Opera Mini, un morso alla Mela?

Nel corso del prossimo Mobile World Congress la software house norvegese svelerà la versione del suo browser per iPhone. Che sostiene sarà sei volte più veloce di Safari. Qualcuno frena gli entusiasmi
Nel corso del prossimo Mobile World Congress la software house norvegese svelerà la versione del suo browser per iPhone. Che sostiene sarà sei volte più veloce di Safari. Qualcuno frena gli entusiasmi

Qualcuno ha parlato di una mossa azzeccata nelle strategie di public relations di Opera. Per la software company norvegese una maniera per mettere pressione su Apple, affinché introduca nell’ app store del suo iPhone il browser web nordeuropeo. Insomma, perché presto verrà svelata al mondo la versione per Melafonino di Opera Mini .

A rivelare che ci sarebbe pronta una versione stabile del software un comunicato apparso sul sito di Opera Software, che ha illustrato alcuni dettagli sul prossimo mobile browser per iPhone. È in programma anche una presentazione che si terrà nel corso dell’imminente Mobile World Congress a Barcellona.

La versione di Opera Mini per Melafonino manterrà alcune delle sue caratteristiche peculiari, tra cui la feature speed dial, che permette agli utenti di avere un accesso diretto ai siti preferiti attraverso thumbnail sulla pagina iniziale. Ma ciò su cui Opera ha premuto è il fatto che Mini sarà sei volte più rapido del browser di default di Apple, Safari .

Come ha spiegato Katrin Jaakson, communication manager di Opera, la maggiore velocità di Mini è dovuta all’utilizzo da parte del browser di un server proxy per la compressione e la riformattazione delle pagine web prima che vengano trasmesse al dispositivo. La compressione, sempre stando al comunicato, renderà più economica la navigazione mobile dell’utente, facendogli spendere meno in traffico dati.

Opera ha poi sottolineato come non sia ancora stata inviata la richiesta ufficiale a Cupertino, per ottenere l’ammisione all’interno dell’AppStore. Jaakson si è mostrata particolarmente ottimista, ma non tutti hanno condiviso il suo entusiasmo. Secondo alcuni osservatori , è alquanto improbabile che la Mela accetti quello che è un duplicato di uno strumento web già presente su iPhone.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 02 2010
Link copiato negli appunti