Partita la ricerca delle vittime del pedoporno

Interpol lancia uno strumento informatico che analizza la pornografia infantile ed estrapola informazioni su vittime ed aguzzini. Grazie ad un database d'immagini finanziato dal G8


Berlino – Interpol continua ad investire nella lotta alla pedopornografia in rete. Nel corso dell’ assemblea generale dell’organizzazione internazionale è stata presentata una vasta gamma di strumenti informatici per contrastare la criminalità online: l’iniziativa che riguarda più da vicino la lotta alla pedofilia infantile è un software per l’analisi delle immagini . Questa tecnologia verrà utilizzata dagli investigatori per identificare con più facilità gli autori e le vittime della pornografia infantile.

Il programma in questione, promette l’investigatore britannico Hamish McCulloch, analizza minuziosamente i prodotti pedopornografici per estrapolarne dettagli salienti : non solo sfondi ed ambientazioni, ma anche i volti, gli sguardi ed i segni particolari degli individui ritratti nelle foto. Questi dati verranno così ricercati in un enorme database d’immagini , nato coi finanziamenti dalle nazioni del G8. Le forze dell’ordine di tutto il mondo godranno di accesso gratuito a questo importante archivio, dal costo di oltre tre milioni di euro .

All’interno dell’indice si trovano scatti riguardanti luoghi, persone, criminali e migliaia di altri soggetti ben noti agli investigatori antipedofilia. Gli inquirenti potranno comparare le immagini recuperate nel corso delle indagini con gli scatti già presenti in archivio. Una volta ottenuti risultati sostanziali, i poliziotti di Interpol potranno utilizzarli per approfondire ulteriormente le indagini.

Funzionerà per eliminare la piaga della pornografia infantile? “Finora i vari paesi si sono limitati a consegnare alla giustizia prevalentemente i possessori ed i distributori di pedopornografia”, sostiene McCulloch in un commento catturato da Reuters . “Ma una volta che hai identificato le vittime di questo crimine, ne hai identificato anche il responsabile”, conclude con estrema lucidità: ed il progetto di Interpol nasce esattamente sulla spinta di questo ragionamento.

Un piccolo particolare contenuto in una foto pedopornografica, ad esempio, potrebbe ricondurre a nomi e cognomi. Gli inquirenti avranno modo di impugnare gli indizi forniti dal sistemone per identificare i luoghi ed i responsabili delle violenze sui minori: una segno particolare, uno sfondo e persino un certo tipo di pavimento potrebbero diventare centrali nell’ identificazione delle vittime .

Ad esempio, racconta McCullogh, un pedofilo belga è stato incastrato grazie al colore della propria carta da parati: già conosciuto alle forze di polizia, l’uomo aveva diffuso su Internet alcune immagini oscene in compagnia di giovanissimi innocenti.

Il poliziotto britannico sembra avere le idee abbastanza chiare sul futuro della lotta alla pornografia infantile e si rivolge con parole durissime ai perversi mercanti di bambini: “I criminali che pensavano di farla franca non saranno solo identificati, la legge busserà alle loro porte in qualsiasi angolo del pianeta”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • feeny scrive:
    RFID Prelam/inlay ,RFID CARD ,SMART CARD
    we are ENJOYRFID team, who is specialized in RFID Prelam/inlay & RFID Card. Our Annual capacity and sales for cards is around 100 million.
  • Messagero scrive:
    Marchio della bestia ed il chip
    Ancora una volta siamo costretti a pubblicare l'ennesimo avvertimento nel vostro sito, per essere certi che tutti ne siano a conoscenza e che ognuno possa fare la sua scelta.Negli ultimi anni si sta` diffondendo sempre piu` la tecnologia dei chip sottocutanei, cio` che in passato non poteva essere capito ora si puo` capire.Questo e` solo l'inizio. Non sappiamo chi siano, forse il Nuovo Ordine Mondiale, l'AntiCristo, forse entrambi, forse chissa`?Inoltre obbligò tutti,piccoli e grandi, ricchi e poveri,liberi e schiavi, a farsi mettere un marchiosulla mano destra o sulla fronte. Nessuno potevacomprare o vendere se non portava il marchio, cioè ilnome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome.Apocalisse 13:16-17Le ragioni che saranno date per lintroduzione di questo marchio per :-controllare il crimine organizzato,-fermare il traffico di droga,-impedire la fuga di capitali o il loro lavaggio,-una redistribuzione finanziaria a livello mondiale dopo un -collasso finanziario globale, (ipotesi, questultima, non affatto azzardata), o qualsiasi altra spiegazione farà allora comodo dare.: lAnticristo.La Bibbia è estremamente chiara su questo punto:Chiunque adora la bestia e la sua immagine, e ne prende il marchiosulla fronte o sulla mano, egli pure berrà il vino delliradi Dio versato puro nel calice della Sua ira; e saràtormentato con fuoco e zolfo davanti aisanti angeli e davanti allAgnelloIl fumo del loro tormento sale neisecoli dei secoli. Chiunqueadora la bestia e la suaimmagine e prende ilmarchio del suonome, non hariposo négiorno nénotte.Apocalisse 14:9-11Dobbiamo dire di no, rifiutarci, molti di noi verranno costretti, forse in futuro anche ammazzati, ma e` certo che il tempo e` arrivato, diciamo NO.Ora e` stato detto che non c'e` nessun obbligo, ma in futuro il sistema ci potra` obbligare, come oggi siamo obbligati ad avere un telefonino, un conto corrente, un'assicurazione sanitaria,...A voi la scelta
  • Anonimo scrive:
    Eccessivo ottimismo!
    Bello l'articolo e ben documentato, peccato che la non corretta di un paio di percentuali abbia portato ad una affermazione a mio avviso non corretta.Il sondaggio di IDC dice che solo il 13,4% di tutto il campione è a conoscenza di una possibilità di impiego dell'Rfid. DI QUESTO 13,7% il 17% sta facendo qualcosa e in questo qualcosa ci sono anche gli studi i prototipi e quant'altro. Facendo una moltiplicazione si trova perciò che solo il 2% del campine si sta muovendo verso l'Rfid. Non mi pare che ci sia da essere ottimisti!Luciano Barelli
  • Anonimo scrive:
    Link variato
    è variato il link per il download delle presentazioni dal sito IDC:http://www.idc.com/italy/events/rfid05/rfid05_agenda.jspcome noterete ha solo la parte "RFID" tramutata in "rfid", evidentemente il motore è case sensitive;)Corrado Patierno
Chiudi i commenti