P2P nel mirino della RAI?

Ne parla un lettore descrivendo quanto visto in una delle fiction della Radiotelevisione di Stato. Un piccolo caso di... informazione preventiva?


Roma – Spettabile redazione, ieri sera, come al solito, sono stato costretto a vedermi lo sceneggiato “Un posto al sole” su Rai Tre. Ad un certo punto si svolge una scena in cui uno dei protagonisti mostra ai convenuti, con alla mano notebook e telecomando (!) della TV, che ha scaricato dei film da internet. Chicche rare, tipo Giovannona coscialunga et similia.

Da qui, parte la scenetta pedagogica con gli altri protagonisti che criticano duramente l’ autore del misfatto, paventando chiusura dei cinema, disoccupazione e altri disastri.

Considerato che questa soap opera fa del tradimento, della menzogna e dell’ infedeltà il pane quotidiano della sua sceneggiatura, e nessuna di queste azioni è oggetto di riprovazione, il messaggio mi pare semplice: stupra, deruba, uccidi, tradisci e cornifica, ma non copiare film.

Dulcis in fundo, la punizione che tocca al reprobo: il meschino ha voluto guardare questi film di alta cinematografia, e ha preso un virus: il portatile neppure si accende più. Una cosa che non accadrebbe (forse) neppure inserendo uno dei famosi CD audio protetti con gli esotici sistemi anticopia degli ultimi anni.

Pensate che le casalinghe saranno abbastanza terrorizzate da questa scenetta di pedagogia terroristica?

Francesco Consumi
(f.consumi AT oltrelinux.com)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Se cercano bene bene...
    prima o poi un pizzeria la trovano anche la :D
    • FDG scrive:
      Re: Se cercano bene bene...
      - Scritto da: Anonimo
      prima o poi un pizzeria la trovano anche la :DSi, ma attenti che poi pizza va in puzza e vi fa a pezzi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se cercano bene bene...
      - Scritto da: Anonimo
      prima o poi un pizzeria la trovano anche la :Dla pizzeria c'e'... ma non si capisce perche' chiude alle 19.30, lasciandoti a bocca asciutta.poi ti giri e senti puzza di qualcosa di losco... in tutti i sensihttp://prikolist.us/fotos_new/Mc_donalds.jpg==================================Modificato dall'autore il 20/04/2005 21.04.40
  • Anonimo scrive:
    E colpa di ....
    Gli anno installato Winzozz come sys Op.Mi sembra ovio che la cosa sarebbe finita in questo modo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E colpa di ....
      con tutti i bug che ha non sarebbero nemmeno atterrati...o magari sarebbero atterrati su venere :D
      • Anonimo scrive:
        Re: E colpa di ....
        - Scritto da: Marcoweb
        con tutti i bug che ha non sarebbero nemmeno
        atterrati...o magari sarebbero atterrati su
        venere :DSarebbero atterati (o meglio precipitati) sul pianeta blu.
  • The_Stinger scrive:
    Non è che le ha costruite la Fiat?!
    :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è che le ha costruite la Fiat?!
      Non fa ridere, io ho visto una Panda con oltre 350.000 Km sulle spalle e andava ancora...
      • The_Stinger scrive:
        Re: Non è che le ha costruite la Fiat?!
        - Scritto da: Anonimo
        Non fa ridere, io ho visto una Panda con oltre
        350.000 Km sulle spalle e andava ancora...Io sto guidando una Panda (della morosa, per andare in ufficio) con 120.000 Km e va come una lippa.Prima avevo una Tipo ed a parte qualche piccolo difetto veniale andava alla grande.Prima di passare alla Peugeot ho provato la Punto, la Bravo, la Lancia Y...Lasciamo perdere... :-(
    • jumpjack scrive:
      Re: Non è che le ha costruite la Fiat?!
      Difficile: avevano una garanzia di 3 mesi e di 200 metri, ma sono li' da 1 anno e 3 mesi e hanno fatto cinque chilometri ciascuna!! :o
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è che le ha costruite la Fiat?!
        secondo il Tuv e la principale associazione diconsumatori che hanno svolto test approfonditi sulla qualità, da un anno a questa parte, tutte le prove effettuate dimostrano che nei principali 20 costruttori di auto il 19° e il 20° postop sono occupati da VW e Audi la Fiat è sopra. detto ciò come ditta abbiamod elel fiat e come persona ho una punto cabrio con 120.000 fatti in nemmno 5 anni. va benissimo, non tutte le fiat hanno fatto schifoe non tutte le altre marche sonoesempre e comunque eccelse, se ieri VW era sinonimo di qualità beh non vale più oggi e idem per BMW e mercedes a parte i prezzi che sono sempre gli stessi
        • Ics-pi scrive:
          Re: Non è che le ha costruite la Fiat?!
          Ma studiare la grammatica italiana o rileggere prima di cliccare su "invia il commento!" ?
  • Anonimo scrive:
    Il mistero della proroga
    Un divertente quesito, leggete qua: http://www.newscientist.com/channel/space/mg18524821.500I rover non erano fatti per durare cosi' a lungo: l'accumulo di polvere sulle celle solari avrebbe fatto diminuire via via l'elettricita' disponibile, fino allo stop totale.Invece, per ben due volte, "qualcosa" ha ripulito le celle solari dei due rover, ripristinando cosi' la situazione originale ed allungando cosi' ulteriormente il tempo disponibile.Chi e' che ha ripulito le celle solari su Marte??
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mistero della proroga
      - Scritto da: Anonimo
      Un divertente quesito, leggete qua: http://www.newscientist.com/channel/space/mg185248
      I rover non erano fatti per durare cosi' a lungo:
      l'accumulo di polvere sulle celle solari avrebbe
      fatto diminuire via via l'elettricita'
      disponibile, fino allo stop totale.
      Invece, per ben due volte, "qualcosa" ha ripulito
      le celle solari dei due rover, ripristinando
      cosi' la situazione originale ed allungando cosi'
      ulteriormente il tempo disponibile.
      Chi e' che ha ripulito le celle solari su Marte??Il vento ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mistero della proroga


