P2P, maxiretata contro il pedoporno

Seconda fase dell'operazione Canalgrande: ottanta gli indagati, decine di perquisizioni, 300 finanzieri impegnati nella sola Italia. Ma l'indagine è internazionale e coinvolge molti paesi


Venezia – La più massiccia indagine contro la produzione e diffusione di immagini di pornografia infantile su Internet ha raggiunto nelle scorse ore la sua “seconda fase”. Dopo i blitz in 65 diversi paesi dello scorso novembre ora in Italia e in numerosi altri paesi sono scattate moltissime denunce ed arresti a carico di persone che sfruttavano il peer-to-peer per scambiare o commerciare in pedoporno.

In questo secondo round dell’operazione Canalgrande le polizie locali di molti paesi già si sono mosse, precisamente in Norvegia, Spagna, Grecia, Polonia, Svizzera, Libano, Argentina, Canada, Lussemburgo, Francia, Belgio, Germania e Irlanda. Il loro lavoro è legato alle indagini condotte dalla Procura di Venezia che sta anche coordinando lo sviluppo dell’operazione internazionale.

Ieri mattina dunque il blitz ha coinvolto numerose regioni italiane, 35 paesi europei e decine di altri paesi in Africa, Asia e Americhe. Nell’insieme indagati e arrestati in questa seconda fase sono 376 e non è detto che non vi sia prossimamente un terzo round, visto che l’inchiesta continua.

Al cuore dell’operazione il tentativo di comprendere fino in fondo le modalità distributive. E questo perché inizialmente l’operazione si era focalizzata sullo scambio di questi materiali sul P2P quando poi è emerso che alcuni degli indagati erano responsabili anche della produzione di pedoporno. Se nella prima fase dell’operazione erano circa 600 le persone finite sotto inchiesta nei diversi paesi, ora alcuni di loro e di quelli ieri denunciati potrebbero essere accusati di violenza sessuale. In Italia vi sarebbe almeno un caso di un indagato che con cam nascoste ritraeva se stesso e le sue piccole vittime.

Una delle caratteristiche dell’indagine che la Procura ha messo in evidenza è la giovane età di molti degli indagati. Secondo gli inquirenti i giovani – sono 36 gli indagati sotto i 23 anni – sarebbero spesso spinti verso questo materiale dalla curiosità nella sostanziale inconsapevolezza che si tratta di attività criminali. Tra di loro finiranno probabilmente in guai seri solo coloro che hanno anche copiato e masterizzato quel materiale.

