PC, l'usato è più bello con un cuore XP

Acquistare sistemi di seconda mano è l'antidoto preferito degli utenti informatici a questi tempi di crisi economica. Ma la vera ragione, sostengono gli analisti, è la presenza di una licenza Windows XP sull'hardware

Roma – I requisiti hardware di Windows Vista hanno spinto molti utenti a cambiare computer e a riversare i vecchi PC sul mercato dell’usato: ora Gartner assicura che quei sistemi, spesso messi all’incanto su eBay e similia, sono andati e vanno a ruba. Il segreto di cotal successo è Windows XP , e la possibilità di far propria una licenza legittima del veterano sistema operativo Microsoft nel bel mezzo dell’epoca di Windows Vista.

Fin qui sono stati circa 197 milioni i PC venduti da utenti che volevano passare a Windows Vista, dicono le stime di Gartner, e il 44% di questi sistemi è stato rimesso sul mercato come usato. Vuoi per questioni di compatibilità col vecchio software, vuoi per la necessità per molti di lavorare su una piattaforma rodata, il succo è che sui quei milioni di PC c’è installato XP, e gli utenti li acquistano proprio per questo .

La situazione di luglio 2008, mese in cui Windows XP continuava a battere Vista nelle vendite su Amazon, nella sostanza non è ancora cambiata e aziende come Rescuecom , specializzata nella riparazione di PC, hanno fornito sistemi a società che hanno espressamente richiesto la presenza di Windows XP a bordo delle macchine (lo store Harrys Shoes a New York, nella fattispecie).

Certo, per i tanti ancora alla caccia di una licenza di XP c’è il pericolo “warez” in agguato, ed è indubbia la presenza, sulla piazza sconfinata del mercato dell’usato online di eBay&co., di un numero di operatori e venditori che non si fanno scrupoli nel vendere come legittimi PC con sistemi operativi copiati .

Secondo Josh Kaplan, presidente della succitata Rescuecom, è sempre meglio rivolgersi ai reseller di un certo peso piuttosto che a piazzisti sconosciuti . Ed è buona e indispensabile norma verificare, prima o immediatamente dopo l’acquisto, la presenza di uno di quei Certificati di Autenticità di Microsoft generalmente incollati come sticker sulle macchine “ricondizionate” o vendute come usato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Sono quasi alle bombe atomiche
    Tra poco si rischia una guerra nucleare tre India e Pakistan, direi che quattro defacers deficienti siano il minore dei problemi...
    • e.l.f. scrive:
      Re: Sono quasi alle bombe atomiche
      Vista la tensione fra i due stati, i defacement potrebbero essere un pretesto per l'attacco: "Attacco cyberterroristico contro le forze dell'ordine ...".e.l.f.
    • thesandman scrive:
      Re: Sono quasi alle bombe atomiche
      In effetti è la prima cosa a cui ho pensato...200 morti negli attacchi terroristici, guerra alle porte... e qui si parla di un paio di deface...Saluti
Chiudi i commenti