Pedoporno, retata europea

Sgominata una rete che collegherebbe oltre 670 predatori sessuali. Tra le vittime, oltre 200 minori. Europol annuncia i risultati di 3 anni di indagini

Roma – Europol ha annunciato quasi 200 arresti in un’operazione contro il pedoporno online.

L’indagine, durata tre anni, ha portato a sgominare una delle più grandi reti di pedofili online: talmente grande che, secondo il direttore dell’Europol Rob Wainwright, avrebbe derive in oltre 30 paesi.

L’ Operation Rescue dell’Europol ha identificato 670 sospetti e 230 bambini abusati. Sono state già arrestate 184 persone, 121 delle quali in Gran Bretagna. Gli altri sospettati e arrestati sono olandesi, australiani, italiani, canadesi e tailandesi.

I poliziotti sono riusciti nell’operazione infiltrandosi nella rete che ha avuto come base un canale privato con base ad Amsterdam ed oltre 70mila membri , boylover.net , attraverso cui si scambiavano filmati e immagini con abusi sessuali su bambini, e da cui è partito il pedinamento online dei movimenti dei sospettati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti