Pedoporno, l'Italia ora è più attrezzata?

Nasce il Centro nazionale di contrasto all'uso di Internet come diffusione di immagini di violenza. Previsto da una contestatissima legge, consentirà di coordinare le attività di indagine. Telecom fornirà connettività e strumenti

Roma – Le operazioni delle forze di polizia italiane contro la diffusione su Internet di immagini di pornografia infantile si moltiplicano ma è probabile che nel prossimo futuro si intensifichino ulteriormente . Ieri è stato infatti istituito formalmente il Centro Nazionale per il contrasto alla Pedopornografia sulla rete Internet .

Non si tratta di una novità estemporanea, la nascita del Centro è prevista dall’ultimo aggiornamento della legislazione contro il pedoporno, un update contestatissimo per le sue ricadute sui diritti civili. Ma ciò non riguarda il Centro, che è di fatto uno strumento che dovrebbe migliorare il coordinamento delle diverse operazioni e investigazioni.

Secondo la normativa, è proprio la Polizia Postale e delle Comunicazioni l’organismo che deve concentrare i propri sforzi in questo genere di indagini. Saranno dunque gli agenti della PolPost che, oltre a svolgere le consuete attività di monitoraggio della rete, dovranno attraverso il Centro raccogliere anche le informazioni utili che provengono da operatori del settore, associazioni, organizzazioni nazionali e via dicendo.

Ieri, dunque, il prefetto Luciano Rosini, e il dirigente di Telecom Italia Marco Forneris hanno apposto le rispettive firme sotto una intesa che vede Telecom quale fornitore di tecnologie e connettività per il Centro in un’ottica di partneriato.

Queste tecnologie dovrebbero consentire al Centro di interfacciarsi in modo efficiente non solo con le operazioni condotte in Italia, ma più in generale con il coordinamento internazionale di Polizia, un obiettivo a cui si lavora già da tempo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    vabbé ma il phishing è ben altro
    il phishing ti dice di andare verso un link per chiederti dati ... mentre quel link non è quel che sembra... e i dati vengono fornitia qualcun altrocome un sito che SEMBRA quello delle poste e non è...questo è phishing
    • teddybear scrive:
      Re: vabbé ma il phishing è ben altro
      - Scritto da:
      il phishing ti dice di andare verso un link per
      chiederti dati ... mentre quel link non è quel
      che sembra... e i dati vengono fornitia qualcun
      altro


      come un sito che SEMBRA quello delle poste e non
      è...

      questo è phishingNo, il phishing è ANCHE quello. Ma non solo. È il darti un'esca e farti abboccare. Un link apparentemente giusto, un servizio apparentemente utile...
      • Anonimo scrive:
        Re: vabbé ma il phishing è ben altro
        - Scritto da: teddybear

        - Scritto da:

        il phishing ti dice di andare verso un link per

        chiederti dati ... mentre quel link non è quel

        che sembra... e i dati vengono fornitia qualcun

        altro





        come un sito che SEMBRA quello delle poste e non

        è...



        questo è phishing

        No, il phishing è ANCHE quello. Ma non solo. È il
        darti un'esca e farti abboccare. Un link
        apparentemente giusto, un servizio apparentemente
        utile...ah!!! grazie!!! :(
Chiudi i commenti