Pasquale, il più grande spammatore

Da tempo non si vedeva un'azione di spam così diffusa e capillare, capace, in poche ore, di raggiungere una tale quantità di utenti internet italiani. Con un messaggio-immondizia fintamente spirituale. Il commento di Giuda.it
Da tempo non si vedeva un'azione di spam così diffusa e capillare, capace, in poche ore, di raggiungere una tale quantità di utenti internet italiani. Con un messaggio-immondizia fintamente spirituale. Il commento di Giuda.it


Roma – Era lungo tempo che un’azione di spam come quella condotta dal fantomatico “Pasquale” negli scorsi giorni non assumeva questa ampiezza in Italia. Eppure in poche ore l’autore di un messaggio firmato “Pasquale” appunto, che afferma di proporre contenuti spirituali, è riuscito a raggiungere una enorme quantità di utenti internet italiani.

Fin da venerdì le segnalazioni a Punto Informatico di quanto stava avvenendo si sono moltiplicate, condite dai dibattiti che su questo spam si sono aperti su Usenet. Per tutto il weekend persino su numerose mailing list si è parlato di questo Pasquale e le segnalazioni in redazione non hanno fatto che moltiplicarsi.

Il personaggio dietro questa azione non solo ha ritenuto di poter occupare banda, caselle di posta elettronica e tempo di provider e utenti ma ha persino avuto l’ardire di concludere la sua email con due righe che hanno fatto imbestialire i più:

Scusami se hai ricevuto questo messaggio senza averlo chiesto.
Il messaggio NON è SPAM perchè non a scopo di lucro.

Sono due righe deliranti, in quanto un’azione come quella compiuta da questo “Pasquale” non solo è spam allo stato puro ma è anche uno spam particolarmente insidioso e lungamente pensato, come evidenziato in questa pagina e nel commento sulla questione di Giuda.it che proponiamo nelle prossime pagine di questo articolo.

Nella sua email Pasquale chiede: “Pregate per me”. Il testo che segue questo subject ha diverse varianti, Punto Informatico ne ha identificate almeno due proposte nelle pagine che seguono.

In apparenza l’email di Pasquale arriva da un indirizzo supereva (pasqualepas@supereva.it) ma è solo una “copertura”. In effetti l’utente è tra i clienti ADSL di Tin e l’origine dello spam, come ricostruito su it.news.net-abuse, è una nota sorgente di spam .

Non solo, il messaggio ha con ogni probabilità uno scopo “esplorativo”: qualcuno sta cercando di realizzare un database di indirizzi email “spammabili” e con il messaggio a firma Pasquale ha iniziato a verificare quali indirizzi sono non funzionanti, quali le email degli utenti più arrabbiati meno disposti a ricevere spam e via dicendo. Una collaudata tecnica per “rinfrescare” i database di indirizzi da utilizzare successivamente per veicolare posta indesiderata di propri clienti senza scrupoli. Come a dire, dunque, che questa potrebbe essere solo la prima di una serie di ondate spammatorie.

Ma ecco le osservazioni di Giuda.it sull’accaduto e, a seguire, le due versioni del messaggio “incriminato”.


Il commento che segue è stato inviato da garethjax@garethjax.net ed è stato ricevuto e pubblicato dal sito della satira Giuda.it, il sito che non tradisce .

“Credo di non essere l’unico ad aver ricevuto una email di un certo “pasqualepes@supereva.it” che recava una richiesta molto spirituale.

Il messaggio iniziava così… “Ti mando questo messaggio per chiederti una piccola cosa per salvare una vita. Mi chiamo Pasquale e mi trovo in un tempo di grande sofferenza per malori fisici e spirituali.”

Continuava chiedendo di pregare per lui perchè era ai ferri corti con il diavolo. Eh sì, brutta cosa essere ai ferri corti con il diavolo, è quasi peggio che chiedere un fido in banca (almeno il diavolo non chiede la firma tua e dei tuoi parenti fino al settimo grado per una apertura di credito. Gli basta la tua. Ma questa è un’altra storia, magari ne riparleremo).

“Vabbè”, mi son detto, “uno spamming diverso dal solito. Perlomeno non vende indulgenze”. Infatti anche se il messaggio diceva di non essere spamming, perchè non vendeva nulla, tecnicamente lo era, perchè era un messaggio di cui non mi importava nulla, da parte di una persona che non si aspettava che io rispondessi.
Pensai, “Anima sporca? Noi possiamo rimettere in sesto il vostro conto con l’aldilà! Chiamaci!”, risi un po’ su pensando a tutte le parodie dei banner che si potevano fare, e con un automatismo che contraddistingue alcuni della mia categoria (infatti sono un postmaster), rigirai il messaggio all’abuse di SuperEva sperando che ci pensassero loro.

Credevo che fosse un capitolo chiuso. Mi sbagliavo.

Il giorno dopo ricevo un altro messaggio, stesso mittente, contenuto leggermente diverso, ma sempre di tipo “spirituale”.

Questa volta arriva a me come postmaster. La cosa comincia a infastidirmi, ricontrollo se la provenienza del messaggio corrisponde. Rete: Telecom Italia Net. Ma come Pasquale… Ti colleghi da Telecom, e mi scrivi da Supereva? Se hai bisogno di questo supporto spirituale dammi la tua vera email così ti posso scrivere…

Ricontrollo il primo messaggio e rimango allibito: era diretto all’indirizzo di un mio cliente. Piccolo dettaglio: quella casella di mail non è mai esistita!!! Miracolo miracolo!:)

Comincio a chiedermi seriamente, da dove prenda gli indirizzi costui. Pensa e ripensa non riesco a immaginare da dove possa arrivare questo indirizzo. C’è veramente di mezzo la divina provvidenza?

