.Ma il "potere temporale" a questi signori chi l'ha dato?Open source è un'idea esclusiva? un brevetto? un brand? un trademark? C'è quindi del marketing occulto?Ma siamo impazziti?L'open source non è abbastanza open da permettere tutte le licenze: paradossale!Qui casca l'asino, mi stupisco che mezzo mondo vada dietro a queste cose, sono sconvolto.
    • AlphaC scrive:
      Re: open Closed
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo arrivati al colmo, siamo arrivati alla
      farsa, prima quelli dell'open source affermano di
      portare libertà, e poi negano che qualunque
      individuo su questa terra possa decidere con
      quale licenza distribuire il proprio software.

      Ma il "potere temporale" a questi signori chi
      l'ha dato?

      Open source è un'idea esclusiva? un brevetto? un
      brand? un trademark? C'è quindi del marketing
      occulto?

      Ma siamo impazziti?

      L'open source non è abbastanza open da permettere
      tutte le licenze: paradossale!

      Qui casca l'asino, mi stupisco che mezzo mondo
      vada dietro a queste cose, sono sconvolto.Loro tentano di dare una opinione, e delle linee guida, e creare un momento di discussione, non vogliono imporre nulla. Se non sei daccordo con loro sei libero di fare cio' che vuoi, a me questo pare un concetto molto open.
      • Anonimo scrive:
        Re: open Closed
        - Scritto da: AlphaC
        Loro tentano di dare una opinione, e delle linee
        guida, e creare un momento di discussione, non
        vogliono imporre nulla.
        Se non sei daccordo con loro sei libero di fare
        cio' che vuoi, a me questo pare un concetto molto
        open.Microsoft tenta di dare una opinione, e delle linee guida, e creare un momento di discussione, non vuole imporre nulla. Se non sei daccordo con lei sei libero di fare cio' che vuoi, a me questo pare un concetto molto open.
        • Mechano scrive:
          Re: open Closed
          - Scritto da: Anonimo
          Microsoft tenta di dare una opinione, e delle
          linee guida, e creare un momento di discussione,
          non vuole imporre nulla.
          Se non sei daccordo con lei sei libero di fare
          cio' che vuoi, a me questo pare un concetto molto
          open.Micro$oft di facciata si fa promotrice di opinioni e si riempie la bocca di innovazione e sicurezza.Di fatto poi impone standard approfittando della diffusione del suo sistema, altera gli standard propinando i suoi partendo dagli strumenti di sviluppo che generano codici e formati leggermente alterati ma stranamente leggibili dai suoi strumenti (vedi accoppiata Frontpage/Exploder) e pratica obsolescenza programmata quando necessita di un po' di denaro fresco.Oltre a lasciare nella cacca gli utenti finche' giudica economicamente troppo oneroso tirarli fuori, vedi bug di WMP che e' stato lasciato finche' causava "solo" infezioni virali degli utenti attraverso file di provenienza dubbia ma e' stata corretta velocemente quanto si e' scoperto che permetteva anche di aggirare il sistema anticopia DRM su cui lei basa il suo business in questo settore.Bell'azienda non c'e' che dire!--Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: open Closed
            - Scritto da: Mechano
            Bell'azienda non c'e' che dire!Io non metto in dubbio i tuoi problemi con tale azienda.Se è un concetto open non scegliere opensource, allora è un concetto open non scegliere Microsoft o altro.Solo questione di coerenza.Mi spiace molto che hai avuto così tanti problemi con WMP e Frontpage, ma questo non è un problema mio.
    • lele2 scrive:
      Re: open Closed

      L'open source non è abbastanza open da permettere
      tutte le licenze: paradossale!non e' cosida come la vedo dicono semplicemente di vedere altre licenze open, prima di scriverne una che e' quasi uguale ad un'altra gia' esistenteanche perchè OSI la deve approvare e controllare se non ci siano dei conflitti con altre licenze in caso di riutilizzo di codice
      • Anonimo scrive:
        Re: open Closed
        vero.il problema è che chiunque inizi a produrre software open vuole una licenza su misura delle proprie esigenze.il guaio è che in molti casi , specie quelli legati a realtà del tutto commerciali , sia la bsd sia la gpl pongono diversi problemi .credo che nei prossimi 2 -3 anni si assisterà ad una divisione : da una parte le licenze open prettamente commerciali , dall'altra le attuali gpl lgpl e bsd.
        • Mechano scrive:
          Re: open Closed
          - Scritto da: Anonimo
          credo che nei prossimi 2 -3 anni si assisterà ad
          una divisione : da una parte le licenze open
          prettamente commerciali , dall'altra le attuali
          gpl lgpl e bsd.Il mondo delle licenze non e' solo GPL e BSD.Le Lesser e le Creative Commons coprono un ventaglio talmente ampio che non e' necessario inventarsene altre.Si sta solo cercando di creare linee guida per non cadere nel caos piu' totale.--Mr. Mechano
    • Mechano scrive:
      Re: open Closed
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo arrivati al colmo, siamo arrivati alla
      farsa, prima quelli dell'open source affermano di
      portare libertà, e poi negano che qualunque
      individuo su questa terra possa decidere con
      quale licenza distribuire il proprio software.
      Ma il "potere temporale" a questi signori chi
      l'ha dato?
      Open source è un'idea esclusiva? un brevetto? un
      brand? un trademark? C'è quindi del marketing
      occulto?Ma si sta solo tentando di dare delle linee guida.E' come per la netiquette che non ti obbliga ma ti consiglia di seguire delle regole per non far cadere internet e sue componenti come mail, news, forum, e file transfer nell'anarchia piu' totale.Tu la segui la regola di non mettere on line o spedire a persone documenti semplici che non lo richiedono espressamente nel formato .doc o file grafici in Targa o chissa' quale formato esotico?Serve per poterci meglio comprendere su Internet e non doverci dotare di altri strumenti per documenti e protocolli fuori dalla norma e spesso di nicchia e closed.E lo stesso per le licenze l'OSI sta dicendo di guardare a quelle che gia' esistono e adottarne una prima di creare un duplicato che complica solo la vita sia dell'OSI che di sviluppatori e utenti, se la licenza non apporta alcuna novita' o non deve prevedere protezioni particolari.--Mr. Mechano
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: open Closed
      Infatti se noti l'articolo parla di Open Source e non di Free Software: la cosa dovrebbe far riflettere. "In origine la GPL era una", etc. ;)Mi spiace per i fautori del'OS ma l'ho sempre percepito come un voler stare su due scranni: rifacendoci ad un detto evangelico, non potete servire Dio e Mammona .
    • Riot scrive:
      Re: open Closed

      Siamo arrivati al colmo, siamo arrivati alla
      farsa, prima quelli dell'open source affermano di
      portare libertà, e poi negano che qualunque
      individuo su questa terra possa decidere con
      quale licenza distribuire il proprio software.

      Ma il "potere temporale" a questi signori chi
      l'ha dato?

      Open source è un'idea esclusiva? un brevetto? un
      brand? un trademark? C'è quindi del marketing
      occulto?

      Ma siamo impazziti?

      L'open source non è abbastanza open da permettere
      tutte le licenze: paradossale!