        Chi e' che ha ripulito le celle solari su
        Marte??

        Il vento ???Mica c'e' tanta atmosfera su Marte....
        • Anonimo scrive:
          Re: Il mistero della proroga
          - Scritto da: Anonimo


          Chi e' che ha ripulito le celle solari su

          Marte??

          Il vento ???
          Mica c'e' tanta atmosfera su Marte....Abbastanza da avere conformazioni tipo dune sabbiose.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mistero della proroga



            Il vento ???

            Mica c'e' tanta atmosfera su Marte....

            Abbastanza da avere conformazioni tipo dune
            sabbiose.Non me ne intendo, pero' mi pare che la pressione atmosferica al suolo e' circa 6 millesimi di quella terrestre: basta questa pressione per spostare la sabbia e fare dune? La sabbia su Marte sta in sospensione nell'atmosfera per la bassa pressione e la bassa gravita', non perche' sia sollevata dal vento... o mi sbaglio?... certo sarebbe piu' divertente un alieno....
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mistero della proroga
            - Scritto da: Anonimo




            Il vento ???


            Mica c'e' tanta atmosfera su Marte....



            Abbastanza da avere conformazioni tipo dune

            sabbiose.

            Non me ne intendo, pero' mi pare che la pressione
            atmosferica al suolo e' circa 6 millesimi di
            quella terrestre: basta questa pressione per
            spostare la sabbia e fare dune? La sabbia su
            Marte sta in sospensione nell'atmosfera per la
            bassa pressione e la bassa gravita', non perche'
            sia sollevata dal vento... o mi sbaglio?bhe, mica puo' restare sospesa in eterno!!Infatti essa si deposita sui pannelli solari... Si', di vento ce n'e' a sufficienza per sollevarla e far dune, e la gravita' su marte e' 1/3 di quella terrestre, quindi certo non bassa.
            ... certo sarebbe piu' divertente un alieno....http://ars.userfriendly.org/cartoons/?id=20041107(rotfl)
        • FDG scrive:
          Re: Il mistero della proroga
          - Scritto da: Anonimo
          Mica c'e' tanta atmosfera su Marte....Si, la pressione atmosferica è bassa, ma il vento raggiunge velocità notevoli.
    • eymerich scrive:
      Re: Il mistero della proroga
      Le celle solari sono state pulite da un alieno a forma di scopa ... solo che ora l'alieno è incazzato per essere stato svegliato in maniera così brusca ... :-s
      • Giambo scrive:
        Re: Il mistero della proroga
        - Scritto da: eymerich
        Le celle solari sono state pulite da un alieno a
        forma di scopa ... solo che ora l'alieno è
        incazzato per essere stato svegliato in maniera
        così brusca ... :-sArgh .. La so', la so' ... Zak Mccracken, giusto :) ?
    • contegio scrive:
      Re: Tiscali: 0 in matematica?
      ... forse c'era meno polvere del previsto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mistero della proroga
      i pannelli solari sono stati "ripuliti" grazie al passaggio di alcuni "dust devil" (piccoli mulinelli di vento) che ultimamente sono stati osservati abbastaza frequentemente su marte (come scritto più volte sul sito della nasa)http://marsrovers.jpl.nasa.gov/spotlight/20050325.html
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mistero della proroga

        i pannelli solari sono stati "ripuliti" grazie al
