Palm svela il nuovo Tungsten t2

Si tratta di un nuovo modello di computer palmare dedicato a utenti consumer molto esigenti e professionisti che necessitano di portarsi l'ufficio nel taschino e connettersi ad altri dispositivi via Bluetooth


Roma – Si chiama Tungsten T2 il nuovo nato in casa Palm, un PDA che costituisce un’evoluzione del precedente Tungsten T e che, con il suo prezzo di 499 euro, va a posizionarsi nella fascia medio-alta del mercato.

Il Tungsten T2 integra la tecnologia wireless a corto raggio Bluetooth ed è equipaggiato con schermo LCD TFT a colori con risoluzione di 320 x 320 pixel, già presente sui palmari Zire 71 e Tungsten C. Il processore, un OMAP 1510, è lo stesso che equipaggia l’attuale Tungsten T.

Il nuovo PDA, definito dal produttore uno dei Palm più compatti, dispone di 32 MB di memoria e del sistema operativo Palm OS 5.2.1. Grazie ai software in dotazione, gli utenti del palmare hanno la possibilità, secondo Palm, di ascoltare file MP3, riprodurre video clip, vedere foto e aprire i principali formati di MS Office.

La funzionalità Hotsync permette di spostare le immagini da e sul palmare, di trasferirle sul desktop e poi sincronizzarle nuovamente per creare un album fotografico portatile attraverso l’applicazione Palm Photos. Il palmare dispone poi di cifratura a 128 bit e della possibilità di essere aggiornato a Graffiti 2.

In occasione del lancio di questo modello Palm ha tagliato il prezzo di altri palmari, fra cui l’m130, che passa da 199 a 179 dollari, e l’m515, che passa da 299 a 249 dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma e' solo un browser?
    Mha!
  • Anonimo scrive:
    lo puoi fare anche tu adesso con Knoppix
    ..la lindows cavalca le onde dell'open-source..il webpc l'ho già provato grazie a Knoppix o Knopils
    • Anonimo scrive:
      Re: lo puoi fare anche tu adesso con Knoppix
      - Scritto da: Anonimo
      ..la lindows cavalca le onde
      dell'open-source..
      il webpc l'ho già provato grazie a Knoppix o
      Knopilse quanto hai speso per l'hardware?
  • Anonimo scrive:
    Ci stanno provando da anni
    Ci stanno provando da anni,anche microsoft l'ha fatto anni fa.10 anni fa e piu' esistevano gli NCD,dei terminali grafici, dei telnet con schermografico, memoria minimale, mouse etcper far girare Motif.Sono stati abbandonati miseramente.Non funziona, non e' appetibile, e' inutile insistere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci stanno provando da anni
      E invece secondo me potrebbe essere utile, specialmente per certi mercati: call center, ipermercati, e + in generale grandi strutture aziendali per cui l'operatore medio non deve installare nulla, ma solo interagire con un server centrale. Poi per gli enti pubblici... 169 euro SO incluso mi sembra un prezzo con cui si potrebbe vincere qualsiasi appalto.
  • Anonimo scrive:
    Il cliente ideale? La magistratura!
    Il cliente ideale per questo "coso" esiste: sono i tribunali.Con PC di questo tipo sulle loro scrivanie i magistrati sarebbero OBBLIGATI a salvare documenti riservati e sensibili su server centrali degnamente amministrati. Tanto a loro non serve altro che un word processor, un mail client e un browser.Così la finiremo di leggere di computer misteriosamente sottratti dagli uffici dei magistrati. Il massimo che potrebbero portare via sarebbe un volgare CD.Avete presente a quali misure di sicurezza rispondono i PC dei magistrati negli uffici dei nostri tribunali? Nessuna! Qualunque addetto alle pulizie può in teoria accedervi. Mette i brividi pensare che un nodo tanto critico della Società Civile resti tanto vulnerabile ed esposto ai malintenzionati e non vi sia alcuna garanzia di riservatezza.Ancora più grave è che il problema non viene minimamente percepito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cliente ideale? La magistratura!
      Evidentemente ci vuole uno scandalo, per rendere conosciuto il problema. Ma uno scandalo di quelli grossi ...Saluti,Piwi
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cliente ideale? La magistratura!

      server centrali degnamente amministrati. Si, e chi te lo garantisce?
      Così la finiremo di leggere di computer misteriosamente
      sottratti dagli uffici dei magistrati. Il massimo che
      potrebbero portare via sarebbe un volgare CD. Garanzie ne hai quante ne avevi prima, non ti illudere troppo.
      • Tony Sarnano scrive:
        Re: Il cliente ideale? La magistratura!
        - Scritto da: Anonimo

        server centrali degnamente amministrati.

