P8 lite 2017, il ritorno del best-seller

Huawei decide di rispolverare un marchio che l'ha consacrata sul mercato italiano. Il nuovo smartphone è un prodotto di fascia media, che punta su fotocamera e prestazioni

Milano – Il suo predecessore è stato un prodotto importante per Huawei : l’azienda cinese ha venduto 1,7 milioni di P8lite solo in Italia , un successo che ha reso il marchio cinese popolare e gli ha permesso di fare il grande salto sul mercato del Belpaese. Se oggi Huawei detiene il 25 per cento del mercato in volume in tutta Italia è anche grazie alla popolarità di un terminale che i clienti italiani hanno apprezzato per un ottimo rapporto prezzo/prestazioni. Oggi Hawei ci riprova: stessa formula, ma hardware aggiornato per continuare a soddisfare i palati esigenti dei nostri connazionali.

Ci sono dei cambiamenti significativi per quanto riguarda la scheda tecnica del P8 lite 2017 rispetto al modello del 2015: lo schermo ora è da 5,2 pollici, un buon compromesso per non rendere il telefono troppo grande o troppo piccolo, ma la risoluzione cresce fino al FullHD. Discorso analogo per la RAM che sale a 3GB, mentre lo storage (espandibile) rimane fissato a 16GB. Il processore scelto per questo P8 lite 2017 è il nuovo HiSilicon Kirin 655: lo stesso montato dall’Honor 6X, un octa-core con architettura big.LITTLE che abbina 4 Cortex-A53 da 2,1GHz ad altrettanti Cortex-A53 da 1,7GHz, con in più una GPU Mali-T830. Connettività WiFi 802.11 b/g/n a 2,4GHz, LTE e Bluetooth d’ordinanza, non manca neppure l’NFC.

Rispetto al modello originale, poi, ci sono anche un paio di aggiunte significative: il lettore di impronte digitali di quarta generazione e una nuova versione di interfaccia EMUI, la 5.0, abbinata ad Android 7.0 Nougat . Anche lato fotocamere ci sono dei cambiamenti importanti. Il sensore posteriore, abbinato a un flash LED, è da 12 megapixel con diametro dei punti del sensore maggiorato (1,25 nanometri) e lente f/2,2; quello anteriore è da 8 megapixel con pixel da 1,4 nanometri e una luminosa lente f/2. Rinnovata e ampliata anche l’interfaccia del software della fotocamera, più simile a quella di P9 e Mate 9. Si adegua al 2017 anche la batteria, che porta la sua capacità a 3.000mAh.

L’aspetto esteriore poi è un altro reparto dove ci sono stati molti cambiamenti : finitura in vetro per anteriore e posteriore, bordi arrotondati (2.5D), tre colorazioni disponibili (bianco, nero e oro). Misure e finiture, davvero molto curate, ricordano quelle dell’Honor 8: se non fosse per la scritta Huawei sul frontale e per la fotocamera singola e non doppia sul posteriore si potrebbe quasi confondere i due terminali, che tuttavia sotto il cofano nascondono altre differenze.

Quel che Huawei punta a fare è rilanciarsi ulteriormente in un settore dove fino a oggi ha riscosso grandissimo successo in Italia: nel segmento tra 200 e 300 euro ha toccato vette di 40 punti di market share sul mercato tricolore, e il debutto del P8 lite 2017 arriva a ridosso del Mobile World Congress e in tempo per il ricambio generazionale di chi ha acquistato un P8 lite quasi due anni fa e ha voglia di aggiornare il suo smartphone, ma non vuole abbandonare un prodotto di cui è rimasto soddisfatto e un marchio a cui si è affezionato . Puntare sul marchio P, inoltre, ha un significato particolare: linea P e linea Mate saranno sempre più centrali per il prosieguo del cammino del marchio Huawei, con la prospettiva a breve di lanciare anche in Italia il Mate 9 Pro che fino a oggi è stato di fatto un’esclusiva cinese. A dimostrazione dell’importanza dell’Italia per l’azienda di Shenzen.