Oggi mi arriva un altro messaggio. Questa volta arriva all’indirizzo di un altro cliente… solo che non esiste più:)

Mi si accende una lampadina, grossa come un faro: i dati della naming authority!! Quest’ultimo indirizzo “spammato”, corrisponde all’indirizzo “vecchio” che questo cliente aveva fino a 3 settimane fa, che era stato inserito per errore da un precedente postmaster.

Favoloso! Quindi “Pasquale” oltre all’omnispammanza, ha anche la disponibilità di una macchina del tempo. O è andato a raccattare la sua lista di indirizzi dai database del NIC, che sta usando man mano.

Controllo la prima email ricevuta: l’ipotesi corrisponde. Nel database del NIC il precedente maintainer aveva messo un indirizzo di email errato, indirizzo che è rimasto. Ecco da dove arriva!

Caro Pasquale, il tuo è spamming. Inoltre è anche problematico! Se le tue email indiscriminate finiscono a delle persone non cristiane che pregano per te, la tua anima in che paradiso finisce ? E se non sei degno, dove finirai ? Nel girone degli spammers o semplicemente dei rompiscatole?”


Ecco di seguito le due versioni dei messaggi spammatori inviati dal fantomatico Pasquale:

Prima versione

Ciao amico,
ti mando questo messaggio per chiederti una piccola cosa
per salvare una vita. Mi chiamo Pasquale e mi trovo in un
tempo di grande sofferenza per malori fisici e spirituali.
Sono stato un grande peccatore ma il Signore ha sempre avuto
misericordia di me. Alcuni anni fa quando mi trovavo nella
morte e non sapevo cosa fare più della mia vita il Signore
mi ha salvato mostrandomi che essendo Lui risorto dalla morte
aveva il potere di risorgere anche me.
Dopo è arrivata una tentazione dal Demonio che mi diceva di
essere il Signore e mi invitava a prendere una Croce più
grande di me. Io allora sono caduto adirandomi con Dio.
Ora ho bisogno di molte preghiere perchè il Demonio mi ha
portato ad un annullamento dove non riesco neppure a pregare.

Ti chiedo di dire per me (Pasquale) almeno un Ave Maria o un
altra preghiera perchè mi liberi e mi guarisca che Dio ti sarà
riconoscente.

Grazie,
Pasquale.

Scusami se hai ricevuto questo messaggio senza averlo chiesto.
Il messaggio NON è SPAM perchè non a scopo di lucro.

Seconda versione

Ciao amico,
ti mando questo messaggio per chiederti una piccola cosa
per salvare una vita. Mi chiamo Pasquale e mi trovo in un
tempo di grande sofferenza per malori fisici e spirituali.
Sono stato un grande peccatore ma il Signore ha sempre avuto
misericordia di me. Quando ero nella morte Egli mi ha risorto,
ma ora ho bisogno che tu dica per me (Pasquale) almeno un
Ave Maria oppure Leggi per me il Salmo 143 perchè io venga
liberato e guarito:

(superscript: 1 )O Eterno, ascolta la mia preghiera, porgi l’orecchio alle
mie supplicazioni; nella tua fedeltà e nella tua giustizia, rispondimi,
(superscript: 2 )e non venire a giudizio col tuo servitore, perché nessun
vivente sarà trovato giusto nel tuo cospetto. (superscript: 3 )Poiché il
nemico perseguita l’anima mia; egli calpesta al suolo la mia vita; mi fa
abitare in luoghi tenebrosi come quelli che son morti già da lungo tempo.
(superscript: 4 )Il mio spirito è abbattuto in me, il mio cuore è tutto
smarrito dentro di me. (superscript: 5 )Io mi ricordo dei giorni antichi;
io medito tutti i tuoi fatti; io rifletto sull’opera delle tue mani.
(superscript: 6 )Io stendo le mie mani verso te; l’anima mia è assetata di
te come terra asciutta. Sela. (superscript: 7 )Affrettati a rispondermi, o
Eterno; lo spirito mio viene meno; non nascondere da me la tua faccia, che
talora io non diventi simile a quelli che scendono nella fossa.
(superscript: 8 )Fammi sentire la mattina la tua benignità, poiché in te mi
confido; fammi conoscere la via per la quale devo camminare, poiché io
elevo l’anima mia a te. (superscript: 9 )Liberami dai miei nemici, o
Eterno; io cerco rifugio presso di te. (superscript: 10 )Insegnami a far
la tua volontà, poiché tu sei il mio Dio; il tuo buono Spirito mi guidi in
terra piana. (superscript: 11 )O Eterno, vivificami, per amor del tuo
nome; nella tua giustizia, ritrai l’anima mia dalla distretta!
(superscript: 12 )E nella tua benignità distruggi i miei nemici, e fà
perire tutti quelli che affliggono l’anima mia; perché io son tuo
servitore.

Grazie,
Pasquale.

Scusami se hai ricevuto questo messaggio senza averlo chiesto.
Il messaggio NON è SPAM perchè non a scopo di lucro.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 02 2002
Link copiato negli appunti