P2P e denunce in Italia, parla FIMI

Punto Informatico intervista Enzo Mazza, direttore generale della FIMI, per capire meglio i contorni dell'operazione annunciata ieri dalle organizzazioni internazionali dell'industria musicale. C'è un futuro per il P2P legale?

Roma – Per cercare di approfondire i termini della nuova offensiva legale anche contro soggetti italiani che hanno posto in condivisione grandi quantità di file musicali (vedi Italiani denunciati per gli mp3 via P2P ), Punto Informatico ha avuto l’opportunità di intervistare Enzo Mazza , direttore generale della FIMI , la Federazione dell’industria musicale italiana (vedi anche l’intervista P2P, attacco all’Italia ).

Punto Informatico: Dei 30 italiani denunciati per la condivisione illegale di file musicali, una ventina sono gestori di server opennap, ovvero server sui quali non erano conservati file quanto, piuttosto, “veicoli” per lo scambio di file di ogni genere. Quale accusa ora devono fronteggiare?
Enzo Mazza: Sono informazioni che possono essere fornite solo dai magistrati, dobbiamo tutti aspettare le esatte motivazioni, in ogni caso vorrei ricordare che esiste il reato di favoreggiamento e comunque la legge sul diritto d’autore si applica anche a chi promuove l’attività illecita.
Ricordiamo poi che, come già avvenuto in passato, per esempio la scorsa estate, in tutti i casi relativi ad uploaders furono rinvenuti dalle forze di polizia, oltre a copie residenti su hard disk, anche cd riprodotti. Si tratta di condotte punite dalla legge indipendentemente dal file sharing. La copia personale, come previsto dalla Direttiva sul Copyright e dalla legge italiana è possibile solo da una fonte legale.

PI: Com’è evidente già dalle prime reazioni degli utenti, in molti si chiedono chi sia nel mirino dell’industria discografica. Tutti gli utenti che scambiano musica? Solo quelli che la condividono? Soltanto quelli che condividono molti file? A qualcuno piacerebbe sapere se esiste un livello di tolleranza…..
EM: Noi avevamo chiaramente segnalato la nostra intenzione di combattere il fenomeno dove era più grave e in tale contesto abbiamo segnalato gli episodi più eclatanti che, mi piace ricordarlo, sono visibili a chiunque si colleghi ad un sistema p2p.
Non abbiamo dovuto fare indagini, che peraltro non ci competono, ma abbiamo evidenziato alle forze dell’ordine e alla magistratura le dimensioni di alcuni comportamenti. Proseguiremo su questa strada.
Peraltro le segnalazioni hanno portato ad individuare anche reati più gravi e ciò è positivo.

PI: Alcuni degli indagati sarebbero infatti coinvolti anche in crimini legati alla pornografia infantile… Tornando alla musica e al file sharing, in Italia ci si devono aspettare molte future denunce per attività di questo tipo? Come si possono individuare gli utenti che condividono musica in rete?
EM: Ripeto, le norme sulla privacy italiana offrono solo lo spazio per fare denunce penali alla magistratura e alle forze di polizia, sta a loro poi svolgere indagini ed accertamenti.
In altri Paesi è stato possibile individuare e inviare una diffida al soggetto che da casa condivideva i file. Qui si ritiene che il singolo navigatore vada tutelato al massimo: d’accordo, non ci resta che andare alla stazione di polizia più vicina e denunciare il fatto.

