OpenOffice.org, i vincitori del contest clipart

La popolare suite da ufficio open ha incoronato i vincitori del contest aperto a fine settembre, lanciato con lo scopo dichiarato di migliorare la disponibilità di sample e template, uno degli aspetti meno convincenti di OpenOffice

Roma – OpenOffice.org , il concorrente gratuito di Microsoft Office, ha dichiarato concluso il contest per la realizzazione delle migliori template e clipart per la suite, tenutosi tra il 20 settembre e il 31 ottobre scorsi.

Come dichiarato sin dall’inizio della gara (aperta al contributo e alla partecipazione di tutti), a discapito di una diffusione sempre crescente della suite che ha contribuito anche all’accettazione dello standard Open Document Format (ODF), il primo di questo genere, da parte delle organizzazione internazionali OASIS e ISO , OpenOffice.org ha sempre sofferto di una certa scarsità di modelli e clipart da utilizzare per arricchire o formattare i documenti .

Da qui l’idea del contest: i lavori migliori (distribuiti come l’intera suite sotto licenza GPL ) saranno destinati ad essere premiati con l’integrazione in OpenOffice e con una somma in denaro, per un totale di 5.000 dollari distribuiti tra i primi 5 classificati , fornita dallo sponsor dell’iniziativa, Worldlabel.com .

Dopo un mese di valutazione, ad opera dei membri della community di OpenOffice.org Bernhard Dippold e Walter A. March, assistiti dalla supervisione di G. Roderick Singleton e Scott Carr dell’ OpenOffice.org Documentation Project , il primo dicembre sono stati infine resi pubblici i vincitori dallo sponsor, rappresentato per l’occasione da Russell Ossendryver.

“Nelle prime due settimane eravamo un po’ preoccupati per la scarsità di materiale in arrivo”, osserva Ossendryver, “ma nei giorni successivi c’è stata una vera esplosione di nuovi contributi”. In tutto, il progetto ha collezionato 97 proposte : 24 per il world processor Writer, 31 per Calc, 11 per Draw, 15 per Impress e 16 per la categoria clipart. Ognuna di queste proposte nei fatti si compone di tre o più creazioni, quindi il numero totale di modelli e clipart ricevuti per il contest è superiore a più del doppio delle proposte effettivamente presentate.

Secondo Ossendryver “decidere chi dovesse essere il vincitore è stato oltremodo difficile. Molti modelli che non sono poi entrati nella lista dei migliori 5 o nelle menzioni d’onore erano fatti davvero bene e risultavano decisamente utili ma, purtroppo, qualcuno doveva pur perdere”. I criteri di base utilizzati per il giudizio, dice, sono stati incentrati sulla ricerca degli elementi che meglio rappresentano quello che OpenOffice.org ha da offrire agli utenti , sia in termini di funzionalità disponibili che in innovazione.

I vincitori del contest (descrizioni a questo indirizzo ) si sono spartiti il denaro in palio secondo uno schema progressivo: ai primi classificati di entrambe le categorie template e clipart sono andati 750 dollari, ai secondi 300 dollari, ai terzi 250 dollari e ai quarti e quinti classificati 200 dollari ognuno. Inoltre, 200 t-shirt e altro materiale promozionale del brand OpenOffice.org verranno distribuiti tra i partecipanti, scelti per far parte dei contenuti messi a disposizione della community e degli utenti dal Documentation Project.

Gli organizzatori della gara si dichiarano molto soddisfatti dei risultati ottenuti, e Russell Ossendryver ha già provveduto a raccomandare la sponsorizzazione del contest per il prossimo anno : “È nostra intenzione continuare ad aggiungere template in formato ODF all’archivio di OpenOffice.org, così da fornire ulteriore appeal al nuovo standard”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Vogliamo tutti i sorgenti
    La comunità vuole tutti i sorgenti del CMS, comprese le librerie compilate, niente scusesiamo stanchi dei finti amici dell'open source, quindi è meglio che vi adeguate o vi tagliamo fuori
    • Anonimo scrive:
      Re: Vogliamo tutti i sorgenti
      - Scritto da:
      La comunità vuole tutti i sorgenti del CMS,
      comprese le librerie compilate, niente
      scuseXstandard non è roba loro quindi non possonorilasciare i sorgenti.
      siamo stanchi dei finti amici dell'open source,
      quindi è meglio che vi adeguate o vi tagliamo
      fuorima non rompere i maroni
      • Anonimo scrive:
        Re: Vogliamo tutti i sorgenti
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        La comunità vuole tutti i sorgenti del CMS,

        comprese le librerie compilate, niente

        scuse

        Xstandard non è roba loro quindi non possono
        rilasciare i sorgenti.cazzi loro... se non è tutto open non lo useremo mai :@
        • rscano scrive:
          Re: Vogliamo tutti i sorgenti
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          La comunità vuole tutti i sorgenti del CMS,


          comprese le librerie compilate, niente


          scuse



          Xstandard non è roba loro quindi non possono

          rilasciare i sorgenti.

          cazzi loro... se non è tutto open non lo useremo
          mai
          :@Quanti milioni di utenti rappresenti?
    • Solvalou scrive:
      Patetico troll
      Di quale comunita' cianci?Il software free e' fatto per DARE liberta' non toglierla.Se uno vuole fare software gpl su base closed, son problemi suoi. A me non dispiace avere port dei programmi che uso sotto linux anche per windows, anche se personalmente non investirei un secondo del mio tempo per portare free software su win.
  • Anonimo scrive:
    Joomla! e' GPL, non questo.
    Ed ha qualche milione di persone che lo segue nel mondo, con un team di sviluppatori che lo migliora e lo manutiene dalla mattina alla sera.Direi che e' *leggermente* meglio gia' solo per questo.
    • riccardosl45 scrive:
      Re: Joomla! e' GPL, non questo.
      - Scritto da:

      Ed ha qualche milione di persone che lo segue nel
      mondo, con un team di sviluppatori che lo
      migliora e lo manutiene dalla mattina alla
      sera.

