Operazione Fenice, sequestrate le edicole online

Operazione Fenice, sequestrate le edicole online

La Guardia di Finanza chiude 15 siti responsabili della diffusione illegale di copie digitali di quotidiani. Il tutto è stato possibile tramite un nuovo sistema di tracciamento degli editori
La Guardia di Finanza chiude 15 siti responsabili della diffusione illegale di copie digitali di quotidiani. Il tutto è stato possibile tramite un nuovo sistema di tracciamento degli editori

Il nucleo speciale per la radiodiffusione e l’editoria della Guardia di Finanza, coordinato dalla Procura di Roma, è intervenuto contro la pirateria digitale che colpisce quotidiani e periodici, nazionali e internazionali. Nel corso dell’operazione, nome in codice Fenice, le Fiamme gialle hanno sequestrato dieci siti web ed oscurati cinque , con l’accusa di ospitare e diffondere copie digitali di contenuti editoriali protetti da diritto d’autore.

L’operazione ha inoltre portato all’ arresto di cinque persone residenti in tutta Italia e ritenute responsabili della “pubblicazione di quotidiani e periodici, nazionali e disponibili gratuitamente ed integralmente agli utenti del web attraverso piattaforme illegali che non versano i compensi spettanti ai titolari”: le loro abitazioni sono state perquisite ed il materiale informatico ivi trovato è stato sequestrato.

Le prove che hanno portato al loro arresto, tuttavia, sono state di fatto fornite alle Fiamme Gialle dagli editori stessi: i principali gruppi editoriali nazionali hanno adottato un metodo di tracciatura (probabilmente basato sulle tecnologie di watermarking) delle copie digitali che ha permesso di risalire ai responsabili. Le indagini sono riuscite a scoprire che i contenuti editoriali diffusi illegalmente da tali siti erano stati “acquisiti originariamente attraverso regolari abbonament ai canali di diffusione digitale delle testate” e questo ha permesso di risalire ai responsabili.

Come spiega, inoltre, la Federazione italiana editori di giornali (Fieg): “Questa iniziativa segue un’altra analoga dell’aprile scorso, che portò al sequestro e oscuramento di 19 siti/edicola”. In quel caso i pirati riuscivano ad ottenere la copia digitale del giornale non ancora mandato in stampa.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 29 gen 2016
Link copiato negli appunti