PI: L’annuncio dato nelle scorse ore è destinato ad avvertire del problema “P2P e legalità” anche molti utenti che finora non hanno riflettuto sulla questione. Vi aspettate un crollo nell’uso del peer-to-peer da parte di italiani con la finalità di scambiare file musicali? Le azioni legali saranno al centro delle attività di informazione sulla pirateria e i danni che provoca come già accaduto negli USA?
EM: In Italia il mercato del singolo ha avuto un crollo del 97% solo lo scorso anno e siamo a livelli che stanno uccidendo, ad esempio, la musica dance italiana, fatta di tante etichette indipendenti. Ciò non è accettabile.
Qui non è in gioco solo la sopravvivenza delle major come si pensa, ma di tanta produzione italiana che non può assolutamente competere con la pirateria. PI: L’industria ritiene la condivisione di file musicali un vero e proprio furto che danneggia l’intero settore. Non temete che un’azione legale su vasta scala possa, nel tempo, suscitare il risentimento di una parte importante di quel settore, cioè di chi compra quei prodotti?
EM: Esistono ricerche di mercato che mostrano la disponibilità di molti consumatori verso un’offerta legale e di qualità e oggi, paradossalmente, l’offerta di musica si sta ampliando grazie alla riduzione della soglia d’ingresso data dalle nuove tecnologie, soprattutto sul fronte distributivo. Molti più gruppi ed artisti hanno la possibilità di farsi conoscere, i modi per entrare in contatto con la musica si stanno moltiplicando, pensiamo non solo al download, ma anche allo streaming, al mobile, ecc.
Apple Itunes in USA ha avuto 50 milioni di download a pagamento, il mercato quindi c’è ed è pronto a recepire l’offerta.

PI: Sì, infatti stanno fiorendo molti di questi sistemi, sebbene nessuno possa vantare capacità di distribuzione equiparabili a quelle delle piattaforme peer-to-peer. È da escludere, con lo sviluppo di sistemi legali di scambio, la nascita di un P2P legale magari finanziato da abbonamenti di qualche euro/mese versati dagli utenti? È un’opzione?
EM: Certamente il p2p legale avrà una sua collocazione, anche se è inevitabile che si debba costruire dei modelli che consentano il filtering. In USA, tecnologie per filtrare come Audible Magic e Snopcap sono all’esame sia dei titolari dei diritti, sia di alcune imprese che hanno prodotti per il p2p. Se dovessero funzionare si aprirà una nuova strada.

PI: Uno studio condotto all’Università di Harvard rilasciato proprio in queste ore sostiene che il file sharing musicale non solo non danneggia le vendite ma persino puo’ contribuire ad alimentarle. L’industria, a Milano, ha sostenuto l’esatto opposto. Difendere il principio del diritto di disporre dell’opera da parte dell’autore o del produttore con ogni mezzo non rischia di far perdere delle opportunità che il nuovo ambiente digitale produce?
EM: Purtroppo le ricerche come quella citata sono sistematicamente smentite da altre e dai fatti.
Tutti i maggiori studi di Forrester, Enders e Impact tra il 2002 e il 2003 hanno mostrato il devastante effetto sulle vendite. Inoltre lo studio di Harward ha preso in esame il periodo dell’anno, ovvero l’ultimo trimestre, che da solo rappresenta tradizionalmente il 40 % delle vendite, comparandolo con altri trimestri dell’anno. È evidente che invece bisogna costruire questi studi su periodi più estesi.

In altri Paesi, come Australia, Giappone, Germania, vi sono poi studi che hanno dimostrato che i downloader intervistati comprano nel complesso meno musica.
Ripeto poi il caso della musica dance italiana. Come è noto si tratta di brani che hanno vita breve e hanno subito un impatto devastante dal download selvaggio. Perfino deejay che operano professionalmente si scaricano i brani senza pagarli, però poi alla discoteca chiedono un cachet per la serata dove si esibiscono con brani pirata e questo è oltremodo inaccettabile.

Intervista a cura di Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: sano il fatto loro
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    erano talmente convinti di quello
    che

    c'era


    scritto che l'hanno tolto :)



    Più che altro si sono accorti di

    averlo scritto con mac e non con win :D

    Ma è possibile che ancora i
    compagneri vanno in giro co' 'sta storia del
    Mac? Ma vi è mai venuto in mente che
    lo hanno commissionato a una agenzia
    pubblicitaria e questa usa i computer che
    vuole? Ma siete così indottrinati?Certo che ci è venuto in mente.... il che non vuol dire che facciano una gran bella figura a pubblicizzare un s.o. che dovrebbe avere il miglior TCO, salvo poi terziarizzare a società che utilizzano s.o. concorrenti. Non è la prima volta che accade. Per una questione di immagine dovrebbero evitare certe gaffe...
  • Anonimo scrive:
    Re: sano il fatto loro
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    erano talmente convinti di quello che
    c'era

    scritto che l'hanno tolto :)

    Più che altro si sono accorti di
    averlo scritto con mac e non con win :DMa è possibile che ancora i compagneri vanno in giro co' 'sta storia del Mac? Ma vi è mai venuto in mente che lo hanno commissionato a una agenzia pubblicitaria e questa usa i computer che vuole? Ma siete così indottrinati?
  • Anonimo scrive:
    Re: Siete solo dei trollazzi
    (linux)Usare Word e compani?Non ci penso nemmeno.Nonvedo perchè dowrei buttare i soldi, che mi permetterebbero di comprare un altro computer, per un programma d'ufficio che non mi permette di fare le stesse cose che faccio co Lyx e Open Office.L'autore della provocazione è un bill dipendente e forse non ha mai usato altro che prodotti M$. Faccia quello che vuole, ma no offenda un pacchetto office che non ha veramente nulla dainvidiare al concorrente.Pensate che due giorni fa ho aperto un documento .doc fatto con word 6 .Office 2000 non lo visualizzava bene, Open Office si.Meditate M$ dipendenti, la libertà non ha prezzo, ma a Redmind ci fanno pagare anche quellaBy Lucam
  • Anonimo scrive:
    Re: Sparita anche la versione aspx
    Posso confermare che è stato fatto con QuarkExpress e Mac, io fortunatamente l'ho scaricato, non poteva mancarmi... :-)ciao- Scritto da: Anonimo
    Se si effettua una ricerca sul sito stesso,
    si ottiene:

    Competitive Guide for Small and Medium
    Businesses Regarding OpenOffice
    This guide provides proof points of the
    total value of selling Microsoft Office
    Systems when facing issues concerning Open
    Office 1.1.
    members.microsoft.com/partner/salesmarketing/

    ma anche questo documento non esiste.
    FP
  • Anonimo scrive:
    Re: Stanno alla larga
    - Scritto da: Anonimo....
    con la stessa onestà intellettuale
    ammettiamo però che Office è
    un'altra vosa rispetto al pur onesto OO....Beh... il confronto l'ha fatto Microsoft.... io mi limito a dire che per le esigenze del 90% dell'utenza home e del 70% dell'utenza professionale OpenOffice basta ed avanza, e a quel punto la differenza di prezzo si fa assai pesante. Poi certamente esiste anche la pirateria, ma questo è un altro discorso...
  • Anonimo scrive:
    Re: Stanno alla larga
    - Scritto da: Anonimo


    ... d'altra parte vorrei proprio sapere

    quali assurde 'scuse' potrebbero

    inventarsi...

    ... infatti Microsoft qui ha fatto una
    pessima figura. per onestà
    intellettuale va ammesso :)

    con la stessa onestà intellettuale
    ammettiamo però che Office è
    un'altra vosa rispetto al pur onesto OO....... evidentemente è così... in effetti l'errore è proprio paragonare due sw così diversi...
  • Anonimo scrive:
    Siete solo dei trollazzi
    Basta con queste campagne denigratorie anti Microsoft. In quel documento c'era scritta la verità, ovvero OpenOffice non vale nulla rispetto ad Office! Qual'è il prezzo giusto per il nulla? Zero, mi sembra chiaro, spendete fin troppi soldi pagando il supporto. Se la Microsoft ha fatto un errore, è stato quello di usare un mac per scriverlo (purtroppo gli incompetenti esistono anche nella ditta di Bill Gates), e generare una marea di critiche per questo. Ridete ridete pure, i fatti non cambiano: OpenOffice fa schifo, molto meglio pagare per un buon prodotto ed essere produttivi piuttosto che non pagare ma avere una produttività pari a zero ed andare in panico se vi arrivano documenti doc dal resto del mondo con tre immagini e due tabelle.Con cordialità Big Gym
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete solo dei trollazzi
      Hai mai provato seriamente OpenOffice? Io lo uso da sempre e sinceramente mi ci trovo molto bene.Ciao a tutt*
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete solo dei trollazzi
      - Scritto da: Anonimo
      Basta con queste campagne denigratorie anti
      Microsoft. In quel documento c'era scrittaSei anche tu un dipendente M$ ? Uno di quelli che usa il Mac per scrivere un PDF ?
    • sathia scrive:
      Re: Siete solo dei trollazzi


