Opera: create subito i vostri widget

Se uno dei punti di forza di Firefox è dato dalle estensioni, Opera Software vuol fare dei widget il cavallo di battaglia del proprio browser. Per riuscirci, ha rilasciato un apposito kit di sviluppo gratuito. Ecco cosa contiene

Oslo – A due anni di distanza dal rilascio della prima versione del proprio browser, la 9.0, capace di supportare i widget, Opera Software ha rilasciato la beta di un software developer kit che promette di semplificare la creazione di widget multipiattaforma.

L’ Opera Widgets Software Development Kit (SDK) si compone di strumenti, librerie, documentazione e codici d’esempio, e dalla sua home page è possibile accedere a tutte le risorse disponibili sul sito dev.opera.com per la realizzazione di widget. Per funzionare, l’SDK necessita di Opera 9.5, attualmente disponibile nella versione beta 2 .

I widget di Opera sono mini applicazioni web che girano all’interno di un ambiente di esecuzione runtime integrato nel browser. Questi programmi possono essere scritti in modo simile ad una pagina web, utilizzando tecnologie standard come HTML, CSS, JavaScript e AJAX: la loro peculiarità è quella di poter “vivere” al di fuori della finestra del browser, e continuare ad essere visibili sul desktop anche quando Opera è ridotto a icona o nascosto nella systray (deve comunque essere in esecuzione).

I widget creati con l’SDK di Opera Software possono girare su quasi tutti i dispositivi supportati dal browser norvegese, inclusi PC, smartphone, set-top box e console da gioco. Va ricordato, a tal proposito, come Opera sia attualmente il browser capace di supportare il maggior numero di device e piattaforme: queste comprendono Windows, Linux, Mac OS X, Unix, BeOS, Windows CE/Mobile, QNX, Symbian OS, J2ME, Nintendo DS e Wii.

Da sottolineare come il piccolo Opera Mini, capace di girare sulla quasi totalità dei telefoni cellulari dotati di Java, manchi del supporto ai widget: questa è una caratteristica che il browserino Java, a causa delle sue limitazioni tecniche, difficilmente potrà mai implementare.

Opera Widgets emulator

I tool inclusi nell’Opera Widgets SDK sono due: un emulatore, che permette di testare i widget e simularne l’esecuzione su varie piattaforme; e il debugger Dragonfly , rilasciato all’inizio del mese sotto licenza open source. Opera fornisce poi agli sviluppatori la possibilità di registrare un account gratuito su Opera XML Store , e ottenere uno spazio di archiviazione gratuito per quei widget che necessitano di registrare dati in modo persistente: tale spazio può, ad esempio, essere utilizzato da un widget per sincronizzare i dati tra computer desktop e smartphone.