      Direi che e' *leggermente* meglio gia' solo per
      questo.Ma non rispetta gli standard W3C
  • Anonimo scrive:
    zope e plone
    Anche con questo accrocchio di software e' possibile creare siti accessibili.Il problema e' che ci si deve accontentare di quello che fanno dal punto di vista funzionale e grafico oppure mettere mano al codice cosa impossibile per la maggior parte dei "consulenti" software italiani, anche se alcuni di questi giurerebbero il contrario.
    • rscano scrive:
      Re: zope e plone
      - Scritto da:
      Anche con questo accrocchio di software e'
      possibile creare siti
      accessibili.

      Il problema e' che ci si deve accontentare di
      quello che fanno dal punto di vista funzionale e
      grafico oppure mettere mano al codice cosa
      impossibile per la maggior parte dei "consulenti"
      software italiani, anche se alcuni di questi
      giurerebbero il
      contrario.Come dicevo prima, c'è differenza tra cms che possono generare siti accessibili e cms accessibili... è come dire TV HD Ready e TV HD :-)
    • Trollone scrive:
      Re: zope e plone
      - Scritto da:
      Anche con questo accrocchio di software e'
      possibile creare siti
      accessibili.

      Il problema e' che ci si deve accontentare di
      quello che fanno dal punto di vista funzionale e
      grafico oppure mettere mano al codice cosa
      impossibile per la maggior parte dei "consulenti"
      software italiani, anche se alcuni di questi
      giurerebbero il
      contrario.Zope e plone fanno cagare se vuoi usare python ti consiglio django o turbogears (ghost)
      • Anonimo scrive:
        Re: zope e plone
        con plone si possono fare da anni siti accessibili in qualsiasi modo.e funziona bene.ma è uno strumento per progetti medio-grandi (non è preconfezionato) quindi ci vuole anche un professionista che ci lavori.
    • Anonimo scrive:
      Re: zope e plone
      Gran parte dei CMS maturi tiene conto dell'accessibilita'. Del resto, gia' avere CMS che mandan fuori html valido e pochi accorgimenti permettono di avere una buona accessibilita'.
      il problema e' che ci si deve accontentare di quello che fanno dal punto di vista funzionale e graficocazzata. zope e' anche troppo configurabile e aperto, e infatti e' bello pesantino.Se vuoi frameworks semplici vai su ruby on rails django o roba php
  • Anonimo scrive:
    LGPL non GPL, sigh
    Sul sito dicono che la licenza è LGPL, e non la GPL che assicura migliore libertà del codice e magiori contributi di ritorno (LGPL si può usare per progetti non Liberi).E' in ogni caso un'ottima notizia :)
  • Anonimo scrive:
    Prima impressione
    Certo che, in prima pagina, la data scritta così fa proprio una bella impressione!$Date: 2005-08-06T10:48:03+01:00 $ (Webmaster)
  • reXistenZ scrive:
    installazione in locale, si può?
    A prescindere dal fatto che forse non lo proverò mai proprio perché è in asp, ho provato diversi CMS in PHP sul mio pc dopo avere installato EasyPHP.Come dovrei fare a provare in locale questo CMS?
    • Anonimo scrive:
      Re: installazione in locale, si può?
      - Scritto da: reXistenZ
      A prescindere dal fatto che forse non lo proverò
      mai proprio perché è in asp, ho provato diversi
      CMS in PHP sul mio pc dopo avere installato
      EasyPHP.
      Come dovrei fare a provare in locale questo CMS?scusa l'intervento un po' OT, ma non esiste dei componenti per i server apache che permettono di leggere ed interpretare i file ASP ?
    • rscano scrive:
      Re: installazione in locale, si può?
      - Scritto da: reXistenZ
      A prescindere dal fatto che forse non lo proverò
      mai proprio perché è in asp, ho provato diversi
      CMS in PHP sul mio pc dopo avere installato
      EasyPHP.
      Come dovrei fare a provare in locale questo CMS?Devi avere IIS (fornito all'interno di XP Pro o Windows 2000) e MYSQL. Poi gira senza problemi.
  • reXistenZ scrive:
    validazione WAI
    Qualcuno sa dirmi se esistono altri CMS (in PHP, però!) che tra le loro funzioni includono il controllo di validazione per l'accessibilità?
    • Anonimo scrive:
      Re: validazione WAI
      Non sono sicurissimo che abbia la validazione che cerchi tu... Però potresti provare a vedere Docebo:http://www.docebo.orgTrai tutti i CMS php sembra il più attinente con la legge Stanca.Attenzione però! La legge Stanca è largamente IMPROBABILE e IMPOSSIBILE da rispettare completamente. Per avere la conferma fate un giro per i siti internet dei maggiori comuni d'Italia.
      • rscano scrive:
        Re: validazione WAI
        - Scritto da:
        Attenzione però! La legge Stanca è largamente
        IMPROBABILE e IMPOSSIBILE da rispettare
        completamente.