        Si, e chi te lo garantisce?Sinceramente non capisco il tuo disfattismo: certo che nessuno garantisce che le cose siano fatte scrupolosamente, ma la proposta di sostituire una metodoogia di lavoro intrinsecamente sciatta con una possibilmente accurata non mi pare campata per aria.Da qualche parte si deve pur cominciare.Anche io posso testimoniare, per averne parlato più volte con conoscenti che lavorano nel settore, che il livello di sicurezza informatica adottato dalla magistratura è spaventoso, anzi, inesistente!Possiamo avere le regole del firewall scrupolosamente impostate sul proprio computer, possiamo inviare le nostre email usando PGP, ma sia chiaro che non tutti i nostri dati sensibili risiedono sul nostro computer, non i più importanti.Molti dei nostri dati sensibili (e quelli giudiziari lo sono eccome, ma non sono gli unici) sono gestiti senza nessuna precauzione. Non mi sembra cosa di poco conto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cliente ideale? La magistratura!
      E chi ti dice che il problema non sia sentito?Forse l'assenza di sicurezza è una precisa volontà: se fossero implementate delle regole o delle strumentazioni per il controllo quando succedono i casi di cui parli bisognerebbe obbligatoriamente trovare un colpevole, invece non essendoci nulla a protezione più che una denuncia contro ignoti non è possibile fare e la colpa non è di nessuno.Chiaramente poi in certe situazioni ad alcuni personaggi potrebbe sempre fare comodo far sparire prove o venire a conoscenza di particolari a loro piacimento ed in barba alla Legge!
      Così la finiremo di leggere di computer
      misteriosamente sottratti dagli uffici dei
      magistrati. Il massimo che potrebbero
      portare via sarebbe un volgare CD.
      Avete presente a quali misure di sicurezza
      rispondono i PC dei magistrati negli uffici
      dei nostri tribunali? Nessuna! Qualunque
      addetto alle pulizie può in teoria
      accedervi. Mette i brividi pensare che un
      nodo tanto critico della Società Civile
      resti tanto vulnerabile ed esposto ai
      malintenzionati e non vi sia alcuna garanzia
      di riservatezza.
      Ancora più grave è che il problema non viene
      minimamente percepito.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il cliente ideale? La magistratura!
        - Scritto da: Anonimo
        E chi ti dice che il problema non sia
        sentito?
        Forse l'assenza di sicurezza è una precisa
        volontà: se fossero implementate delle
        regole o delle strumentazioni per il
        controllo quando succedono i casi di cui
        parli bisognerebbe obbligatoriamente trovare
        un colpevole, invece non essendoci nulla a
        protezione più che una denuncia contro
        ignoti non è possibile fare e la colpa non è
        di nessuno.
        Chiaramente poi in certe situazioni ad
        alcuni personaggi potrebbe sempre fare
        comodo far sparire prove o venire a
        conoscenza di particolari a loro piacimento
        ed in barba alla Legge!Quello che dici è molto triste, ma purtroppo stà in piedi. :-(

        Così la finiremo di leggere di computer

        misteriosamente sottratti dagli uffici dei

        magistrati. Il massimo che potrebbero

        portare via sarebbe un volgare CD.

        Avete presente a quali misure di sicurezza

        rispondono i PC dei magistrati negli
        uffici

        dei nostri tribunali? Nessuna! Qualunque

        addetto alle pulizie può in teoria

        accedervi. Mette i brividi pensare che un

        nodo tanto critico della Società Civile

        resti tanto vulnerabile ed esposto ai

        malintenzionati e non vi sia alcuna
        garanzia

        di riservatezza.

        Ancora più grave è che il problema non
        viene

        minimamente percepito.
  • Anonimo scrive:
    A me me pare na s.......ata...
    Come da oggetto. Amo Linux nelle sue diverse funzioni e versioni, ma sto coso mi pare eccessivo.. A sto punto ti prendi un portatile di terza mano, tipo un p166 con 32 o 64 mb di ram, imposti l'avvio da CD e usi Knoppix.. Va molto meglio....
    • Anonimo scrive:
      Re: A me me pare na s.......ata...
      - Scritto da: il_fabry
      Come da oggetto. Amo Linux nelle sue diverse
      funzioni e versioni, ma sto coso mi pare
      eccessivo.. A sto punto ti prendi un
      portatile di terza mano, tipo un p166 con 32
      o 64 mb di ram, imposti l'avvio da CD e usi
      Knoppix.. Va molto meglio....Perchè tu l'hai provato ? con 64 mb te li sogni kde o gnome con knoppix.
      • Anonimo scrive:
        Re: A me me pare na s.......ata...