      Qui casca l'asino, mi stupisco che mezzo mondo
      vada dietro a queste cose, sono sconvolto.Ora calmati... è passata... va tutto bene... ;)Mi dispiace deluderti, ma non stiamo assistendo alla contro-rivoluzione nè alla fine dell'open source.Sono state avanzate delle critiche al fatto che ci siano troppe licenze open source, quindi si chiede a chi ne vuol fare una nuova di documentarsi per evitare di creare un doppione.Cosa condivisibile, credo.Se poi per te è un problema perchè volevi creare una licenza che obbligasse l'utente a compiere una danza sacra in tuo onore all'avvio del software, beh ti sono vicino ;)
  • Anonimo scrive:
    Giusto, perbacco!
    Il software libero ha già abbastanza licenze open source, è ora di farne qualcuna closed, commerciale, restrittiva, non vorremo mica che rimanga indietro rispetto a MS.Vogliamo un'EULA più bella e cattiva di quella MS!
    • AlphaC scrive:
      Re: Giusto, perbacco!
      che dici di questa:EULA ver. 2005 :Questo software lo usi quando lo dico io, come lo dico io, dove lo dico io, e SE lo voglio io. Se contravvieni a queste semplici regole ti barbiamo la tipa!
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto, perbacco!
        - Scritto da: AlphaC
        che dici di questa:
        EULA ver. 2005 :
        Questo software lo usi quando lo dico io, come lo
        dico io, dove lo dico io, e SE lo voglio io. Ti sei scordato al prezzo che dico io, ripagabile ogni volta che voglio io.E qualsiasi cosa ti succeda a causa del mio software sono solo cazzi tuoi.
        Se contravvieni a queste semplici regole ti
        barbiamo la tipa!Questo sempre.
      • awerellwv scrive:
        Re: Giusto, perbacco!
        - Scritto da: AlphaC
        che dici di questa:
        EULA ver. 2005 :
        Questo software lo usi quando lo dico io, come lo
        dico io, dove lo dico io, e SE lo voglio io.
        Se contravvieni a queste semplici regole ti
        barbiamo la tipa!WOW sara' la licenca che adottero' io quando vendero' i progrmmini ai miei amici che hanno la tipa figa... (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto, perbacco!
          - Scritto da: awerellwv

          - Scritto da: AlphaC

          che dici di questa:

          EULA ver. 2005 :

          Questo software lo usi quando lo dico io, come
          lo

          dico io, dove lo dico io, e SE lo voglio io.

          Se contravvieni a queste semplici regole ti

          barbiamo la tipa!

          WOW sara' la licenca che adottero' io quando
          vendero' i progrmmini ai miei amici che hanno la
          tipa figa...
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)E se quella si strucca, si toglie il collant contenitivo e il reggiseno push-up e ti trovi nel letto... Pumbaa? No, guarda meglio... Ah, sì, Rosy Bindi, beh, sempre di facocero si tratta.
      • jokanaan scrive:
        Re: Giusto, perbacco!
        - Scritto da: AlphaC
        che dici di questa:
        EULA ver. 2005 :
        Questo software lo usi quando lo dico io, come lo
        dico io, dove lo dico io, e SE lo voglio io.
        Se contravvieni a queste semplici regole ti
        barbiamo la tipa!me sto a schiantà (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Problema inesistente
    Non comprendo poi perché se lo pongano.Se gli autori adottano licenze diverse è perché tale possibilità gli viene offerta proprio dalla legge.Ogni volta che si tocca l'argomento licenze in questo forum si corre esclusivamente il rischio di alimentare inutili guerre di religione tra chi ha fedi opposte, dove tutti ignorano che l'unico requisito che tali licenze devono avere è non infrangere la normativa vigente pena nullità.Non riesco ad augurarmi nulla di meglio che una situazione immutata in merito.L'assurdità è che tali licenze si applicano in automatico e non vietano a nessuno di stipulare contratti che intervengano sugli effetti delle stesse, anche se poi realisticamente ciò non avviene.Facciano le paranoie che preferiscono, il mondo andrà comunque per la propria strada.
    • Mechano scrive:
      Re: Problema inesistente
      - Scritto da: Anonimo
      Se gli autori adottano licenze diverse è perché
      tale possibilità gli viene offerta proprio dalla
      legge.
      Ogni volta che si tocca l'argomento licenze in
      questo forum si corre esclusivamente il rischio
      di alimentare inutili guerre di religione tra chi
      ha fedi opposte, dove tutti ignorano che l'unico
      requisito che tali licenze devono avere è non
      infrangere la normativa vigente pena nullità.Per un progetto stand-alone e di un'unica "entita'" o community potrei anche darti ragione.Ma quando il progetto va esteso o inglobato in un'altro con una licenza divesa quale ha il sopravvento sull'altra? Mi viene permessa tale operazione?Se il software e' una libreria o ha componenti riusabili e' naturale che andra' ad interagire con altro software con licenza diversa.L'OSI vuole proprio evitare questo caos creando tante licenze quante ne servono a coprire tutte le necessita' dello sviluppo open, e chiedendo a chi vuole rilasciare software open con una nuova licenza, di guardare prima se non si sta facendo un inutile duplicato di qualcosa che magari gia' c'e' e puo' andare bene.--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    meno licenze piu programmi seri
    ma basta con queste pippe...linux ha bisogno di programmi decenti grafica piu pacchianakili di documentazioneRAD (rapid application development ) con i controcoglionie sopratutto un desktop serio.sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancoranessuno dei 2 fa le cose come in windows.non è che fanno cagare percaso ? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri

      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :DNon è che lo stipendio talvolta è un valido incentivo?
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo
        Non è che lo stipendio talvolta è un valido
        incentivo?probabile difatti statisticamente parlandochi programma per la gloria produce schifezzail kernel è l'eccezzione che conferma la regola
        • Anonimo scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: Anonimo
          probabile difatti statisticamente parlando
          chi programma per la gloria produce schifezza
          il kernel è l'eccezzione che conferma la regola
          il problema è che i programmatori open sourcesnobbano i grafici gli artisti che creano iconeecc.diciamo pure che questi ultimi sono bravi soloa copyritizzare le loro opere e gli unici cessiche non sono bravi a disegnare fanno le cacchinesui desktop free :D
          • AlphaC scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            sappi che i desktop open source sono stati i primi ad introdurre icone vettoriali (che win tuttora non ha), ed esistono fior di artisti che lavorano in questo senso:http://www.icon-king.com/
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: AlphaC
            sappi che i desktop open source sono stati i
            primi ad introdurre icone vettoriali (che winSappi che i desktop closed source sono i stati i primi ad essere usati in tutto il mondo, sono i più utili, produttivi e pagati ( che open ve lo sognate ).
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: AlphaC

            sappi che i desktop open source sono stati i

            primi ad introdurre icone vettoriali (che win

            Sappi che i desktop closed source sono i stati i
            primi ad essere usati in tutto il mondo, sono i
            più utili, produttivi e pagati ( che open ve lo
            sognate ).Le argomentazioni sono la base del discutere fra persone civili, tu non mi pare ne abbia fornite quindi il cerchio si restringe
          • Anonimo scrive:
            Re: ma non da te, scroccone
            ma fammi il piacere !sei piu duro di zucca della terra che pesti !
          • Mechano scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            Sappi che i desktop closed source sono i stati i
            primi ad essere usati in tutto il mondo, sono i
            più utili, produttivi e pagati ( che open ve lo
            sognate ).Cheeeeeeee?!?!Ma stai scherzando vero?L'interfaccia di WinXP e' estremamente dispersiva e studiata per gudiare l'utente nella direzione che desidera il Wizard di turno ma ha gravi pecche di intuitivita' e visibilita' dei componenti.E pergiunta non ha quasi nulla di personalizzabile o escludibile.Due sole sono state le GUI intuitive nel mondo closed e sono state NeXTStep (poi rivisto nella GUI dell'attuale MacOSX) e Intuition dell'Amiga dal Workbench 3.0 in su.E cio' ancora nel 1988-1990 quando Winmerd aveva ancora quello schifo di Win3.11.La GUI piu' produttiva e' quella che ti ritagli addosso per le tue esigenze e queste GUI sono i window manager per X e una libreria di widget efficiente, completa e personalizzabile come la GTK. La QT era partita bene ma lungo il tragitto ha aggiunto talmente tante funzioni che si e' persa un po' in complessita', ma nonostante cio' e' anni luce avanti a WincessXP.--Mr. Mechano
          • LaNberto scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Mechano
            Due sole sono state le GUI intuitive nel mondo
            closed e sono state NeXTStep (poi rivisto nella
            GUI dell'attuale MacOSX) e Intuition dell'Amiga
            dal Workbench 3.0 in su.
            E cio' ancora nel 1988-1990 quando Winmerd aveva
            ancora quello schifo di Win3.11.Sì, come no. A parte il fatto che derivano tutte e due dal Mac (since 1984).A scanso di equivoci vi comunico che concetti come "Menu pull down" "Cestino" "Drag and drop" "doppio click" sono stati inventati da Apple
          • Mechano scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: LaNberto
            Sì, come no. A parte il fatto che derivano tutte
            e due dal Mac (since 1984).
            A scanso di equivoci vi comunico che concetti
            come "Menu pull down" "Cestino" "Drag and drop"
            "doppio click" sono stati inventati da AppleChe deriva dagli esperimenti di Xerox, gia' l'interfaccia di Xerox aveva i menu' piatti. Qua stiamo parlando dell'interfaccia piu' intuitiva e razionale, quella di Xerox aveva introdotto la novita' ma di intuitivita' ne aveva ancora ben poca a leggere chi l'ha provata allora.E le interfacce piu' intuitive non sono ne' WinXP e neppure KDE, ma quelle di Mac, NeXTStep e Amiga.--Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            A onor del vero, tolto l'effetto nostalgia dell'Amiga rimane ben poco
          • TADsince1995 scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            A onor del vero, tolto l'effetto nostalgia
            dell'Amiga rimane ben pocoNon si parlava dell'Amiga com'è oggi, ma dell'Amiga che nel 1985 era galassie avanti a tutti quanto a interfaccia e tutto il resto.Al momento i nuovi Amiga sono qualcosa di sperimentale, AmigaOS4 non è ancora definitivo... Ma la speranza è l'ultima a morire e da ciò che si è visto non è affatto male.TAD Amighista dal 1991 (amiga)
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            A onor del vero, tolto l'effetto nostalgia
            dell'Amiga rimane ben pocosegati la lingua e confronta le caratteristiche tecniche di un amiga con quelle di un pc dell'epoca!
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            A onor del vero, tolto l'effetto nostalgia