Nell’insieme, le polizie che lavorano sul caso hanno sequestrato 236 computer, 123 hard disk esterni e migliaia tra CD, DVD, VHS, schede di memoria e via dicendo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    correzione
    Metcalfe! (http://www.ibiblio.org/pioneers/metcalfe.html)Chi è Bob Metcalf? Un cantante rock!? LOL
    • ElfQrin scrive:
      Re: correzione
      - Scritto da: Anonimo
      Metcalfe!
      (http://www.ibiblio.org/pioneers/metcalfe.html)
      Chi è Bob Metcalf? Un cantante rock!? LOLNaah, quello è Meat Loaf... ;-)
  • jokanaan scrive:
    tcp/ip invece...
    ...è da sostituire, aggiunge troppo overhead, non credete?
    • matcion scrive:
      Re: tcp/ip invece...
      - Scritto da: jokanaan
      ...è da sostituire, aggiunge troppo overhead, non
      credete?
      Sei ironico o serio?
    • dendra75 scrive:
      Re: tcp/ip invece...
      da sostiuire con cosa? Illuminaci. Mi sembra sia il protocollo che è risultato vincente rispetto agl'altri.
      • awerellwv scrive:
        Re: tcp/ip invece...
        - Scritto da: dendra75
        da sostiuire con cosa? io lo sostituirei con tcp/ipv6, dato che gli Americani si sono fregati l'80% degli ip che erano disponibili con il protocolli tcp/ipv4, arrivando al paradosso che l'india ha a disposizione solo 2 milioni di indirizzi ip (tieni conto che la popolazione dell'india e' di 700 milioni di persone) mentre gli stati uniti ne hanno + di 300 milioni, e che non sanno nemmeno come usarli... con ipv6 invece sara' possibile avere + di 10 ip a cranio per ogni dispositivo disponibile (cellulare, computer, televisore etcetera) e ce ne saranno ancora centinaia di milioni per i vari server on line...
        • Anonimo scrive:
          Re: tcp/ip invece...
          - Scritto da: awerellwv
          io lo sostituirei con tcp/ipv6, Mi sa che c'e' un po' di confusione. tcp/ip e' un set di protocolli che prende il nome dai suoi piu' "importanti" tcp e ip. Non e' che esista un tcp/ip v4 e un tcp/ip v6...
          • awerellwv scrive:
            Re: tcp/ip invece...
            - Scritto da: Anonimo
            Mi sa che c'e' un po' di confusione. tcp/ip e' un
            set di protocolli che prende il nome dai suoi
            piu' "importanti" tcp e ip. Non e' che esista un
            tcp/ip v4 e un tcp/ip v6...in ogni caso tcp + ipv6 tanto per farla chiara, ecco il mio punto di vista... ipv4 sta morendo a causa della mancanza di indirizzi ip per ciascuno...domanda provocante... ma se ogni dispositivo di rete dispone di un mac address diverso per ogni dispositivo, potremmo usare direttamente quell'indirizzo al posto dell'indirizzo ip
          • Anonimo scrive:
            Re: tcp/ip invece...
            - Scritto da: awerellwv
            domanda provocante... ma se ogni dispositivo di
            rete dispone di un mac address diverso per ogni
            dispositivo, potremmo usare direttamente
            quell'indirizzo al posto dell'indirizzo ip Certo, poi si rompe la scheda di rete, la sostituisci e nessuno ti trova +.Tu ti sentirai improvvisamente solo e cadrai in depressione e tutti incolperanno Internet
          • cesko scrive:
            Re: tcp/ip invece...

            domanda provocante... ma se ogni dispositivo di
            rete dispone di un mac address diverso per ogni
            dispositivo, potremmo usare direttamente
            quell'indirizzo al posto dell'indirizzo ip Perché' il mac address non fornisce nessuna informazione topologica, che è quella che serve ad instradare i pacchetti ed è contenuta negli indirizzi ipv4 e ipv6, con questi ultimi che consentono un numero enorme di indirizzi, più che sufficienti per un bel po' di tempo
          • Anonimo scrive:
            Re: tcp/ip invece...
            - Scritto da: awerellwv

            - Scritto da: Anonimo

            Mi sa che c'e' un po' di confusione. tcp/ip e'
            un

            set di protocolli che prende il nome dai suoi

            piu' "importanti" tcp e ip. Non e' che esista un

            tcp/ip v4 e un tcp/ip v6...

            in ogni caso tcp + ipv6 tanto per farla chiara,
            ecco il mio punto di vista... ipv4 sta morendo a
            causa della mancanza di indirizzi ip per
            ciascuno...

            domanda provocante... ma se ogni dispositivo di
            rete dispone di un mac address diverso per ogni
            dispositivo, potremmo usare direttamente
            quell'indirizzo al posto dell'indirizzo ip che idea non ci avranno sicuramente pensato, corro a brevettarla !(troll3)
          • Anonimo scrive:
            Re: tcp/ip invece...
            "domanda provocante" ????ma di tutto si legge !
        • jokanaan scrive:
          Re: tcp/ip invece...
          - Scritto da: awerellwv

          - Scritto da: dendra75

          da sostiuire con cosa?