Il prezzo ufficiale di vendita è fissato a 249 euro , con il prodotto già disponibile nella grande distribuzione, ma il P8 lite 2017 sarà presente a breve anche nei listini di molti operatori.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CuperGino scrive:
    caduta di stile
    Vi siete dimenticati di noi.Noi dominavamo incontrastati, vendevamo ipad/macbook ai figli dei ricchi come è giusto che sia, poi sono arrivati quei barboni della Alphabet ed hanno cominciato a vendere plasticoni perfino ai banchi e alle lavagne.Sono talmente economici che in alcune scuole sono stati scelti in sostituzione della ceramica per pavimentare le aule. Plastica, plastica in ogni dove :@.Ma noi non resteremo con le mani in mano, faremo arrivare sulla scrivania del presidente Trombetta una richiesta di dazio alla frontiera del 300% su tutti i prodotti non "Designed by Apple in California" :@ :@ :@.
  • xte scrive:
    I gesuiti dicono
    dateci i primi anni di un uomo e sarà nostro per sempre.Il problema è che la quasi totalità degli insegnanti è quasi totalmente ignorante in termini informatici, spesso addirittura con meno competenze dei suoi allievi... Come si può pensare che le cose vadano diversamente?Certo, ci sono insegnanti informaticamente preparati, che magari pure insegnano informatica, ma quando leggi i programmi di certe scuole (roba tipo "cos'è la stampa unione" e disegno con Autocad LT 98 nel biennio di liceo scientifico affiancato magari a "programmazione in Pascal") le braccia cadono molto molto in basso...
    • 10713 scrive:
      Re: I gesuiti dicono
      - Scritto da: xte
      dateci i primi anni di un uomo e sarà nostro per
      sempre.

      Il problema è che la quasi totalità degli
      insegnanti è quasi totalmente ignorante in
      termini informatici, spesso addirittura con meno
      competenze dei suoi allievi... Come si può
      pensare che le cose vadano
      diversamente?

      Certo, ci sono insegnanti informaticamente
      preparati, che magari pure insegnano informatica,
      ma quando leggi i programmi di certe scuole (roba
      tipo "cos'è la stampa unione" e disegno con
      Autocad LT 98 nel biennio di liceo scientifico
      affiancato magari a "programmazione in Pascal")
      le braccia cadono molto molto in
      basso...Ma siete veramente fuori dal mondo!
      • ... scrive:
        Re: I gesuiti dicono
        Cosa stai commentando? Il gol della partita di pallone? Dovre credi di stare? Al bar dello sport?O ci metti dentro un' idea, una considerazione, una precisazione o te ne stai zitto.
    • collione scrive:
      Re: I gesuiti dicono
      - Scritto da: xte
      dateci i primi anni di un uomo e sarà nostro per
      sempre.uhm, ti riferisci a questo? https://it.wikipedia.org/wiki/Casi_di_pedofilia_all'interno_della_Chiesa_cattolica :D
      Il problema è che la quasi totalità degli
      insegnanti è quasi totalmente ignorante
      <s
      in termini informatici </s
      , spesso addirittura con meno
      competenze dei suoi allievi...FIXED 8)di tutti quelli della mia classe ( classe di eta' intendo ), lo sai quali sono diventati insegnanti? i piu' "ciucci"!ecco, con questo materiale scadente non si va da nessuna parte
  • iRoby scrive:
    Prendili quando sono piccoli
    Prendili quando sono piccoli.Insegnagli il brand, a riconoscere i marchi e rinXXXXXXXXrli con l'attitudine al consumo.Opensource, nooo. Chiuso e di marca. Schiavo come schiavo è da sempre il popolo bue.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Prendili quando sono piccoli
      - Scritto da: iRoby
      Prendili quando sono piccoli.
      Insegnagli il brand, a riconoscere i marchi e
      rinXXXXXXXXrli con l'attitudine al
      consumo.

      Opensource, nooo. Chiuso e di marca. Schiavo come
      schiavo è da sempre il popolo
      bue.Complotto giudaico massonico ?
      • 10713 scrive:
        Re: Prendili quando sono piccoli
        - Scritto da: Sg@bbio
        - Scritto da: iRoby

        Prendili quando sono piccoli.

        Insegnagli il brand, a riconoscere i marchi e

        rinXXXXXXXXrli con l'attitudine al

        consumo.



        Opensource, nooo. Chiuso e di marca. Schiavo
        come

        schiavo è da sempre il popolo

        bue.