Di seguito una video guida su Opera Widgets SDK.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • saimon e garfanchel scrive:
    2 nanosecondi ....
    .. e' il tempo che durerebbero questi ombrelloni in mano ai cafoni italiani :D
    • Homer S. scrive:
      Re: 2 nanosecondi ....
      Già.Ma è molto meglio spendere millemila milioni per centrali nucleari che la gente non vuole, che porteranno benefici minimi, che sono già vecchie prima di essere costruite e che probabilmente non verranno MAI costruite (ma si prenderanno i millemila milioni delle nostre tasse)(troll1)
      • saimon e garfanchel scrive:
        Re: 2 nanosecondi ....
        ma no e' meglio spendere millemila milioni per comprare ad un prezzo stratosferico la corrente dalla francia.La francia ha le centrali nucleari ... ma ovviamente quando ne esplodera' una, le particelle radioattive arriveranno al confine dell'italia e diranno "ah no questi sono ecologisti.... non li infettiamo .... torniamo indietro e ammorbiamo il centro della francia"
        • Diego scrive:
          Re: 2 nanosecondi ....
          Già ... perché mai prenderci le nanoparticelle dei francesi, quando potremo avere le nostre! ... e buone scorie a tutti (agli schiavi del terzomondo, intendo).Son d'accordo sul fatto che le centrali non si faranno, ma i nostri soldi se li prenderanno ugualmente ... e se le faranno, saranno già vecchie e antieconomiche.
          • saimon e garfanchel scrive:
            Re: 2 nanosecondi ....
            - Scritto da: Diego
            Già ... perché mai prenderci le nanoparticelle
            dei francesi, quando potremo avere le nostre! ...mah tipo per non pagare un abominio la corrente e poi lagnarci che la vita e' cara ?
          • Giocatore110 scrive:
            Re: 2 nanosecondi ....
            In Francia non si limitano al nucleare perchè, anche usandolo, sanno che da solo non risolve i problemi dell'approvvigionamento elettrico.Qui invece vogliono farci credere che con qualche centrale siamo a posto.Se vogliamo prendere la Francia ad esempio, almeno guardiamo che non si ferma mica a qualche centrale nucleare.
      • Shu scrive:
        Re: 2 nanosecondi ....
        - Scritto da: Homer S.
        Ma è molto meglio spendere millemila milioni per
        centrali nucleari che la gente non vuole, che
        porteranno benefici minimi, che sono già vecchieServe l'energia prodotta da un pannello solare funzionante per almeno 6 anni di fila per costruire un altro pannello solare delle stesse dimensioni.Ora come ora, cioe` fin quando il rendimento dei pannelli non sara` almeno del 50% (siamo intorno al 12-15%), i pannelli solari hanno senso solo in casi come questo: dove non c'e` una centrale vicina.Per il resto, inquinano piu` delle centrali a carbone, visto che la loro vita utile non supera i 7-8 anni (quindi "rendono" solo per il 20% della loro vita utile, gli ultimi 2 anni).Quindi si` alla ricerca sui pannelli fotovoltaici, ma no all'installazione di massa.Gli unici pannelli convenienti, ora, sono quelli solari termici (produzione di acqua calda).Per quanto riguarda il nucleare, la ricerca a livello mondiale ha fatto passi da gigante dai tempi di Chernobyl, e infatti non si sono avute notizie di incidenti altrettanto gravi (e anche li` e` stata colpa dei dirigenti, sembra, che non hanno spento il reattore ai primi segni di problemi).Io vedrei bene, per la produzione elettrica, un bel bilanciamento tra nucleare, eolico e idrico, per ora. Eliminazione totale (o riduzione drastica) del petrolio e carbone, che quindi diventano disponibili per altro (riscaldamento domestico, produzione materie plastiche, trasporti, ecc.)E in futuro pannelli fotovoltaici.
        prima di essere costruite e che probabilmente non
        verranno MAI costruite (ma si prenderanno i
        millemila milioni delle nostre
        tasse)La paura che non verranno mai costruite, e che si rivelino il solito pasticcio all'italiana, ha preso anche me, soprattutto perche` i tempi previsti per la realizzazione superano i 5 anni che durera` questo governo. A meno che non venga confermato, o che la sinistra si decida a vedere meglio il nucleare, potrebbero proprio finire su Striscia.Bye.
        • koteko scrive:
          Re: 2 nanosecondi ....
          il problema e' il tipo di centrale. quelle di quarta generazione saranno pronte forse nel 2030, gli investimenti ora si fanno in ricerca su QUELLE. Sarebbe molto meglio investire in idrica, eolica e termica, investendo in ricerca su solare e nucleare, cosi' che nel 2030 non avremo centrali costose, vecchie e con scorie che probabilmente sopravviverebbero all'umanita' =P
  • MegaLOL scrive:
    Non ce n'è bisogno...
    ... Bruciamo gli allievi! :D
    • 0verture scrive:
      Re: Non ce n'è bisogno...
      molti non sarebbero buoni neanche per quello
      • OMG scrive:
        Re: Non ce n'è bisogno...
        - Scritto da: 0verture
        molti non sarebbero buoni neanche per quelloParli forse di una malattia che abbia a che fare con paroline come "Alumnis Encefalopatia Spongiforme" ? LoL
Chiudi i commenti