            dell'Amiga rimane ben poco

            segati la lingua e confronta le caratteristiche
            tecniche di un amiga con quelle di un pc
            dell'epoca!A me le intefaccie "intuitive" e i discorsi sulle intefacce "intuitive" mi hanno rotto i cosidetti..Per fortuna in qualche O.S. qualcuno ha ancora l'intelligenza di tenere separate le interfaccie GUI, intuitive o no dal resto del sistema!Almeno cosi' potete continuare a scassarvi la minchia tra di voi senza che questo privi il mondo del resto che ha funzioni ben piu' importanti al fine pratico.Se proprio vi pare che le trasparenze, le icone vettoriali e lu triccabballacche e chi pu' ne ha piu' ne metta siano cosi' importanti, vi do un consiglio..Ale! SOURCEFORGE, progettino, olio di gomito,... e scrivere invece di chiaccherare!Cosi ci mettete quelle che piu' vi aggrada compreso lu triccabballacche e il futurama n-dimensionale oltre naturalmente l'indispensabile utont express coffee machine ok? ;-)Saluti !
          • postmaster scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            E TI STRAQUOTISSIMO e concludo dicendo .. NexTStep era anniluce avandi a tutti , cosi' parlò Zeus.:-D

            E le interfacce piu' intuitive non sono ne' WinXP
            e neppure KDE, ma quelle di Mac, NeXTStep e
            Amiga.

            --
            Mr. Mechano
          • bacarozz83 scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri

            Due sole sono state le GUI intuitive nel mondo
            closed e sono state NeXTStep (poi rivisto nella
            GUI dell'attuale MacOSX) e Intuition dell'Amiga
            dal Workbench 3.0 in su.emmm workbench... ti ricordo però che era il nome di windows 1.0 leggi sul floppy... c'è scritto
          • Mechano scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: bacarozz83

            GUI dell'attuale MacOSX) e Intuition dell'Amiga

            dal Workbench 3.0 in su.

            emmm workbench... ti ricordo però che era il nome
            di windows 1.0
            leggi sul floppy... c'è scrittoTemo che dovettero cambiarlo, molto probabilmente perche' esisteva gia' su Amiga o anche se arrivo' prima con Win 1.0 la Commodore forse fu la prima a registrarlo come marchio.--Mr. Mechano
          • bacarozz83 scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: bacarozz83



            GUI dell'attuale MacOSX) e Intuition
            dell'Amiga


            dal Workbench 3.0 in su.



            emmm workbench... ti ricordo però che era il
            nome

            di windows 1.0

            leggi sul floppy... c'è scritto

            Temo che dovettero cambiarlo, molto probabilmente
            perche' esisteva gia' su Amiga o anche se arrivo'
            prima con Win 1.0 la Commodore forse fu la prima
            a registrarlo come marchio.

            --
            Mr. Mechanonon credo.. c'era scritto microsoft!c'era già ad infestare in nostri pc :Dalmeno l'1.0 non si impastava mai muahaha
          • stamparassegna scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri

            La GUI piu' produttiva e' quella che ti ritagli
            addosso per le tue esigenze e ...no no no.. la GUI più produttiva è quella che va bene per uno scrittore un grafico, uno sviluppatore e un sistemista.Avere una GUI sola comporta che non andrà a pennello a tutti, ma anche un modo d'uso condiviso e semplice.Per questo è cosi difficile fare una GUI...
          • postmaster scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: Anonimo


            Sappi che i desktop closed source sono i stati i

            primi ad essere usati in tutto il mondo, sono i

            più utili, produttivi e pagati ( che open ve lo

            sognate ).

            Cheeeeeeee?!?!

            Ma stai scherzando vero?
            L'interfaccia di WinXP e' estremamente dispersiva
            e studiata per gudiare l'utente nella direzione
            che desidera il Wizard di turno ma ha gravi
            pecche di intuitivita' e visibilita' dei
            componenti.
            E pergiunta non ha quasi nulla di
            personalizzabile o escludibile.
            Due sole sono state le GUI intuitive nel mondo
            closed e sono state NeXTStep (poi rivisto nella
            GUI dell'attuale MacOSX) e Intuition dell'Amiga
            dal Workbench 3.0 in su.MA TI STRAQUOTO IN MANIERA STRACONVINTA :-D
            E cio' ancora nel 1988-1990 quando Winmerd aveva
            ancora quello schifo di Win3.11.

            La GUI piu' produttiva e' quella che ti ritagli
            addosso per le tue esigenze e queste GUI sono i
            window manager per X e una libreria di widget
            efficiente, completa e personalizzabile come la
            GTK. La QT era partita bene ma lungo il tragitto
            ha aggiunto talmente tante funzioni che si e'
            persa un po' in complessita', ma nonostante cio'
            e' anni luce avanti a WincessXP.

            --
            Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri

            La GUI piu' produttiva e' quella che ti ritagli
            addosso per le tue esigenzebwuahahahahahha Sig. Mechano come al solito mi strappa una grassa risata...per gli smanettoni, i programmatori e gli informatici potrà anche essere così, ma per il resto dell'utenza (che è quella che fa i grandi numeri) la GUI più produttiva è quella che senza fare alcunché permette di essere produttivi ed è sufficientemente intuitiva per non doversi chiedere "e adesso come faccio a fare..."figuriamoci una GUI dove dico "adesso mi configuro quello e quell'altro per fare..."
          • Mechano scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            per gli smanettoni, i programmatori e gli
            informatici potrà anche essere così, ma per il
            resto dell'utenza (che è quella che fa i grandi
            numeri) la GUI più produttiva è quella che senza
            fare alcunché permette di essere produttivi ed è
            sufficientemente intuitiva per non doversi
            chiedere "e adesso come faccio a fare..."

            figuriamoci una GUI dove dico "adesso mi
            configuro quello e quell'altro per fare..."Il resto dell'utenza non deve "produrre".Ma semplicemente usare programmi per qualche attivita' quotidiana. Chiamala pure produttivita' personale, ma sono di certo attivita' in cui efficienza e tempo sono fattori secondari.Una GUI generica aiuta nel fare attivita' elementari e nulla piu'. Nel momento in cui si deve fare qualcosa in piu' se ne evidenziano i limiti.--Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Mechano
            Una GUI generica aiuta nel fare attivita'
            elementari e nulla piu'. Nel momento in cui si
            deve fare qualcosa in piu' se ne evidenziano i
            limiti.Vaglielo a dire, ai milioni di utilizzatori al mondo di GUI generiche, che le usano in modo produttivo, di smettere di usarle.Dì loro di sostituirle con X e qualche window manager tale che devi configurarti ogni volta ogni dettaglio fino alla minima virgola, dì loro di perdere un sacco di tempo in dettagli particolari che distolgono completamente dall'obiettivo che si deve raggiungere, o come semplicisticamente preferisci definire tu "ritagliare su se stessi".Se trovi qualcuno disponibile, prova a offenderlo e a dargli dell'UTONTO quando ti dice che è troppo complicato, che non gli serve, che sta perdendo tempo, che rivuole la GUI generica.Si evince quindi, che i Windows Manager che intendi tu, aiutano nel fare attivita' elementari e nulla piu'. Nel momento in cui si deve fare qualcosa in piu' se ne evidenziano i limiti.In nome dell'economia italiana, non sostituiamo le GUI generiche che generano reddito, solo perché le altre sono ritenute "libere", così libere che si possono comprare in edicola, altrimenti, tutti quei soldi se ne andrebbero via dall'Italia, nelle mani di chi, quelle GUI generiche, come le definisci tu, le usa in modo produttivo.A proposito, approfitto dell'occasione per chiederti, in nome della Condivisione della Conoscenza, qual'è l'URL con il quale condividi, con la comunità di sviluppatori di "software libero", i tuoi sorgenti e le tue customizzazioni sul "software libero" dato che, se non mi sbaglio, hai più volte affermato su questo forum, che sei capo di un intero reparto di progettazione e sviluppo che rivende il software libero alla PA italiana, Grazie.
          • LaNberto scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            Sì, copiando lo stile Aqua di decine di altri...
          • Mechano scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: LaNberto
            Sì, copiando lo stile Aqua di decine di altri...Si si tutti scopiazzano aqua...Perdona l'autore se in questo tema c'e' poca fantasia...http://themes.freshmeat.net/screenshots/28298/29821/I figli di mio fratello hanno voluto installato Linux nel loro PC solo per questo...--Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            probabile difatti statisticamente parlando