      Con cordialità
      Big Gymhey, ma sei Big Gym che se schiacci tre tasti (ctrl + alt + canc) gli esce lo spaccìm?cordialmente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete solo dei trollazzi
      direi piuttosto che quel pdf fatto col mac dimostra che alla microsoft c'è intelligenza... anche se pochissima...
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete solo dei trollazzi
      Ciao a tutti,senza fare inutili polemiche secondo il mio parere Word va bene solamente per fare qualche paginetta di solo testo. Io dalla mia tesi di laurea uso solo Latex e mi trovo benissimo. Non so come ho fatto a stare tanti anni senza. Tanto che ora lo usa pure mio padre che ha oltr 65 anni (pubblica libri di musica di professione) e Word non ce l'ho nemmeno più installato. Non voglio dire che Word faccia schifo per tutto, ha anche i suoi lati positivi, ma non mi si venga a dire che è la soluzione definitiva all'editing, perchè altrimenti vuol dire che chi lo scrive non ha mai scritto niente più lungo di qualche pagina. Ho provato a scrivere relazioni con Word, bastano poche pagine ricche di formule e disegni a farlo bloccare. I piantamenti sono continui e ogni volta che salvi devi fare il segno della croce, puoi avere anche una workstation da 25k euro. La cosa importante è la libertà di scelta, chi vuole usare Word deve essere libero di farlo. Ma chi non vuole usarlo deve potere usare altri programmi. Tutto qui. Ciao...
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete solo dei trollazzi
      Ciao,ritengo che il tuo attacco sia troppo pesante, secondo me il tuo giudizio deriva dal fatto che non sai di che parli.Io uso sia M$ Office, Open Office, LateX e tra i 3 chi mi ha fatto smadonnare di + è M$ Office.Prova poi parla .... non troverai nulla da direCon cordialità :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Stanno alla larga

    ... d'altra parte vorrei proprio sapere
    quali assurde 'scuse' potrebbero
    inventarsi...... infatti Microsoft qui ha fatto una pessima figura. per onestà intellettuale va ammesso :) con la stessa onestà intellettuale ammettiamo però che Office è un'altra vosa rispetto al pur onesto OO....
  • Anonimo scrive:
    Re: Stanno alla larga
    - Scritto da: Anonimo