        Per avere la conferma fate un giro per i siti
        internet dei maggiori comuni
        d'Italia.Oddio... come dire che per comprovare che non si fa sesso bisogna fare un giro per una piazza pubblica...Ma la finiamo con le favole che la legge non è applicabile visto che si basa su norme tecniche che risalgono al secolo scorso? :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: validazione WAI
          Quindi secondo te Fruibile rispetta COMPLETAMENTE la legge Stanca?
          • rscano scrive:
            Re: validazione WAI
            - Scritto da:
            Quindi secondo te Fruibile rispetta COMPLETAMENTE
            la legge
            Stanca?E' stato sviluppato ad hoc per quello e penso di conoscere bene i requisiti di legge :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: validazione WAI
      - Scritto da: reXistenZ
      Qualcuno sa dirmi se esistono altri CMS (in PHP,
      però!) che tra le loro funzioni includono il
      controllo di validazione per
      l'accessibilità?eZpublish 3.x supporta WAI per i template di base inclusi. Per quelli self-made devi essere tu a renderli compatibili con la specifica.Una volta fatti i template però sei a posto, poiché l'editor non è html, ma xml, quindi viene preprocessato tutto e convertito in html valido per le specifiche impostate.La versione 4 (upcoming) avrà un validatore che controllerà la sintassi dei template aggiuntivi avvertendo l'utente di eventuali problemi.http://ez.no/community/articles/ez_publish_4_0_features_list/new_fully_support_wai
      • rscano scrive:
        Re: validazione WAI
        - Scritto da:

        - Scritto da: reXistenZ

        Qualcuno sa dirmi se esistono altri CMS (in PHP,

        però!) che tra le loro funzioni includono il

        controllo di validazione per

        l'accessibilità?

        eZpublish 3.x supporta WAI per i template di base
        inclusi. Per quelli self-made devi essere tu a
        renderli compatibili con la
        specifica.
        Una volta fatti i template però sei a posto,
        poiché l'editor non è html, ma xml, quindi viene
        preprocessato tutto e convertito in html valido
        per le specifiche
        impostate.
        La versione 4 (upcoming) avrà un validatore che
        controllerà la sintassi dei template aggiuntivi
        avvertendo l'utente di eventuali
        problemi.
        http://ez.no/community/articles/ez_publish_4_0_feaCome si diceva prima: un plauso per il codice generato ma CMS accessibile e in generale applicazione web-based accessibile significa che anche la parte amministrativa lo è.
  • Anonimo scrive:
    eZPublish
    Qua vedo che si calca la mano sull'accessibilità del prodotto. Questo cosa comporta? Che i template con cui probabilmente viene fornito "Fruibile" sono già testati e ha un validatore integrato.Io lavoro da anni con eZPublish e grazie alla sua grande flessibilità sono in grado di renderizzare i contenuti esattamente come voglio, sia che voglia fare un feed xml verso frontend flash sia che voglia un sito completamente accessibile con tutti i bollini del caso.La differenza fra i due sistemi è che eZPublish è un cms enterprise, opensource, che permette di creare siti che scalano da 1 a 2 milioni di nodi (oltre il milione di nodi è tassativo il clustering cmq), supporta nativamente il clustering, e permette realmente di fare _qualunque cosa_. Anche un gestionale se vuoi!Per ora gira su php 4.4, mysql/mssql/oracle/postgres, ma dalla prossima major release avrà un suo application server proprietario, e racchiude una comunità di migliaia di utenti e sviluppatori che tutti gli anni si trovano in norvegia per la ez conference.Che dire, sono anni che lavoro con cms di ogni sorta, ma quello che mi ha dato maggiori soddisfazioni è ezpublish, anche più di vignette per certi versi (dove non puoi mettere le mani su nulla, visto che TU sei l'utente finale, e LORO ti sistemano il cms a colpi di 10000 euro alla volta :(Certo, la curva di apprendimento di ez è decisamente più ripida di quella toh di joomla, ma i target sono totalmente diversi.My 2 cents!
    • reXistenZ scrive:
      Re: eZPublish

      La differenza fra i due sistemi è che eZPublish è
      un cms enterprise, opensource, che permette di
      creare siti che scalano da 1 a 2 milioni di nodi
      (oltre il milione di nodi è tassativo il
      clustering cmq), supporta nativamente il
      clustering, e permette realmente di fare
      _qualunque cosa_. Anche un gestionale se
      vuoi!Ma c'è anche qualche facilitazione per realizzare delle maschere di inserimento dati?
      Certo, la curva di apprendimento di ez è
      decisamente più ripida di quella toh di joomla,
      ma i target sono totalmente
      diversi.Forse volevi dire molto meno ripida?
      • Anonimo scrive:
        Re: eZPublish
        - Scritto da: reXistenZ

        La differenza fra i due sistemi è che eZPublish
        è

        un cms enterprise, opensource, che permette di

        creare siti che scalano da 1 a 2 milioni di nodi

        (oltre il milione di nodi è tassativo il

        clustering cmq), supporta nativamente il

        clustering, e permette realmente di fare

        _qualunque cosa_. Anche un gestionale se

        vuoi!

        Ma c'è anche qualche facilitazione per realizzare
        delle maschere di inserimento
        dati?
        La facilitazione te la crei tu. Nel senso che sfrutti la sua interfaccia di admin per costruirti le classi di contenuto esattamente come vuoi tu. Esempio, ti serve la classe "scheda tecnica" che non esiste fra quelle di default, benissimo, la crei e ci metti un campo codice, descrizione, foto, allegato file per la brochure, colore (campo array con valori prefissati ad esempio) e via dicendo.Poi devi visualizzare questa nuova classe, perciò vai a creare un override della vista full generica per la classe specifica "scheda tecnica", copi quello della classe che ci assomiglia di piu o te lo fai da 0, e lo modifichi per visualizzare i nuovi campi che hai creato.Tutti i file .tpl sono discendenti, nel senso che pagelayout.tpl è quello esterno principale, tutto ciò che viene dentro, (vista full del nodo, che contiene magari una vista list dei sottonodi, ecc.ecc.) può essere ridefinito con file tpl discendenti fino al singolo tag xml.Questo tradotto in parole povere significa parecchio lavoro all'inizio per prepararsi lo scheletro esterno, che però va sempre più spedito man mano che vai al dettaglio perchè le cose esterne vengono tutte riciclate.

