Opteron con ghiaccio, please

Gli Opteron sono pronti a sfoderare una nuova funzionalità per il risparmio energetico che, basata sulla tecnologia PowerNow!, li renderà anime gemelle dei server compatti e a basso consumo
Gli Opteron sono pronti a sfoderare una nuova funzionalità per il risparmio energetico che, basata sulla tecnologia PowerNow!, li renderà anime gemelle dei server compatti e a basso consumo


Sunnyvale (USA) – Con una mossa tesa a spingere Opteron sul fertile mercato dei server blade, AMD si prepara a sposare i suoi chipponi di fascia alta con la tecnologia di risparmio energetico PowerNow!, la stessa già integrata in alcune sue famiglie di CPU mobili e desktop.

Insieme alla tecnologia OPM (Optimized Power Management), PowerNow! gestirà automaticamente la tensione di alimentazione e la velocità di clock degli Opteron in modo da minimizzare i consumi e, fattore altrettanto importante nei server ultradensi, ridurre il calore dissipato dalla CPU.

Le istruzioni PowerNow! si trovano già incluse in tutti gli Opteron prodotti a partire dallo scorso maggio: ciò significa che, non appena saranno disponibili i BIOS e i driver software in grado di supportarla, la funzionalità di risparmio energetica funzionerà anche sui più recenti chip. Il chipmaker di Sunnyvale prevede di rilasciare i necessari aggiornamenti durante la prima metà del prossimo anno.

Similmente a quanto pianificato da AMD, Intel ha portato la propria tecnologia di power management SpeedStep dal mondo dei notebook a quello dei server. In quest’ultimo mercato, infatti, la riduzione dei consumi è divenuto un fattore sempre più cruciale per abbattere i costi (sia quelli direttamente legati al consumo energetico del processore che quelli legati ai sistemi di raffreddamento e ventilazione dei data center), ottimizzare lo spazio e ridurre i guasti.

“Dal momento della sua introduzione, avvenuta quasi quattro anni fa, la tecnologia PowerNow! è stata largamente adottata dai clienti di notebook AMD”, ha affermato il chipmaker in un comunicato. “Nella prima metà del 2005, i maggiori OEM che offrono soluzioni server e workstation basate sul processore Opteron supporteranno questa innovazione”.

HP e Sun saranno fra i primi produttori di server a supportare gli eco-Opteron, mentre sul fronte del software è già stato annunciato il supporto da parte di Microsoft, Novell, Red Hat ed altri distributori di Linux.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 12 2004
Link copiato negli appunti