Pedoporno virtuale forse legale

Potrebbe accadere negli States dopo che la Corte Suprema ha deciso di prendere in esame la causa intentata da alcuni operatori del pornobusiness contro quella parte di una recente legge che vieta immagini di pornografia infantile fasulle


Washington (USA) – Ha suscitato clamore la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di prendere in esame il caso sollevato da un gruppo di imprenditori del business a luci rosse contro una parte della legge “Child Pornography Prevention Act”.

Scalpore, perché i produttori di pornografia online ritengono che rappresenti una limitazione alla libera espressione quella parte della legge secondo cui sono vietate immagini artificiali create con il computer quando mostrano personaggi che possono sembrare minori in pose sessualmente esplicite. La “Free Speech Coalition”, che rappresenta in questo caso gli interessi dei produttori, ha già vinto una causa presso la Corte d’Appello di San Francisco che ha ritenuto fondate le accuse e che ha quindi portato alla richiesta di intervento da parte della Corte Suprema.

Va detto che la Free Speech Coalition ha più volte ribadito di essere contro la pedopornografia e di combatterla e non ha intrapreso alcuna azione contro le parti della legge che vietano produzione, possesso e commercio di immagini pedopornografiche. Gli avvocati dei produttori del porno hanno spiegato che “la legge rimane uno strumento efficace per combattere la pedopornografia” se si abbatte l’articolo sul porno “fasullo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il problema non è la pirateria in sè
    Credo che la pirateria (sia per gli eseguibili che per la musica), abbia causato un incremento di utilizzo del servizio fino a sforare ogni previsione di copertura dei costi.Va bene la pubblicità, ma i servizi hanno dei costi mica da ridere.Sono dell'idea del presidente contro la pirateria sia dovuto al fatto che la sua sottovalutazione del fenomeno gli abbia annullato i margini di guadagno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema non è la pirateria in sè
      - Scritto da: Sascha
      Sono del parere che l'idea del presidente contro la pirateria sia dovuto al fatto che la sua
      sottovalutazione del fenomeno gli abbia
      annullato i margini di guadagno.Io invece penso che non hanno voluto rischiare di dover pagare multe salatissime (milioni di dollari) per far piacere a 4 ragazzini stronzi.
  • Anonimo scrive:
    invece di blaterare
    per favore, mi dite, in realtà, cosa è successo?io ora vado e mi iscrivo, ho 50 mega gratis.Ci pompo dentro PhotoShop.Do la mia password al primo che me la chiede.Cosa hanno ottenuto?Non ho capito... qual'è adesso il problema.Non sto scherzando... qual'è la cosa che adesso non si riesce a fare? prima si riusciva a passare i files da user a user?Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: invece di blaterare

      Non ho capito... qual'è adesso il problema.
      Non sto scherzando... qual'è la cosa che
      adesso non si riesce a fare? prima si
      riusciva a passare i files da user a user?

      CiaoForse facendo in questo modo se tu dai la tua passw poi figura che se pippo sul tuo spazio ci mette qualche cosa di veramente illegale vengono a beccare te!forse..:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: invece di blaterare rifletti
      - Scritto da: RISPONDETEMI!
      per favore, mi dite, in realtà, cosa è
      successo?

      io ora vado e mi iscrivo, ho 50 mega gratis.
      Ci pompo dentro PhotoShop.
      Do la mia password al primo che me la chiede.

      Cosa hanno ottenuto?
      Hanno ottenuto che ti beccano e ti fanno un culo così. Invece di blaterare, rifletti!
  • Anonimo scrive:
    Mi ricorda il proverbio...
    "Per far dispetto a mia moglie, mi taglio le balle..."
  • Anonimo scrive:
    La solita storia ....
    La mail è arrivata nache a me.E mi hanno "bannato" già da egroups, Visto, ed un altro paio...veramnte hanno incominciato con i link di film porno, che riducono la banda passante.Anche egroup lascia spazi per l'adult material, ma dopo un po ti dice che hai violato qualche copyright (!). Siccome un movie va da 20 ad anche 200 Mb (e più) ed in dur giorni ho avuto 2000 contatti per un file da 20 Mb (zippato eprotetto con passwd, come avranno fatto a beccarmi?) LA VERITà è CHE GLI SI RIDUCE LA BANDA PASSANTE.COSì CHI SI SCAMBIA I FILE PRIVATI (i figli scannerizzati e messi in formato bmp) non riesce a farlo con decente velocità.La parola pirateria è vecchia ed obsoleta. Andate e pigliatelo in quel posto. "1" dei beatles ha venduto con canzoni vecchissime, quindi non rompete con Napster o baggianate simili. E' solo eresia e voglia di parlare a vuoto.Andate a lavorare (in miniera!)
  • Anonimo scrive:
    Mah...
    E' come dire che i coltelli da cucina vanno vietati perche' usati spesso nelle liti tra coniugi... Cosa c'entra Freedrive con la pirateria?Siamo sempre alle solite. Invece di capire che ormai oggi il termine "pirateria" e' obsoleto, si cercanon di chiudere strade che fino ad ora hanno avuto il merito di portare piu' liberta' di comunicazione nel mondo intero, perlomeno dove la rete e' raggiungibile.Esiste la pirateria anche nel mercato delle videocassette. Per combaterla, vieteranno i videoregistratori?
Chiudi i commenti