        passaggio di alcuni "dust devil" Forse quando la Nasa era pronta a fermare il rover gli ha dato il segnale di semaforo rosso... e come tutti sappiamo, quando ci si ferma a un semaforo rosso si materializza subito un extracomunitario che ti pulisce il vetro...:)
  • Anonimo scrive:
    A che serve analizzare un deserto...
    Ci sono zone di marte, vicino ai poli, che mostrano strane conformazioni che sembrano alberi, e addirittura ci sono dei laghi!Ma noi furbi spediamo le sonde all'equatore, dove ci sono solo immense distese di sabbia. Complimenti!http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.html
    • TADsince1995 scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      - Scritto da: Anonimo
      Ci sono zone di marte, vicino ai poli, che
      mostrano strane conformazioni che sembrano
      alberi, e addirittura ci sono dei laghi!
      Ma noi furbi spediamo le sonde all'equatore, dove
      ci sono solo immense distese di sabbia.
      Complimenti!


      http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.htmlAzz! Se sono vere, quelle foto sono incredibili! Grazie per la segnalazione. Però se hanno speso 800 milioni di dollari per mandare le sonde sul deserto un motivo ci sarà. E poi magari far passeggiare autonomamente le sonde in mezzo ai boschetti forse non sarà così facile... In ogni caso mi stranizza che una notizia di tale portata (finora hanno fatto fatica a trovare batteri, figurati vegetazione) non abbia avuto un eco enorme...TAD==================================Modificato dall'autore il 20/04/2005 9.36.59
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        omgma sono vere?
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve analizzare un deserto...
          - Scritto da: Anonimo
          omg
          ma sono vere?Mha, ci sono i link agli originali della nasa...
          • edc scrive:
            Re: A che serve analizzare un deserto...

            Mha, ci sono i link agli originali della nasa...dove? non riesco a trovarli
      • jumpjack scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        Non si possono mandare sonde lontano dall'equatore marziano; o meglio, si puo', ma è tecnicamente molto piu' complicato (perche' bisogna uscire dal piano dell'orbita, e per altri motivi che non ricordo), e quindi molto piu' costoso.Tempo fa hanno mandato il Polar Lander su un polo di Marte; ma si è schiantato! :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      Viste le dimensioni e' piu' facile che siano strutture geologiche...Provate a vedere una foto di un bosco terrestre alla stessa risoluzione e ditemi se vedete gli alberi in quel modo.
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        - Scritto da: Anonimo
        Viste le dimensioni e' piu' facile che siano
        strutture geologiche...
        Provate a vedere una foto di un bosco terrestre
        alla stessa risoluzione e ditemi se vedete gli
        alberi in quel modo.essendo un bosco TERRESTRE, al 100% non potrà MAI essere uguale ad un eventuale bosco MARZIANO .....sempre che tu non metta in discussione le teorie sull'evoluzione e dica che quell'eventuale bosco è stato creato ad immagine e somiglianza dei boschi terrestri da dio ... hihihihi
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve analizzare un deserto...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Viste le dimensioni e' piu' facile che siano

          strutture geologiche...

