Outlook Express e Hotmail, divorzio rimandato

Outlook Express e Hotmail, divorzio rimandato

Su pressione dei propri utenti, Microsoft ha deciso di posticipare la modifica a Hotmail che chiuderà fuori dal celebre servizio gratuito tutti coloro che ancora utilizzano Outlook Express
Su pressione dei propri utenti, Microsoft ha deciso di posticipare la modifica a Hotmail che chiuderà fuori dal celebre servizio gratuito tutti coloro che ancora utilizzano Outlook Express

Redmond (USA) – Poche settimane fa Microsoft aveva comunicato che, a partire dal 30 giugno, gli utenti di Outlook Express non sarebbero più stati in grado di accedere agli account email gratuiti di Hotmail. Con un inatteso dietrofront, BigM ha ora deciso di posticipare questo passo a data da destinarsi .

“Dai feedback che abbiamo ricevuto risulta chiaro che avete bisogno di più tempo per vagliare soluzioni alternative”, si legge in questo post del Windows Live Hotmail Support Team. “Consci di ciò, abbiamo deciso di rimandare il termine di scadenza precedentemente annunciato per questa transizione”. Il nuovo termine, tuttavia, non è ancora stato rivelato.

Ciò che dovrebbe chiudere le porte di Hotmail in faccia agli utenti di OE è la disattivazione, dal celebre servizio di posta elettronica online, del protocollo DAV (Distributed Authoring and Versioning). Questo è l'unico protocollo supportato da OE per accedere agli account gratuiti di Hotmail: l'accesso via POP, infatti, è riservato agli abbonati del servizio a pagamento Hotmail Plus.

Microsoft raccomanda agli utenti di OE di rimpiazzare quest'ultimo con il suo naturale erede, Windows Live Mail, un software gratuito capace di accedere ad Hotmail per mezzo del nuovo protocollo proprietario DeltaSync . Attualmente è possibile gestire account gratuiti di Hotmail anche utilizzando tool gratuiti non ufficiali o estensioni per Thunderbird, ma in futuro, con la disattivazione di DAV, questi software potrebbero smettere di funzionare.

BigM ha giustificato la decisione di pensionare il protocollo DAV con la volontà di fornire ai propri utenti la capacità di gestire più account simultaneamente e inbox più grandi . L'altro motivo, secondo gli esperti, potrebbe essere legato alla sicurezza : negli scorsi anni, infatti, DAV è stato uno dei protocolli più bersagliati dai cracker. Ma non tutti sono disposti ad accettare di buon grado queste giustificazioni.

“Un certo numero di utenti utilizza ancora Windows 98, Windows 2000 o altri sistemi operativi che non gli consentono di valutare soluzioni alternative capaci di supportare DeltaSync”, ha commentato un utente sul blog del Windows Live Hotmail Support Team. “Altri possiedono versioni di Outlook precedenti alla 2003 incompatibili con Outlook Connector. Credo che si possa assumere che questi utenti non passeranno a Vista o XP tanto presto. Queste sono persone che non possono o non desiderano aggiornare i loro sistemi, perché non ne hanno una reale necessità”.

Altri utenti vorrebbero che Microsoft aprisse la specifica di DeltaSync , così che questo protocollo possa essere incluso anche in prodotti e piattaforme di terze parti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 05 2008
Link copiato negli appunti