            chi programma per la gloria produce schifezza

            il kernel è l'eccezzione che conferma la regola



            il problema è che i programmatori open source
            snobbano i grafici gli artisti che creano icone
            ecc.
            diciamo pure che questi ultimi sono bravi solo
            a copyritizzare le loro opere e gli unici cessi
            che non sono bravi a disegnare fanno le cacchine
            sui desktop free :Dficcati quel monotasto su per il culo
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            moderatooooooreeeeeeee
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            ficcati quel monotasto su per il culoche eleganza,hai studiato ad oxford percaso :)
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            il problema è che i programmatori open source

            snobbano i grafici gli artisti che creano icone

            ecc.

            diciamo pure che questi ultimi sono bravi solo

            a copyritizzare le loro opere e gli unici cessi

            che non sono bravi a disegnare fanno le cacchine

            sui desktop free :D

            ficcati quel monotasto su per il c--oEcco che i forum di PI si riempiono dei suoi clienti abituali, e che argomentazioni!Monotasto? ti riferisci al mouse della Apple?1. nessuno ti obbliga comprare il monotasto2. perché COMPLICARE LA VITA ( cosa che voi open/linux/libero fate SEMPRE, basta vedere quante licenze avete ) quando a un utente BASTA E AVANZA il mouse monotasto? io ce l'ho e la trovo una grandissima idea3. nessuno ti vieta a comprare un'altro mouse, magari siete voi open che vietate tutto a tutti perché deve essere tutto libero, però alle VOSTRE condizioni.Io sul mac uso anche un mouse wireless ( Microsoft, ma l'ho comprato perché mi facevano un buon prezzo ), e anche un Trackball Explorer ( una figata ) Microsoft che ho da un bel pò di anni.beh, se non ti va bene il monotasto, il Microsoft Trackball Explorer che ne ha addirittura cinque ti va bene??? Ehh no, sono sicuro, non ti andrà bene neanche quello!!!! ma chi mai l'avrebbe detto, toh, ma guarda caso, però.C'è gente che usa piattaforme diverse e hardware diverso a differenza di voi FISSATI monomaniacali.
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            il problema è che i programmatori open source


            snobbano i grafici gli artisti che creano
            icone


            ecc.


            diciamo pure che questi ultimi sono bravi solo


            a copyritizzare le loro opere e gli unici
            cessi


            che non sono bravi a disegnare fanno le
            cacchine


            sui desktop free :D



            ficcati quel monotasto su per il c--o

            Ecco che i forum di PI si riempiono dei suoi
            clienti abituali, e che argomentazioni!

            Monotasto? ti riferisci al mouse della Apple?

            1. nessuno ti obbliga comprare il monotasto
            2. perché COMPLICARE LA VITA ( cosa che voi
            open/linux/libero fate SEMPRE, basta vedere
            quante licenze avete ) quando a un utente BASTA E
            AVANZA il mouse monotasto? io ce l'ho e la trovo
            una grandissima idea
            3. nessuno ti vieta a comprare un'altro mouse,
            magari siete voi open che vietate tutto a tutti
            perché deve essere tutto libero, però alle VOSTRE
            condizioni.

            Io sul mac uso anche un mouse wireless (
            Microsoft, ma l'ho comprato perché mi facevano un
            buon prezzo ), e anche un Trackball Explorer (
            una figata ) Microsoft che ho da un bel pò di
            anni.

            beh, se non ti va bene il monotasto, il Microsoft
            Trackball Explorer che ne ha addirittura cinque
            ti va bene??? Ehh no, sono sicuro, non ti andrà
            bene neanche quello!!!! ma chi mai l'avrebbe
            detto, toh, ma guarda caso, però.

            C'è gente che usa piattaforme diverse e hardware
            diverso a differenza di voi FISSATI
            monomaniacali.prendi il tuo monotasto e ficcaglielo ner culo
    • AlphaC scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo
      ma basta con queste pippe...
      linux ha bisogno di programmi decenti
      grafica piu pacchiana
      kili di documentazione
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglioni
      e sopratutto un desktop serio.
      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.kde e gnome in se fanno gia' piu' cose di win:- icone vettoriali- trasparenze e ombreggiature accellerate in hw - riconoscimento dei tipi mime in file system differenti (altro che usare un metodo triviale come le estensioni)- supporto multilingua evoluto e automatizzato (i18n)- varie cose che ora non mi sovvengono.....Il problema di base rimane il supporto all'hardware e alle tecnologie proprietarie, alla fine gli ostacoli sono sempre dove non c'e' l'open source ;-)
      • AlphaC scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: AlphaC

        - riconoscimento dei tipi mime in file system

        differenti (altro che usare un metodo triviale

        come le estensioni)

        si però non è integrato come su windows
        ad esempio prova ad eseguire un binario
        da firefox (devi prima salvarlo aprire nautilus
        cambiare le proprietà in +x ed infine cliccare
        sull'icona
        )raramente mi capita di dover aprire un binario in grafica su linux, poi il 90% dei binari da aprire sono tutti da usare in console, quindi il problema e' minimo.Se devo installare qualcosa uso synaptic non ho bisogno di installer msi e simili.
        poi altra cosa perchè sui desktop linux non ci
        sono
        le finestre che svolazzano come su windows ?
        se tu apri una finestra con gnome o kde
        ti appare il finestrone di botto senza effetti
        speciali
        sai quanto sarebbe carino una finestra a
        scomparsa che appare in maniera lenta come se
        svolazzasse appunto :)quello e' il mac :-)bah le mie non svolazzano ma appaiono gradualmente dal nulla...poi certe cose una volta create le basi come xcompmgr arrivano a ruota al punto che non sai piu' cosa fartenete, hai mai visto quanti temi e icone totalmente diversi ci sono su kdelook e gnomelook?
        non lo so è una sciocchezza ma la gente dopotutto
        vuole anche vedere questo.
        non parliamo poi lato sviluppo l'unico editor
        decente
        è vi.vi va bene per cose veloci e poco complesse (anche se preferisco pico), mai visto quanta, anjuta, eclipse?
        • riddler scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: AlphaC

          non lo so è una sciocchezza ma la gente
          dopotutto

          vuole anche vedere questo.

