Opera è il Web ristretto per cellulari

Ridurre al volo le pagine Web alla dimensione dei display dei cellulari senza i limiti del WAP. Questo promette la mamma di Opera, un browser sempre più lanciato anche sul mercato mobile
Ridurre al volo le pagine Web alla dimensione dei display dei cellulari senza i limiti del WAP. Questo promette la mamma di Opera, un browser sempre più lanciato anche sul mercato mobile


Oslo (Norvegia) – Opera Software, la società norvegese che sviluppa il terzo browser più diffuso al mondo, proclama di aver finalmente trovato la soluzione ideale all’annosa questione su come “rimpicciolire” le pagine Web per renderle leggibili sui piccoli display di un telefono cellulare o di un PDA. La soluzione è data da una nuova tecnologia di rendering che si preoccupa di riformattare al volo le pagine Web e visualizzarle in senso verticale.

L’azienda norvegese sostiene che il suo metodo offre almeno due vantaggi: il primo è che gli utenti non sono costretti a scorrere il testo della pagina in senso orizzontale, come spesso avviene con i browser Web progettati per i piccoli dispositivi, e il secondo è che, a differenza di quanto fanno i browser WAP o i servizi di proxing, gli utenti possono navigare direttamente sul Web senza l’intermediazione di un server proxy e senza rinunciare ai contenuti grafici e interattivi.

Opera Software sostiene che nonostante il suo sistema debba necessariamente “schiacciare” il contenuto delle pagine Web per farlo rientrare entro le dimensioni orizzontali tipiche del display di un telefono cellulare, il layout della pagina viene stravolto il meno possibile e, in ogni caso, nella riformattazione viene data priorità alla leggibilità del testo.

Questa nuova tecnologia di rendering per i dispositivi mobili rappresenta l’ennesimo passo di Opera Software verso la conquista del mercato dei browser embedded, un settore dove lo standard WAP (Wireless Application Protocol) ha avuto poca fortuna e potrebbe averne ancor meno nel prossimo futuro, quando all’aumentare della potenza dei telefoni cellulari e della velocità delle connessioni wireless le pagine HTML diverranno accessibili anche dai dispositivi più piccoli.

Lo sviluppo della nuova tecnologia di browsing, che potrebbe essere adottata dai produttori di cellulari entro la fine dell’anno, fa parte di quel grande progetto attraverso cui Opera Software ha quasi ultimato la creazione della versione 7 del suo browser, una release riscritta da zero che promette molte novità e un’ulteriore dose di prestazioni.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 10 2002
Link copiato negli appunti