PayPal congela Diaspora. Che sceglie Stripe

Il social network sostenibile in difficoltà nel raccogliere le donazioni. Si rivolge altrove e scopre di guadagnarci. In tutti i sensi

Roma – Solo pochi giorni fa Diaspora aveva fatto un appello ai propri utenti per contribuire alla sopravvivenza del sito stesso. In un paio di giorni, fanno sapere i proprietari del sito sul loro blog , sono stati raccolti 45mila dollari: dopodiché PayPal ha congelato le donazioni. Senza, si legge sul blog di Diaspora, fornire spiegazioni per una simile decisione.

Sullo stesso post viene annunciata anche una buona notizia: “traditi” da PayPal, i proprietari del social network competitor di Facebook si sono rivolti a una startup della Silicon Valley, Stripe , su cui sarà possibile per gli utenti effettuare le donazioni senza problemi di sorta.

Una collaborazione nata dalla necessità ma che, sembra, ha permesso di scoprire affinità più profonde: “Loro, come noi, sono ispirati da una missione sociale: rendere il più facile possibile per, diciamo, un abitante dell’Honduras e uno dell’Indonesia non solo la possibilità di chiacchierare ma anche di portare avanti significativi scambi economici sul Web. Siamo quindi – concludono i creatori di Diaspora – molto felici di avere l’opportunità di lavorare insieme”. (E.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Riccardo scrive:
    Mancanza di idee da parte di Google?
    Se così sarà g+ si ridurrà ad un mero clone di fb: invece che cercare di inventare un'offerta diversa stanno via via assottigliando le differenze. Personalmente se aprono la strada anche alle varie paginette di nomi inventati cancellerò il mio profilo g+.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Mancanza di idee da parte di Google?
      contenuto non disponibile
      • enriker scrive:
        Re: Mancanza di idee da parte di Google?
        almeno G+ in questo modo si distingue in modo positivo rispetto a facebook non obbligando a usare (speriamo presto) il nome vero, e potrebbe attirare molti utenti che preferiscono usare il nick...Google potrebbe fondere con G+ la piattaforma blogger per le pagine facendo qualcsa di originale...
        • Sgabbio scrive:
          Re: Mancanza di idee da parte di Google?
          non è un caso che molti preferiscono twitter a facebook, sopratutto per la mancanza del'obbligo a schedarsi.
  • Gio scrive:
    pseudonimi per tutti?
    E così addio sogno di raggiungere Facebook!La fortuna di quella XXXXX di social network è stata proprio questa: le persone si iscrivevano con il nome vero, e quindi è diventato un utile strumento per ritrovare vecchi amici.
    • sentinel scrive:
      Re: pseudonimi per tutti?
      In realtà è diventato un utile strumento per andare a caccia di tipe (fin dall'inizio è stato così... ;) )
  • Francesco_Holy87 scrive:
    In un futuro??
    Se vogliono avere un futuro con g+, si devono muovere e implementare queste feature subito!!!
Chiudi i commenti