Paesi poveri, il digitale è un miraggio

Analfabetismo e tensioni geopolitiche rendono impossibile la digitalizzazione dei paesi poveri: i capitali stranieri non arrivano, i cittadini sono disinteressati. Le Nazioni Unite affrontano il problema a Doha, in Qatar
Analfabetismo e tensioni geopolitiche rendono impossibile la digitalizzazione dei paesi poveri: i capitali stranieri non arrivano, i cittadini sono disinteressati. Le Nazioni Unite affrontano il problema a Doha, in Qatar


Doha (Qatar) – Analfabetismo dilagante, gravi carenze infrastrutturali ed una situazione geopolitica che tiene alla larga qualsiasi investimento straniero: benvenuti nel deserto dell’alta tecnologia , una regione del Mondo che si estende dalle foreste del Suriname fino alle vette del Nepal. Nonostante le tecnologie informatiche possano portare ricchezza a tutte le moltitudini intrappolate nel baratro del divario digitale , la strada verso la digitalizzazione è tutta in salita.

Lo scenario è emerso durante la riunione plenaria dei paesi partecipanti alla Conferenza sullo Sviluppo Globale della Telecomunicazione , in corso a Doha. L’appuntamento, promosso dalla International Telecommunication Union e trasmesso in diretta web , ha visto la partecipazione di circa 600 funzionari e ministri provenienti dal medioriente, dall’America del Sud, dall’Africa e dal continente asiatico.

Il cosiddetto digital divide , secondo gli esperti dell’ONU, resta il principale ostacolo all’emancipazione degli stati meno ricchi. “Comunicazione e tecnologia sono alla base dello sviluppo economico e tecnologico di qualsiasi società, a qualsiasi latitudine”, ha dichiarato durante l’apertura dei lavori lo sceicco Abdullah Al Thani, primo ministro del Qatar, “ma bisogna partire dal presupposto che questi strumenti debbano unire e non dividere le popolazioni”.

L’obiettivo generale dei partecipanti è in linea con quanto auspicato al WSIS di Tunisi: portare Internet a tutte le popolazioni del Mondo entro e non oltre il 2015. Roberto Blois, segretario generale della ITU, ha le idee chiare: “Per raggiungere questo traguardo bisogna sviluppare tecnologie di alta qualità e di basso costo per fornire accesso alla Rete a tutto il pianeta”.

I progetti presentati riguardano soprattutto i paesi della Lega Araba , dove i cittadini connessi ad Internet sono solo il 3,7% della popolazione totale, pari ad oltre 300 milioni d’individui. Amr Salem, ministro delle telecomunicazioni siriano, sfrutta il clima favorevole in Qatar per avanzare richieste a nome di tutta la Lega Araba: “Manca un referente Internet per il mondo arabo”, ha detto rivolgendosi ai rappresentanti delle Nazioni Unite, “e le nostre reti non possono dipendere solamente da Stati Uniti o Unione Europea”.

L’Iran si è subito candidato per questo ruolo ed ha chiesto all’ITU di finanziare un ulteriore ampliamento dell’infrastruttura in fibra ottica . La possibile nascita di un hub mediorientale è stata accolta con estrema freddezza da alcuni osservatori occidentali, ma ha messo d’accordo tutti i paesi della zona: Qatar, Siria, Iraq, India, Pakistan, Afghanistan, Bangladesh, Cambogia, Nepal ed Indonesia. Kamal Mohamedpour, ministro iraniano delle comunicazioni, sostiene addirittura che “la Repubblica Islamica è chiamata dal destino a dare il suo contributo tecnologico per la pace nel mondo”.

Per Marc Furrer, portavoce della Confederazione Svizzera, la vera causa scatenante del digital divide è “l’atteggiamento delle potenze occidentali”. “Alcuni paesi del nord del Mondo sono in uno stato di ricchezza imbarazzante rispetto a quelli del sud”, ha detto, “perché laddove in molte regioni dell’Africa manca addirittura il telefono, in Occidente godiamo di un eccesso di tecnologia spesso a discapito di altre popolazioni distanti”.

I membri dell’ITU hanno inoltre siglato due trattati con Alcatel e Cisco , pesi massimi dell’industria delle telecomunicazioni. L’azienda francese si impegnerà a fornire 30 borse di studio da 30mila dollari ogni anno, destinate alla formazione di tecnici ed ingegneri: gli esperti, provenienti dalle zone più disagiate, avranno il compito di ritornare in patria e sviluppare infrastrutture digitali avanzate.

Gli americani di Cisco apriranno invece numerose scuole d’informatica per donne in Africa e nella regione mediorientale. Un’iniziativa accolta con molto entusiasmo da Mayassa bin Al Thani, figlia dell’Emiro di Doha: “L’accesso all’educazione tecnologica è fondamentale ed è il motore d’avviamento per raggiungere sviluppo culturale e sociale, attraverso la nascita di sistemi di comunicazione moderni che promuovano la partecipazione di tutte le persone”.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 03 2006
Link copiato negli appunti