          Provate a vedere una foto di un bosco terrestre

          alla stessa risoluzione e ditemi se vedete gli

          alberi in quel modo.
          essendo un bosco TERRESTRE, al 100% non potrà MAI
          essere uguale ad un eventuale bosco MARZIANO
          .....
          sempre che tu non metta in discussione le teorie
          sull'evoluzione e dica che quell'eventuale bosco
          è stato creato ad immagine e somiglianza dei
          boschi terrestri da dio ... hihihihiC'e' gente venuta su a telefilm di fantascienza anni '70 che probabilmente pensa che tutti gli alieni che incontreremo saranno umanoidi e parleranno inglese.:-)
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve analizzare un deserto...
            Per caso vi è venuto in mente che qui si parla di DIMENSIONI delle strutture fotografate?Comunque se siete convinti che in una foresta possano esserci alberi alti un paio di chilometri senza che collassino sotto il loro stesso peso...
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve analizzare un deserto...
            - Scritto da: Anonimo
            Per caso vi è venuto in mente che qui si parla di
            DIMENSIONI delle strutture fotografate?
            Comunque se siete convinti che in una foresta
            possano esserci alberi alti un paio di chilometri
            senza che collassino sotto il loro stesso peso...E chi lo sa ??? E' davvero impossibile ??? Perche ? Siamo davvero sicuri di saperne abbastanza da avere tali sicurezze ?Come fanno elementi di questa specie ad essere tanto arroganti da credere di sapere che alcune cose non sono possibili su altri pianeti, quando l'unico pianeta che si e' potuto in parte analizzare con una certa profondita' e' questo ?
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve analizzare un deserto...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Per caso vi è venuto in mente che qui si parla
            di

            DIMENSIONI delle strutture fotografate?

            Comunque se siete convinti che in una foresta

            possano esserci alberi alti un paio di
            chilometri

            senza che collassino sotto il loro stesso
            peso...

            E chi lo sa ??? E' davvero impossibile ???
            Perche ? Siamo davvero sicuri di saperne
            abbastanza da avere tali sicurezze ?
            Come fanno elementi di questa specie ad essere
            tanto arroganti da credere di sapere che alcune
            cose non sono possibili su altri pianeti, quando
            l'unico pianeta che si e' potuto in parte
            analizzare con una certa profondita' e' questo ?Forse perchè non si parla di pianeta ma di resistenza dei materiali ?E il problema non è più di tanto l'altezza, ma i rami a sbalzo lunghi mezzo chilometro...Poi se mi dici che potrebbero essere strutture con appendici radiali appoggiate a terra allora è un altro discorso, ma il tutto è partito dicendo che erano alberi con i rami e tutto il resto...
          • jokanaan scrive:
            Re: A che serve analizzare un deserto...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Viste le dimensioni e' piu' facile che siano


            strutture geologiche...


            Provate a vedere una foto di un bosco
            terrestre


            alla stessa risoluzione e ditemi se vedete gli


            alberi in quel modo.


            essendo un bosco TERRESTRE, al 100% non potrà
            MAI

            essere uguale ad un eventuale bosco MARZIANO

            .....


            sempre che tu non metta in discussione le teorie

            sull'evoluzione e dica che quell'eventuale bosco

            è stato creato ad immagine e somiglianza dei

            boschi terrestri da dio ... hihihihi

            C'e' gente venuta su a telefilm di fantascienza
            anni '70 che probabilmente pensa che tutti gli
            alieni che incontreremo saranno umanoidi e
            parleranno inglese.
            :-)mai sentito parlare di coevoluzione? Magari non parleranno inglese, francese o palermitano, ma analogie tra forme di vita aliene e terrestri potrebbero e dovrebbero esserci!
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve analizzare un deserto...
            - Scritto da: jokanaan
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            Viste le dimensioni e' piu' facile che siano



            strutture geologiche...



