P2P alla riscossa con un sito web

Si chiama Click the Vote! e vuole coinvolgere tutti in una battaglia per l'open computing, per la libertà di condividere musica, per contrastare le crociate delle major

Roma – Se ciascun utente americano di sistemi peer-to-peer dovesse appoggiare l’iniziativa Click the Vote! allora i suoi promotori avrebbero istantaneamente una voce in capitolo da non sottovalutare nella politica americana sul copyright, quella che condiziona le scelte di tutto il mondo. Ma per il momento il sito di Click the Vote! rappresenta poco più di uno sfogo.

Dopo il codice di condotta per il peer-to-peer promosso da una lobby dell’industria di settore che si fa chiamare P2P United , l’organizzazione non profit che si professa indipendente “Click the Vote! Corporation” spinge gli utenti del P2P a darsi una mossa, a collaborare in un’attività politica tesa a condizionare le scelte del Congresso, a votare i parlamentari che hanno una visione più ampia di quella delle major, a credere in una prospettiva diversa.

L’idea di fondo è che sì, i contenuti protetti da diritto d’autore scambiati sulle piattaforme di sharing vadano effettivamente pagati ma che c’è modo e modo per farlo e di certo non quello che vorrebbero i grandi industriali, tesi ad impedire la condivisione e capaci fin qui di autorizzare esclusivamente la vendita diretta, dall’azienda la consumatore, di brani musicali e altri materiali.

Click the Vote! Ma il credo dei promotori dell’iniziativa spazia anche verso l’ open computing , definito come il sostegno per “sistemi di comunicazione aperti ad ogni livello e in opposizione al closed computing e alle restrizioni hardware e software o alle decisioni governative che limitano la scelta degli utenti e abbattono i valori democratici”. Di interesse anche il riferimento alla democratizzazione dello spettro elettromagnetico , affinché siano disponibili per lo sviluppo licenze pubbliche capaci di accogliere le tecnologie emergenti che non interferiscono con le frequenze già in uso presso l’industria.

Sulla home page del sito campeggiano le foto dei senatori da appoggiare e quelli da bocciare, con link per approfondire cosa hanno fatto, cosa hanno detto, perché sono “moderni e trendy” piuttosto che “obsoleti e assoggettati” alle logiche industriali. Chiunque può aderire all’iniziativa, basta che possegga un indirizzo email valido.

Presto dunque per capire fino a che punto una iniziativa del genere possa portare ad un cambiamento di rotta nelle politiche americane sul diritto d’autore e sui software di condivisione. Di certo, però, come dimostra la stessa P2P United o la mega campagna pubblicitaria di Kazaa , si sta organizzando una nuova opposizione alle crociate di RIAA e compagni contro chi utilizza queste piattaforme di sharing. Ed è questo un dato, evidentemente, che le major faranno bene a non sottovalutare.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    roger rabbit
    una trovata simile l'ho vista in "Roger Rabbit": il proprietario di cartoonia aveva scritto il proprio testamento con questo inchiostro che ricompariva con l'umidità... :)
  • Anonimo scrive:
    conti in tasca
    noto che tra i commenti tutti pensano all'energia e alla carta, sarò prosaico ma io penso al mio portafoglio, per risparmiare l'equivalente di 3 euro di una risma di carta quanto devo spendere per il loro inchiostro e per la loro macchinetta scalda fogli?
  • Anonimo scrive:
    ma non consuma energia ?
    che facciamo ? risparmiamo la carta ed aumentiamo il consumo di energia termica ?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non consuma energia ?
      Andrebbero fatti 2 conti...quanto costa produrre 1 Kg di cartaquanto costa scaldarla per pochi minuti a 140 gradi...Mi sembra che, comunque, ci sia il vantaggio...
      • ElfQrin scrive:
        Re: ma non consuma energia ?
        quantomeno, non si abbattono alberi.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma non consuma energia ?
          vero,proprio per questo ho deciso di smettere di fumare: elimino in un colpo solo sia il consumo di energia termica e lo spreco di carta (e altro).....Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: ma non consuma energia ?
          - Scritto da: ElfQrin
          quantomeno, non si abbattono alberi.e` un falso problema quegli alberi si piantano per fare la carta se non servono piu` non verranno piu` piantati.Al mondo ci sono meno bufali che mucche eppure le mucche vengono uccise e mangiate tutti i giorni.Sono gli alberi delle foreste tropicali invece quelli che devono essere salvati, Tek e Mogano, con quelli la carta non la fa nessuno e nessuno li pianta perche` sono a lenta crescita.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma non consuma energia ?
          - Scritto da: ElfQrin
          quantomeno, non si abbattono alberi.finalmente al posto dei pioppeti potranno costruire un bel palazzone...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non consuma energia ?
      - Scritto da: Anonimo
      che facciamo ? risparmiamo la carta ed
      aumentiamo il consumo di energia termica ?e allora? il riciclo della carta comporta un consumo di energia per la lavorazione, ma produrre carta nuova significa taglaire alberi riducendos empre più le poche foreste rimaste. Le foreste producono ossigeno, ogni albero salvato rende la terra più vivibile. E se non ti basta il consumo di luce è sempre inferiore a quelloc he occorre per fare la carta partendo dagli alberi
      • Anonimo scrive:
        Re: ma non consuma energia ?

