Origami polimerici autoassemblanti

Ricercatori statunitensi realizzano un semplice ma ingegnoso meccanismo grazie al quale è possibile creare dei veri e propri origami geometrici che si auto-piegano una volta esposti alla luce

Roma – Alla North Carolina State University si creano origami un po’ particolari, dove l’esposizione alla luce ultravioletta permette a forme bidimensionali pre-tagliate di assemblarsi da sole senza che nessuno ci metta mano.

La base dell’origami autoassemblante è un materiale polimerico già usato nei decenni passati per gli Shrinky Dink , forme capaci di contrarsi in maniera uniforme una volta riscaldate nel forno di casa. Sul foglio di poliestere base viene ritagliata la forma geometrica da riprodurre in 3D – un cubo, una piramide o quant’altro.

La forma così ottenuta viene poi fatta passare in una comune stampante per PC, dove vengono “impresse” righe marcate di inchiostro nero nei punti in cui si vuole che la forma si contragga. Sotto la luce ultravioletta tali righe di inchiostro assorbono maggiore energia rispetto al poliestere, provocando dunque l’autoassemblamento dell’origami geometrico.

I ricercatori sostengono che è possibile guidare l’andamento e la forza dell’auto-piegatura agendo sullo spessore e la posizione delle linee nere (si un lato o sull’altro della forma), e che questo nuovo approccio potrebbe servire a creare “applicazioni innovative di materiali già esistenti” nel campo della manifattura a grandi volumi e del packaging.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • simone scrive:
    Interessante...forse non per le scarpe
    Le caratteristiche appaiono molto interessanti per proteggere apparecchi o materiali esposti all'aria (anche la carrozzeria delle auto ?).Per quanto riguarda le scarpe, vorrei sapere se (cosa non da poco) risultano ancora traspiranti (stessa cosa per l'abbigliamento in genere).
  • uno qualsiasi scrive:
    Imita le foglie del loto
    [yt]ifP_jxJ8wEo[/yt]Il principio è lo stesso: sulla superficie della foglia ci sono delle increspature submicroscopiche: la goccia d'acqua è troppo viscosa per infilarsi dentro tali increspature, e resta solo sulle creste.... dove la superficie di contatto a disposizione è minima, quindi non si attacca.
  • panda rossa scrive:
    Et voila', la marketta...
    Sara' un caso, ma anche quando si parla di cavoli a merenda, spunta sempre fuori, a meta' articolo, lo spot.
    • attonito scrive:
      Re: Et voila', la marketta...
      - Scritto da: panda rossa
      Sara' un caso, ma anche quando si parla di cavoli
      a merenda, spunta sempre fuori, a meta' articolo,
      lo spot.Devono camparci con le marchette. non ci vedo niente di drammatico.... se non fosse per il discorso "nooo noi non facciamo marchette, voi siete prevenuti, noi qui, noi li', noi la'". Un po' di onesta' intellettuale sarebbe non solo dovuta ma anche gradita.
  • Surak 2.0 scrive:
    Se fosse come sembra...
    ...sarebbe rivoluzionario.Dove sta la fregatura?Usano acqua o sciroppo, ma con sostanze più aggressive o meno dense, tipo l'alcol o alcuni detersivi, come andrebbe?La durata quanto è?Prima o poi faranno sostanze che davvero proteggono i tessuti (o saranno gli stessi) dallo sXXXXX, ma quel giorno l'industria tessile e dei detersivi faranno fallimento a catena.Questi non sembrano dire di avere una cosa così rivoluzionaria
    • krane scrive:
      Re: Se fosse come sembra...
      - Scritto da: Surak 2.0
      ...sarebbe rivoluzionario.
      Dove sta la fregatura?
      Usano acqua o sciroppo, ma con sostanze più
      aggressive o meno dense, tipo l'alcol o alcuni
      detersivi, come andrebbe?
      La durata quanto è?
      Prima o poi faranno sostanze che davvero
      proteggono i tessuti (o saranno gli stessi) dallo
      sXXXXX, ma quel giorno l'industria tessile e dei
      detersivi faranno fallimento a catena.E gia.... Mo solo perche' una maglia non si macchia non la lavi mai !!Al piu' chiederanno una tassa come equo compenso.
      • Batman scrive:
        Re: Se fosse come sembra...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Surak 2.0

        ...sarebbe rivoluzionario.

        Dove sta la fregatura?

        Usano acqua o sciroppo, ma con sostanze più

        aggressive o meno dense, tipo l'alcol o
        alcuni

        detersivi, come andrebbe?

        La durata quanto è?

        Prima o poi faranno sostanze che davvero

        proteggono i tessuti (o saranno gli stessi)
        dallo

        sXXXXX, ma quel giorno l'industria tessile e
        dei

        detersivi faranno fallimento a catena.