            Provate a vedere una foto di un bosco

            terrestre



            alla stessa risoluzione e ditemi se vedete gli



            alberi in quel modo.


            essendo un bosco TERRESTRE, al 100% non potrà

            MAI


            essere uguale ad un eventuale bosco MARZIANO


            .....




            sempre che tu non metta in discussione le
            teorie


            sull'evoluzione e dica che quell'eventuale
            bosco


            è stato creato ad immagine e somiglianza dei


            boschi terrestri da dio ... hihihihi



            C'e' gente venuta su a telefilm di fantascienza

            anni '70 che probabilmente pensa che tutti gli

            alieni che incontreremo saranno umanoidi e

            parleranno inglese.

            :-)
            mai sentito parlare di coevoluzione? Magari non
            parleranno inglese, francese o palermitano, ma
            analogie tra forme di vita aliene e terrestri
            potrebbero e dovrebbero esserci!Ipotesi sicuramente interessante, ma su quanti pianeti siamo stati fin'ora ? Quando ne avremo visitati 5 o 6 abitabili e magare abitati, anche da forme di vita primitive ma superiori, avremo l'esperienza per farci un'idea; per adesso restiamo nel campo delle ipotesi.
      • jumpjack scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        Infatti, piu' che alberi sembrano cristalli di qualcosa; chissa' in che scala sono le foto?
    • Vaira scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      L'ipotesi che si tratti di una bufala non vi sfiora nemmeno un pò eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      Le immagini sono vere, ci sono anche i link agli originali sul sito NASA.Il discorso e' tutto sull'interpretazione, come quando si guardano le nuvole e ci vediamo le figure...Guardate la risoluzione di quelle immagini!
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      Capisco l'entusiasmo che potrebbe suscitare una simile scoperta, ma suvvia, un po' di realismo. E poi se ci fosse un complotto la NASA non le avrebbe proprio mostrate queste immagini.A quella risoluzione si tratta di formazioni geologiche... Che non siano conosciute sulla Terra posso capire, siamo su un altro pianeta.Inoltre, riguardo alla domanda del titolo, è già difficile far scendere una sonda su di una superficie piana come un deserto, figuriamoci in mezzo ai rilievi o a strutture non meglio identificate.Credo sarà stupendo riuscire a spedire su Marte un giorno una sonda volante, tipo pallone aerostatico (temo che un aeroplanino intelligente sia un po' troppo , vero?), in grado di viaggiare molto più lontano di quanto non facciano queste due mitiche rover e di eseguire dei rilievi da distanze relativamente vicine. Come sarebbe bello riuscire a trovare un vegetale, o un muschio, in grado di attecchire sul pianeta e di diffondersi. Se solo ci fosse un po' di acqua...
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      Magari (tra le altre) per la ragione spiegata in quest'articolo?http://www.space.com/scienceastronomy/050419_mars_methane.htmlPiccolo riassunto per chi non avesse voglia di cliccare: all'equatore pare esserci abbondanza di metano e visto che questo gas su Marte si disperde nello spazio nel giro di 300 anni la sua fonte dev'essere rinnovabile. Può essere una fonte geologica o una biologica o entrambe. L'unico modo di scoprirlo è andare a vedere.Personalmente andrei a controllare anche ai poli, ma è pure possibile che andare all'equatore sia più semplice (terreno più piatto) e in fondo abbiamo secoli a disposizione.
    • radel scrive:
      Alberi di mezzo chilometro?
      - Scritto da: Anonimo
      Ci sono zone di marte, vicino ai poli, che
      mostrano strane conformazioni che sembrano
      alberi, e addirittura ci sono dei laghi!
      Ma noi furbi spediamo le sonde all'equatore, dove
      ci sono solo immense distese di sabbia.
      Complimenti!


      http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.htmlFacendo i conti a spanne (con le mani sul monitor: proprio "a spanne") mi vengono alberi da oltre mezzo chilometro.Non è che, forse, non sono alberi?Mah
      • Anonimo scrive:
        Re: Alberi di mezzo chilometro?
        Sufficiente comunque a fare collassare su se stesso un albero alto mezzo chilometro...
        • Anonimo scrive:
          Re: Alberi di mezzo chilometro?
          - Scritto da: Anonimo
          Sufficiente comunque a fare collassare su se
          stesso un albero alto mezzo chilometro...Alludi ad un albero terrestre vero ?
          • jokanaan scrive:
            Re: Alberi di mezzo chilometro?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Sufficiente comunque a fare collassare su se

            stesso un albero alto mezzo chilometro...

