Pandora e il trucco della radio FM

Il popolare servizio di raccomandazione musicale acquista una piccola emittente radiofonica per contrastare le presunte pratiche discriminanti adottate dalla collecting society ASCAP nelle licenze tra radio online e offline

Roma – Con più di 70 milioni di ascoltatori, le stazioni radiofoniche di Pandora sono tra le più popolari sul mercato statunitense. Il servizio di raccomandazione musicale ha ora annunciato l’acquisizione di KXMZ-FM , un piccolo broadcaster che trasmette da Rapid City, nello stato del South Dakota. Non un colosso tra le emittenti radiofoniche, con una audience di circa 100mila utenti sintonizzati nei periodi di massimo volume d’ascolto.

Apparentemente a sorpresa, la mossa di Pandora non avrebbe alcun senso, per lo scarso appeal della stazione KXMZ-FM – al 255esimo posto sul mercato statunitense secondo Arbitron – ma anche all’interno di un territorio, appunto la radiofonia tradizionale, che non verrà certo esplorato ulteriormente dai vertici della stessa web-radio californiana. L’acquisizione delle trasmissioni da Rapid City assume invece una grande rilevanza strategica per questioni legate alle royalty nel settore digitale .

Come annunciato dal general counsel Christopher Harrison, Pandora ha intenzione di depositare il testo di una mozione contro l’ American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP), una tra le principali collecting society in terra statunitense. Pandora ha infatti accusato ASCAP di pratiche discriminanti in violazione delle regole antitrust nella concessione dei diritti di licensing per la trasmissione di opere musicali dalle stazioni radiofoniche tradizionali e online .

In sostanza , la collecting society a stelle e strisce avrebbe previsto dei tassi di licenza più bassi per quelle stazioni online gestite da proprietari di emittenti ordinarie , come Clear Channel e la sua iHeartRadio. In aggiunta, ASCAP avrebbe ritirato determinati cataloghi musicali dai contenuti licenziati su Pandora, evitando di rivelarli alla stessa Pandora che potrebbe così ritrovarsi nelle più pericolose acque della violazione del diritto d’autore.

Con l’acquisizione di una stazione radiofonica – una qualsiasi, ecco perché la piccola e poco seguita KXMZ-FM – Pandora potrà godere della specifica licenza rilasciata dalla Radio Music Licensing Committee (RMLC) , dunque approfittando dei tassi di royalty più bassi per le emittenti FM piuttosto che quelle esclusivamente digitali. Il testo della mozione presentata da Pandora alla corte distrettuale californiana sarà presto reso pubblico.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rotfl scrive:
    Raffreddamento
    Per il raffreddamento basterà un impianto ad idrogeno liquido
  • Gnagno scrive:
    Il mio pc di 10 anni fa
    Il mio caro pentium di 10 anni fa gira ancora a 3.4Ghz... nonostante con l'età abbia qualche problemino di surriscaldamento (SpeedFan rileva 101°C di media sul proXXXXXre)... non oso immaginare quanto scalderanno questi cosi. Potranno sostituire agevolmente una stufa a pellet.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Il mio pc di 10 anni fa
      101°C ???Caspita se è davvero così hai pensato a regalargli un dissipatore nuovo?, No costano tanto sai?
    • anon scrive:
      Re: Il mio pc di 10 anni fa
      - Scritto da: Gnagno
      non oso immaginare quanto scalderanno questi cosi.di sicuro meno di 101°C.Anche perché una volta raggiunta la soglia dei 90°/100°, per motivi di sicurezza, solitamente interviene lo shutdown automatico della macchina.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Il mio pc di 10 anni fa
      Guarda i proXXXXXri odierni scaldano molto meno, vuoi per i dissipatori che fanno insieme, vuoi anche che ai tempi del multi core, i proXXXXXri hanno avuto un rallentamento alla cosa al Ghz da far paura.
    • rockroll scrive:
      Re: Il mio pc di 10 anni fa
      - Scritto da: Gnagno
      Il mio caro pentium di 10 anni fa gira ancora a
      3.4Ghz... nonostante con l'età abbia qualche
      problemino di surriscaldamento (SpeedFan rileva
      101°C di media sul proXXXXXre)... non oso
      immaginare quanto scalderanno questi cosi.
      Potranno sostituire agevolmente una stufa a
      pellet.Per "girare" i PC girano sempre, non solo il tuo, se non li cuoci, ma c'è modo e modo di girare. Il tuo, tirato da 2,8 a 3.4 GHz suppongo, certo che raggiunge temperature più elevate di questi FX (lo faceva già di suo senza O.C.), ed in più ce ne vorrebbero ad occhio una ventina sommati per arrivare a questo livello di prestazioni (al mondo non esiste solo Intel).Nota anche che quel che ti è costato il tuo vecchio Pentium, ovviamente rapportato al potere di acquisto attuale, è sicuramente di più di quel che ti costerebbero questi FX (fortunatamente AMD non segue la politica dei 999 $ ovvero per le cpu top di gamma).Girano sempre, ne ho una raccolta storica in cantina, compreso un Apple II plus che mi permetteva e ancora mi permetterebbe di fare esperienze immediate che ancora mi sogno di realizzare coi super PC attuali monopolizzati da SW mastodontico e spesso insulso e per il resto blindati ad ogni esperienza significativa (grazie, M$, I$, UEFI, sec.boot e C.).A fronte di tanto sciupio di risorse attuale, se come possibilità di utilizzo non da utonto intendevi riferirti ad una fase di decadenza rispetto ad un grande passato, mi trovi pienamente d'accordo,
      • rotfl scrive:
        Re: Il mio pc di 10 anni fa
        - Scritto da: rockroll
        (grazie, M$, I$, UEFI, sec.boot e
        C.)....scie chimiche, kinect spia, fame nel mondo, riscaldamento globale, crisi economica, estinzione dei dinosauri...Grazie M$
Chiudi i commenti