Pedoporno, arresti in 10 paesi

Conferme


Bruxelles – Europol ha confermato di aver condotto a termine una operazione di polizia denominata “Odysseus” contro lo smercio via internet di immagini pedopornografiche che è stata coordinata in dieci paesi: Olanda, Germania, Belgio, Spagna, Norvegia, Svezia, Gran Bretagna, Australia, Canada e Perù.

La polizia europea, con base a L’Aia, in Olanda, ha spiegato che sono più di 40 le città in cui sono state condotte le operazioni coordinate in massima parte della polizia tedesca di Wiesbaden. Perquisizioni che hanno condotto all’arresto di 50 persone, tutti ritenuti parte di un network pedopornografico che avrebbe ramificazioni anche in alcuni paesi dove ancora non è stato possibile agire.

“L’operazione odierna – ha comunicato l’Europol – ha portato alla luce una struttura gerarchica complessa ed organizzata che reti Internet di pedofili e molestatori di bambini usa per proteggersi nascondendo la propria identità e le proprie atroci attività”.

I blitz hanno portato anche al sequestro di moltissimi computer e supporti audio-visivi che contenevano moltissime immagini con abusi su minori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Interessante
    "l'importanza del software libero a scuola discende da una serie di ragioni [...] si concretizza un risparmio sulle licenze"Questo passaggio implica che nelle scuole è preferibile l'adozione di software gratuito o a basso costo. Il che non significa solo e necessariamente software open source."Tra questi - continua la nota di FSF - l'educazione allo studio e alla sperimentazione attraverso l'accesso al codice sorgente e le libertà di copia, modifica e ridistribuzione [...] effetto secondario - ma non meno importante - l'educazione al confronto e alla multiculturalità".L'educazione al confronto e (addirittura) alla multiculturalità che si vuole attribuire in esclusiva all'OS non è evidentemente servita ad insegnare all'estensore di queste note che esistono software "proprietari" i cui sorgenti sono regolarmente disponibili a chiunque sia disponibile a pagare il relativo prezzo, così come esistono sorgenti gratuitamente visionabili per motivi di studio ed aggiornamento sotto accordi di non disclosure, che esiste perfino software "libero" sotto licenza non GPL il quale, ad esempio, può essere studiato ed analizzato pur non permettendo la ridistribuzione di codice modificato (si veda ad esempio la QPL e varianti area *BSD in genere). L'incongruente contraddittorietà di queste asserzioni è palese: si cerca di rivendicare un posto per l'OS dipingendolo come "unica alternativa" alla mera vendita di applicazioni e sistemi del tutto privi di sorgenti. Il che è palesemente falso, pur essendo un leit-motiv che va per la maggiore nell'advocacy di un certa parrocchia, grazie anche alla grande ignoranza dei molti. Altro pericolo, ancora maggiore perché subliminare, inculcare nei giovani l'idea che TUTTO il software abbia bisogno di essere eventualmente modificato da chiunque, che per TUTTO il software un banale bug rappresenti sempre e comunque una seria minaccia alla sicurezza, donde si deriva la assoluta necessità del possesso dei sorgenti. Questo è il caso dei sistemi generalisti del mass market, i quali rappresentano delle vere e proprie collezioni di bug, ma non è certo arbitrariamente estensibile a tutta la ICT. E sicuramente è ben lungi da ciò che si dovrebbe trasmettere a dei giovani.
  • maciste scrive:
    Rilancio...
    Come già detto nella precedente notizia sulla ormai famosa donazione di MS ripropongo:Sui pc delle scuole fate un bel dual boot, da un parte Linux dall'altra Windows, spiegate le peculiarità dell'uno e dell'altro senza affermare la superiorità di nessuno in particolare, alla fine ciascuno per la sua produttività o per il suo lavoro o ancora per lo svago deciderà quale tipo di so scegliere; posto che la MS è libera di vendere i suoi prodotti alle scuole l'unica soluzione è questa.==================================Modificato dall'autore il 27/02/2004 13.35.19
  • Anonimo scrive:
    tutto OK
    "Usando software proprietario nella didattica i docenti istigano gli studenti a comportamenti antisociali e provocano negli stessi una dipendenza culturale difficile da eradicare"tutto il discorso è ok, ma questa è una stronzata!
    • godzilla scrive:
      Re: tutto OK
      - Scritto da: Anonimo
      "Usando software proprietario nella
      didattica i docenti istigano gli studenti a
      comportamenti antisociali e provocano negli
      stessi una dipendenza culturale difficile da
      eradicare"