            Alludi ad un albero terrestre vero ?il piccolo principe mi disse che era pericoloso far crescere i baobab sul pianeta, bisogna estirparli subito! altrimenti succede come qua!http://www.odaha.com/Images/LittlePrince/IlPicolloPrincipe/image026.jpg
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      Ecco, da oggi, un motivo in più:http://www.sciam.com/article.cfm?chanID=sa003&articleID=00088AA5-7378-1265-B37883414B7F0000Per chi non capisse l'inglese e non avesse voglia di leggere, sembra che l'asse di Marte si sia spostato notevolmente nel tempo, e secondo l'articolo è stato identificato il vecchio equatore e conseguentemente i vecchi poli.Un asteroide è stato disintegrato dalla forza di gravità del pianeta e 5 frammenti sono caduti lunga una linea che si suppone possa essere quella del vecchio equatore: il centro di questo circolo corrisponde al polo, dove possono esistere ancora dei sedimenti di ghiaccio sotto forma di permafrost.E il vecchio polo si trova dove c'è l'attuale equatore!
    • Giambo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      - Scritto da: Anonimo
      http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.htmlSul sito in questioni si parla parla di identificativo "m0804668".La stessa fotografia, sul sito "ufficiale", e' un pochino diversa:http://ida.wr.usgs.gov/html/m08046/m0804668.htmlIMHO, e' una bufala.
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        - Scritto da: Giambo
        Sul sito in questioni si parla parla di
        identificativo "m0804668".
        La stessa fotografia, sul sito "ufficiale", e' un
        pochino diversa:

        http://ida.wr.usgs.gov/html/m08046/m0804668.html

        IMHO, e' una bufala.ha sbagliato ha scrivere, sotto l'identificativo è corretto (m0804688)http://ida.wr.usgs.gov/html/m08046/m0804688.htmle questa è l'immagine per i pigrihttp://ida.wr.usgs.gov/display/MGSC_1066/m08046/m0804688.imq.jpg
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: Anonimo


        http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.html

        Sul sito in questioni si parla parla di
        identificativo "m0804668".
        La stessa fotografia, sul sito "ufficiale", e' un
        pochino diversa:

        http://ida.wr.usgs.gov/html/m08046/m0804668.html
        Perchè prima parlano della m0804668, e poi linkano quella giusta, la m0804688!
        IMHO, e' una bufala.Sono d'accordo, è MOLTO più probabile che si tratti di formazioni geologiche, viste le dimensioni (sul sito stesso si parla di 1_Km!)Saluti...................Enrico (linux) (c64)
        • Giambo scrive:
          Re: A che serve analizzare un deserto...
          - Scritto da: Anonimo

          IMHO, e' una bufala.

          Sono d'accordo, è MOLTO più probabile che si
          tratti di formazioni geologiche, viste le
          dimensioni (sul sito stesso si parla di 1_Km!)Mi ricorda le famose fotografie dei "vermi" giganti e il ben piu' famoso "faccione". La mente umana cerca sempre di ricondurre quel che vede a qualcosa di conosciuto (Sopratutto se un viso umano, la prima forma che impariamo a riconoscere !), questo caso non credo sia diverso.Probabilmente la "foresta", se fotografata con una luce diversa o da un'altra angolazione, apparira' come qualcosa di totalmente diverso.
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve analizzare un deserto...
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: Anonimo


        http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.html

        Sul sito in questioni si parla parla di
        identificativo "m0804668".
        La stessa fotografia, sul sito "ufficiale", e' un
        pochino diversa:

        http://ida.wr.usgs.gov/html/m08046/m0804668.html

        IMHO, e' una bufala.Ma quale bufalaE' sicuramente un complotto architettato dagli USA e dal Vaticano per nasconderci la verita'.La realta' e' che gli USA sono in contatto con gli alieni da decine di anni.Ma secondo voi da dove arriva la tecnologia che anno aquisito.Anzi Bush e' sicurante un ultracorpo manovrato da una forza extraterrestre (La prova e' che un idiota del genere non riuscirebbe mai a fare il presidente se non fosse controllato da una forza esterna).
    • TeX scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      - Scritto da: Anonimo
      Ci sono zone di marte, vicino ai poli, che
      mostrano strane conformazioni che sembrano
      alberi, e addirittura ci sono dei laghi!Ovviamente secondo una libera interpretazione...Sulla Terra gli alberi arrivano a superare a malapena i 100 metri di altezza, ma si parla di conifere che hanno rami piuttosto corti in proporzione all'altezza del tronco. Secondo la teoria degli alberi marziani si tratterebbe di alberi con rami che si sviluppano in orizzontale per 500 metri... contro qualche metro, diciamo una decina, degli alberi terrestri. Si parla di un fattore 50... Sono 500 metri di struttura a sbalzo, qualcuno immagina i momenti flettenti alla base ? Accettare acriticamente tutto ciò solo perchè la gravità è ridotta al 38% (quindi mica poi tanto ridotta...) è un po' assurdo...
      Ma noi furbi spediamo le sonde all'equatore, dove
      ci sono solo immense distese di sabbia.
      Complimenti!Vediamo... una navicella viaggia per qualche centinaio di milioni di chilometri viaggiando grosso modo sul piano dell'eclittica, arriva per miracolo (vogliamo contare le sonde che si sono perse nello spazio ?) in prossimità di Marte con una velocità di qualche chilometro al secondo, si mette in orbita attorno all'equatore (ovviamente... l'asse di rotazione di Marte è quasi perpendicolare all'eclittica, quindi come arriva in prossimità di Marte la navicella si ritrova grosso modo sul piano dell'equatore). A questo punto dalla navicella si stacca una sonda che viene fatta atterrare (ehm... forse si dice 'ammartare'...) sfuttando unicamente il rallentamento aerodinamico della atmosfera di Marte. Vediamo... se la navicella è in orbita attorno all'equatore, dove atterrerà la sonda ? In prossimità dell'equatore ? Noooo !!! Che stupidi... perchè non hanno pensato di farla atterrare in prossimità di un polo...Vediamo... La navicella in orbita equatoriale viaggia diciamo a 2.7 km/s (grosso modo è la velocità orbitale attorno a Marte)... per mettersi in orbita polare (l'unico modo per poter mandare una sonda su un polo) deve spostare l'assedi rotazione di 90° mantenendo la velocità. Per far ciò deve sommare vettorialmente una velocità di 2.7*sqrt(2) km/s e cioè di 3.8 km/s. Non è poco. Non è affatto poco, e siccome in orbita attorno a Marte non ci sono stazioni di rifornimento di idrazina, allora l'idrazina se la deve portare dalla Terra. Non solo, ma tutte le manovre effettuate dalla navicella avrebbero dovuto interessare anche il carburante in più. La differenza in termini pratici probabilmente sarebbe stata l'impossibilità tecnica della missione. Il tutto per cosa ? Per accontentare qualcuno che dice di aver visto alberi e laghi ?!?!?!?Un'ultima cosa... per effettuare il viaggio la navicella ha impiegato alcuni anni. Non so se le foto in questione siano state fatte prima o dopo il lancio... Nel primo caso, anche volendo, ovviamente sarebbe stato impossibile modificare la missione...==================================Modificato dall'autore il 20/04/2005 11.36.52
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      scusate ma non è che sono dei crateri, con un bordo rialzatoe più riverberante(quindi più chiaro) al bordo sud-ovested una lieve ombra a nord-est.se fossero alberi kilometrici, quale sarebbe l'ombra proiettatacon una fonte luminosa così a basso angolo ???
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      - Scritto da: Anonimo
      Ci sono zone di marte, vicino ai poli, che
      mostrano strane conformazioni che sembrano
      alberi, e addirittura ci sono dei laghi!
      Ma noi furbi spediamo le sonde all'equatore, dove
      ci sono solo immense distese di sabbia.
      Complimenti!
      http://mmmgroup.altervista.org/i-trees.htmlIo vorrei sapere i commenti della NASA riguardo a queste foto...
    • Anonimo scrive:
      Ecco perche' all'equatore...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma noi furbi spediamo le sonde all'equatore, dove
      ci sono solo immense distese di sabbia.
      Complimenti!Il motivo per andare all'equatore e' molto piu' semplice di tutte le ipotesi scritte qui.I rover vanno a energia solare e hanno pannelli solari piuttosto piccoli, quindi possono andare solo dove il flusso solare e' massimo. Dati questi limiti, i rover potevano essere spediti solo in una fascia di 5 gradi dall'equatore.Perche' non fare pannelli solari piu' grandi?? Semplice: 1) non ci stavano dentro il vettore che li ha spediti verso marte, 2) c'e' anche un limite di peso, quindi se fai pannelli solari piu' grandi devi lasciare a casa qualcos'altro, ovvero qualche strumento scientifico.In pratica, se si vuole mandare un rover vicino al polo c'e' bisogno di un rover piu' grosso, e quindi di un razzo piu' grosso. Razzo che non abbiamo. Se si vuol fare bisogna sborsare tanti (ma tanti!) bei soldini (del contribuente).Ma dico, pensate veramente che quelli della NASA siano cosi' stupidi da non mandare i rover in posti piu' interessanti perche' gli gira cosi'? Avete idea di quanta gente lavora a progetti come questo, e quanti anni ci vogliono per preparare la missione? Credete veramente che tutti questi fisici, astronomi, ingegneri siano semplicemente stupidi? Prima di sparare queste ca22ate colossali, avete mai almeno STUDIATO qualcosa riguardo come si fa' una missione interplanetaria??:-@
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco perche' all'equatore...