        Certo, la curva di apprendimento di ez è

        decisamente più ripida di quella toh di joomla,

        ma i target sono totalmente

        diversi.

        Forse volevi dire molto meno ripida?Volevo dire ciò che ho detto. La curva di apprendimento è più ripida perché:1. il sistema non lo carichi di certo sull'hosting di aruba. Per sfruttare appieno questo cmq serve una macchina su cui hai accesso root preferibilmente, poter installare estensioni di php (mbstring e le gd2),il sistema attuale gira SOLO con php 4.4 (nè 4.3 nè 5), il prossimo girerà con php 6 direttamente dicono, imagemagick per la gestione/ridimensionamento automatico delle immagini, e quindi è necessaria una discreta abilità sistemistica.2. devi impararti il suo linguaggio di templating, che per carità, non è chissà cosa di incomprensibile ma cmq è una cosa che va imparata se vuoi usare il sistema.3. il fatto di essere completamente modulare, dove qualsiasi cosa nel sistema è una classe, lo rende molto generico, quindi per qualche compito specifico a volte serve più preparazione iniziale dei vari template, a vantaggio di una maggior pulizia del codice e di una standardizzazione del tutto. Joomla è invece un "poccio" di php mescolato a codice html, più altre librerie php dietro per i moduli, tutti sviluppati in modo diverso da loro, e spesso per una qualsiasi modifica devi "hackare" il codice, rischiando di perdere tutto al primo update.In ezpublish tu non tocchi mai il codice sorgente, e procedi solo per override a cascata di qualsiasi cosa. Se vuoi aggiungere caratteristiche crei una estensione applicando le sue api e la integri nel sistema.Tutto questo ti dà una grande flessibilità, una grande espandibilità e ti fa sentire di avere in mano uno strumento con cui ci "fai quello che vuoi" nel vero senso della parola.Però come dicevo 50 righe più sopra, va a scapito di una out-of-the-box experience, che spesso disarma gli utenti occasionali, che invece con joomla hanno il loro sitozzo su in 15 minuti, fatto uguale a tutti gli altri, e si adattano LORO al cms, non viceversa.
    • Anonimo scrive:
      Re: eZPublish

      Che dire, sono anni che lavoro con cms di ogni
      sorta, ma quello che mi ha dato maggiori
      soddisfazioni è ezpublish, anche più di vignette
      per certi versi (dove non puoi mettere le mani su
      nulla, visto che TU sei l'utente finale, e LORO
      ti sistemano il cms a colpi di 10000 euro alla
      voltaCi sono aziende che per molto meno ti creano un cms cucito apposta sulle esigenze della tua azienda senza le limitazioni o complessita' inutili che puo' avere un cms generico, per non parlare delle vulnerabilita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: eZPublish
        sono proprio i progetti OS con migliaia di utenti/sviluppatori da anni a testarlo che garantiscono minore vulnerabilità...
    • Anonimo scrive:
      Re: eZPublish
      e ce ne sono anche altri...
  • Anonimo scrive:
    Bello, ma ancora "piccolo"
    Ben vengano nuove soluzioni, ma finché sono in mano a poche persone, preferisco non affidarmi per un progetto grosso.In questi casi meglio un CMS con numeri più grossi (come Joomla! ad esemprio), che se si prende linfluenza qualcuno non rimango a piedi.
    • rscano scrive:
      Re: Bello, ma ancora "piccolo"
      - Scritto da:
      Ben vengano nuove soluzioni, ma finché sono in
      mano a poche persone, preferisco non affidarmi
      per un progetto
      grosso.
      In questi casi meglio un CMS con numeri più
      grossi (come Joomla! ad esemprio), che se si
      prende linfluenza qualcuno non rimango a
      piedi.Certamente hai ragione... è la stessa cosa che pensavano all'inizio quelli che non collaboravano con i progetti OS :-)Sta comunque il fatto che l'esempio che hai citato non è conforme ai requisiti di legge :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Bello, ma ancora "piccolo"
        mi sembra la moltiplicazione dei partiti in italia... invece di collaborare ognuno se ne apre uno suo :)
  • Anonimo scrive:
    CMS e accessibilità
    Mi piacerebbe fare una precisazione sulla questione CMS e accessibilità.Il fatto che un CMS sia accessibile vuol dire che è possibile farci un sito accessibile, non che in ogni caso il risultato lo sia.Il concetto stesso di CMS sembra voler nascondere il fatto che per fare pagine (X)HTML di livello decente è necessario essere istruiti per farlo: un editor WYSIWYG non risolve questo genere di problemi! Chi genera i contenuti deve comunque comprendere la semantica HTML e tutti i problemi dell'accessibilità. A questo punto la metà di quello che il CMS dovrebbe aiutare a fare è perso...
    • reXistenZ scrive:
      Re: CMS e accessibilità

      Mi piacerebbe fare una precisazione sulla
      questione CMS e
      accessibilità.

      Il fatto che un CMS sia accessibile vuol dire che
      è possibile farci un sito accessibile, non
      che in ogni caso il risultato lo
      sia.