          non parliamo poi lato sviluppo l'unico editor

          decente

          è vi.
          vi va bene per cose veloci e poco complesse
          (anche se preferisco pico), mai visto quanta,
          anjuta, eclipse?Evidentemente tu scrivi piu' codice di lui. :D
        • Anonimo scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: AlphaC

          si però non è integrato come su windows

          ad esempio prova ad eseguire un binario

          da firefox (devi prima salvarlo aprire nautilus

          cambiare le proprietà in +x ed infine cliccare

          sull'icona

          )
          raramente mi capita di dover aprire un binario in
          grafica su linux, poi il 90% dei binari da aprire
          sono tutti da usare in console, quindi ilMa come, l'altro ieri non avete giurato che ormai NON è più indispensabile usare la linea di comando su Linux?Ho sbagliato BAR?
          Se devo installare qualcosa uso synaptic non ho
          bisogno di installer msi e simili.Che schifo vero? è closed, puah! manco sai cos'è, manco lo lanci, ma tu quando compri un libro guardi solo la copertina VERO?
          piu' cosa fartenete, hai mai visto quanti temi e
          icone totalmente diversi ci sono su kdelook e
          gnomelook?Si, hai ragione: questo è un'altro problema dell'open source.Windows più o meno è sempre lo stesso, Apple, con il nuovo sistema operativo, ha addirittura eliminato la totale personalizzazione che si poteva fare con il sistema precedente, e voi open che fate? una miriade di inutili temi e icone totalmente diversi, regna l'anarchia totale, il caos, i mutaforma, la dispersione delle energie in mille piccoli rivoli, dovreste risolvere questo problema, "I see a great danger".
          • AlphaC scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: AlphaC



            si però non è integrato come su windows


            ad esempio prova ad eseguire un binario


            da firefox (devi prima salvarlo aprire
            nautilus


            cambiare le proprietà in +x ed infine cliccare


            sull'icona


            )

            raramente mi capita di dover aprire un binario
            in

            grafica su linux, poi il 90% dei binari da
            aprire

            sono tutti da usare in console, quindi il

            Ma come, l'altro ieri non avete giurato che ormai
            NON è più indispensabile usare la linea di
            comando su Linux?

            Ho sbagliato BAR?Esatto, non è indispensabile. Al di là del fatto che non mi viene assolutamente in mente cosa si possa scaricare che sia binario in linux. Forse i driver nvidia, ma quelli sono anche disponibili come pacchetto in buona parte delle distro attuali, e nessuno ti impedisce di cambiare i diritti di esecuzione da interfaccia grafica.

            Se devo installare qualcosa uso synaptic non ho

            bisogno di installer msi e simili.

            Che schifo vero? è closed, puah! manco sai cos'è,
            manco lo lanci, ma tu quando compri un libro
            guardi solo la copertina VERO?questo dovrei chiederlo io a te.

            piu' cosa fartenete, hai mai visto quanti temi e

            icone totalmente diversi ci sono su kdelook e

            gnomelook?

            Si, hai ragione: questo è un'altro problema
            dell'open source.

            Windows più o meno è sempre lo stesso, Apple, con
            il nuovo sistema operativo, ha addirittura
            eliminato la totale personalizzazione che si
            poteva fare con il sistema precedente, e voi open
            che fate? una miriade di inutili temi e icone
            totalmente diversi, regna l'anarchia totale, il
            caos, i mutaforma, la dispersione delle energie
            in mille piccoli rivoli, dovreste risolvere
            questo problema, "I see a great danger".Io lo trovo stupendo
          • Mechano scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            Ma come, l'altro ieri non avete giurato che ormai
            NON è più indispensabile usare la linea di
            comando su Linux?Non lo e' infatti.Ma la sua comodita' e velocita' sono semplicemente irrinunciabili per chi non vuole stare a cercare voci di menu', aprire file manager, partire dalla gerarchia delle directory per finalmente trovare il file.Da console col completamento dei nomi delle directory e dei file fai in un lampo.La console non e' obbligatorio usarla, ma non e' neppure obbligatorio NON usarla.
            Windows più o meno è sempre lo stesso, Apple, con
            il nuovo sistema operativo, ha addirittura
            eliminato la totale personalizzazione che si
            poteva fare con il sistema precedente, e voi open
            che fate? una miriade di inutili temi e icone
            totalmente diversi, regna l'anarchia totale, il
            caos, i mutaforma, la dispersione delle energie
            in mille piccoli rivoli, dovreste risolvere
            questo problema, "I see a great danger".E a te che te frega?Io un pomeriggio mi sono divertito a convertire un tema a forma di mucca per un window manager, in un altro window manager.E' stato divertente e mi e' piaciuto farlo.Poi arrivi tu che mi dici che non avrei dovuto sprecare il mio tempo nel fare cio' e che avrei dovuto impegnarlo in modo piu' proficuo.Ma chi ca%%o sei tu per venirmi a dire come devo impegnare il mio tempo?--Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo
        poi altra cosa perchè sui desktop linux non ci
        sono
        le finestre che svolazzano come su windows ?
        se tu apri una finestra con gnome o kde
        ti appare il finestrone di botto senza effetti
        specialiCon Xgl potrai avere queste cose sfruttando la GPU della tua scheda video e quindi avere tutti gli effettini senza incidere sulla CPU. Per maggiori info:http://www.nat.org/2005/february/
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: AlphaC
        kde e gnome in se fanno gia' piu' cose di win:Come no, credici.
        - icone vettorialiMai più senza!!! siete proprio voi, ipocriti, a criticare gli UTONTI Windows perchè ha troppe features inutili, però quando vi fa comodo le fate anche voi vero? E' proprio vero: chi disprezza, compra.
        - trasparenze e ombreggiature accellerate in hw 1. Solo sull'hardware che VOI supportate2. Di nuovo, siete ipocriti perché trasparenze e ombreggiature le criticate ai MACACHI che usano i Macintosh della Apple, però quando fa comodo portare l'acqua al vostro mulino le tirate fuori anche voi vero??? La prossima volta che farete un sistema operativo sarà closed source? Si chiamera Winzozz?
        - varie cose che ora non mi sovvengono.....See see... vapourware.
        Il problema di base rimane il supporto
        all'hardware e alle tecnologie proprietarie, alla
        fine gli ostacoli sono sempre dove non c'e'
        l'open source ;-)E' molto puerile dare sempre la colpa agli altri invece che a se stessi.
        • AlphaC scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: AlphaC


          kde e gnome in se fanno gia' piu' cose di win:

          Come no, credici.Esatto, ma quanti anni hai per dare risposte così?

          - icone vettoriali

          Mai più senza!!! siete proprio voi, ipocriti, a
          criticare gli UTONTI Windows perchè ha troppe
          features inutili, però quando vi fa comodo le
          fate anche voi vero? E' proprio vero: chi
          disprezza, compra.Stai generalizzando, io non conosco te e tu non conosci me, non ho mai dato dell'utonto a nessuno, per quello che me ne frega chi usa windows può continuare a farlo senza perdere il mio rispetto, io però ho fatto una scelta e uso linux.

          - trasparenze e ombreggiature accellerate in hw

          1. Solo sull'hardware che VOI supportate

          2. Di nuovo, siete ipocriti perché trasparenze e
          ombreggiature le criticate ai MACACHI che usano i
          Macintosh della Apple, però quando fa comodo
          portare l'acqua al vostro mulino le tirate fuori
          anche voi vero??? La prossima volta che farete un
          sistema operativo sarà closed source? Si chiamera
          Winzozz?Io parlo per me, e anche se inutili, apprezzo interfacce grafiche piacevoli, il mio gnome non ha nulla di meno rispetto a win, ora lo sto dell'arte è OSX, per quello ci stiamo attrezzando :-)

          - varie cose che ora non mi sovvengono.....

          See see... vapourware.

          Il problema di base rimane il supporto

          all'hardware e alle tecnologie proprietarie,
          alla

          fine gli ostacoli sono sempre dove non c'e'

          l'open source ;-)

          E' molto puerile dare sempre la colpa agli altri
          invece che a se stessi.E' puerile usare frasi altisonanti quando non hanno senso nell'ambito in discussione. Se l'Harware non funziona non è colpa di nessuno capisci? Se un hardware non funziona, ne copro uno che lo fa. Chi ci rimetterà sarà l'azienda che produce un hardware incompatibile, è una loro scelta, non si parla di colpe.
        • Mechano scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: Anonimo

          kde e gnome in se fanno gia' piu' cose di win:

          Come no, credici.Ma WinXp lo fa il tooltip che mostra una grossa miniatura (insieme con le altre informazioni sul file) quando si passa sopra il file di un'immagine?Ed ha un visualizzatore multiformato ebedded nell'esplora risorse che permette zoom con l'ausilio della rotella del mouse?E permette di zoomare testo nei documenti e nelle viste dei file tenendo premuto il tasto CTRL e girando la rotella?E ne potrei nominare altre decine di funzioni ormai irrinunciabili.

