P2P, scovati 55 condivisori in chat

I gestori di server OpenNap che non distribuivano file protetti, nel mirino di una inchiesta che ha portato a sequestri e indagini su 55 utenti. L'accusa è di associazione a delinquere. FIMI: giusto così
I gestori di server OpenNap che non distribuivano file protetti, nel mirino di una inchiesta che ha portato a sequestri e indagini su 55 utenti. L'accusa è di associazione a delinquere. FIMI: giusto così


Roma – Sono poche le indagini come quelle di queste ore sulla pirateria online ad aver scatenato così tante polemiche in rete. Mailing list e forum nelle scorse ore si sono affollati di commenti attorno ad una nuova operazione della Polizia Postale denominata Pastore abruzzese che ha preso di mira il server OpenNap su rete Fastweb noto come Cucciolandia , ora reso inattivo.

“Ebbene sì è tutto vero – ha scritto su p2pforum uno dei gestori del server di Cucciolandia -… pur essendo a share 0 ci sono piombati in casa… a tutti… ora non so che pensare… nessuno a quanto pare è al sicuro… ma non voglio mettere allarmismi sciocchi.. anzi….” Le polemiche sono nate proprio attorno al concetto di share 0 , ovvero del fatto che secondo i gestori si trattava essenzialmente di uno strumento per chattare . “Anche i sassi sapevano che eravamo a 0 file” – scrive ancora uno dei gestori.

“Con una media di 10.000 utenti – scrive un altro gestore – eravamo il più grande server OpenNap, e l’unico modo per raderlo al suolo era quello di entrare in casa e portar via i mezzi con i quali tenevamo insieme questa bella realtà dal nome di Cucciolandia. C’è chi in CuccioloNet ha trovato l’amore… c’è chi si è sposato grazie a Cucciolandia. La gente entrava e frequentava la chat sapendo di trovare persone (più o meno esperte) pronte a dare qualche consiglio, sia che esso riguardasse l’informatica, sia che riguardasse questioni diverse dai componenti hardware di un computer”.

L’operazione si è svolta su una scala ampia, inusuale e forse senza precedenti per la rete italiana. Su denuncia della FIMI e grazie a dei software di tracciamento ed analisi relazionale messi a punto dalla Ikon Corp. , la Polizia Postale ha potuto seguire i movimenti degli utenti sui server “Cucciolandia” scoprendo – hanno spiegato gli inquirenti – un impressionante giro di file protetti da diritto d’autore: non solo musica, ma anche film e software.

Secondo il coordinatore della PolPost abruzzese, Alessandro Grilli, Cucciolandia era una rete molto particolare, a cui accedeva solo chi era conosciuto ai gestori e presentato da altri utenti che, a detta della polizia, mettevano poi a disposizione anche grandi quantità di file. Secondo la PolPost, i file posti in condivisione dai soli gestori Cucciolandia erano almeno 15 milioni, perlopiù contenenti materiale protetto. “Si tratta – ha affermato la PolPost – dell’indagine più rilevante mai condotta in Italia contro le violazioni delle leggi sul diritto d’autore commesse sulla rete Internet”.

Proprio la particolare natura del network e la possibilità del nuovo software di tracciare le relazioni telematiche tra gli utenti, ha spinto gli inquirenti a ipotizzare per la prima volta nel nostro paese per questo genere di attività l'” associazione a delinquere finalizzata alla diffusione illecita ed allo scambio abusivo di programmi per computer, film ed opere musicali, tutelate dalle norme sul diritto d’autore, al fine di trarne profitto” (art 416 c.p. 171 bis e ter legge 633/41 e s.m.).


Le perquisizioni seguite all’individuazione dei maggiori condivisori hanno portato ad operazioni in nove regioni italiane e alla denuncia di 55 persone nelle cui abitazioni è stato sequestrato il materiale informatico, computer e supporti, che sarà analizzato ai fini dell’inchiesta. Nel complesso si tratta di più di 8mila Cd-ROM, circa 600 DVD e altrettanti supporti alternativi, decine di masterizzatori e altro ancora.

Di interesse segnalare che, grazie al software sviluppato in collaborazione con Ikon Corp., la PolPost ha spiegato di aver individuato in un solo giorno sui server interessati circa 100mila utenti . L’identificazione di coloro che sono stati presi di mira è stata resa più complessa – hanno spiegato gli inquirenti – dal fatto che utilizzando l’IP pubblico di Fastweb non è stato possibile ricorrere alla metodologia tradizionale in questi casi, che proprio grazie all’IP privato e alla collaborazione dei provider consente di identificare con un certo grado di certezza gli utenti Internet.

Ma è anche singolare segnalare un’altra notizia riportata nelle prime ore di ieri non appena emersi i particolari dell’operazione, quella secondo cui grazie al software Ikon sarebbe anche stato possibile valutare i danni che le operazioni condotte in rete avrebbero provocato alla SIAE e all’erario: si parla di 35mila euro l’ora, stima basata evidentemente sugli incassi che avrebbe prodotto certo materiale qualora fosse stato acquistato anziché scambiato.

Inutile dire che proprio FIMI, come poi il ministro degli Interni e il Capo della Polizia, ha espresso il proprio apprezzamento per l’operazione. In una nota, FIMI ha spiegato che “oggi in Italia l’offerta di musica online legale è in forte espansione con siti come Itunes, Msn, Messaggerie digitali, Buongiorno Vitaminic, e altre, un’offerta che può essere messa in grave difficoltà dalla presenza contestuale di musica abusiva messa a disposizione in rete”.

“Non so che fine faremo noi, gestori del server. Non so se l’accusa di associazione a delinquere riesca e restare in piedi oppure dopo anni e anni si riesca a smontarla – scrivono ancora i gestori – Non sappiamo se la reclusione dai 3 ai 7 anni sia per noi vicina o lontana. Io, come tutti gli altri miei collaboratori, non abbiamo intenzione di cedere. Ci trasferiamo sul web (almeno lì la chat non dovrebbe comportare l’accusa di associazione a delinquere), cercando di continuare quanto di buono avevamo creato”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 06 2005
Link copiato negli appunti