      Il concetto stesso di CMS sembra voler nascondere
      il fatto che per fare pagine (X)HTML di livello
      decente è necessario essere istruiti per farlo:
      un editor WYSIWYG non risolve questo genere di
      problemi! Chi genera i contenuti deve comunque
      comprendere la semantica HTML e tutti i
      problemi dell'accessibilità. A questo punto la
      metà di quello che il CMS dovrebbe aiutare a fare
      è
      perso...Giustissimo. Qualche tempo fa ho posto la stessa questione agli sviluppatori del CMS che uso io.In pratica il CMS può assicurare che template e fogli di stile nella dotazione standard rispondano ai criteri di accessibilità, poi come uno scrive i contenuti delle pagine è sua diretta responsabilità.Comunque mi piacerebbe molto approfondire meglio la questione, che mi sembra abbastanza impegnativa da affrontare.
    • lucamascaro scrive:
      Re: CMS e accessibilità
      Quello che fa fruibile è garantire la validazione dei template, garantire la validazione dei contenuti generati e rompere le scatole all'utente chiedendogli obbligatoriamente alt image ecc..Poi tutte le interfacce amministrative sono conformi alla 04/2004 che è quello che richiede la legge :)
    • rscano scrive:
      Re: CMS e accessibilità
      - Scritto da:
      Il fatto che un CMS sia accessibile vuol dire che
      è possibile farci un sito accessibile, non
      che in ogni caso il risultato lo
      sia.E aggiungerei che il CMS stesso sia accessibile in tutte le sue funzionalità :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: CMS e accessibilità
      una volta si facevano le pagine web col notepad una ad una :Doggi basta un template.il tempo che avanza dovrebbe servire a farlo bene, con attenzione.e con il CMS adatto sotto moltissimi punti di vista.non esiste (ancora) il software che progetta bene al nostro posto.
  • Anonimo scrive:
    che paccata
    tante speranze e poi "basato su tecnologie microsoft"????????Ma non prendiamoci in giro e dire che scano è sempre parso di maggiore giudizio.rino
  • Veon scrive:
    Bene!
    Benvenuti nel mondo dell'open source, soddisfazioni economiche nulle ma grandi soddisfazioni personali.Io consiglio di aprire il progetto anche su Sourceforge, è un'ottima vetrina e chi cerca un software open di solito per prima cosa fa un salto lì. Secondo attiverei una demo sul sito. Terzo spingerei per avere un porting su piattaforma php che aumenterebbe non di poco le possibilità che il software venga scaricato/installato/scelto (personalmente non conosco alcun sistemista che consiglierebbe un server web Windows). In questo la piattaforma Sourceforge può aiutare, c'è la possibilità di richiedere aiuto ad altri programmatori membri della comunità e di solito funziona, le offerte di aiuto arrivano..Buona fortunaAndrea
  • Anonimo scrive:
    Mia valutazione
    Ho cominciato a leggere le features.Alla terza leggo "Architettura modulare e flessibile basata su tecnologie Microsoft."Ho solo server Linux.Mi sono fermato lì...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mia valutazione
      - Scritto da:
      Ho cominciato a leggere le features.
      Alla terza leggo "Architettura modulare e
      flessibile basata su tecnologie
      Microsoft."

      Ho solo server Linux.

      Mi sono fermato lì...Se vuoi prendi il codice ASP e lo traduci in quello che vuoi. E' il free software, baby
      • Anonimo scrive:
        Re: Mia valutazione
        - Scritto da:
        Se vuoi prendi il codice ASP e lo traduci in
        quello che vuoi. E' il free software,
        babyIl freesoftware non usa roba blindata per funzionare, di solito. Altrimenti non e' freesoftware, ma altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mia valutazione

      "Architettura modulare e
      flessibile basata su tecnologie
      Microsoft."L'ultima parte della frase contraddice la prima.(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    ma non sarebbe stato più produttivo...
    ...impegnarsi a rendere definitivamente accessibile qualcuno dei diffusissimi CMS con progetto davvero open-source già esistenti da anni, con migliaia di sviluppatori-utenti, che garantiscono sicurezza e sviluppo, e supportano tecnologie realmente open e diffuse (diciamo LAMP)?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non sarebbe stato più produttivo.
      - Scritto da:
      ...impegnarsi a rendere definitivamente
      accessibile qualcuno dei diffusissimi CMS con
      progetto davvero open-source già esistenti da
      anniE' più semplice fare da zero un CMS accessibile che sistemarne uno esistente.
    • rscano scrive:
      Re: ma non sarebbe stato più produttivo.
      - Scritto da:
      ...impegnarsi a rendere definitivamente
      accessibile qualcuno dei diffusissimi CMS con
      progetto davvero open-source già esistenti da
      anni, con migliaia di sviluppatori-utenti, che
      garantiscono sicurezza e sviluppo, e supportano
      tecnologie realmente open e diffuse (diciamo
      LAMP)?Certo e pensi che sia semplice inserirsi in progetti esistenti dicendo: bene da oggi si butta tutto e si ridisegna pensando alle norme tecniche WCAG ed ISO... Quel che spero è che anche altri prodotti comincino a comprendere che lo sviluppo di interfacce per i CMS sviluppate con l'accessibilità in mente è un must...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma non sarebbe stato più produttivo.
        mah, non vedo nessun problema a inserirsi in progetti open-source e sviluppare/modificare moduli in grado di generare codice accessibile per i propri progetti e poi metterlo a disposizione di tutti...è proprio questa la filosofia open.ed è certamente meno oneroso che fare un CMS da zero, con tutto il debugging e l'aggiornamento sucessivo del lato sicurezza ecc. ecc. (cosa che invece per i progetti open è già ben avviata da anni).peccato che in italia non si lavori così...
  • localhost scrive:
    Non è mica l'unico
    C'è anche Harmoniahttp://harmonia.cefriel.it/e oltretutto già da qualche annoPer la redazione: aggiornarsi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è mica l'unico
      Infatti: http://www.opensourcecms.com/Marco Ravich
      • reXistenZ scrive:
        Re: Non è mica l'unico