          - icone vettoriali

          Mai più senza!!! siete proprio voi, ipocriti, a
          criticare gli UTONTI Windows perchè ha troppe
          features inutili, però quando vi fa comodo le
          fate anche voi vero? E' proprio vero: chi
          disprezza, compra.Le icone vettoriali sono comode perche' non perdono di qualita' nel ridimensionamento. Doveva essere un'evoluzione naturale.Molto strano che Micro$tronz con tutti i soldi, la competenza e la lungimiranza di si vanta e si auto-incensa non ci sia arrivata prima di Linux.

          - trasparenze e ombreggiature accellerate in hw

          1. Solo sull'hardware che VOI supportateMa il mancato supporto di tutte le funzioni di tutte le schede grafiche non e' colpa di Linux e di programmatori open, ma delle aziende che non rilasciano le specifiche.
          2. Di nuovo, siete ipocriti perché trasparenze e
          ombreggiature le criticate ai MACACHI che usano i
          Macintosh della Apple, però quando fa comodo
          portare l'acqua al vostro mulino le tirate fuori
          anche voi vero??? La prossima volta che farete un
          sistema operativo sarà closed source? Si chiamera
          Winzozz?Ma chi le critica?Il mondo degli utilizzatori Linux e' vastissimo e con utenti di tutti i livelli.Ad un programmatore non gliene puo' freare di meno, e si puo' anche essere trovato a criticarle.Un utente hobbistico magari le ricerca.Chi sei tu per arrogarti il diritto di dare dell'impocrita all'uno o all'altro?
          E' molto puerile dare sempre la colpa agli altri
          invece che a se stessi.E che colpa hanno i programmatori open se le aziende non gli danno le specifiche tecniche di un hardware per poter fare un driver?--Mr. Mechano
      • uibbs2 scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo
        poi altra cosa perchè sui desktop linux non ci
        sono
        le finestre che svolazzano come su windows ?
        se tu apri una finestra con gnome o kde
        ti appare il finestrone di botto senza effetti
        speciali
        non lo so è una sciocchezza ma la gente dopotutto
        vuole anche vedere questo.Anche sotto windows se voglio disattivo tutti gli effetti speciali, scusa :) ma se vuoi gli effetti speciali sappi che io ad esempio faccio sbavare i miei vicini di casa quando switcho console con 3d-desktop.http://siracusa.linux.it/eye/screen/grizzly01.jpge anchehttp://siracusa.linux.it/eye/screen/grizzly02.jpg
      • TADsince1995 scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri

        vi è un'editor potentissimo, basta pensare cosa
        riesci a fare con le regular expressions, peccato
        che se non lo sai usare non te ne rendi
        minimamente conto.Occhio, anche io uso vi per alcune cose, ammetto di non conoscerlo a fondo, ma dipende per cosa lo vuoi usare... Onestamente, per quanto potente e configurabile, non ce lo vedo proprio ad esempio per lo sviluppo J2EE... IMHO.
        Belline le iconcine e i bottoncini colorati, ma
        quelle non erano le diavolerie diaboliche di
        Microsoft?LOL! :D La diabolocità di Microsoft non sta solo nell'interfaccia a prova di utonto... Fosse solo quello...TAD
      • Mechano scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo
        si però non è integrato come su windows
        ad esempio prova ad eseguire un binario
        da firefox (devi prima salvarlo aprire nautilus
        cambiare le proprietà in +x ed infine cliccare
        sull'iconaSei impazzito vero?E' un decennio che la possibilita' di lanciare binari dal browser e' la maggior causa di infezione di virus e trojan e danni al sistema, e tu la trovi una caratteristica utile e importante?Io dico che deve essere resa impossibile dal browser ed obbligare esattamente al salvataggio e la ricerca su disco con un file manager. In maniera che l'utente sia consapevole di cio' che fa' e non lo lanci per errore o ingannato da requester e messaggi maligni che vogliono farglielo eseguire.
        poi altra cosa perchè sui desktop linux non ci
        sono le finestre che svolazzano come su windows ?
        se tu apri una finestra con gnome o kde
        ti appare il finestrone di botto senza effetti
        speciali sai quanto sarebbe carino una finestra a
        scomparsa che appare in maniera lenta come se
        svolazzasse appunto :)Esistono decine di window manager ed ognuno con centinaia di effetti e personalizzazioni diverse, se quelli che hai visto tu non li avevano settati non vuol dire che non ci sono.--Mr. Mechano
      • postmaster scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri

        si però non è integrato come su windows
        ad esempio prova ad eseguire un binario
        da firefox (devi prima salvarlo aprire nautilus
        cambiare le proprietà in +x ed infine cliccare
        sull'iconaE per fortuna e' cosi' .. ahahahahahaahah
        )
        poi altra cosa perchè sui desktop linux non ci
        sono
        le finestre che svolazzano come su windows ?
        se tu apri una finestra con gnome o kde
        ti appare il finestrone di botto senza effetti
        speciali
        sai quanto sarebbe carino una finestra a
        scomparsa che appare in maniera lenta come se
        svolazzasse appunto :)
        non lo so è una sciocchezza ma la gente dopotutto
        vuole anche vedere questo.ahahahaahah, parlami del tuo pusher ..
        non parliamo poi lato sviluppo l'unico editor
        decente
        è vi.eheheheheheehh, ho capito .. te sei uno di quelli che quando gli dicono Groenlandia .. pensa sia un'attrezzo da cucina.. ma vala' vala'
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo
      ma basta con queste pippe...
      linux ha bisogno di programmi decenti
      grafica piu pacchiana
      kili di documentazione
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglioni
      e sopratutto un desktop serio.
      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :Dhttp://www.movieeditor.com/pubs/2003/gu4dec.rowe.monday.abridged.pdf
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo

        :D

        http://www.movieeditor.com/pubs/2003/gu4dec.rowe.mBel link ma datato. Pixar sta switchando a Mac (Xserve etc.)
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo
      ma basta con queste pippe...
      linux ha bisogno di programmi decenti
      grafica piu pacchiana
      kili di documentazione
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglioni
      e sopratutto un desktop serio.Allora usa Windows, e se te lo puoi permettere, il non plus ultra, per ora, è MAC OS X secondo la mia opinione non condivisibile dagli altri frequentatori di questo forum.
      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :DGuarda, è una cosa abbastanza comune nell'open source, perché spesso l'open source è un trucchetto per far diffondere il software, e farselo debuggare dagli altri ( o viceversa scopiazzare il software scritto dagli altri e rivenderlo grazie a conoscenze, cognati, entrature, che lo sviluppatore originale non ha )Infatti, l'assiomatizzazione dell'open source prevede che qualsiasi individuo sulla terra possa correggere un software e rilasciare le patch senza rendere conto a nessuno ( come, tra l'altro, se tutti fossero sia disposti che in grado di farlo ).Io ormai mi sono arreso, ho speso molto tempo nell'open source e mi sono stufato di questo perenne stato di lavori in corso, un piccolo esempio: un ad-blocker.Tempo fa ho provato ad usare privoxy, tutto eccitato, accipicchia, mi elimina tutta la pubblicità da punto informatico e non è un sw commerciale, ottimo ottimo, puliamo il mondo dai cattivi aprofittatori che speculano sugli altri.Sì un pò mi dispiace di non far correre i contatori di pubblicità che portano i dobloni a questo quotidiano però lo fanno correre tutti quelli che di solito mi insultano per rispondere ai miei messaggi perché hanno un'opinione diversa dalla mia, e penso che quello basti.Usandolo ho pensato che oltre ad eliminare la pubblicità ( la odio ) risparmierò banda e CPU no? meno grafica da caricare, meno animazioni da visualizzare, no?No.La qualità della mia navigazione scadeva, scadeva, scadeva... ( lo usavo sia su PC Win2000 che su Mac ) accidenti... cosa sarà.. ho dovuto cominciare a riavviare come sul vecchio Win98.. oddio no.. sono passato a Mac per usare finalmente il computer invece di dover fare il tecnico e ora non funziona?Cosa sarà cosa sarà... ? è andata avanti per un pò questa situazione... un giorno apro Terminal lancio top e cosa scopro?Con il computer acceso ma non utilizzato, il programma open source mi ciuccia tutta la CPU ( immagino sia andato in loop per qualche motivo oscuro che non mi riguarda e che non-mi-deve-riguardare ).Come al solito, stessa scena già ripetuta con Linux e una miriade di altri pacchetti open s. provati per amor di obiettività.Ho eliminato privoxy dal mac e anche dal PC e invece di accontentarmi del surrogato ho comprato un sw commerciale, funziona da dio, anche di più.Morale della favola: quelli dell'open source hanno una scaletta che seguono per ottener ragione e nascondere gli errori del loro software.Fondamentalmente fanno leva sui sensi di colpa o sul senso di ignoranza dell'utente ( quando dovrebbe essere il contrario, dovrebbe essere il programmatore ignorante di quello che vuole l'utente e quindi chiedergli "di cosa hai bisogno che te lo dò?", il cliente ha sempre ragione ), usano una serie di stratagemmi che non sto qui ad elencare, ma chi ha pazienza e legge gli interventi dopo un pò li capisce.Di solito ti dicono prima che non può essere, se insisti ti dicono che sei sfigato, che sei un utonto, ti insultano.Alla fine fanno leva sui sensi di colpa e ti accusano di non aver segnalato allo sviluppatore il problema, però a me hanno detto "usa privoxy non paghi per scaricarlo, ed è open quindi è più sicuro e funziona meglio del sw closed" invece di dire "guarda è gratis però non funziona bene, devi contattare l'autore.. etc etc".Insomma, io alle favole non ci credo, ho installato un software raccattato dalla rete, mi sono preso le mie responsabilità, e il danno è stato limitato a uno spreco di tempo macchina, ram e qualche riavvio, devo anche pagare una cena allo sviluppatore dopo che gli ho fatto il favore di debuggare il suo software? ma scherziamo?Quindi quando ti chiedi "non è che fanno ca---e per caso", la risposta è, quasi sempre, SI.Ma loro non lo ammetteranno M-A-I.Read my lips: M-A-I
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        Finalmente un post serio e sopratutto obbiettivobravo complimenti davvero.anchio dopo 5 anni di patch scritte , bugfix cherimanevano aperti per mesi interi,sono giunto allatua stessa identica conclusione.l'innovazione non viene dall'open source ma dai software commerciali.che sia iniziata una lenta ma inesorabile retromarciada questo fantastico mondo che è linux ?
        • AlphaC scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: Anonimo
          Finalmente un post serio e sopratutto obbiettivo
          bravo complimenti davvero.
          anchio dopo 5 anni di patch scritte , bugfix che
          rimanevano aperti per mesi interi,sono giunto alla
          tua stessa identica conclusione.
          l'innovazione non viene dall'open source ma dai
          software commerciali.
          che sia iniziata una lenta ma inesorabile
          retromarcia
          da questo fantastico mondo che è linux ?