        Perchè tu l'hai provato ? con 64 mb te li
        sogni kde o gnome con knoppix.A me va una favola....
      • Anonimo scrive:
        Re: A me me pare na s.......ata...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: il_fabry

        Come da oggetto. Amo Linux nelle sue
        diverse

        funzioni e versioni, ma sto coso mi pare

        eccessivo.. A sto punto ti prendi un

        portatile di terza mano, tipo un p166 con
        32

        o 64 mb di ram, imposti l'avvio da CD e
        usi

        Knoppix.. Va molto meglio....
        Perchè tu l'hai provato ? con 64 mb te li
        sogni kde o gnome con knoppix.Si perché lindows che usa? Ricordiamoci che è un clone al 100 per mille di linux e sta sempre di più diventando closed (e nessuno lo denuncia per violazione di GPL).
        • Anonimo scrive:
          Re: A me me pare na s.......ata...
          - Scritto da: Anonimo
          [...[
          è un clone al 100 per mille di linux cioè al 10%?;-Pdani
      • Cirio scrive:
        Re: Troppo caro????

        Perchè tu l'hai provato ? con 64 mb te li
        sogni kde o gnome con knoppix.kde 3.1 con 32 mb di ram, su pentium 100...funziona eccome!;o)
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppo caro????
          Pure windows XP e scommetto pure windows 2003 server ultra carpiata edition, bisogna vedere come.E sinceramente non penso bene.
      • Anonimo scrive:
        Re: A me me pare na s.......ata...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: il_fabry

        Come da oggetto. Amo Linux nelle sue
        diverse

        funzioni e versioni, ma sto coso mi pare

        eccessivo.. A sto punto ti prendi un

        portatile di terza mano, tipo un p166 con
        32

        o 64 mb di ram, imposti l'avvio da CD e
        usi

        Knoppix.. Va molto meglio....
        Perchè tu l'hai provato ? con 64 mb te li
        sogni kde o gnome con knoppix.Veramente questo ne ha 256 (e non mi dire che sono pochi)a Mio Avviso ci fai girare la maggiorparte delle applicazioni che ti servono (se acquisti un PC del genere di solito sai a cosa vai incontro e a cosa ti serve)
  • Anonimo scrive:
    Mi pare un po' caruccio
    169 dollari mi paiono tanti, cosniderata la configurazione:processore VIA C3 a 733 MHz256 MB di memoria PC133un lettore CD-ROM 24xtastieramousecasse acusticheun paio di porte USBNiente monitor... Quindi o ne ricicliamo uno o ne compriamo uno. Per cui -di fatto- per 169 dollari ti danno un pezzo del sistema, non tutto. Certo suona bene dire "un desktop a 169 dollari" ma a leggere bene si scopre che è una mezza fregatura.
    • DKDIB scrive:
      Re: Mi pare un po' caruccio

      Niente monitor...La prima volta ke apparvero mi pare s' attaccassero alla TV, stile consolle: concordo ke sia un' idea pessima.BTW, se provi a togliere il monitor 15'' CRT ad un desktop Dell ti tolgono la bellezza di 12 euro. ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi pare un po' caruccio
      - Scritto da: Anonimo
      169 dollari mi paiono tanti, cosniderata la
      configurazione:

      processore VIA C3 a 733 MHz
      256 MB di memoria PC133
      un lettore CD-ROM 24x
      tastiera
      mouse
      casse acustiche
      un paio di porte USBE ti sembra poco ? Rammento a tutti che 733 Mhz(anche se privi di cache L2, ecc.)equivalgono a quasi 1.4 Ghz con un Windows XP +antivirus attivo.OK, se parliamo dei VIA C3 possiamo convenireche sono "mortalmente lenti", tuttavia se unolo usa per navigare in Internet o per l'Office Automation,forse possono bastare.
      Niente monitor... Quindi o ne ricicliamo uno
      o ne compriamo uno.Questo e` il suo punto di forza: il monitor e` un pezzo separatoe tale deve restare; a Tizio piace un LCD da 600 euro,a Caio un CRT da 24 " da 1000 euro, mentreSempronio e` contento con un 15 " da 100 euro.
      Per cui -di fatto- per
      169 dollari ti danno un pezzo del sistema,
      non tutto. Certo suona bene dire "un desktop
      a 169 dollari" ma a leggere bene si scopre
      che è una mezza fregatura.Guarda che si sta` parlando di circa 200 euronon di 400 o piu`. Tieni presente che la XBoxha la stessa potenza ed e` venduta ampiamente sottocosto !Quanto ci guadagnera` Lindows ? Al massimo30 - 40 dollari, non vorrai mica negarglieli ?Appena ne trovo uno lo compro.
  • Anonimo scrive:
    commento banale
    Scusate la banalità del commento ...... ma un dischino rigido, anche piccolo piccolo, potevano mettercelo !Saluti,Piwi
    • Anonimo scrive:
      misterioso
      Un dischino da 10-20gb te lo tirano dietro... E nulla è comodo e bello quando un disco "realmente" presente... altro che online.
    • Anonimo scrive:
      Re: commento banale
      - Scritto da: Anonimo
      ... un dischino rigido, anche piccolo
      piccolo, potevano mettercelo !No, sarebbe controproducente.Un prodotto così ha come target delle aziende che non vogliono che i propri utenti installino o copino niente sul PC aziendale, e che magari usino solo applicativi java direttamente installati sulla intranet aziendale, oppure altri applicativi raggiungibili tramite Terminal Server.E' a tutti gli effetti un terminale, ma con caratteristiche grafiche, e con un "firmware" su CD, quindi facilmente aggiornabile. Se poi avanzasse anche spazio sul CD, ci si potrebbero mettere dentro altri applicativi personalizzati.Un altro vantaggio (l'articolo lo dice) è che è inattaccabile dai virus. Se ci metti un HD, un eventuale virus ha modo di copiarcisi, se non hai nessuna memoria di massa scrivibile, ti rimbalza via tutto al primo reboot.La mancanza di monitor non è un problema se lo usi (ad esempio) come Firewall aziendale.A me pare una bella trovata. Certo, è un mercato di nicchia, ma è pur sempre un mercato in cui Microsoft non è e non può essere presente, quindi è giusto che Lindows cerchi di infilarcisi.
      • Anonimo scrive:
        Re: commento banale
        sicurrrro che window non possa fare queste cose?http://www.wisehealthcare.net/buys/wyse/3200LE.htm
        • Anonimo scrive:
          Re: commento banale
          - Scritto da: Anonimo

          sicurrrro che window non possa fare queste
          cose?

          http://www.wisehealthcare.net/buys/wyse/3200LA quel prezzo no, l'intero sistema costa meno di una licenza di XP.
      • Anonimo scrive:
        Re: commento banale
        Eh, però, se la rete (domestica) è giù, o per avere un più rapido accesso ai dati, un dischino sarebbe comodo. Anche - sempre che se ne possano produrre ancora a basso costo - da un paio di GBytes. Io, poi, non sono un esperto, ma immagino sarebbe possibile rilasciare versioni di Lindows avviabili esclusivamente da cdrom. Un amministratore di sistema poi potrebbe imporre l'impossibilità di installare programmi sul disco rigido, o di copiarvi un certo tipo di dati.Solo una ipotesi comunque. Sono della personale idea che con 169 dollari ci si può rimettere in sesto un vecchio ma sempre valido K6/2 450 MHz ben accessoriato.Saluti,Piwi
        • DKDIB scrive:
          Re: commento banale
          Anonimo wrote:
          Eh, però, se la rete (domestica) è giù, [...]Visto il grado d' intelligenza dell' utente medio, tenenedo l' HD sarebbe + facile ke andasse giu' il client a causa d' un virus o dell' utente stesso.
      • Anonimo scrive:
        Re: commento banale
        - Scritto da: Anonimo

        No, sarebbe controproducente.
        Un prodotto così ha come target delle
        aziende che non vogliono che i propri utenti
        installino o copino niente sul PC aziendale,
        e che magari usino solo applicativi java
        direttamente installati sulla intranet
        aziendale, oppure altri applicativi
        raggiungibili tramite Terminal Server.

        Un altro vantaggio (l'articolo lo dice) è
        che è inattaccabile dai virus. Se ci metti
        un HD, un eventuale virus ha modo di
        copiarcisi, se non hai nessuna memoria di
        massa scrivibile, ti rimbalza via tutto al
        primo reboot.

        La mancanza di monitor non è un problema se
        lo usi (ad esempio) come Firewall aziendale.

        A me pare una bella trovata. Certo, è un
        mercato di nicchia, ma è pur sempre un
        mercato in cui Microsoft non è e non può
        essere presente, quindi è giusto che Lindows
        cerchi di infilarcisi.Effettivamente ...sono d'accordo sul 90% di quello che dici ...ma purtroppo (secondo me unica pecca) e' troppo generalizzato..ci sono tali e tante configurazioni (come programmi etc) che farlo funzionare in rete con gli altri sarebbe solo un'enorme perdita di tempo ( a meno di non usarlo esclusivamente come server)
Chiudi i commenti