        Infatti: http://www.opensourcecms.com/Non mi sembra che tutti garantiscano il rispetto degli standard di accessibilità...
      • rscano scrive:
        Re: Non è mica l'unico
        - Scritto da:
        Infatti: http://www.opensourcecms.com/

        Marco RavichA norma della 4/2004 ed accessibile anche in backoffice? Il problema è che per CMS accessibile sino ad oggi si è erroneamente pensato a soluzioni che fornissero la creazione di contenuti accessibili. Ma secondo le specifiche W3C (del secolo scorso) ed ISO (in fase di emanazione) non è così...
        • Anonimo scrive:
          Re: Non è mica l'unico
          per la maggior parte degli aspetti tecnici "automatici" basta un cms che permetta di personalizzare anche il backoffice... e questo quasi tutti lo fanno.il resto delle specifiche è lavoro del progettista...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è mica l'unico
      Certo che sei antipatico....La redazione ha fatto un articolo su un prodotto, mica per questo deve citarli tutti!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è mica l'unico
      - Scritto da: localhost
      C'è anche Harmonia

      http://harmonia.cefriel.it/

      e oltretutto già da qualche annoQuoto in toto.Oltretutto è scritto in Java e gira su Tomcat ;)
      • rscano scrive:
        Re: Non è mica l'unico
        - Scritto da:
        - Scritto da: localhost

        C'è anche Harmonia



        http://harmonia.cefriel.it/



        e oltretutto già da qualche anno

        Quoto in toto.

        Oltretutto è scritto in Java e gira su Tomcat ;)
        leggi anche il mio quote ;-)
    • rscano scrive:
      Re: Non è mica l'unico
      - Scritto da: localhost
      C'è anche Harmonia

      http://harmonia.cefriel.it/

      e oltretutto già da qualche anno

      Per la redazione: aggiornarsi...Harmonia è conforme ai 22 requisiti anche dal lato backoffice? E' già da qualche anno che (vedasi archivi di webaccessibile@itlists.org) si fa notare che il prodotto da te citato non corrisponde in toto al rispetto dei requisiti di legge (oltre alla necessità di requisiti hw e sw "pesanti").Per chi ha postato: informarsi...
  • Anonimo scrive:
    Peccato che è in ASP
    Sarebbe più pratico in PHP :'( Comunque ottimo lavoro
    • lucamascaro scrive:
      Re: Peccato che è in ASP
      - Scritto da:
      Sarebbe più pratico in PHP :'( Comunque ottimo
      lavoroEcco colgo l'occasione per chiedere una mano a tutti coloro che conoscono php ad attuare una nostra idea... vale a dire trascriverlo proprio in php ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Peccato che è in ASP
        - Scritto da: lucamascaro

        - Scritto da:

        Sarebbe più pratico in PHP :'( Comunque ottimo

        lavoro

        Ecco colgo l'occasione per chiedere una mano a
        tutti coloro che conoscono php ad attuare una
        nostra idea... vale a dire trascriverlo proprio
        in php
        ;)Volentieri se conoscessi asp :(:'(
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          non conosco l'asp e non intendo farlo, peccato perchè mi sembra un progetto con belle promesse
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            non conosco l'asp e non intendo farlo , peccato
            perchè mi sembra un progetto con belle
            promesseCome sei restrittivo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Peccato che è in ASP
        Assumetemi. Lavorerei volentierissimo per un progetto simile.Olmo
        • lucamascaro scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          - Scritto da:
          Assumetemi. Lavorerei volentierissimo per un
          progetto
          simile.eheh non c'è più un azienda dietro, è pura comunità ora :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Peccato che è in ASP
      Assolutamente daccordo se fosse stato in php sarebbe stato uno strumento molto interessante!Complimenti comunque, scrivere un CMS non è cosa da poco.speriamo in una conversione a presto ^_^
      • Anonimo scrive:
        Re: Peccato che è in ASP
        - Scritto da:
        Assolutamente daccordo se fosse stato in php
        sarebbe stato uno strumento molto
        interessante!

        Complimenti comunque, scrivere un CMS non è cosa
        da
        poco.

        speriamo in una conversione a presto ^_^Scusa ma per quale ragione "se fosse stato in php sarebbe stato uno strumento molto interessante"?Se in ASP è stato fatto tutto questo non capisco perché bisogna per forza farlo in php!
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Assolutamente daccordo se fosse stato in php

          sarebbe stato uno strumento molto

          interessante!



          Complimenti comunque, scrivere un CMS non è cosa

          da

          poco.



          speriamo in una conversione a presto ^_^

          Scusa ma per quale ragione "se fosse stato in php
          sarebbe stato uno strumento molto
          interessante"?
          Se in ASP è stato fatto tutto questo non capisco
          perché bisogna per forza farlo in
          php!perche asp e morto
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          perchè avere una applicazione opensource per un linguaggio closed source è un pò come avere il motore di una 500 su una Ferrari... :s
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            perchè avere una applicazione opensource per un
            linguaggio closed source è un pò come avere il
            motore di una 500 su una Ferrari...
            :sConcordo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            perchè avere una applicazione opensource per un

            linguaggio closed source è un pò come avere il

            motore di una 500 su una Ferrari...

            :s

            Concordo.
            commenti da bar..
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            commenti da bar..Il tuo decisamente si'.Ma raramente i commenti da bar sono inutili come il tuo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            commenti da bar..qua di bar ci sta solo quello che ho sotto casa
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Assolutamente daccordo se fosse stato in php

          sarebbe stato uno strumento molto

          interessante!