      tutto il discorso è ok, ma questa
      è una stronzata!forse la prima parte... la seconda purtroppo trova molti riscontri nella realtà... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: tutto OK
      - Scritto da: Anonimo
      "Usando software proprietario nella
      didattica i docenti istigano gli studenti a
      comportamenti antisociali e provocano negli
      stessi una dipendenza culturale difficile da
      eradicare"

      tutto il discorso è ok, ma questa
      è una stronzata!Perchè ? Se lo studente a scuola deve utilizzare ad esempio Visual Basic, cosa pensi che faccia nel momento in cui deve fare i compiti, rivedere dei concetti o studiare alcune cose a casa ?
    • Anonimo scrive:
      Re: tutto OK
      Non è una stronzata!!!Se il professore usa prodotti non liberi di fatto istiga lo studente a riutilizzare gli stessi prodotti, ma a casa!!Quindi i prof diventano agenti di commercio del M$, strumenti di marketing e di promozione di una azienda!Ma precludono anche la conoscenza che va oltre il prodotto blasonato, una ignoranza tale, perfino da assimilare categorie a prodotti ben specifici:word processor M$ word,spreadsheet M$ excel, database M$ access,linguaggi di programmazione Visual Basic,visual c ...ecc eccUn 'educazione basata sulla pratica empirica, lasciando in secondo piano le spiegazioni, le diversà,le strutture e le problematiche!! Oltretutto,se la scuola forse (ma ne dubito con i pochi soldi che girano)puo permettersi di spendere diversre centinaia di euro a postazione per il software, sicuramente una famiglia non puo fare altrettanto, diventando questa solo una pratica che istiga alla copia senvaggia, alla logica del gratuito xke tanto lo copio..Questo non è quello che voglio dalla scuola pubblica, xke non voglio spendere i miei soldi per incrementare gli affari di qualche signore!!Non voglio ritrovandomi poi come figli, scimmie ammaestrate a premere il giusto pulsantino e selezionare l'item giusto di un menu'..Provate a chiedere ad un ragazzo di 13 anni,dopo 2anni di informatica alle medie :"cosè un computer??"L'educazione è diversa da "istruzioni per l'uso"!!Per quello esistono i manuali...
  • Anonimo scrive:
    nooooo
  • Anonimo scrive:
    Re: giusto
    io ho comprato un pc, me lo sono montato, e POI ho scelto che sistema installare, non mi è venuto nessuno in casa ad obbligarmi di mettere windows, tanto è vero che ho installato prima linux, poi win e poi bsd, ma bill gates non è apparso dal nulla e mi ha lanciato una maledizioneda notare che faccio così da 10 anni, e nessuno mi ha mai costretto a fare niente, se poi uno è troppo stupido per montarsi un pc e installarci il sistema che vuole, beh manco meriterebbe di usarlo il pc
    • godzilla scrive:
      Re: giusto
      - Scritto da: Anonimo