          io lo sostituirei con tcp/ipv6, dato che gli
          Americani si sono fregati l'80% degli ip che
          erano disponibili con il protocolli tcp/ipv4,

          arrivando al paradosso che l'india ha a
          disposizione solo 2 milioni di indirizzi ip
          (tieni conto che la popolazione dell'india e' di
          700 milioni di persone) mentre gli stati uniti ne
          hanno + di 300 milioni, e che non sanno nemmeno
          come usarli...

          con ipv6 invece sara' possibile avere + di 10 ip
          a cranio per ogni dispositivo disponibile
          (cellulare, computer, televisore etcetera) e ce
          ne saranno ancora centinaia di milioni per i vari
          server on line...l'america allora penserà a come fregarsi il 99% degli ip v6 :D
          • Anonimo scrive:
            Re: tcp/ip invece...
            - Scritto da: jokanaan

            l'america allora penserà a come fregarsi il 99%
            degli ip v6 :DEsatto, il brutto della situazione è che noi NON americani resteremo lì passivi ad assistere alla predazione degli indirizzi... :-s
    • Giambo scrive:
      Re: tcp/ip invece...
      - Scritto da: jokanaan
      ...è da sostituire, aggiunge troppo overhead, non
      credete?Tralasciando il fatto che TCP/IP con Ethernet c'azzecca poco :), ma al momento non c'e' una grandissima alternativa.Anzi, l'unica alternativa e' IPV6, sempre che Cisco sia d'accordo :-/TCP/UDP invece IMHO vanno ancora bene ...
      • Anonimo scrive:
        Re: tcp/ip invece...
        - Scritto da: Giambo
        Tralasciando il fatto che TCP/IP con Ethernet
        c'azzecca poco :), ma al momento non c'e' una
        grandissima alternativa.TCP/IP over avian carrier.
        • Giambo scrive:
          Re: tcp/ip invece...
          - Scritto da: munehiro

          Tralasciando il fatto che TCP/IP con Ethernet

          c'azzecca poco :), ma al momento non c'e' una

          grandissima alternativa.

          TCP/IP over avian carrier.Quando ho letto la RFC non ci volevo credere. Ma quando ho visto l'implementazione mi sono ricreduto: http://www.blug.linux.no/rfc1149/
    • Anonimo scrive:
      Re: tcp/ip invece...
      - Scritto da: jokanaan
      ...è da sostituire, aggiunge troppo overhead, non
      credete?Mah, non saprei. In fondo stiamo ancora usando la scrittura con caratteri. Più o meno come facevano gli Egiziani.
      • jokanaan scrive:
        Re: tcp/ip invece...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: jokanaan

        ...è da sostituire, aggiunge troppo overhead,
        non

        credete?

        Mah, non saprei. In fondo stiamo ancora usando la
        scrittura con caratteri. Più o meno come facevano
        gli Egiziani.

        (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Un prestigioso premio...
    ...perde tutto il suo valore se consegnato da george walker bush, piuttosto meglio il tapiro di Staffelli :-D
    • Mizar74 scrive:
      Re: Un prestigioso premio...
      Peccato che George Walker Bush abbia vinto delle elezioni democratiche per diventare presidente, proprio ciò che non hanno fatto i tuoi amici Fidel Castro, Kim Jong Il e Massimo D'Alema.Torna a nanna troll...
      • Anonimo scrive:
        Re: Un prestigioso premio...
        Solo perchè non si ha alcuna stima di Bush, ciò non vuol dire che uno debba essere un sostenitore di D'Alema, Castro etc...Forse per te chiunque sia contro Bush è un comunista mangia-bambini!
    • Anonimo scrive:
      [OT] Re: Un prestigioso premio...
      Quarda che tutto il mondo ha ancora dei dubbi su come abbia vinto le elezioni la prima volta contro Gore.Appunto chi ti dice che sia comunista? sono di destra ma pensi che abbia stima di tutte le persone di destra? assolutamente no!!! e a sinistra l'unico che mi sta un po' simpatico è il folle Fausto
Chiudi i commenti