        Complotto giudaico massonico ?Senti chi parla !
      • iRoby scrive:
        Re: Prendili quando sono piccoli
        No l'analfabeta funzionale quello che non sa interpretare la realtà e si basa su frasi fatte o siti e personaggi ambigui per valutare la realtà, sa solo ripetere: "compolotto giudaico massonico?"
      • collione scrive:
        Re: Prendili quando sono piccoli
        - Scritto da: Sg@bbio
        Complotto giudaico massonico ?no, desiderio di fare sempre piu' soldi sulle spalle dei gonzi
      • ... scrive:
        Re: Prendili quando sono piccoli
        - Scritto da: Sg@bbio
        - Scritto da: iRoby

        Prendili quando sono piccoli.

        Insegnagli il brand, a riconoscere i marchi e

        rinXXXXXXXXrli con l'attitudine al

        consumo.



        Opensource, nooo. Chiuso e di marca. Schiavo
        come

        schiavo è da sempre il popolo

        bue.

        Complotto giudaico massonico ?No, una marea di XXXXXXXX da spennare.
    • 10713 scrive:
      Re: Prendili quando sono piccoli
      - Scritto da: iRoby
      Prendili quando sono piccoli.
      Insegnagli il brand, a riconoscere i marchi e
      rinXXXXXXXXrli con l'attitudine al
      consumo.

      Opensource, nooo. Chiuso e di marca. Schiavo come
      schiavo è da sempre il popolo
      bue.Dovete rivedere il vostro marketing.
      • Gufy scrive:
        Re: Prendili quando sono piccoli
        Vostro di chi? Quale marketing? Completa i commenti.
        • 10713 scrive:
          Re: Prendili quando sono piccoli
          - Scritto da: Gufy
          Vostro di chi? Quale marketing? Completa i
          commenti.E tu chi sei?Ma pussa via.
          • ... scrive:
            Re: Prendili quando sono piccoli
            - Scritto da: 10713
            - Scritto da: Gufy

            Vostro di chi? Quale marketing? Completa i

            commenti.

            E tu chi sei?Di certo non sono una XXXXX come te, porta rispetto.
            Ma pussa via.Non hai ancora completato il commento precedente.
          • 10713 scrive:
            Re: Prendili quando sono piccoli
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: 10713

            - Scritto da: Gufy


            Vostro di chi? Quale marketing? Completa i


            commenti.



            E tu chi sei?

            Di certo non sono una XXXXX come te, porta
            rispetto.Allora sei un water!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Shiba scrive:
        Re: Prendili quando sono piccoli
        - Scritto da: 10713
        - Scritto da: iRoby

        Prendili quando sono piccoli.

        Insegnagli il brand, a riconoscere i marchi e

        rinXXXXXXXXrli con l'attitudine al consumo.



        Opensource, nooo. Chiuso e di marca. Schiavo

        come schiavo è da sempre il popolo bue.

        Dovete rivedere il vostro marketing.Marketing nelle scuole... Ho concluso, vostro onore.
  • panda rossa scrive:
    Fuori M$ dalle scuole!
    M$ nelle scuole e' come mandare nelle scuole uno spacciatore a tenere conferenze contro la droga.Le scuole devono usare solo software open source e gli studenti devono imparare che il software open e' aperto e libero.Solo chi ha qualcosa da nascondere adotta il modello closed!
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Fuori M$ dalle scuole!
      Gare d'appalto.
      • xte scrive:
        Re: Fuori M$ dalle scuole!
        Vi sono anche aziende nell'opensource, in effetti la maggioranza degli sviluppatori open è pagata per sviluppare. Il problema è come si indice la gara d'appalto.Per esempio scrivere chiaro e tondo nei prerequisiti il rispetto dell'art. 68 del CAD ad esempio, o magari per il politico di turno imporre lo sviluppo su repo pubblico di ogni progetto relativo alla PA con licenza OSI approved o public-domain...
        • 10713 scrive:
          Re: Fuori M$ dalle scuole!
          - Scritto da: xte
          Vi sono anche aziende nell'opensource, in effetti
          la maggioranza degli sviluppatori open è pagata
          per sviluppare. Il problema è come si indice la
          gara
          d'appalto.

