Pago alla cassa? No, a iPhone

Uno dei fondatori di Twitter si mette in proprio e lancia Square. Dal benzinaio o al supermercato, chiunque potrà accettare pagamenti con carta di credito

Roma – Per anni Jack Dorsey, insieme a Evan Williams e Biz Stone, ha letteralmente covato l’uovo di Twitter. Una volta arrivato il successo ha preso il volo anche lui, e si messo in proprio progettando Square : un servizio per ricevere micropagamenti attraverso un lettore di carte di credito da applicare a iPhone, iPod Touch e smartphone basati su Android attraverso un jack audio da 3,5.

Proprietari di esercizi commerciali, ma non solo, potrebbero quindi scegliere di abbandonare i classici terminali e stisciare le carte di credito degli acquirenti utilizzando applicazioni per smartphone di nuova generazione. Per eseguire le transazioni, che almeno per il momento non potranno superare i 60 dollari ciascuna, sia l’acquirente che il venditore dovranno essere in possesso di un account Square sul quale saranno depositati alcuni dati, come foto e firma, indispensabili per accertare l’identità del compratore.

Intervistato da TechCrunch , Jack Dorsey ha spiegato l’utilità di un servizio come Square sottolineando l’enorme diffusione delle carte di credito: “La gente – ha ribadito – può comprare ogni cosa con quei piccoli pezzi di plastica che tiene nel portafogli. Il nostro obiettivo e rendere più veloci e semplici questo genere di operazioni”.

Per adesso Dorsey sembra intenzionato solamente a proseguire lo sviluppo del progetto piuttosto che a circondarsi di beta tester. Il sito della startup è dedicato esclusivamente alla descrizione di Square, ma è possibile mandare richieste via email per prenotare un proprio account , che sarà attivo quando la versione beta del servizio diverrà pubblica.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • harvey scrive:
    Che bella la legge ...
    La libertà ed eguaglianza in italia e' praticamente sotto a quella cinese, l'europa ci sta prendendo in esempio- Gli amici dei potenti dopo aver fatto la truffa più grossa d'europa, manco fanno un giorno di carcere (tanzi)- Vengono censurati siti perfettamente legali (sul reverse engineering) Ma adesso per sistemarci tutti, tolgono la l'informazione a chi sgarra, che altrimenti poi la gente si ribella!
    • LuNa scrive:
      Re: Che bella la legge ...
      e che scherzi. poi la gente se legge inizia a pensare, e li iniziano i dolori.
      • Legione scrive:
        Re: Che bella la legge ...
        - Scritto da: LuNa
        e che scherzi. poi la gente se legge inizia a
        pensare, e li iniziano i
        dolori.Non preoccuparti la gente non pensa è impegnata a seguire il Grande Fritellone ... non ha tempo di usare in maniera funzionale il cervello
        • pabloski scrive:
          Re: Che bella la legge ...
          dimentichi uomini e donne :D
        • LuNa scrive:
          Re: Che bella la legge ...
          beh il grande fritellone ( e serie di prodotti spazzatura equivalenti ) serve proprio per non darti modo di pensare e ascoltare cag**e.però, anche in questo caso storia insegna. prima o poi, la gente si ribella e scende in piazza.
          • harvey scrive:
            Re: Che bella la legge ...
            La storia non insegna, perche' il modello attuale e' differente.- Ti fanno star bene abbastanza, in modo che pochi vogliono rischiare il poco per lottare (nelle ribellioni passate la gente moriva di fame)- Ti rincretiniscono con la tv (ti evita di pensare a quanto ti prendono per il XXXX) e non ti fanno informare
  • Sgabbio scrive:
    Poi dicono dell'italia
    Come da titolo. Ma forse i media tradizionali, ne parlano.... da noi invece...
Chiudi i commenti