    I troll pro-M$ stanno alla larga da queste
    news...... d'altra parte vorrei proprio sapere quali assurde 'scuse' potrebbero inventarsi...
  • Anonimo scrive:
    Stanno alla larga
    I troll pro-M$ stanno alla larga da queste news...
  • Anonimo scrive:
    Re: sano il fatto loro
    Anonimo wrote:
    Più che altro si sono accorti di averlo scritto con mac e non
    con win :DBeh dai... potevano fare una figura pure peggiore, tipo crearlo sotto Linux o con OOo (= "OpenOffice.org").
  • Anonimo scrive:
    signor Minnick
    ... dove hanno messo il pdf ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Risparmiare con Linux?...
    - Scritto da: Anonimo
    ma perchè non rinnovi, hanno fatto
    bene, prendono i soldi di Bill per una
    pubblicità che non serve a niente.
    Tanto credi che le decisioni nelle aziende
    si prendono leggendo la pubblicità :Dsi.
  • Anonimo scrive:
    Re: sano il fatto loro
    - Scritto da: sathia
    /CreationDate (D:20030911160553)
    /Producer (Acrobat Distiller 4.05 for
    Macintosh)
    /Author (Gravity)
    /Title (competitive OpenOffice.qxd)
    /Creator (QuarkXPress(tm) 4.11)
    /ModDate (D:20030911160603-07'00')L'avranno avuto crackato e allora hanno dovuto toglierlo. Se Adobe controlla tra le licenze quando mai ha venduto a M$ QuarkXPress?
  • Anonimo scrive:
    Re: qua lo trovate
    - Scritto da: Anonimo
    scusate ho sonno è P2P:$MSOpenOffice.pdfforse qui?
  • Anonimo scrive:
    Re: qua lo trovate
    scusate ho sonno è P2P:$
  • Anonimo scrive:
    Re: Risparmiare con Linux?...
    ma perchè non rinnovi, hanno fatto bene, prendono i soldi di Bill per una pubblicità che non serve a niente.Tanto credi che le decisioni nelle aziende si prendono leggendo la pubblicità :D
  • Anonimo scrive:
    qua lo trovate
    ed2k://|file|MSOpenOffice.pdf|55259|9C3E047416622D92FD47E27568426A3F|/ecco a cosa serve il 2p2
  • Anonimo scrive:
    Re: Risparmiare con Linux?...
    - Scritto da: Anonimo
    La cosa terribile che le PRIME 4 pagine di
    Linux Magazine (prima del sommario!)
    riportato la stessa pubblicità
    (Bennet e 7eleven)!infatti. Sono abbonato a Linux Magazine, ma credo che non rinnoverò.
  • sathia scrive:
    Re: sano il fatto loro

    endobj
  • sathia scrive:
    Re: e' qui
    Page not Found Sorry, there is no Microsoft for Partners Web page matching your request. It's possible that you typed the address incorrectly, or that the page no longer exists. As an option, you may visit any of the pages below for information and resources available through Microsoft for Partners. Microsoft for Partners Home Microsoft for Partners Search We apologize for the inconvenience.
  • Anonimo scrive:
    giuro...
    mi sono venuti i conati di vomito : "It's becoming ever clearer that the Windows platform offers better total cost of operation (TCO) than other solutions on the market today"http://members.microsoft.com/partner/salesmarketing/http://members.microsoft.com/partner/salesmarketing/salestools/competitiveselling/default.aspx#P108_7927
  • Anonimo scrive:
    e' qui
    http://members.microsoft.com/partner/salesmarketing/opensource/discguides/OpenOffice.pdf
  • Anonimo scrive:
    Re: Risparmiare con Linux?...
    La cosa terribile che le PRIME 4 pagine di Linux Magazine (prima del sommario!) riportato la stessa pubblicità (Bennet e 7eleven)!
  • carobeppe scrive:
    Risparmiare con Linux?...
    ... chiedi a chi lo ha valutato.Così appare scritto a caratteri cubitali a pagina 86 di PC World, nella pubblicità di Microsoft Windows Server 2003. Nella pagina a fianco continua con una presunta intervista al Direttore Sistemi Informativi di Bennet. La pubblicità è un frullato di frecciatine a Linux, senza niente di costruttivo. Leggere per credere! E poi eliminano le cose riguardo openoffice...
  • Anonimo scrive:
    Sparita anche la versione aspx
    Se si effettua una ricerca sul sito stesso, si ottiene: Competitive Guide for Small and Medium Businesses Regarding OpenOfficeThis guide provides proof points of the total value of selling Microsoft Office Systems when facing issues concerning Open Office 1.1.http://members.microsoft.com/partner/salesmarketing/opensource/discguides/OpenOffice.aspxma anche questo documento non esiste.FP
  • uomo scrive:
    Re: Almeno...
    Come ?Perche' "fare la figura dei gelatai" ? non lo sono veramente ? eppure ho visto Billino col cappellino bianco dentro al suo baracchino dei gelati che serviva i gelati dalla "finestrella".Un parere ? fan dei gelati da schifo, pero' essendo gli unici con i coni colorati tutti vanno a prendere quel gelato al gusto di cetrioli fritti.
  • aenigma scrive:
    Re: Mirrors?
    Ho pubblicato il documento sul mio sito:http://www.thekey.it/modules.php?name=News&file=article&sid=111&mode=&order=0&thold=0
  • Anonimo scrive:
    Re: sano il fatto loro
    - Scritto da: Anonimo
    erano talmente convinti di quello che c'era
    scritto che l'hanno tolto :)Più che altro si sono accorti di averlo scritto con mac e non con win :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Mirrors?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ieri l'avevo scaricato per notare se era

    fatto col mac, ma dopo l'ho

    cancellato!!!:'(:'(:'(:'(

    Non è che (sicuramente) ci sono
    dei

    mirrors eh?