          Complimenti comunque, scrivere un CMS non è cosa

          da

          poco.



          speriamo in una conversione a presto ^_^

          Scusa ma per quale ragione "se fosse stato in php
          sarebbe stato uno strumento molto
          interessante"?
          Se in ASP è stato fatto tutto questo non capisco
          perché bisogna per forza farlo in
          php!Sono quello che ha iniziato il thread. Io ad esempio trovo lo strumento molto interessante, ho scritto "Peccato che è in asp" per i seguenti motivi:- E' molto più facile trovare hosting php a prezzi bassi che non hosting asp- Conosco php o java ma non asp :$- asp è una tecnologia che sta venendo dismessa dalla stessa microsoft a favore di asp.net, quindi IMHO il porting ad altro tecnologia, prima viene fatto meglio è.Tutto IMHOPoi il prodotto può essere ottimo o fare schifo a prescindere da questi aspetti
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Assolutamente daccordo se fosse stato in php


            sarebbe stato uno strumento molto


            interessante!





            Complimenti comunque, scrivere un CMS non è
            cosa


            da


            poco.





            speriamo in una conversione a presto ^_^



            Scusa ma per quale ragione "se fosse stato in
            php

            sarebbe stato uno strumento molto

            interessante"?

            Se in ASP è stato fatto tutto questo non capisco

            perché bisogna per forza farlo in

            php!

            Sono quello che ha iniziato il thread. Io ad
            esempio trovo lo strumento molto interessante, ho
            scritto "Peccato che è in asp" per i seguenti
            motivi:
            - E' molto più facile trovare hosting php a
            prezzi bassi che non hosting
            asp
            - Conosco php o java ma non asp :$
            - asp è una tecnologia che sta venendo dismessa
            dalla stessa microsoft a favore di asp.net,
            quindi IMHO il porting ad altro tecnologia, prima
            viene fatto meglio
            è.

            Tutto IMHO

            Poi il prodotto può essere ottimo o fare schifo a
            prescindere da questi
            aspettiCiao, sono quello che t'ha fatto la domanda e capisco cosa intendi... Non vorrei dire amenità e scatenare flames, ma io con aruba mi ci trovo benissimo per i siti web in ASP,ASPX e PHP...Cmq, se non erro, esiste un componente per i server apache in grado di far girare le pagine ASP. E' vero questo o no?
    • rscano scrive:
      Re: Peccato che è in ASP
      - Scritto da:
      Sarebbe più pratico in PHP :'( Comunque ottimo
      lavoroE' uno dei progetti :-) Il vantaggio di avere esperti di accessibilità garantirà la nascita di soluzioni accessibili sino dallo scheletro delle applicazioni stesse... è questa la novità che si vuol lanciare con Fruibile :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Peccato che è in ASP
        Si ma resta il fatto che è ASP. Che non è cosa buona...
        • rscano scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          - Scritto da:
          Si ma resta il fatto che è ASP. Che non è cosa
          buona...ah è vero! è il codice del diavolo che gira pure con Windows 98 e PWS e non richiede alle P.A. di acquistare nuovi server...
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da: rscano
            ah è vero! è il codice del diavolo che gira pure
            con Windows 98 e PWS e non richiede alle P.A. di
            acquistare nuovi
            server...Le PA non devono acquistare proprio niente di nuovo, basta cambiare il software che hanno ora sui server e metterci del codice libero.Si paga la consulenza, esattamente quella che serve per implementare e gestire un CMS nuovo come questo.
          • rscano scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            Le PA non devono acquistare proprio niente di
            nuovo, basta cambiare il software che hanno ora
            sui server e metterci del codice
            libero.Certo, se il server aveva solo funzionalità di server web... e se invece era un investimento in cui tenevano anche applicazioni Windows?
            Si paga la consulenza, esattamente quella che
            serve per implementare e gestire un CMS nuovo
            come
            questo.Questo cms basta scompattarlo, inserire i parametri del DB nel global.asa, scegliere se usare access, mssql o mysql e via :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da: rscano
            Certo, se il server aveva solo funzionalità di
            server web... e se invece era un investimento in
            cui tenevano anche applicazioni Windows?Se aveva investito in Windows per gestire il web e l'infratruttura di rete, semplicemente la PA aveva sbagliato investimento e quindi fa sempre in tempo a non rinsovare le costosissime licenze MS, e pagare un decimo di quesi soldi a dei consulenti capaci che gestiscano 10 volte meglio la stessa struttura di prima usando software libero.La PA ha tutto l'interesse a farlo, perche' rende un servizio migliore ai cittadini, soprattutto in termini di trasparenza e flessibilita' nei confronti del contribuente (cosa che i software closed non possono fare).
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            Se aveva investito in Windows per gestire il web
            e l'infratruttura di rete, semplicemente la PA
            aveva sbagliato investimento e quindi fa sempre
            in tempo a non rinsovare le costosissime licenze
            MS, e pagare un decimo di quesi soldi a dei
            consulenti capaci che gestiscano 10 volte meglio
            la stessa struttura di prima usando software
            libero.