          sara' l'ora tarda ma non capisco se sei ironico o meno...
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri

            sara' l'ora tarda ma non capisco se sei ironico o
            meno...Tranquillo... sarà il solito commerciale di Microsoft che si da botta e risposta da solo. (rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri

          che sia iniziata una lenta ma inesorabile
          retromarcia
          da questo fantastico mondo che è linux ?Guarda, con tutto il rispetto, credo proprio che stia avvenendo l'esatto opposto, a una velocità incredibile. E' che l'informatica è infestata dai soliti ex cacciavitari riciclati pseudoprogrammatori Visual Basic sparagestionali che adesso cominciano a capire quanto poco vale quello che hanno imparato.E cominciano ad avere paura, perchè nei colloqui e nelle offerte di lavoro sempre più spesso viene richiesta la conoscenza di linux. Ma loro la riga di comando forse nemmeno sanno cos'è, abituati come sono a fare tutto con pochi click.
      • AlphaC scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ma basta con queste pippe...

        linux ha bisogno di programmi decenti

        grafica piu pacchiana

        kili di documentazione

        RAD (rapid application development ) con i

        controcoglioni

        e sopratutto un desktop serio.

        Allora usa Windows, e se te lo puoi permettere,
        il non plus ultra, per ora, è MAC OS X secondo la
        mia opinione non condivisibile dagli altri
        frequentatori di questo forum.


        sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e
        ancora

        nessuno dei 2 fa le cose come in windows.

        non è che fanno cagare percaso ?

        :D

        Guarda, è una cosa abbastanza comune nell'open
        source, perché spesso l'open source è un
        trucchetto per far diffondere il software, e
        farselo debuggare dagli altri ( o viceversa
        scopiazzare il software scritto dagli altri e
        rivenderlo grazie a conoscenze, cognati,
        entrature, che lo sviluppatore originale non ha )

        Infatti, l'assiomatizzazione dell'open source
        prevede che qualsiasi individuo sulla terra possa
        correggere un software e rilasciare le patch
        senza rendere conto a nessuno ( come, tra
        l'altro, se tutti fossero sia disposti che in
        grado di farlo ).

        Io ormai mi sono arreso, ho speso molto tempo
        nell'open source e mi sono stufato di questo
        perenne stato di lavori in corso, un piccolo
        esempio: un ad-blocker.

        Tempo fa ho provato ad usare privoxy, tutto
        eccitato, accipicchia, mi elimina tutta la
        pubblicità da punto informatico e non è un sw
        commerciale, ottimo ottimo, puliamo il mondo dai
        cattivi aprofittatori che speculano sugli altri.

        Sì un pò mi dispiace di non far correre i
        contatori di pubblicità che portano i dobloni a
        questo quotidiano però lo fanno correre tutti
        quelli che di solito mi insultano per rispondere
        ai miei messaggi perché hanno un'opinione diversa
        dalla mia, e penso che quello basti.

        Usandolo ho pensato che oltre ad eliminare la
        pubblicità ( la odio ) risparmierò banda e CPU
        no? meno grafica da caricare, meno animazioni da
        visualizzare, no?

        No.

        La qualità della mia navigazione scadeva,
        scadeva, scadeva... ( lo usavo sia su PC Win2000
        che su Mac ) accidenti... cosa sarà.. ho dovuto
        cominciare a riavviare come sul vecchio Win98..
        oddio no.. sono passato a Mac per usare
        finalmente il computer invece di dover fare il
        tecnico e ora non funziona?

        Cosa sarà cosa sarà... ? è andata avanti per un
        pò questa situazione... un giorno apro Terminal
        lancio top e cosa scopro?

        Con il computer acceso ma non utilizzato, il
        programma open source mi ciuccia tutta la CPU (
        immagino sia andato in loop per qualche motivo
        oscuro che non mi riguarda e che
        non-mi-deve-riguardare ).

        Come al solito, stessa scena già ripetuta con
        Linux e una miriade di altri pacchetti open s.
        provati per amor di obiettività.

        Ho eliminato privoxy dal mac e anche dal PC e
        invece di accontentarmi del surrogato ho comprato
        un sw commerciale, funziona da dio, anche di più.

        Morale della favola: quelli dell'open source
        hanno una scaletta che seguono per ottener
        ragione e nascondere gli errori del loro
        software.

        Fondamentalmente fanno leva sui sensi di colpa o
        sul senso di ignoranza dell'utente ( quando
        dovrebbe essere il contrario, dovrebbe essere il
        programmatore ignorante di quello che vuole
        l'utente e quindi chiedergli "di cosa hai bisogno
        che te lo dò?", il cliente ha sempre ragione ),
        usano una serie di stratagemmi che non sto qui ad
        elencare, ma chi ha pazienza e legge gli
        interventi dopo un pò li capisce.

        Di solito ti dicono prima che non può essere, se
        insisti ti dicono che sei sfigato, che sei un
        utonto, ti insultano.

        Alla fine fanno leva sui sensi di colpa e ti
        accusano di non aver segnalato allo sviluppatore
        il problema, però a me hanno detto "usa privoxy
        non paghi per scaricarlo, ed è open quindi è più
        sicuro e funziona meglio del sw closed" invece di
        dire "guarda è gratis però non funziona bene,
        devi contattare l'autore.. etc etc".

        Insomma, io alle favole non ci credo, ho
        installato un software raccattato dalla rete, mi
        sono preso le mie responsabilità, e il danno è
        stato limitato a uno spreco di tempo macchina,
        ram e qualche riavvio, devo anche pagare una cena
        allo sviluppatore dopo che gli ho fatto il favore
        di debuggare il suo software? ma scherziamo?

        Quindi quando ti chiedi "non è che fanno ca---e
        per caso", la risposta è, quasi sempre, SI.

        Ma loro non lo ammetteranno M-A-I.