    Oppure qualche link ed2k.... ;) tanto
    questa

    roba è legale :p

    grazie

    href="http://www.google.it/search?q=cache:pp7La ricerca di - cache:pp786oauV0QJ:members.microsoft.com/partner/salesmarketing/opensource/discguides/OpenOffice.pdf OpenOffice.pdf microsoft - non ha prodotto risultati in nessun documento. :(E poi il link messo bene è http://www.google.it/search?q=cache:pp786oauV0QJ:members.microsoft.com/partner/salesmarketing/opensource/discguides/OpenOffice.pdf+OpenOffice.pdf+microsoft&hl=it&ie=UTF-8;)Un altro mirror? :$
  • Anonimo scrive:
    sano il fatto loro
    erano talmente convinti di quello che c'era scritto che l'hanno tolto :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Mirrors?
    - Scritto da: Anonimo
    Ieri l'avevo scaricato per notare se era
    fatto col mac, ma dopo l'ho
    cancellato!!!:'(:'(:'(:'(
    Non è che (sicuramente) ci sono dei
    mirrors eh?
    Oppure qualche link ed2k.... ;) tanto questa
    roba è legale :p
    graziehttp://www.google.it/search?q=cache:Pp786oauV0QJ:members.microsoft.com/partner/salesmarketing/opensource/discguides/OpenOffice.pdf+OpenOffice.pdf+microsoft&hl=it&ie=UTF-8
  • Anonimo scrive:
    Mirrors?
    Ieri l'avevo scaricato per notare se era fatto col mac, ma dopo l'ho cancellato!!!:'(:'(:'(:'(Non è che (sicuramente) ci sono dei mirrors eh?Oppure qualche link ed2k.... ;) tanto questa roba è legale :p grazie
  • Anonimo scrive:
    Re: Dove sono le altre
    in Italiano che intendevi dire?
  • Terra2 scrive:
    Dove sono le altre
    Se tanto mi da tanto, potrebbe essere un ottimo elenco di prodotti validi ed a buon mercato con cui sostituire le vaccate microsoft... :)
  • Anonimo scrive:
    tanto era falso e tendenzioso...
    loro nei bei doppiopetti sono capacissimi a rigirare la frittata dalla parte che più gli fa comodo...ma tanto se la fanno sotto perchè openoffice non si ferma di certo, nemmeno se loro dicono che è peggio!!!TUTTE le ricerche m$ tendono a dimostrare che sono i più belli e i più bravi, ma sono tutte montature!!!(linux) 4ever
  • uomo scrive:
    Re: Almeno...
    me ?Perche' "fare la figura dei gelatai" ? non lo sono veramente ? eppure ho visto Billino col cappellino bianco dentro al suo baracchino dei gelati che serviva i gelati dalla "finestrella".Un parere ? fan dei gelati da schifo, pero' essendo gli unici con i coni colorati tutti vanno a prendere quel gelato al gusto di cetrioli fritti**************************************************************Bah, penso ci sia una moderazione dei messaggi a volte un po' pessima, dipendentemente dall'amministratore di turno !!!==================================Modificato dall'autore il 31/03/2004 16.15.55
  • Anonimo scrive:
    Re: Almeno...
    - Scritto da: Anonimo
    ...benché tardivo, li ha assaliti un
    salutare senso di vergogna.... hanno capito di aver fatto una bella figura da gelatai... :D
  • Anonimo scrive:
    Almeno...
    ...benché tardivo, li ha assaliti un salutare senso di vergogna.
Chiudi i commenti