            La PA ha tutto l'interesse a farlo, perche' rende
            un servizio migliore ai cittadini, soprattutto in
            termini di trasparenza e flessibilita' nei
            confronti del contribuente (cosa che i software
            closed non possono
            fare).Ok Fratello, hasta Linux siempre! Mah...
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato che è in ASP
          - Scritto da:
          Si ma resta il fatto che è ASP. Che non è cosa
          buona...Assolutamente d'accordo.Peccato per il progetto, era interessante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            Avrei scommesso che fosse asp.net invece sono rimasto sorpreso dal vedere i files asp.Cmq non potete comparare php nella versione attuale con asp che è rimasto dietro o meglio ha cambiato radicalmente tecnologia.Vanno comparati php e asp.net (che permette di usare c# vb.net ed un bel po di altre cose).In asp.net, programmato a dovere, spazzerebbe via tutti i joomla e simili.Il problema è proprio che in php molti sviluppano per gli altri mentre gli sviluppatori microsoft fanno poco e niente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:
            In asp.net, programmato a dovere, spazzerebbe via
            tutti i joomla e
            simili.
            Il problema è proprio che in php molti sviluppano
            per gli altri mentre gli sviluppatori microsoft
            fanno poco e
            niente.invece questo è scritto in java sotto licenza GPLwww.opencms.org
          • rscano scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            In asp.net, programmato a dovere, spazzerebbe
            via

            tutti i joomla e

            simili.

            Il problema è proprio che in php molti
            sviluppano

            per gli altri mentre gli sviluppatori microsoft

            fanno poco e

            niente.

            invece questo è scritto in java sotto licenza GPL
            www.opencms.orgBello ma non a norma nel lato amministrativo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Peccato che è in ASP
            - Scritto da: rscano

            www.opencms.org

            Bello ma non a norma nel lato amministrativo.lo so cmq questo progetto lo usai nel lontano 1999per un noto giornale online.mi ci sono trovato sempre bene
  • Anonimo scrive:
    simpatico il blog ufficiale
    http://fruibile.blogspot.com/mi lascia un pò perplesso che non abbiano utilizzato il loro codice per crearne uno.. :s
    • lucamascaro scrive:
      Re: simpatico il blog ufficiale
      Perchè fruibile non ha ancora il modulo blog e anche perchè l'ho aperto alle 2 di notte per garantirci un posto dove rilasciare i comunicati... è un mezzo nient'altro ;)
    • rscano scrive:
      Re: simpatico il blog ufficiale
      Semplice: per il pagerank di blogspot :-)
  • Anonimo scrive:
    Open Source?
    Che ci fanno le dll tra i sorgenti (dentro misc)?Inoltre queste ultime sono redistribuibili?Non sono riuscito a trovare la loro licenza (a parte libtidy).All'inizio mi chiedevo perche' mai dovessero distribuire il loro pregetto sotto lgpl (liberissimi di farlo, ci mancherebbe), poi avendo trovato le dll in questione ho capito @^
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source?
      http://www.joomla.org/
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source?
        - Scritto da:
        http://www.joomla.org/Li' c'e' scritto in che licenza sono distribuite le dll?Ma che razza di risposta e'? :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source?
      Ah dimenticavo, oltre a questo post scarno perche' non ho modo di provare il prodotto, mi sarebbe piaciuto proporre agli autori di attivare una sezione demo, altrimenti dovrei accontentarmi di leggere il codice (geek)Saluti e grazie per il contributo.
    • gerry scrive:
      Re: Open Source?
      - Scritto da:
      Che ci fanno le dll tra i sorgenti (dentro misc)?Non è in asp.NET? Se non ricordo male asp.net compila i sorgenti in automatico per aumentare la resa.
    • rscano scrive:
      Re: Open Source?
      - Scritto da:
      Che ci fanno le dll tra i sorgenti (dentro misc)?
      Inoltre queste ultime sono redistribuibili?
      Non sono riuscito a trovare la loro licenza (a
      parte
      libtidy).Fanno parte del pacchetto e non sono necessarie se si utilizza xstandard a parte xstructure che è una dll che non fa altro che interpretare dati in XML per la visualizzazione dei menu e sono fornite assieme al pacchetto.
      All'inizio mi chiedevo perche' mai dovessero
      distribuire il loro pregetto sotto lgpl
      (liberissimi di farlo, ci mancherebbe), poi
      avendo trovato le dll in questione ho capito
      @^Il motivo è spiegato nel blog e non c'è nulla di nascosto: se volevamo solo ottenere sviluppo per fini futuri non avremmo rilasciato il prodotto come LGPL ma avremmo assunto qualche sviluppatore su rentacoder :-)
      • Trollone scrive:
        Re: Open Source?
        - Scritto da: rscano
        ma avremmo assunto qualche sviluppatore
        su rentacoder
        :-)Perchè gli sviluppatori italiani costano troppo ? @^
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    Titolo da correggere: CSM al posto di CMS (ghost)
  • hulio scrive:
    Bravi
    complimenti, è bello vedere che anche in Italia ci diamo da fare. Bravi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravi
      - Scritto da: hulio
      complimenti, è bello vedere che anche in Italia
      ci diamo da fare.
      Bravi!se in italia darsi da fare vuol dire rilasciare in gpl un vecchio cms in asp, allora siamo messi molto bene :'(bella la pappa gratis...
      • rscano scrive:
        Re: Bravi
        - Scritto da:

        - Scritto da: hulio

        complimenti, è bello vedere che anche in Italia

        ci diamo da fare.

        Bravi!

        se in italia darsi da fare vuol dire rilasciare
        in gpl un vecchio cms in asp, allora siamo messi
        molto bene
        :'(vecchio?
  • Anonimo scrive:
    CSM ?
    e che cazz è ?
  • lucamascaro scrive:
    Per la redazione
    Nel titolo c'è scritto CSM al posto di CMS ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Per la redazione
      - Scritto da: lucamascaro
      Nel titolo c'è scritto CSM al posto di CMS

      ;)commento utile
      • Anonimo scrive:
        Re: Per la redazione
        - Scritto da:

        - Scritto da: lucamascaro

        Nel titolo c'è scritto CSM al posto di CMS



        ;)

        commento utileMolto più del tuo :@
Chiudi i commenti