        Read my lips: M-A-IIo uso linux e non mi lamento, non ho limitazioni e non devo preoccuparmi di spam, ad, spyware, mi spiace per la tua esperienza, ma io ad esempio ho installato un server linux con squid e dansguardian che si occupa della protezione dei contenuti in una scuola superiore, avessi voluto aggiungevo ad zapper e ottenevo un filtro contro le pubblicità tutto questo con estrema facilità e velocità di configurazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ma basta con queste pippe...

        linux ha bisogno di programmi decenti

        grafica piu pacchiana

        kili di documentazione

        RAD (rapid application development ) con i

        controcoglioni

        e sopratutto un desktop serio.

        Allora usa Windows, e se te lo puoi permettere,
        il non plus ultra, per ora, è MAC OS X secondo la
        mia opinione non condivisibile dagli altri
        frequentatori di questo forum.


        sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e
        ancora

        nessuno dei 2 fa le cose come in windows.

        non è che fanno cagare percaso ?

        :D

        Guarda, è una cosa abbastanza comune nell'open
        source, perché spesso l'open source è un
        trucchetto per far diffondere il software, e
        farselo debuggare dagli altri ( o viceversa
        scopiazzare il software scritto dagli altri e
        rivenderlo grazie a conoscenze, cognati,
        entrature, che lo sviluppatore originale non ha )

        Infatti, l'assiomatizzazione dell'open source
        prevede che qualsiasi individuo sulla terra possa
        correggere un software e rilasciare le patch
        senza rendere conto a nessuno ( come, tra
        l'altro, se tutti fossero sia disposti che in
        grado di farlo ).

        Io ormai mi sono arreso, ho speso molto tempo
        nell'open source e mi sono stufato di questo
        perenne stato di lavori in corso, un piccolo
        esempio: un ad-blocker.

        Tempo fa ho provato ad usare privoxy, tutto
        eccitato, accipicchia, mi elimina tutta la
        pubblicità da punto informatico e non è un sw
        commerciale, ottimo ottimo, puliamo il mondo dai
        cattivi aprofittatori che speculano sugli altri.

        Sì un pò mi dispiace di non far correre i
        contatori di pubblicità che portano i dobloni a
        questo quotidiano però lo fanno correre tutti
        quelli che di solito mi insultano per rispondere
        ai miei messaggi perché hanno un'opinione diversa
        dalla mia, e penso che quello basti.MACACO! usa adblock e ficcati quel monotasto nelle chiappone!E poi prima di sputare sull'Open Source, sciaquati la bocca con acido muriatico!
      • postmaster scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        -
        Allora usa Windows, e se te lo puoi permettere,
        il non plus ultra, per ora, è MAC OS X secondo la
        mia opinione non condivisibile dagli altri
        frequentatori di questo forum.
        Azzo se ti condivido .. :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo
      ma basta con queste pippe...
      linux ha bisogno di programmi decenti accomodati fai il tuo programma decentesu
      grafica piu pacchiana
      kili di documentazione
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglionirobaccia
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :Dtorna a giocare con winzoz plebeo
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      Quarda che se facesse le cose che fa Windows, allora sarebbe Windows.A me la Suse con Kde piace proprio perche' diversa da Windows e i suoi limiti grafici.Hanno ancora un po' da sistemare ma Kde e' gia' sufficiente cosi' com'e'.
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo[cut]
      kili di documentazione[cut]non ti basta?che succede? cercavi di far partire knoppix ma non sei riuscito a fare il disco di boot?mah..(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      Se ti ostini con linux...www.reactos.orgBrUtE AiD
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri

      ma basta con queste pippe...
      linux ha bisogno di programmi decenti
      grafica piu pacchiana
      kili di documentazione
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglioni
      e sopratutto un desktop serio.
      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :DIl problema grosso e' che si sono pochi utenti LINUX così utonti da aver bisogno di strumenti "apri e gusta" per fare cose banali
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo

        ma basta con queste pippe...

        linux ha bisogno di programmi decenti

        grafica piu pacchiana

        kili di documentazione

        RAD (rapid application development ) con i

        controcoglioni

        e sopratutto un desktop serio.

        sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e
        ancora

        nessuno dei 2 fa le cose come in windows.

        non è che fanno cagare percaso ?

        :D

        Il problema grosso e' che si sono pochi utenti
        LINUX così utonti da aver bisogno di strumenti
        "apri e gusta" per fare cose banalie pensare che il software dovrebbe semplificare la vita... strani voi linaribuona miseria a tutti!
    • Anonimo scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      Beh, potrebbe anche andare peggio, guarda Stallman, che produce poco SW e poche licenze!:-D @^ (troll1) (troll3) (troll2)
      • Anonimo scrive:
        Re: meno licenze piu programmi seri
        - Scritto da: Anonimo
        Beh, potrebbe anche andare peggio, guarda
        Stallman, che produce poco SW e poche licenze!

        :-D @^ (troll1) (troll3) (troll2)però fuma molto :-Dhttp://img22.exs.cx/img22/9936/stallman.jpg(troll4)
        • Anonimo scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Beh, potrebbe anche andare peggio, guarda

          Stallman, che produce poco SW e poche licenze!



          :-D @^ (troll1) (troll3) (troll2)

          però fuma molto :-D

          http://img22.exs.cx/img22/9936/stallman.jpg

          (troll4)Ammazza! E' la madre di tutte le canne!8-)
        • Anonimo scrive:
          Re: meno licenze piu programmi seri
          - Scritto da: Anonimo
          però fuma molto :-D

          http://img22.exs.cx/img22/9936/stallman.jpg... E fa benissimo ...[Kaine]
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            però fuma molto :-D



            http://img22.exs.cx/img22/9936/stallman.jpgè un tossico :Ddifatti solo sotto ecstasy puoi produrre una merdatipo emacs o hurd :D @^
          • Anonimo scrive:
            Re: meno licenze piu programmi seri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            però fuma molto :-D





            http://img22.exs.cx/img22/9936/stallman.jpg

            è un tossico :D
            difatti solo sotto ecstasy puoi produrre una merda
            tipo emacs o hurd :D @^beh dai... non esageriamo... emacs non è affatto una merda...il problema di questo software è che fa tante di quelle cose... che alla fine non serve a niente :-s
    • Solvalou scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo
      ma basta con queste pippe...Se non capisci l'importanza di una licenza software, open o closed che sia, gia' ti sei qualificato abbondantemente.
      linux ha bisogno di programmi decentiAh si' si', che schifo postgresql!!! che inutilita' gimp 2.0, mplayer! Datemi piuttosto i programmi win, ottanta schermate per scaricarseli, e dopo tre mesi puff scadono. Sto parlando di realplayer.
      grafica piu pacchianaSe vuoi grafica pacchiana ce l'hai. Per fortuna hai anche grafica pulita.
      kili di documentazione.Ah si perche' il kernel e API di windows sono completamente documentate eh? e magari c'e' anche il codice sorgente eh? Per quanto riguarda la documentazione linux se non ti sei ancora imbattuto negli appunti di informatica libera (non so quante migliaia di pagine in italiano) vai a fare un corso di google. A parte che io preferisco gli articoli di developerworks ibm e gli howto.
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglioniruby on rails gnue rekall e openoffice sdk stanno venendo su bene, ovviamente tu vuoi la pappa pronta senza contribuire allo sviluppo immagino.
      e sopratutto un desktop serio.
      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.DEO GRATIAS che non fanno le cose come in windows. Per essere roba decente devono farle come nell'osx.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :Dsi' cerrrrrrto, tu intanto updata l'antivirus e l'antispyware che son gia' passati 5 minuti da quando hai iniziato a leggere qui.
    • AnyFile scrive:
      Re: meno licenze piu programmi seri
      - Scritto da: Anonimo
      ma basta con queste pippe...
      linux ha bisogno di programmi decenti
      grafica piu pacchiana
      kili di documentazione
      RAD (rapid application development ) con i
      controcoglioni
      e sopratutto un desktop serio.
      sono 8 anni che ci sta sia gnome che kde e ancora
      nessuno dei 2 fa le cose come in windows.
      non è che fanno cagare percaso ?
      :DMa cosa c'e' ce non va nei desktop?Per me sono fin troppo pesanti.Non e' che devi passare la vita a trascinare icone e a decidere quale sfondo mettere.Se poi hai un computer non proprio recentissimo, non avere desktop complicati e' solo meglio.
Chiudi i commenti