        abbiamo. Se si vuol fare bisogna sborsare tanti
        (ma tanti!) bei soldini (del contribuente).fino a che si faranno partire le missioni dalla superficie terrestre e non da una base di assemblaggio in orbita (che non abbiamo...) o lunare (che non abbiamo...) E contemporaneamente ci si vincola ad usare combustibili tradizionali anzichè motori principali nucleari (in studio da mezzo secolo...) ovvio che ci saranno queste limitazioni di ingombri e pesi...il problema è che è più facile avere fondi per tante missioni limitate e costose piuttosto che per una "infrastruttura" molto più costosa che renda le successive missioni più economiche e meno limitate, ma che di per se non rappresenta una missione ma piuttosto un investimento a lunghissimo termine...
    • FDG scrive:
      Re: A che serve analizzare un deserto...
      - Scritto da: Anonimo
      Ci sono zone di marte, vicino ai poli, che
      mostrano strane conformazioni che sembrano
      alberi, e addirittura ci sono dei laghi!Se guardi l'immagine originalehttp://ida.wr.usgs.gov/display/MGSC_1066/m08046/m0804688.imq.jpgvedi che in basso gli "alberi" si fondono in un'unica struttura. Un po strani come "alberi".
  • Anonimo scrive:
    Comunque vada sarà un successo!
    Beh considerato che la missione primaria doveva durare appena 3 mesi, è già una cosa incredibile che siano ancora lì!!Sono partiti a gennaio del 2004 :sP.E.
  • Anonimo scrive:
    Sensori?
    Con tutti quei milioni di dollari non sono capaci di mettere non dico una mega intelligenza artificiale ma neanche un paio di sensori di parcheggio?
  • Anonimo scrive:
    Il sindacato
    Ma questi 2 estracomunitari che stanno su Marte sono protetti da un sindacato ? Ma li vedete in che condizioni li fanno lavorare ??? Inumano!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sindacato
      - Scritto da: Anonimo
      Ma questi 2 estracomunitari che stanno su Marte
      sono protetti da un sindacato ? Ma li vedete in
      che condizioni li fanno lavorare ??? Inumano!Mah... è il pianeta rosso... staranno scavando per trovare una statua di Stalin :D :D :D
    • Hotge scrive:
      Re: Il sindacato
      - Scritto da: Anonimo
      Ma questi 2 estracomunitari che stanno su Marte
      sono protetti da un sindacato ? Ma li vedete in
      che condizioni li fanno lavorare ??? Inumano!ma figurati... avranno sicuramente un co.co.pro... i sindacati di loro se ne battono il cu.o :-)
Chiudi i commenti