        produrre carta nuova significa taglaire
        alberi riducendos empre più le poche foreste
        rimaste.torna a studiare,le foreste non si abbattono per produrre carta e la carta non la si fa con gli alberi delle foreste, esistono piantagioni specifiche di alberi a crescita rapida che vengono seminati e piantati di anno in anno, un po' come il grano.le foreste si tagliano per fare spazio agli allevamenti (non a caso nella foresta amazzonica li bruciano gli alberi che abbattono) pensaci la prossima volta che mangerai un hamburger
        • Anonimo scrive:
          Re: ma non consuma energia ?

          le foreste si tagliano per fare spazio agli
          allevamenti per l'esattezza in prevalenza sono utilizzate come terreni agricoli (il terreno forestale viene da una situazione ecologica di sottofruttamento e le ceneri degli alberi sono un ottimo concime naturale), poi una volta resi esausti i terreni si lasciano al pascolo estensivo o brado e si brucia nuova foresta...cmq in passato in europa le foreste e i boschi si sono abbattuti anche per piantare gli alberi per le cartiere, anche se non è avvenuto molto spesso perchè di terreno libero da foreste purtroppo da quando la carta si fa industrialmente in europa ce n'era già molto.
      • warrior666 scrive:
        Re: ma non consuma energia ?
        1 se quella carta è importante? un documento da tenere salvato per anni?2 se i dipendenti della ditta che adotta questo sistema continuano a cestinare tutti i fogli foglietti di cui non hanno più bisogno???3 Le foreste sono preda dell'espansione dell'edilizia e dell agricoltura.. fare la carta è secondario
        • Anonimo scrive:
          Re: ma non consuma energia ?
          Ricordatevi che anche la carta, per quanto elemento biodegradabile con il tempo, inquina.... il che non è una cosa da sottovalutare....come dice l'articolo il 40 % dei rifiuti prodotti negli uffici giapponesi è costituito da carta che può essere riciclata solo al 60 %..........in giappone ci sono molti....moltissimi uffici........meditate gente....meditate...........Jinxius.
  • Anonimo scrive:
    Il sogno di ogni mistificatore
    Scrivere un documento e stamparlo;farlo firmare all'interessato;cancellare e riscrivere.Geniale!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sogno di ogni mistificatore
      - Scritto da: Anonimo
      Scrivere un documento e stamparlo;
      farlo firmare all'interessato;
      cancellare e riscrivere.

      Geniale!si, x andare in galera è sicuramente la via + breve 8)
      • Locke scrive:
        Re: Il sogno di ogni mistificatore
        - Scritto da: Anonimo

        si, x andare in galera è sicuramente la via
        + breve 8)E come si può dimostrare che la copia che hai firmato non è quella in cui è apposta la tua firma?
        • Anonimo scrive:
          Re: Il sogno di ogni mistificatore
          Forse esiste un processo chimico inverso per recuperare i testi precedenti: ricorda che nell'articolo si parla più specificatamente di
        • Anonimo scrive:
          Re: Il sogno di ogni mistificatore
          - Scritto da: Locke
          - Scritto da: Anonimo



          si, x andare in galera è sicuramente la
          via

          + breve 8)

          E come si può dimostrare che la copia che
          hai firmato non è quella in cui è apposta la
          tua firma?Perche' di sicuro verra' lasciata una traccia dall'inchiostro.Se invece il furbastro cerca di riscrivere e ricancellare il foglio per eliminare le tracce precedenti, si potra' sempre capire che il documento e' stato manipolato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il sogno di ogni mistificatore
            se è per questo gia con le stampanti normali è possibile (con procedimenti tutt'altro che semplici) capire se un testo è stato stampato tutto in una volta o in + volte (ad esempio in un contratto io potrei aggiungerci delle clausule che nn c'erano quando è stato firmato) quindi con questa inchiostro simpatico sarà ancora + facile scoprire se uno ha fatto il furbo
        • Anonimo scrive:
          Re: Il sogno di ogni mistificatore
          - Scritto da: Locke
          - Scritto da: Anonimo



          si, x andare in galera è sicuramente la
          via

          + breve 8)

          E come si può dimostrare che la copia che
          hai firmato non è quella in cui è apposta la
          tua firma?appunto se hai firmato ne avrai una copiase la tua copia non è identica l'altra è un falso
        • Anonimo scrive:
          Re: Il sogno di ogni mistificatore
          - Scritto da: Locke
          - Scritto da: Anonimo



          si, x andare in galera è sicuramente la
          via

          + breve 8)

          E come si può dimostrare che la copia che
          hai firmato non è quella in cui è apposta la
          tua firma?la finrmi con al penna che ha lo stesso inchiostro, visto che l'hanno inventata e così se scaldano il foglio scaldano anche la firma e si cancella tutto
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sogno di ogni mistificatore
      ...in effetti non ci hanno pensato in molti, ma questa tecnologia potrebbe essere usata a fini meno nobili:es:-stampo foglio da far firmare-l'interessato lo firma (naturalmente con una normalissima penna)-torna magari al mittente che decide di passarlo in forno-ci si ristampa sopra quello che vuoi con la firma che è rimasta...andrà a finire che le casseforti dei documenti preziosi diventerà un congelatore??
    • Anonimo scrive:
      Il sogno bagnato di ogni demistificatore

      Scrivere un documento e stamparlo;
      farlo firmare all'interessato;
      cancellare e riscrivere.
      Geniale!Geniale sarebbe firmare con inchiostro simpatico, così il tipo se ci prova rimane fregato...o ai commerciali scocciatori firmargli i contratti con un inchiostro con pigmenti che si biodegradino in pochi giorni senza lasciare tracce... così li illudi e poi quando cominciano a chiedere soldi per l'enciclopedia, l'adsl ecc mandargli una bella denuncia o tenersi la merce!
Chiudi i commenti