        E gia.... Mo solo perche' una maglia non si
        macchia non la lavi mai
        !!
        Al piu' chiederanno una tassa come equo compenso.E come la lavi esattamente?
        • krane scrive:
          Re: Se fosse come sembra...
          - Scritto da: Batman
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: Surak 2.0


          ...sarebbe rivoluzionario.


          Dove sta la fregatura?


          Usano acqua o sciroppo, ma con sostanze più


          aggressive o meno dense, tipo l'alcol o

          alcuni


          detersivi, come andrebbe?


          La durata quanto è?


          Prima o poi faranno sostanze che davvero


          proteggono i tessuti (o saranno gli stessi)


          dallo sXXXXX, ma quel giorno l'industria


          tessile e dei detersivi faranno fallimento


          a catena.

          E gia.... Mo solo perche' una maglia

          non si macchia non la lavi mai !!

          Al piu' chiederanno una tassa come

          equo compenso.
          E come la lavi esattamente?Chiedi al tuo maggiordomo Alfred come fa a lavarti il mantello e diccelo tu.
          • N.C. scrive:
            Re: Se fosse come sembra...
            Messo su apparecchi elettronici sembra ottimo ... per proteggere il cellulare da incidenti di percorso ...
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Se fosse come sembra...
        - Scritto da: krane
        E gia.... Mo solo perche' una maglia non si
        macchia non la lavi mai
        !!Bah, "non si macchia" è da stabilire, infatti chiedevo.Se poi fosse così, certo che la lavi, ma la lavi dalla polvere ed altri microincrostazioni eventuale rimaste attaccate, ma basta che la metti in acuqa affinche si sciolgano e si depositino sul fondo, poi la tiri fuori pure asciutta (immagino tipo un filo cerato). L'articolo dice che è pure antibatterica, ma anche non fosse ti basterebbe mettere in acqua qualche goccia di disinfettante qualsiasi (alcool, amuchina, lisoformio, o quel che ti pare purchè non faccia reazione chimica con l'idrorepellente).E' evidente che la durata di tali vestiti sarebbe quasi eterna e messa a rischio solo da incidenti (sfreghi in qualcosa, magari rugginoso, agganci uno spigolo e fai uno strappo, ecc).
        Al piu' chiederanno una tassa come equo compenso.Magari ti costringeranno a fargli la revisione pagata ogni anno.Ma credo che basti l'ossessione femminile nell'avere sempre qualcosa di nuovo e le discariche saranno piene di robe perfette ma "fuori moda" ;-)
        • OldDog scrive:
          Re: Se fosse come sembra...
          - Scritto da: Surak 2.0
          ma basta che la
          metti in acqua affinché si sciolgano e si
          depositino sul fondo,Non tutto lo sXXXXX è idrosolubile, IMHO, magari occorre un'attività meccanica (tipo un giro in una specie di centrifuga o su di una griglia vibrante)
          E' evidente che la durata di tali vestiti sarebbe
          quasi eterna e messa a rischio solo da incidenti
          (sfreghi in qualcosa, magari rugginoso, agganci
          uno spigolo e fai uno strappo,
          ecc).Perché mai eterna? L'usura ha poco a che vedere con l'idrorepellenza. Il danno alle fibre o lo scolorimento dei tessuti (anche senza veri e propri incidenti come quelli che descrivi) è in linea di massima un problema meccanico e di resistenza dei colori alla luce.


          Al piu' chiederanno una tassa come equo compenso.:D
          Magari ti costringeranno a fargli la revisione
          pagata ogni anno.In effetti, già oggi ci sono trattamenti idrorepellenti che debbono venir applicati periodicamente a certi capi di abbigliamento. Riconvertiranno le lavanderie.
          Ma credo che basti l'ossessione femminile
          nell'avere sempre qualcosa di nuovo e le
          discariche saranno piene di robe perfette ma
          "fuori moda"Mica solo femminile.
  • cotton scrive:
    sul parabrezza
    sarebbe veramente comodo....
    • Guybrush scrive:
      Re: sul parabrezza
      - Scritto da: cotton
      sarebbe veramente comodo.......ma anche sul monitor del PC (etciù!)GT
    • iii scrive:
      Re: sul parabrezza
      E per terrazze, piscine, ecc?
      • Piscione scrive:
        Re: sul parabrezza
        - Scritto da: iii
        E per terrazze, piscine, ecc?Piscine? (newbie)
        • Nome e Cognome scrive:
          Re: sul parabrezza
          - Scritto da: Piscione
          - Scritto da: iii

          E per terrazze, piscine, ecc?

          Piscine? (newbie)Già... perché no, così i bordi od il fondo sarebbero sempre puliti e facilissimi da lavare... lolSe è 'antibatterica' come dicono, più che piscine la userei per i servizi igienici
Chiudi i commenti