      se poi uno è troppo stupido per
      montarsi un pc e installarci il sistema che
      vuole, beh manco meriterebbe di usarlo il pcehm... ai ragazzini delle elementari glielo spieghi tu come installarsi il sistema che vogliono?anzi gli spieghi /come/ scegliersi un sistema piuttosto che un altro?nel dubbio è meglio evitare soluzioni proprietarie, IMHO.godzilla
    • Anonimo scrive:
      Re: giusto
      caro amico,l'arroganza ed il disprezzo non aiutano l'Open source.Io uso correntemente Linux e programmi open quando sono in windows ( Open Office, Gimp etc).Non sò montare un computer ,non sono un tecnico informatico e lavoro in tutt'altro settore; l'idea che uno debba costruirsi le cose che usa è ridicola; l'auto che usi correntemente te la sei costruita da solo? se si tutto bene, se no meriteresti di andare a piedi.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: giusto
        per costruire un auto servono competenze meccaniche non indifferenti, per assemblare un pc basta un cervello con qualche neurone e qualche sinapsi funzionante, non bisogna essere ingegneri nucleari
  • Anonimo scrive:
    giusto
    mi pare che sia vero.L'open source va in direzione della cultura. Stimola le persone e non le frena.La scuola deve tendere verso la cultura.Il closed source limita le potenzialità di uno studente quindi va contro la cultura.ciao
    • pippo75 scrive:
      Re: giusto
      daccordo sul fato che nella scuola il SO possa essere piu' utile del Soft.Closed. , ma non basta, anche i libri di testo non dovrebbero essere dipendenti da poche ditte, ma ci dovrebbero essere dei testi liberi ed ognuno poi decide come procurarseli.Magari testi messi a disposizione su internet in formato PDF o analogo, se poi uno vuole comprare la versione deluxe con tanto di DVD, bene scegle il suo editore preferito.........
      • Anonimo scrive:
        Re: giusto
        è proprio lì il punto!!!!!Se esistessero libri gratuiti buoni, e obbligassero tuo figlio ad andare a comprare in libreria quelli di una sola casa editrice non ti arrabbieresti?!?!?!?!?!e rincaro la dose: obbligare con metodi sleali (non dimentichiamo che è pregiudicata)boh mi pare davvero strana pensarla al contrario.....
      • Anonimo scrive:
        Re: giusto
        che sei il piccolo elettronico o il piccolo fisico che impara la fisica su internet? ma per favore...su internet puoi imparare al massimo a programmare, ma fisica, elettronica, matematica, sono materie per cui hai bisogno di un professore e di un buon libro, e purtroppo i libri buoni stanno tutti sopra i 30 eurose poi uno vuole restare uno smanettone che è convinto che un amplificatore "alsa la tensione" è una sua scelta, ma sicuramente non impara molto con internetil discorso della fsf è ridicolo, dicono che non bisogna usare software ms, poi ti dicono di usare quello open source che è meglio, quindi ti stanno in qualche modo imponendo una cosa, perché non dicono "usa quello che vuoi, quando capisci cosa è meglio lo usi", invece di dirti "devi usare questo perché è meglio" e che hanno la verità rivelata?ma per favore... la fsf è solo un mucchio di cretini che stanno la per fare scena e tirare acqua al mulino di qualcuno (un certo barbone, una certa società (anzi due) e un certo finlandese), non per la gloria o altro, sono burattini nelle mani di gente potente, aprite quei buchi che avete sotto la mente, il mondo non è rose e fiori, ormai la società conosce solo una cosa, il POTERE derivante dai soldi, soldi = potere, il resto non conta, noi consumatori siamo solo bestie da controllare il più possibile e da uniformare, nessuna società fa qualcosa che non serva a portare più soldi, tenete a mente questo
        • Anonimo scrive:
          Re: giusto
          sei davvero una persona molto triste...
        • cicciolatino scrive:
          Re: giusto
          - Scritto da: Anonimo
          che sei il piccolo elettronico o il piccolo
          fisico che impara la fisica su internet? ma
          per favore...

          su internet puoi imparare al massimo a
          programmare, ma fisica, elettronica,
          matematica, sono materie per cui hai bisogno
          di un professore e di un buon libro, e
          purtroppo i libri buoni stanno tutti sopra i
          30 euro
          per ora qualcosa si trova , forse nonesaustivo , ma ed era solo un esempioin senso lato!!-e poi ho comperato libri (anche di statistica!!)-che alla fine sono serviti meno di una-ricerca in internet!!!Ma se poi diamo il pc con un so installatoad uno che non ha mai acceso un pc ,non gli serve anche lui un "professore"??
          se poi uno vuole restare uno smanettone che
          è convinto che un amplificatore "alsa
          la tensione" è una sua scelta, ma
          sicuramente non impara molto con internet
          forse qualcuno potrebbe imparare le buone maniere
          il discorso della fsf è ridicolo,
          dicono che non bisogna usare software ms,
          poi ti dicono di usare quello open source
          che è meglio, quindi ti stanno in
          qualche modo imponendo una cosa,
          perché non dicono "usa quello che
          vuoi, quando capisci cosa è meglio lo
          usi", invece di dirti "devi usare questo
          perché è meglio" e che hanno
          la verità rivelata?
          ma per favore... la fsf è solo un
          mucchio di cretini che stanno la per fare
          scena e tirare acqua al mulino di qualcuno
          (un certo barbone, una certa società
          (anzi due) e un certo finlandese), non per
          la gloria o altro, sono burattini nelle mani
          di gente potente, aprite quei buchi che
          avete sotto la mente, il mondo non è
          rose e fiori, ormai la società
          conosce solo una cosa, il POTERE derivante
          dai soldi, soldi = potere, il resto non
          conta, noi consumatori siamo solo bestie da
          controllare il più possibile e da
          uniformare, nessuna società fa
          qualcosa che non serva a portare più
          soldi, tenete a mente questosi , la fsf vuole tirare acqua al suo mulino ,ma questo non significa avere torto!!
        • Anonimo scrive:
          Re: giusto
          e con questo??neanche io ho mai fatto pagare un mio programma, però non vado sbandierando loghi, idee e cose ridicole, semplicemente questo è il programma e questo il codice, facci quello che vuoitanto gpl o no il codice te lo fregano comunque, tanto vale evitare di metterlo sotto licenze ridicole
      • Anonimo scrive:
        Re: giusto
        gioia, ma lo sai che linux è uno UNIX? o pensi che stia parlando di una marca di preservativi?
Chiudi i commenti