          Per esempio scrivere chiaro e tondo nei
          prerequisiti il rispetto dell'art. 68 del CAD ad
          esempio, o magari per il politico di turno
          imporre lo sviluppo su repo pubblico di ogni
          progetto relativo alla PA con licenza OSI
          approved o
          public-domain...Linuxberg! (rotfl)(rotfl)
      • collione scrive:
        Re: Fuori M$ dalle scuole!
        - Scritto da: Sg@bbio
        Gare d'appalto.spero non condotte e gestite allo stesso modo di quelle che assegnano gli appalti per la gestione dei migranti a quella cooperativa pluri-indagata che opera a Cona :D
    • Shiba scrive:
      Re: Fuori M$ dalle scuole!
      Il problema del software Microsoft è raddoppiato in quello di Google, che aggiunge alle controindicazioni del software proprietario classico l'enorme malus di essere vincolato (dati e software) al cloud di Google. Al peggio non c'è mai fine, non oso immaginare quale sarà il prossimo passo.
      • panda rossa scrive:
        Re: Fuori M$ dalle scuole!
        - Scritto da: Shiba
        Il problema del software Microsoft è raddoppiato
        in quello di Google, che aggiunge alle
        controindicazioni del software proprietario
        classico l'enorme malus di essere vincolato (dati
        e software) al cloud di Google. Al peggio non c'è
        mai fine, non oso immaginare quale sarà il
        prossimo
        passo.Google non e' un problema nelle scuole italiane dove tanto la connettivita' quando c'e' e' ottenuta con modem analogici.
        • aphex_twin scrive:
          Re: Fuori M$ dalle scuole!
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Shiba

          Il problema del software Microsoft è
          raddoppiato

          in quello di Google, che aggiunge alle

          controindicazioni del software proprietario

          classico l'enorme malus di essere vincolato
          (dati

          e software) al cloud di Google. Al peggio
          non
          c'è

          mai fine, non oso immaginare quale sarà il

          prossimo

          passo.

          Google non e' un problema nelle scuole italiane
          dove tanto la connettivita' quando c'e' e'
          ottenuta con modem
          analogici.Credo che stesse contestando il concetto di cloud e non i possibili problemi dovuti alla connettivitá. Hai in mente il cloud ? Quello che non bisogna mai usare altrimenti ti contano i peli del naso ? Ecco quello.
          • panda rossa scrive:
            Re: Fuori M$ dalle scuole!
            - Scritto da: aphex_twin
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Shiba


            Il problema del software Microsoft è

            raddoppiato


            in quello di Google, che aggiunge alle


            controindicazioni del software
            proprietario


            classico l'enorme malus di essere
            vincolato

            (dati


            e software) al cloud di Google. Al
            peggio

            non

            c'è


            mai fine, non oso immaginare quale sarà
            il


            prossimo


            passo.



            Google non e' un problema nelle scuole
            italiane

            dove tanto la connettivita' quando c'e' e'

            ottenuta con modem

            analogici.

            Credo che stesse contestando il concetto di cloud
            e non i possibili problemi dovuti alla
            connettivitá. Hai in mente il cloud ? Quello
            che non bisogna mai usare altrimenti ti contano i
            peli del naso ? Ecco
            quello.E spiegami un po' come si concilia questo cloud con l'assenza di connettivita'.
          • aphex_twin scrive:
            Re: Fuori M$ dalle scuole!
            - Scritto da: panda rossa
            E spiegami un po' come si concilia questo cloud
            con l'assenza di
            connettivita'.Dovresti spiegarlo tu perché hai voluto specificare che il problema non sussiste visto che usano connessioni attraverso modem analogici. Io oltre a Gmail non uso servizi Google.
    • aphex_twin scrive:
      Re: Fuori M$ dalle scuole!
      Leggo troppi "devono" che stridono con libertá.
      • panda rossa scrive:
        Re: Fuori M$ dalle scuole!
        - Scritto da: aphex_twin
        Leggo troppi "devono" che stridono con
        libertá.Perche' la liberta' e' una conquista.
        • aphex_twin scrive:
          Re: Fuori M$ dalle scuole!
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: aphex_twin

          Leggo troppi "devono" che stridono con

          libertá.

          Perche' la liberta' e' una conquista.Sembra una conquista "obbligata" dal tuo punto di vista.
          • panda rossa scrive:
            Re: Fuori M$ dalle scuole!
            - Scritto da: aphex_twin
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: aphex_twin


            Leggo troppi "devono" che stridono con


            libertá.



            Perche' la liberta' e' una conquista.

            Sembra una conquista "obbligata" dal tuo punto di
            vista.Invece dal tuo punto di vista sembra che sia un qualcosa a cui si possa rinunciare tranquillamente.
Chiudi i commenti